IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Electro > VICK FRIDA

VICK FRIDA Thisastro

vickfrida covercd

I Vick Frida sono in giro dal 2000. Durante i primi anni di vita si sono dedicati principalmente alla produzione di musica elettronica dell’area dance.

Il 2014 è stato l’anno della pubblicazione del loro secondo compact, coprodotto con Fabrizio Federighi. All’album hanno partecipato come ospiti Mario Venuti, Giovanni Baglioni e Mauro Ermanno Giovanardi. Insomma, non proprio gli ultimi della classe. Il cd ruota tutto attorno a costruzioni pop-rock-elettroniche che soltanto a tratti riescono a colpire il bersaglio grosso, complici dei testi che si perdono tra le pieghe di arrangiamenti che rimandano agli Anni Ottanta, all’epoca in cui in tv Garbo diceva la sua. Gli ospiti – che si mettono in gioco su tre pezzi – fanno il loro e contribuiscono a dare un tono a un album che sembra desideroso di decollare, ma è la benzina che manca.

Thisatro(Frutta Records/Self) non è un album inascoltabile – anzi, arrivi alla fine senza particolari difficoltà – ma le canzoni offrono meno di ciò che promettono al primo ascolto. Si salva soltanto la bella “Andata e Ritorno”, qui c’è davvero dello spessore. Il resto è contorno.

I Vick Frida sono in giro dal 2000. Durante i primi anni di vita si sono dedicati principalmente alla produzione di musica elettronica dell'area dance. Il 2014 è stato l'anno della pubblicazione del loro secondo compact, coprodotto con Fabrizio Federighi. All'album hanno partecipato come ospiti Mario Venuti, Giovanni Baglioni e Mauro Ermanno Giovanardi. Insomma, non proprio gli ultimi della classe. Il cd ruota tutto attorno a costruzioni pop-rock-elettroniche che soltanto a tratti riescono a colpire il bersaglio grosso, complici dei testi che si perdono tra le pieghe di arrangiamenti che rimandano agli Anni Ottanta, all'epoca in cui in tv Garbo diceva la sua. Gli…

Score

QUALITA' - 58%

58%

58

Tag