IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Archivi Autore: Redazione (pagina 30)

Archivi Autore: Redazione

HOUDINI RIGHINI Lascaux

houdini righini
Giuseppe Righini – da qualche anno conosciuto anche con il moniker Houdini Righini – è autore, cantante, interprete e performer. Oltre che essere attivo in ambito strettamente musicale, si occupa anche di teatro, narrazione, giornalismo, recitazione, regia. Insomma, un personaggio poliedrico. Il suo "Lascaux" si allunga sulle passioni dell'artista rinnegando un pochino il passato e nel contempo allargando gli orizzonti. Diciamolo subito: "Lascaux" è un album diverso dal bell'"Houdini" di qualche anno fa. Lì la forma canzone era impreziosita dall'elettronica e da valanghe di fascinazioni provenienti dagli Anni Ottanta. Il nuovo lavoro è più... teatrale, con meno "proclami" e…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Giuseppe Righini – da qualche anno conosciuto anche con il moniker Houdini Righini – è autore, cantante, interprete e performer. Oltre che essere attivo in ambito strettamente musicale, si occupa...

Leggi Articolo »

1917 Sam Mendes

1917
Non è mai facile realizzare un film sulla guerra, nonostante la disponibilità attuale di effetti speciali di ogni tipo. Perché raccontare visivamente e narrare le azioni belliche è sempre un bel salto senza paracadute. Con "1917" Sam Mendes ha vinto la sfida puntando soprattutto sulla regia: sontuosa, magnifica, coinvolgente. Il suo film sulla Prima Guerra Mondiale è tanti piani sequenza uniti fra loro in unico piano sequenza. Roba da leccarsi i baffi perché incolla lo spettatore alla finzione scenica impedendogli di chiedersi cos'è reale e cosa non lo è. La trama. Ambientato durante la Prima Guerra Mondiale, il film…

Score

SCORE - 8.5

8.5

9

Non è mai facile realizzare un film sulla guerra, nonostante la disponibilità attuale di effetti speciali di ogni tipo. Perché raccontare visivamente e narrare le azioni belliche è sempre un...

Leggi Articolo »

LATLETA Miraggi

latleta
"Miraggi" è l’album d’esordio de Latleta, ma è anche il debutto di uno che ha già debuttato da tempo, ovvero Vittorio Cane, artista impossibile da inquadrare, un impenitente outsider che ha uno stile (musicale) ben preciso e un rapporto con la parola particolarissimo. Questo per dire che non è un cantautorato mordi-e-fuggi, quello del Nostro, anzi, è più un cantautorato mordi-mordi-e-rimordi, perché le canzoni arrivano un po' alla volta, seguendo le tracce lasciate per strada. . Col passare del tempo, però, le parole del fu Vittorio Cane hanno iniziato…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

“Miraggi” è l’album d’esordio de Latleta, ma è anche il debutto di uno che ha già debuttato da tempo, ovvero Vittorio Cane, artista impossibile da inquadrare, un impenitente outsider che...

Leggi Articolo »

LITHIO Shibuya

lithio
Dal punto di vista lirico la proposta dei Lithio caracolla un pochino - i testi possono essere migliorati parecchio. Ma il resto funziona, e funziona bene. Perché il suono è sì estremamente derivativo (un rock duro di chiaro stampo americano) ma è proposto con qualità e quasi tutte le soluzioni melodiche sono azzeccate, con i ritornelli che raramente non valorizzano lo sviluppo delle canzoni. E poi - dettaglio non minore - c'è Daniele Scardina, che canta con un'intensità tale che la mente dell'ascoltatore corre subito a Chad Kroeger dei Nickelback. Insomma, veramente bravo, uno che ci crede parecchio in…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

Dal punto di vista lirico la proposta dei Lithio caracolla un pochino – i testi possono essere migliorati parecchio. Ma il resto funziona, e funziona bene. Perché il suono è...

