IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Cinema 2020
  • 1
    1917

    1917 Sam Mendes

    Non è mai facile realizzare un film sulla guerra, nonostante la disponibilità attuale di effetti speciali di ogni tipo. Perché raccontare visivamente e narrare le azioni belliche è sempre un bel salto senza paracadute. Con "1917" Sam Mendes ha vinto la sfida puntando soprattutto sulla regia: sontuosa, magnifica, coinvolgente. Il suo film sulla Prima Guerra Mondiale è tanti piani sequenza uniti fra loro in unico piano sequenza. Roba da leccarsi i baffi perché incolla lo spettatore alla finzione scenica impedendogli di chiedersi cos'è reale e cosa non lo è. La trama. Ambientato durante la Prima Guerra Mondiale, il film…

    Score

    SCORE - 8.5

    8.5

    9
  • 2
    queen slim

    QUEEN & SLIM Melina Matsoukas

    Finora il 2020 ha portato in dono diverse valide pellicole. E siamo felici di accogliere nel novero anche "Queen & Slim" di Melina Matsoukas, qui al suo debutto da regista cinematografica dopo una lunghissima carriera alle prese con videoclip musicali per star a cinque stelle. Per il suo esordio, la regista classe 1981, ha scelto una storia d'amore costruita bene. Ok, a trequarti della visione, il finale inizia ad essere qualcosa in più di un presagio, ma nello sviluppo è perfetto. La trama. Due giovani si incontrano (tramite Tinder) e nel viaggio di ritorno in automobile vengono fermati da…

    Score

    SCORE - 8

    8

    8
  • 3
    il diritto di opporsi

    IL DIRITTO DI OPPORSI Destin Daniel Cretton

    La capacità degli americani di raccontare i drammi è una qualità evidente. E "Il diritto di opporsi" arriva a ricordarci che non basta una buona storia per fare un buon film, ma ci vogliono anche la narrazione, il trasporto emotivo, il colpo dritto alla pancia dello spettatore. Tutte cose che finiscono per differenziare una discreta pellicola, da una pellicola che nobilita il prezzo pagato al botteghino. La trama. Il film, basato su fatti realmente accaduti, racconta le vicende di Walter McMillian (Jamie Foxx), che con l'aiuto del giovane avvocato difensore Bryan Stevenson (Michael B. Jordan) fa appello contro la…

    Score

    SCORE - 7.5

    7.5

    8
  • 4
    cattive acque

    CATTIVE ACQUE Todd Haynes

    Storia interessante, narrazione fluida, interpreti validi e validissimi, finale che non tradisce le attese. "Cattive Acque" è il classico film che intrattiene e spinge alla riflessione e che sta sul confine tra verità e inchiesta. La trama. Nel 1998 Robert Bilott (Mark Ruffalo), avvocato societario specializzatosi nella difesa di aziende chimiche, riceve la chiamata di un agricoltore di Parkersburg, nella Virginia Occidentale, che gli chiede di indagare su un possibile collegamento tra la presenza di un grande impianto dell'azienda DuPont nei pressi della sua fattoria e un'insorgenza anormale di tumori e malformazioni nelle sue mucche. Presto, Bilott scopre che…

    Score

    SCORE - 7

    7

    7
  • 5
    hammamet

    HAMMAMET Gianni Amelio

    Film interessante, un po' romanzato, con il solito limite italiano della narrazione (quando si tratta di biografie, raramente le sappiamo raccontare per immagini) e - sorpresa - con un Pierfrancesco Favino meno peggio del solito, finanche credibile nel ruolo di Craxi. Una sorpresa perché a nostro avviso Favino è uno degli attori italiani più sopravvalutati della sua generazione. Vabbè, tutta questa lunga introduzione . La trama. "Hammamet" racconta gli ultimi sei…

    Score

    SCORE - 7

    7

    7
  • 6
    favolacce

    FAVOLACCE Damiano e Fabio D'Innocenzo

    Chissà. Magari doppiato e sottotitolato, questo "Favolacce" può dare qualcosa in più. Perché nella versione originale - con un recitato pessimo e una presa diretta da mani nei capelli - il risultato è decisamente al di sotto delle aspettative, nonostante qualcosa di buono a livello tecnico ci sia: montaggio, fotografia e location soprattutto. Al Festival di Berlino 2020 il film di Damiano e Fabio D'Innocenzo ha vinto il premio per la miglior sceneggiatura. Buon per loro e per il cinema italiano, ma in tutta onestà la pellicola è mediocre al netto di un paio di guizzi tutti legati alla…

    Score

    SCORE - 5

    5

    5
  • 7
    uomo invisibile

    L’UOMO INVISIBILE Leigh Whannell

    Anche se sei terribilmente brava, quando hai una brutta sceneggiatura fra le mani vai a sbattere. A Elisabeth Moss possiamo dunque rimproverare la scelta del film sbagliato, nonostante il suo comunque l'abbia fatto. "L'uomo invisibile" è una pellicola scritta e diretta da Leigh Whannell. L'opera è un adattamento moderno del romanzo di H. G. Wells e reboot dell'omonimo adattamento del 1933. La trama. Cecilia è intrappolata da anni in una relazione violenta e degradante con il ricco ingegnere e uomo d'affari Adrian Griffin (Oliver Jackson-Cohen), almeno finché una notte non decide di fuggire; prepara le valigie, disattiva le telecamere…

    Score

    QUALITA' - 4.5

    4.5

    5
  • 8
    ultras

    ULTRAS Francesco Lettieri

    Che delusione. Accompagnato da polemiche e attese, "Ultras" doveva - nelle intenzioni - portare Francesco Lettieri a compiere un salto di qualità dopo un'onorata carriera nei videoclip, e invece il suo esordio da regista è un clamoroso flop, perché nella sua opera è davvero una bella fatica cogliere qualcosa di buono, dal momento che regia, montaggio, dialoghi, soggetto, sceneggiatura, ambientazioni e interpreti sono una deriva senza appigli. La trama. A quasi cinquant'anni, Sandro (Aniello Arena) è ancora il capo del gruppo ultras degli Apache, con i quali ha passato tutta la sua vita allo stadio tra scontri, trasferte e…

    Score

    SCORE - 3.5

    3.5

    4