IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Canzone d’autore (pagina 3)

Canzone d’autore

FLAVIO FERRI Testimone di passaggio

flavio ferri testimone di passaggio
"Testimone di passaggio" è il nuovo album di Flavio Ferri, con i testi di Luca Ragagnin, scrittore celebre per la collaborazione nelle liriche con i Subsonica. Il risultato? Beh, il fondatore e sound designer dei Delta V ha qui scelto la via della sperimentazione, coinvolgendo parecchi ospiti: da Gianni Maroccolo a Livio Magnini dei Bluvertigo, passando per Marco Trentacoste dei Deasonika, ma la lista è ancora lunga. Guai tuttavia a considerarlo un album collettivo, questo è al 100% un disco di Flavio Ferri (e Ragagnin), con le collaborazioni che arrivano a contaminare il territorio in maniera discreta, senza mai invadere…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

“Testimone di passaggio” è il nuovo album di Flavio Ferri, con i testi di Luca Ragagnin, scrittore celebre per la collaborazione nelle liriche con i Subsonica. Il risultato? Beh, il...

Leggi Articolo »

PINO MARINO Tilt

pino marino tilt
In occasione del suo ventennale discografico, Pino Marino arriva con un album dal titolo "Tilt", anticipato dal singolo "Calcutta". Quello di Pino Marino è un cantautorato aggrappato alla radice di una pianta che nonostante gli scossoni e l'arrivo di nuovi generi all'attenzione dei più giovani, continua a dare frutti. Se volessimo dare delle coordinate, potremmo mettere questo "Tilt" vicino a Lucio Dalla, Samuele Bersani, insomma, sono canzoni che mettono assieme pop e gusto per la narrazione. L'album vede anche presenze - solo sulla carta - di valore: da Roberto Angelini a Ginevra Di Marco, passando per Tosca e Vinicio Marchioni.…

Score

QUALITA' - 58%

58%

58

In occasione del suo ventennale discografico, Pino Marino arriva con un album dal titolo “Tilt“, anticipato dal singolo “Calcutta”. Quello di Pino Marino è un cantautorato aggrappato alla radice di...

Leggi Articolo »

FRANCESCO BELLUCCI Situazioni sconvenienti

francesco bellucci
Francesco Bellucci canta e scrive come Vasco Rossi ma la sua proposta è comunque originalissima, perché la lezione del Blasco, qui, è usata come leva per raccontare storie di provincia credibili, sfrontate, talvolta persino esagerate come il singolo "Stanotte Uccido Mio Padre". Il risultato è questo "Situazioni sconvenienti" che sfida le mode del momento - trap e indie - con le armi del rock, quello tipicamente italiano di qualche decennio fa, e con la forza di arrangiamenti semplici e intelligenti. Insomma, ecco un album che ha qualcosa da dire e che lo dice senza rincorrere chissà quali paroloni, ma…

Score

QUALITA' - 78%

78%

78

Francesco Bellucci canta e scrive come Vasco Rossi ma la sua proposta è comunque originalissima, perché la lezione del Blasco, qui, è usata come leva per raccontare storie di provincia...

Leggi Articolo »

GIANLUCA DE RUBERTIS La Violenza della Luce

gianluca de rubertis
Gianluca De Rubertis è uno dei pochi - che in Italia - si può legittimamente intestare un virtuale master in "canzone d'autore", . "La Violenza della Luce" è un disco che ha un potenziale enorme, perché capace di affacciarsi su una platea immensa: può piacere ai fans del già citato Faber, ma anche dei Baustelle, di Franco Battiato e persino (qui la spariamo volontariamente grossa...) dei fu…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Gianluca De Rubertis è uno dei pochi – che in Italia – si può legittimamente intestare un virtuale master in “canzone d’autore”, perché maneggia il genere stando in perfetto equilibrio...

Leggi Articolo »

ROBBÈ Vecchie cicatrici

robbe
Ha una bella penna, Robbè. Nel senso che ha proprietà di linguaggio, ma il suo "Vecchie cicatrici" paga a caro prezzo - nel giudizio - la presenza di arrangiamenti tali da renderlo un lavoro molto, molto derivativo, finanche... vecchio, una riproposizione senza guizzi delle lezioni (musicali) dei Maestri, con Guccini in testa. Ecco che quindi l'ascolto delle 12 canzoni in scaletta si fa subito pesante, e impossibile da replicare a stretto giro. Noi - per la cronaca - l'abbiamo ascoltato quattro volte, e alla fine abbiamo sempre avuto l'impressione di un disco troppo ancorato al passato, quasi un omaggio…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

Ha una bella penna, Robbè. Nel senso che ha proprietà di linguaggio, ma il suo “Vecchie cicatrici” paga a caro prezzo – nel giudizio – la presenza di arrangiamenti tali...

