IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Canzone d’autore (pagina 5)

Canzone d’autore

SAMMARCO La Parte Migliore

sammarco
Le canzoni di Sammarco sono semplici, dirette, essenziali. Musica e parole. Folk e cantautorato, con qualche spruzzata di pop. "La Parte Migliore" è un esordio velocissimo, da prendere o lasciare: 7 pezzi per 21 minuti di musica, brani che parlano di intimità da portare all'attenzione di un pubblico per provare a offrire un punto di vista, non per celebrarsi. La melodia permette alle canzoni di girare a mille, sostenute da una buona tecnica e da una scrittura efficace. "L'importante è non morire" è forse l'episodio che meglio fotografa il talento di Sammarco, .…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Le canzoni di Sammarco sono semplici, dirette, essenziali. Musica e parole. Folk e cantautorato, con qualche spruzzata di pop. “La Parte Migliore” è un esordio velocissimo, da prendere o lasciare:...

Leggi Articolo »

MOROSE Sopra il tetto sotto terra

morose sopra il tetto sotto terra
Se avete nostalgia per il De Andrè cupo, per il Cesare Basile più ispirato, per le ambientazioni desertiche e se nella vostra vita sognate uno Sciamano a disposizione, a portata di mano. Ebbene, allora "Sopra il tetto sotto terra" potrebbe fare al caso vostro, perché è un bel mix di cose vecchie e familiari, ma scritte e proposte con freschezza attuale. I Morose non sono dei novizi, e forse l'esperienza e il non avere più grandi illusioni gli ha consentito di mettere a fuoco, dentro l'obiettivo, il percorso da seguire per arrivare a un disco maturo, intelligente, poetico, con…

Score

QUALITA' - 76%

76%

76

Se avete nostalgia per il De Andrè cupo, per il Cesare Basile più ispirato, per le ambientazioni desertiche e se nella vostra vita sognate uno Sciamano a disposizione, a portata...

Leggi Articolo »

CECCO E CIPO Straordinario

cecco cipo straordinario
Che peccato che Cecco e Cipo abbiano questi arrangiamenti così... ordinari, perché i Nostri sanno scrivere, hanno proprietà di linguaggio, ma a livello sonoro "Straordinario" è un disco poco maturo. In scaletta otto brani dove l’amore è protagonista, e dove il cantautorato dei tempi moderni flirta in continuazione con il pop, non disdegnando puntate verso i territori del rock, ma senza esagerare. Le canzoni sono leggere, non si prendono la responsabilità di affrontare grandi temi, preferiscono il dialogo con una generazione tardo adolescenziale ancora alla ricerca di una strada e costantemente impegnata a decifrare il presente e a dare una forma…

Score

QUALITA' - 57%

57%

57

Che peccato che Cecco e Cipo abbiano questi arrangiamenti così… ordinari, perché i Nostri sanno scrivere, hanno proprietà di linguaggio, ma a livello sonoro “Straordinario” è un disco poco maturo....

Leggi Articolo »

N.A.I.P. Nessun Album In Particolare

n a i p
N.A.I.P. è l'acronimo di Nessun Artista In Particolare, ma anche di "Nessun Album In Particolare", che poi è il titolo di questo lavoro di Michelangelo Mercuri. L'album è rapidissimo (8 pezzi per 21 minuti di musica) e prova a mescolare canzone d'autore, elettronica lo-fi e pop. Il risultato è un lavoro gradevole, intelligente, che non commette l'errore di guardarsi troppo allo specchio. Le canzoni sono spesso dei giochi di parole, e le iniziali "Bravi nel Breve" e "Un rapporto senza alcun senso" sono degli ottimi biglietti da visita e danno la perfetta caratura del compact. Il resto non è…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

N.A.I.P. è l’acronimo di Nessun Artista In Particolare, ma anche di “Nessun Album In Particolare“, che poi è il titolo di questo lavoro di Michelangelo Mercuri. L’album è rapidissimo (8...

Leggi Articolo »

DIAFRAMMA L'abisso

diaframma labisso
E con questo, siamo arrivati al ventesimo disco in studio per i Diaframma. Un vero e proprio record, dove la coerenza è la pietra angolare attorno alla quale costruire ogni ragionamento. Coerenza perché le (nuove) canzoni di Federico Fiumani sono coerenti con il personaggio, con la sua storia e la sua poetica. Quindi non aspettatevi di trovare in questo "L'abisso" delle sorprese, anzi, proprio il contrario: ascoltando questo album, i Diaframma continueranno a piacervi se vi sono sempre piaciuti; in caso contrario, non troverete nulla di nuovo. Questo suo muoversi - coerentemente - lungo una strada precisa, rende Fiumani…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

E con questo, siamo arrivati al ventesimo disco in studio per i Diaframma. Un vero e proprio record, dove la coerenza è la pietra angolare attorno alla quale costruire ogni...

