IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Autoproduzione > THE LEMON SQUEEZERS

THE LEMON SQUEEZERS Pop Hurt

L'originalità abita qui. "Pop Hurt" è il quarto album dei The Lemon Squeezers. Un disco composto da 11 tracce dalle sonorità moderne e classiche nel contempo, in quello che fin dal primo ascolto appare un evidente incontro-scontro di stili dove l'elettronica ricopre un ruolo centrale. E' un lavoro che vede al proprio interno soluzioni stilistiche differenti: rock, ska, soul, pop, funk intrecciano i loro fili con la bella voce di Laura Bonomi, che da sola dà una personalità abbastanza definita alla maggior parte dei brani. L'album funziona benissimo come sottofondo, ma se sparato ad alto volume dà il meglio di…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

THE LEMON SQUEEZERS pop_hurt

L’originalità abita qui. “Pop Hurt” è il quarto album dei The Lemon Squeezers. Un disco composto da 11 tracce dalle sonorità moderne e classiche nel contempo, in quello che fin dal primo ascolto appare un evidente incontro-scontro di stili dove l’elettronica ricopre un ruolo centrale. E’ un lavoro che vede al proprio interno soluzioni stilistiche differenti: rock, ska, soul, pop, funk intrecciano i loro fili con la bella voce di Laura Bonomi, che da sola dà una personalità abbastanza definita alla maggior parte dei brani. L’album funziona benissimo come sottofondo, ma se sparato ad alto volume dà il meglio di sé. Diversi i potenziali singoli in scaletta, ma il nostro consiglio è di concentrare l’ascolto sull’intera durata del compact, perché uno dei punti di forza è proprio l’omogeneità. Se proprio volete scegliere un episodio, la nostra preferenza va per l’isterica “The Line”. In conclusione: un disco che mescola alto e basso, orecchiabilità e sperimentazione.

Tag