Leggi Articolo »

TONNO Quando ero satanista

tonno
I Tonno riescono nell'esperimento di mettere assieme i primissimi Radiohead con il Grignani degli esordi. : i testi della band, infatti, sono scritti bene, con proprietà di linguaggio e raramente le rime sono chiuse in maniera poco efficace. "Quando ero satanista" ha uno stile preciso, in scaletta ci sono dieci pezzi per una durata che supera di un soffio i 30 minuti e almeno 3 o 4 brani sono dei potenziali singoli: "Sovrappensiero", "Credevo di averti vista", "Ragazza bonsai",…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

I Tonno riescono nell’esperimento di mettere assieme i primissimi Radiohead con il Grignani degli esordi. Il risultato è un rock cantautorale non originalissimo dal punto di vista musicale, ma estremamente...

Leggi Articolo »

GIULIO CASALE bootleg #3

giulio casale bootleg 3
"bootleg #3" è l'album dal vivo di Giulio Casale, il primo della carriera solista per l’ex voce degli Estra. Nel disco vivono tre anime diverse abilmente amalgamate: l’ultimo album di inediti “Inexorable”, uscito l’anno scorso in cd e vinile, lo spettacolo “Le notti bianche” da cui è estratta la rivisitazione di “Cosa sono le nuvole” di Modugno/Pasolini, e lo spettacolo “Frammenti di un discorso poetico”, una suite jazzata di musiche e parole insieme a Nicola Alesini. Da quest’ultimo spettacolo, andato in scena una sola unica volta, sono estratti i brani “The Golden Way” (di David Sylvian), “Incubo numero zero” (di Claudio Lolli)…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

“bootleg #3” è l’album dal vivo di Giulio Casale, il primo della carriera solista per l’ex voce degli Estra. Nel disco vivono tre anime diverse abilmente amalgamate: l’ultimo album di inediti...

Leggi Articolo »

CLAUDIA FOFI Teoria degli affetti

claudia fofi
Fare del buon cantautorato è - sulla carta - abbastanza facile: testi non banali, arrangiamenti efficaci e un lavoro sull'orecchiabilità per premiare l'ascoltatore senza ingolosirlo troppo. Insomma, basta poco. Tuttavia questo... poco ha un peso enorme, perché a conti fatti è frutto di un'alchimia oscura, non a caso il cantautorato italiano moderno è spesso una rielaborazione mediocre di cose già sentite, un fare musica negli Anni Duemila con lo sguardo rivolto agli Anni Sessanta. Ecco che quindi un disco come "Teoria degli affetti" arriva a rinfrescare l'aria, perché si muove bene e in maniera leggera lungo una strada impervia,…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

Fare del buon cantautorato è – sulla carta – abbastanza facile: testi non banali, arrangiamenti efficaci e un lavoro sull’orecchiabilità per premiare l’ascoltatore senza ingolosirlo troppo. Insomma, basta poco. Tuttavia...

Leggi Articolo »

CRISTIANO GODANO Mi ero perso il cuore

cristiano godano
Inatteso. Non sapremmo come definire in altro modo questo "Mi ero perso il cuore". Inatteso e spiazzante. Perché non ci aspettavamo che Cristiano Godano riuscisse a mettersi così a nudo dopo una così lunga carriera. Non per incapacità del leader dei Marlene Kuntz - indubbiamente la miglior penna della sua generazione - ma perché la maturità spesso coincide con un inevitabile declino compositivo e con la necessità (per sopravvivenza) di guardare oltre sé alla ricerca di una forma di ispirazione che alimenti la fiamma. E invece Godano è sceso giù giù sino al centro, mettendo in mostra una fragilità…

Score

QUALITA' - 79%

79%

79

Inatteso. Non sapremmo come definire in altro modo questo “Mi ero perso il cuore“. Inatteso e spiazzante. Perché non ci aspettavamo che Cristiano Godano riuscisse a mettersi così a nudo...

Leggi Articolo »

MICHELANGELO VOOD Rio nero

michelangelo vood
"Rio nero" è un buon esordio per Michelangelo Paolino, in arte Michelangelo Vood. Intanto : anche quando i versi risultano acerbi, il linguaggio usato è sempre fresco, originale, non banale; poi c'è da dire che "Ruggine" è un potenziale singolone. L'EP di Michelangelo Vood parla di sentimenti usando i mezzi del cantautorato e del pop. Tutti gli aspetti del suo progetto…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

“Rio nero” è un buon esordio per Michelangelo Paolino, in arte Michelangelo Vood. Intanto ha avuto il merito di destare la nostra attenzione in un mare di cartoline musicali (spesso...

Leggi Articolo »