IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Canzone d’autore (pagina 11)

Canzone d’autore

LAROCCA Ventizerotre

larocca ventizerotre
Disco strano ma anche... normale, quello del pugliese Larocca, che porta in dote tutti i limiti tipici degli esordi: un'idea di suono non ancora definita, arrangiamenti che ondeggiano fra generi diversi (rock e canzone d'autore, nel caso specifico) e una proposta che in diversi passaggi omaggia con troppa riverenza i grandi del cantautorato italico. In scaletta 10 brani. Quando il Nostro fa il cantautore "vecchio", entusiasma pochino - malgrado una buona proprietà di scrittura e una bella voce. Molto meglio quando si prende dei rischi, come negli episodi "Contorni" (che ricorda vaghissimamente "Glory Box" dei Portishead) e "Presto o tardi",…

Score

QUALITA' - 61%

61%

61

Disco strano ma anche… normale, quello del pugliese Larocca, che porta in dote tutti i limiti tipici degli esordi: un’idea di suono non ancora definita, arrangiamenti che ondeggiano fra generi...

Leggi Articolo »

LA NOTTE DELLE STREGHE Klondike

la notte delle streghe klondike
Un po' De Andrè, un po' Le luci della centrale elettrica. Ma è solo un gioco di rimandi, perché "Klondike" vive di luce propria, è un disco che si basa su tre cardini: ha qualcosa da dire, propone un folk cantautorale moderno, è cantato ottimamente. L'album solista del cantautore bolognese Marco Degli Esposti, in arte La Notte delle Streghe, convince dal primo all'ultimo brano, nonostante un paio di episodi richiedano all'ascoltatore il massimo dell'attenzione, perché extralarge e distanti dalla classica struttura-canzone di 4 minuti. Marco Degli Esposti esagera, libera una poetica generosa di spunti narrativi e premia la pazienza dell'ascoltatore…

Score

QUALITA' - 76%

76%

76

Un po’ De Andrè, un po’ Le luci della centrale elettrica. Ma è solo un gioco di rimandi, perché “Klondike” vive di luce propria, è un disco che si basa...

Leggi Articolo »

RANDEVU Randevu

randevu
Disco d’esordio per questo trio italo-francese che mette assieme una manciata di canzoni orecchiabilissime e dal taglio elegante, a tal punto che la prima cosa che colpisce dei Randevu è proprio l'atmosfera che hanno creato lungo la scaletta: sofisticata ma senza eccedere, di classe ma senza apparire snob oppure - ancora peggio - utile a tenere fuori una fetta di pubblico. Al contrario, . L'album funziona. Un difetto? Forse sulle melodie poteva essere fatto un lavoro…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

Disco d’esordio per questo trio italo-francese che mette assieme una manciata di canzoni orecchiabilissime e dal taglio elegante, a tal punto che la prima cosa che colpisce dei Randevu è...

Leggi Articolo »

IL TERZO ISTANTE Estraneo

terzo istante estraneo
Lo ammettiamo, ci diverte di più recensire i dischi che non ci piacciono rispetto a quelli che ci piacciono. E questo per due motivi: ci sembra di rubare tempo al lettore quando un album è valido ("...non leggere, fidati e vai a sentirlo"), e poi perché ci piace consigliare migliorie più che stroncare o incensare. La premessa sopra per dire che "Estraneo" è un disco che ci convince parecchio. E ci è piaciuto al primissimo ascolto. Anzi, vi diciamo di più: dopo le prime due canzoni avremmo già potuto scrivere la recensione, perché quando la qualità c'è, la percepisci…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Lo ammettiamo, ci diverte di più recensire i dischi che non ci piacciono rispetto a quelli che ci piacciono. E questo per due motivi: ci sembra di rubare tempo al...

Leggi Articolo »

SILENT CARNIVAL Somewhere

silent carnival somewhere
“Somewhere” è il terzo album di Silent Carnival, creatura sonora che Marco Giambrone ha cresciuto a partire dal 2012. Il disco rimanda a un folk desertico, a un cantautorato di matrice inglese. Ma più delle coordinate sonore, conta l'atmosfera. Perché "Somewhere" è un album con un suo mood ben preciso, un marchio di fabbrica che contraddistingue in positivo l'intera scaletta. Parliamo di una sensazione di vertigine a contatto con il vuoto, di uno stato di gradevole malinconia che ristora ed esalta. Perché dunque un voto così stringato? Perché crediamo che sulla melodia, Giambrone, possa ancora lavorare per rendere le…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

“Somewhere” è il terzo album di Silent Carnival, creatura sonora che Marco Giambrone ha cresciuto a partire dal 2012. Il disco rimanda a un folk desertico, a un cantautorato di...

