IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Cinema2018 > DARK HALL

DARK HALL Rodrigo Cortés

Partiamo con il dire che Rodrigo Cortés e Chris Sparling sono la coppia d'oro di "Buried - Sepolto", un gioiellino del 2010 che vi consigliamo vivamente di andare a rivedere o a scoprire. Inevitabile, quindi, avere grosse aspettative attorno a questo "Dark Hall", adattamento cinematografico del romanzo del 1974 "Down a Dark Hall" scritto da Lois Duncan. Ebbene, vi diciamo chiaramente che la pellicola è una delusione colossale. La trama. Kit Gordy (AnnaSophia Robb) è una ragazzina problematica che viene mandata al collegio di Blackwood quando il suo carattere forte diventa troppo difficile da gestire per sua madre. Una volta arrivata, Kit…

Score

SCORE - 4

4

4

dark hall

Partiamo con il dire che Rodrigo CortésChris Sparling sono la coppia d’oro di “Buried – Sepolto”, un gioiellino del 2010 che vi consigliamo vivamente di andare a rivedere o a scoprire. Inevitabile, quindi, avere grosse aspettative attorno a questo “Dark Hall“, adattamento cinematografico del romanzo del 1974 “Down a Dark Hall” scritto da Lois Duncan. Ebbene, vi diciamo chiaramente che la pellicola è una delusione colossale.

La trama. Kit Gordy (AnnaSophia Robb) è una ragazzina problematica che viene mandata al collegio di Blackwood quando il suo carattere forte diventa troppo difficile da gestire per sua madre. Una volta arrivata, Kit conosce l’eccentrica direttrice Madame Duret (Uma Thurman) e incontra le altre studentesse della scuola, anche loro con vite travagliate. Mentre esplorano i labirintici corridoi dell’edificio, Kit e le altre ragazze scoprono che Blackwood nasconde un secolare segreto radicato nel paranormale.

La Thurman è la punta (spuntata) di diamante di un film che ha una fotografia terribile, degli effetti speciali da produzione Anni Ottanta e un montaggio noioso. La regia di Cortés è senza pregio e senza personalità, la sceneggiatura di Sparling lacunosa e il cast piuttosto anonimo, compresa AnnaSophia Robb.

Il genere horror viene qui maneggiato senza grossi guizzi e con giusto un paio di scene discrete. L’essenza della storia è interessante, ma il suo sviluppo su grande schermo non riesce a coinvolgere lo spettatore. Ultimo appunto sull’interpretazione della Thurman, che brava è brava, ma sinceramente non va oltre il classico compitino. Insomma, un film mediocre, da evitare.

Tag