IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Electro > YOUVOID

YOUVOID Aware

Elegantissimi e così aggrappati a un passato che talvolta ritorna. Loro sono bolognesi (attivi dal 2011) e questo è il loro primo disco. Le coordinate sonore? Trip hop, elettronica leggera, linee vocali ammalianti. Insomma, Youvoid è un bel progetto, forse non ancora tirato al massimo del suo potenziale, ma già così ha personalità: . La strada imboccata è…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

YOUVOID aware

Elegantissimi e così aggrappati a un passato che talvolta ritorna. Loro sono bolognesi (attivi dal 2011) e questo è il loro primo disco. Le coordinate sonore? Trip hop, elettronica leggera, linee vocali ammalianti. Insomma, Youvoid è un bel progetto, forse non ancora tirato al massimo del suo potenziale, ma già così ha personalità: la fruibilità pop è più che sufficiente, l’alchimia tra suoni e cantato (in inglese) funziona e la sensazione “Anni Novanta” è sì presente per tutta la durata dell’ascolto, ma mai troppo invadente o – peggio ancora – sinonimo di “disco per nostalgici”. La strada imboccata è quella giusta, c’è solo da rischiare qualcosina per personalizzare ulteriormente la proposta. I pezzi migliori? “In the woods” e “The stranger”.

Tag