IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Electro > THE LOVE THIEVES

THE LOVE THIEVES Soft

"Soft" è il primo album dei toscani The Love Thieves. Le coordinate sonore della proposta sono abbastanza facili da individuare già al primissimo ascolto: pop, elettronica e rock Anni Ottanta e new wave. Il duo livornese non ha paura di risultare derivativo, anzi, spinge l'acceleratore al massimo e quello che viene fuori è gradevole, magari non originale, ma senza dubbio gradevole. Un pezzo come "The Island" (l'apice del cd) è così sfacciatamente, irrimediabilmente Anni Ottanta che o lo ami o lo odi, e anche la voce di Chiara Lucarelli segue lo stesso schema. E' un buon album "Soft"? E' un disco che…

Score

QUALITA' - 62%

62%

62

the love thieves soft

Soft” è il primo album dei toscani The Love Thieves. Le coordinate sonore della proposta sono abbastanza facili da individuare già al primissimo ascolto: pop, elettronica e rock Anni Ottanta e new wave. Il duo livornese non ha paura di risultare derivativo, anzi, spinge l’acceleratore al massimo e quello che viene fuori è gradevole, magari non originale, ma senza dubbio gradevole. Un pezzo come “The Island” (l’apice del cd) è così sfacciatamente, irrimediabilmente Anni Ottanta che o lo ami o lo odi, e anche la voce di Chiara Lucarelli segue lo stesso schema.

E’ un buon album “Soft”? E’ un disco che supera in scioltezza la sufficienza a patto di non caricarlo di eccessive aspettative. Inoltre è suonato bene, e con soluzioni chitarristiche (curate dal bravo Francesco Sorgente) di assoluto pregio, con rimandi frequenti ai New Order. Insomma, bisogna lavorare ancora per personalizzare la proposta (attualmente i The Love Thieves non hanno uno stile proprio), ma i due ragazzi toscani hanno messo assieme una scaletta dalla discreta fruibilità pop e dal punto di vista tecnico ci sanno fare.

Tag