Leggi Articolo »

CARA Altri Occhi

cara altri occhi
Ci piace molto l'immaginario di Cara, alter ego della cantautrice lo-fi pop Daniela Resconi. Sarà che . Tra cantautorato e pop, Cara qui intreccia le sue musiche con sfumature esotiche e ampi rimandi agli Anni Ottanta. Guai però a pensare a un disco vecchio: le nove canzoni in scaletta hanno infatti freschezza ed espressività, sorrette da un lavoro efficace sulle liriche. L'iniziale "Prendi me" è un ottimo biglietto da visita ed è…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Ci piace molto l’immaginario di Cara, alter ego della cantautrice lo-fi pop Daniela Resconi. Sarà che ci esaltiamo quando insicurezze e debolezze vengono tradotte in musica senza orpelli, e in...

Leggi Articolo »

GIULIO CASALE Inexorable

giulio casale inexorable
Giulio Casale è da anni ormai un cantore dei nostri tempi. E questi sono tempi irregolari, isterici, frenetici. "Inexorable" è in perfetta sintonia con questi anni strani e non facilmente fotografabili in uno scatto singolo. Diciamo questo perché anche le nuove canzoni di Casale risentono - dal punto di vista musicale - di . “Inexorable” è il quarto album della carriera solista di Giulio Casale. Il titolo nasce da un verso di Michel Houellebecq, che evoca “un…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Giulio Casale è da anni ormai un cantore dei nostri tempi. E questi sono tempi irregolari, isterici, frenetici. “Inexorable” è in perfetta sintonia con questi anni strani e non facilmente...

Leggi Articolo »

RONCEA Presente

roncea presente
Roncea non è super in niente ma è come le vecchie Fiat, cioè accettabile. Il suo "Presente" è un disco (vagamente pop) di canzoni d'autore... giovanili, prodotte bene da Manuel Volpe, e arrangiate con qualità. Stop. Il resto è contorno, a tratti gradevole, a tratti anonimo, a tratti migliorabile, a tratti non particolarmente ispirato. Mai drammaticamente brutto o inutile. E' musica che resta in un limbo: l'ascolti con piacere una volta, idem la seconda, alla terza fai già un po' di fatica e al quarto ascolto non vedi l'ora di passare al disco successivo. In scaletta 9 episodi per…

Score

QUALITA' - 51%

51%

51

Roncea non è super in niente ma è come le vecchie Fiat, cioè accettabile. Il suo “Presente” è un disco (vagamente pop) di canzoni d’autore… giovanili, prodotte bene da Manuel...

Leggi Articolo »

LAROCCA Ventizerotre

larocca ventizerotre
Disco strano ma anche... normale, quello del pugliese Larocca, che porta in dote tutti i limiti tipici degli esordi: un'idea di suono non ancora definita, arrangiamenti che ondeggiano fra generi diversi (rock e canzone d'autore, nel caso specifico) e una proposta che in diversi passaggi omaggia con troppa riverenza i grandi del cantautorato italico. In scaletta 10 brani. Quando il Nostro fa il cantautore "vecchio", entusiasma pochino - malgrado una buona proprietà di scrittura e una bella voce. Molto meglio quando si prende dei rischi, come negli episodi "Contorni" (che ricorda vaghissimamente "Glory Box" dei Portishead) e "Presto o tardi",…

Score

QUALITA' - 61%

61%

61

Disco strano ma anche… normale, quello del pugliese Larocca, che porta in dote tutti i limiti tipici degli esordi: un’idea di suono non ancora definita, arrangiamenti che ondeggiano fra generi...

Leggi Articolo »

LA NOTTE DELLE STREGHE Klondike

la notte delle streghe klondike
Un po' De Andrè, un po' Le luci della centrale elettrica. Ma è solo un gioco di rimandi, perché "Klondike" vive di luce propria, è un disco che si basa su tre cardini: ha qualcosa da dire, propone un folk cantautorale moderno, è cantato ottimamente. L'album solista del cantautore bolognese Marco Degli Esposti, in arte La Notte delle Streghe, convince dal primo all'ultimo brano, nonostante un paio di episodi richiedano all'ascoltatore il massimo dell'attenzione, perché extralarge e distanti dalla classica struttura-canzone di 4 minuti. Marco Degli Esposti esagera, libera una poetica generosa di spunti narrativi e premia la pazienza dell'ascoltatore…

Score

QUALITA' - 76%

76%

76

Un po’ De Andrè, un po’ Le luci della centrale elettrica. Ma è solo un gioco di rimandi, perché “Klondike” vive di luce propria, è un disco che si basa...

Leggi Articolo »