Leggi Articolo »

IL DIRITTO DI OPPORSI Destin Daniel Cretton

il diritto di opporsi
La capacità degli americani di raccontare i drammi è una qualità evidente. E "Il diritto di opporsi" arriva a ricordarci che non basta una buona storia per fare un buon film, ma ci vogliono anche la narrazione, il trasporto emotivo, il colpo dritto alla pancia dello spettatore. Tutte cose che finiscono per differenziare una discreta pellicola, da una pellicola che nobilita il prezzo pagato al botteghino. La trama. Il film, basato su fatti realmente accaduti, racconta le vicende di Walter McMillian (Jamie Foxx), che con l'aiuto del giovane avvocato difensore Bryan Stevenson (Michael B. Jordan) fa appello contro la…

Score

SCORE - 7.5

7.5

8

La capacità degli americani di raccontare i drammi è una qualità evidente. E “Il diritto di opporsi” arriva a ricordarci che non basta una buona storia per fare un buon...

Leggi Articolo »

THE YELLOW Streets of Tokyo

the yellow
Giocando con i rimandi, potremmo definire i pugliesi The Yellow come la risposta italiana ai Coldplay e - più in generale - a quello stereotipo di pop band (dal suono alternativo) che negli ultimi anni si è affermato all'estero. Aggiungete anche un po' della lezione degli U2, e il quadro è completo. Questo per dire che "Streets of Tokyo" è sì un album che si lascia ascoltare senza problemi, ma l'identità della band è ancora un obiettivo da raggiungere per meglio definire i contorni (artistici) della proposta. In scaletta 12 episodi per 45 minuti di musica cantata in inglese,…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

Giocando con i rimandi, potremmo definire i pugliesi The Yellow come la risposta italiana ai Coldplay e – più in generale – a quello stereotipo di pop band (dal suono...

Leggi Articolo »

JULIELLE «Non mi dispiace che i miei testi siano un po' celati al primo ascolto»

julielle
"(A)cross", il suo primo ep, ci è piaciuto tantissimo. Perché l'atmosfera che riesce a creare Julielle con la sua musica . L'Ep ha un'atmosfera che rimanda al trip hop: è una suggestione forte che ha ispirato le tue canzoni? Tu sei un'appassionata di questo genere? «Diciamo che non c'è un solo genere a cui sono particolarmente appassionata. Sicuramente tra i miei ascolti c'è molto della scena trip hop di Bristol dei fine Anni 90, ad esempio i Portishead. Beth Gibbons è…

Score

0

“(A)cross“, il suo primo ep, ci è piaciuto tantissimo. Perché l’atmosfera che riesce a creare Julielle con la sua musica è una magia che ruota attorno alla sua capacità di...

Leggi Articolo »

BJRG Skin Deep

bjrg
Bjrg (ex Berg) è un artista che lavora solo con la voce nuda, due microfoni, una loop station e due pedali delay. Niente elettronica, niente strumenti musicali. Il suo "Skin Deep" è un disco velocissimo: 9 tracce per appena 22 minuti di musica. Quanto basta per farti venire voglia di vedere Bjrg dal vivo, perché le strutture delle canzoni sono curiose e pescano a piene mani da generi diversi: dal rock all'elettronica, passando per l'hip hop, la sperimentazione e chissà cos'altro. "In The" è il pezzo che meglio fotografa il compact, ma anche "Skin" ha molto da dire. In…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Bjrg (ex Berg) è un artista che lavora solo con la voce nuda, due microfoni, una loop station e due pedali delay. Niente elettronica, niente strumenti musicali. Il suo “Skin...

Leggi Articolo »

JULIE’S HAIRCUT In The Silence Electric

julies haircut silence electric
Potrebbe suonare male, ma lasciateci definire "In The Silence Electric" come il solito disco dei Julie’s Haircut. Laddove "solito" merita di essere associato a un concetto più ampio e strutturato: i Nostri hanno trovato da un pezzo un proprio stile e un percorso chiaro. Tutto ciò contribuisce a rendere le loro canzoni familiari, all'ascoltatore, anche quando sono nuove. . In scaletta 9 episodi per circa 42 minuti di spiritualità sonica, in costante equilibrio tra intensità extrasensoriale, estasi e rabbia, tra vago nichilismo e un rock che…

Score

QUALITA' - 75%

75%

75

Potrebbe suonare male, ma lasciateci definire “In The Silence Electric” come il solito disco dei Julie’s Haircut. Laddove “solito” merita di essere associato a un concetto più ampio e strutturato:...

Leggi Articolo »