Leggi Articolo »

PROGETTO PANICO Universo n.6

progetto panico universo n6
La produzione artistica di Alessandro Fiori si sente, soprattutto negli arrangiamenti, ma "Universo n.6" è un disco che ha tre grossi limiti: nonostante i Progetto Panico non siano novellini, non si percepisce neppure alla lontana un'idea di stile; la poetica non offre testi particolarmente ispirati e l'ascolto - per quanto veloce, appena 30 minuti - è faticoso. , malissimo quando invece provano a cimentarsi con le ballate o i ritmi più lenti - come nel caso di "Spettacolare", che…

Score

QUALITA' - 49%

49%

49

La produzione artistica di Alessandro Fiori si sente, soprattutto negli arrangiamenti, ma “Universo n.6” è un disco che ha tre grossi limiti: nonostante i Progetto Panico non siano novellini, non si...

Leggi Articolo »

MIMOSA Hurrah

mimosa hurrah
Partiamo dalla critica: in questo suo secondo lavoro Mimosa si è messa a nudo (e non ci riferiamo soltanto alla foto in copertina), ha accettato di confrontarsi con il suo intimo e di metterlo a disposizione dell'ascoltatore. Lo ha fatto, però, con il freno a mano tirato, cioè: alla fine ti sembra di aver capito il suo concetto di sentimenti e amore, ma a rifletterci bene non tutto è stato proposto in maniera chiara, didascalica, e così quell'immedesimazione che tanto piace a chi ascolta musica e cerca consolazione e riflesso nel vissuto altrui è stata un po' tradita. Questo…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

Partiamo dalla critica: in questo suo secondo lavoro Mimosa si è messa a nudo (e non ci riferiamo soltanto alla foto in copertina), ha accettato di confrontarsi con il suo...

Leggi Articolo »

POSTINO Latte di Soia

postino latte soia
Se Postino avesse fatto un disco con brani potenti come "Blu", il risultato sarebbe stato un gioiello prezioso. Ma la realtà dice che "Latte di Soia" è un esordio, e come la stragrande maggioranza degli esordi bisogna saper fare le giuste valutazioni, che significa criticare ma anche muoversi con manica larga. Chiariamo subito: la premessa sopra non serve ad addolcire la pillola al Nostro, e a dire fra un paio di righe che l'album è una merda, ma anzi, il contrario: il valore del disco non si discute e ci sono le basi concrete per coltivare un progetto che…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Se Postino avesse fatto un disco con brani potenti come “Blu”, il risultato sarebbe stato un gioiello prezioso. Ma la realtà dice che “Latte di Soia” è un esordio, e...

Leggi Articolo »

VALENTE Il blu di ieri

valente il blu di ieri
E' un buon disco "Il blu di ieri". Valente attinge a piene mani da una stagione - quella degli Anni Ottanta - che ancora oggi continua a trasmettere semi vitali, ma il suo lavoro non sa di vecchio, perché nell'arrangiamento dei brani si è scelta una strada coraggiosa. Ecco quindi che la scaletta è invasa da un rock che si piega qua e là ai voleri della new wave, del pop, dell'elettronica, della canzone d'autore moderna e anche del jazz, complice un sassofono perfetto che entra nei momenti giusti arricchendo i brani. "Il blu di ieri" è un buon…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

E’ un buon disco “Il blu di ieri“. Valente attinge a piene mani da una stagione – quella degli Anni Ottanta – che ancora oggi continua a trasmettere semi vitali,...

Leggi Articolo »

ESTERINA Canzoni per esseri umani

esterina canzoni esseri umani
"Canzoni per esseri umani" è l'elogio della semplicità, che da un lato significa anche "niente sorprese", però guardiamo il bicchiere mezzo pieno: la band toscana ha scelto di andare al sodo, di restare ancorata ai territorio del concreto, di muoversi senza accelerare. Ovvio, a seconda dei punti di vista si potrebbe accusare i Nostri di scarso coraggio ma anche di una maturità tale da rendere finanche naturale un disco del generale. Insomma, questo per dire che . Più facile definire le coordinate: "Canzoni per esseri…

Score

QUALITA' - 61%

61%

61

“Canzoni per esseri umani” è l’elogio della semplicità, che da un lato significa anche “niente sorprese”, però guardiamo il bicchiere mezzo pieno: la band toscana ha scelto di andare al...

Leggi Articolo »