IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Electro (pagina 37)

Electro

MITICI GORGI In the Gorgi Show

MITICI-GORGI
Che roba. Anzi, che casino. Ma (Millessei Dischi/Audioglobe). . Per spiegare il progetto, concedeteci di usare la "velina" del comunicato stampa. Poi arriva anche la recensione vera e propria, abbiate fiducia. "In the Gorgi show" è uno spettacolo musicale simile a un circo, dove personaggi paradossali e storie impossibili si alternano sulla scena. Il direttore artistico è il Mitico Gorgi ma chiunque può assistere allo spettacolo e soprattutto farne parte. Il requisito fondamentale è riuscire a raccontare una storia nel modo…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Che roba. Anzi, che casino. Ma non c’è smarrimento, ascoltando “In the Gorgi Show” (Millessei Dischi/Audioglobe). C’è più la convinzione di essere davanti al classico caos ben organizzato. Per spiegare...

Leggi Articolo »

THE/DAS Freezer

La copertina è perfetta sintesi della musica che The/Das, duo composto da Fabian Fenk e Anton Feist, ha riversato in "Freezer" (Sinnbus/Audioglobe), l'album di debutto. Aperture al colore e al ritmo, ma tanto noir, tanta energia che sembra muoversi per piccoli canali piuttosto che scoppiare fragorosa. , senza però mai abbracciare un genere preciso, preferendo rimanere sospeso in un limbo capace di intercettare atmosfere diverse, correnti d'aria calda e fredda, Anni Novanta e Anni Duemila. Il duo è berlinese, quindi viene da una scena elettronica che negli ultimi anni…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

La copertina è perfetta sintesi della musica che The/Das, duo composto da Fabian Fenk e Anton Feist, ha riversato in “Freezer” (Sinnbus/Audioglobe), l’album di debutto. Aperture al colore e al...

Leggi Articolo »

SUBSONICA Una nave in una foresta

SUBSONICA_una_nave_in_una_foresta
E' un disco mediocre "Una nave in una foresta" (Universal), ultima fatica dei Subsonica. Perché tolta la volontà (apprezzabile) di proporre delle sonorità ricercate, o comunque appartenenti a un'elettronica di pregio, il resto è poca roba. Molto male i testi, maluccio le costruzioni melodiche, discutibili diversi arrangiamenti. . E' un po' come quelle persone che ti riempiono di discorsi alti, che sul momento sembrano interessantissimi, ma che non producono altro che un fastidioso mal di testa - nel malcapitato, nell'inconsapevole vittima di…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

E’ un disco mediocre “Una nave in una foresta” (Universal), ultima fatica dei Subsonica. Perché tolta la volontà (apprezzabile) di proporre delle sonorità ricercate, o comunque appartenenti a un’elettronica di pregio,...

Leggi Articolo »

VICK FRIDA Thisastro

I Vick Frida sono in giro dal 2000. Durante i primi anni di vita si sono dedicati principalmente alla produzione di musica elettronica dell'area dance. Il 2014 è stato l'anno della pubblicazione del loro secondo compact, coprodotto con Fabrizio Federighi. All'album hanno partecipato come ospiti Mario Venuti, Giovanni Baglioni e Mauro Ermanno Giovanardi. Insomma, non proprio gli ultimi della classe. Il cd ruota tutto attorno a costruzioni pop-rock-elettroniche che soltanto a tratti riescono a colpire il bersaglio grosso, complici dei testi che si perdono tra le pieghe di arrangiamenti che rimandano agli Anni Ottanta, all'epoca in cui in tv Garbo diceva la sua. Gli…

Score

QUALITA' - 58%

58%

58

I Vick Frida sono in giro dal 2000. Durante i primi anni di vita si sono dedicati principalmente alla produzione di musica elettronica dell’area dance. Il 2014 è stato l’anno...

Leggi Articolo »

ZOLA JESUS Taiga

Nika, il vero nome dell'artista di venticinque anni conosciuta come Zola Jesus, è una cantante, autrice e produttrice nota da sempre per un'elettronica a toni cupi. Negli ultimi cinque anni è stata una delle poche figure in grado di portare qualcosa di fresco in un genere che spesso si è avvitato su se stesso per carenza di stimoli e originalità. L'album in oggetto è stato scritto sull'isola di Vashon e mixato a Los Angeles da Dean Hurley (David Lynch, Danger Mouse, Sparklehorse) e arriva dopo due album ampiamente celebrati quali "Versions" (2013) e "Conatus" (2011). Insomma, una carta di identità mica da ridere, quindi chi ha familiarità con…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Nika, il vero nome dell’artista di venticinque anni conosciuta come Zola Jesus, è una cantante, autrice e produttrice nota da sempre per un’elettronica a toni cupi. Negli ultimi cinque anni è stata...

Leggi Articolo »

PRIZEDAY Apps Will Grow Like Feathers

Un po' di U2 epoca "Zooropa", un po' di David Bowie, un po' di Depeche Mode e anche un po' di Kasabian. C'è davvero tanto in questo album d’esordio dei Prizeday, la cui storia è curiosa. Dopo un nutrito tour in UK che li ha visti toccare diverse location a Londra, Manchester e Glasgow, fino ad approdare al The Great Escape Festival di Brighton, sono stati notati dal mitico Arthur Brown, icona della musica britannica degli Anni 60/70 che li ha portati in giro con sé. Ora il progetto italiano si presenta al mercato con un bel puzzle sonoro che dice tanto (e forse troppo). Già, troppo,…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Un po’ di U2 epoca “Zooropa”, un po’ di David Bowie, un po’ di Depeche Mode e anche un po’ di Kasabian. C’è davvero tanto in questo album d’esordio dei Prizeday, la...

Leggi Articolo »

GODBLESSCOMPUTERS Veleno

Come fare un safari, ma invece di vedere leoni, ghepardi e giraffe, Godblesscomputers ci porta a caccia di suoni elettronici e naturali (Lorenzo Nada, l’artista, è un collezionista instancabile di campionamenti urbani e non solo). Il risultato? Un mix sonoro molto omogeneo, tanto che si fa fatica a capire dove finisce una traccia e ne parte un’altra. "Veleno" (Fresh Yo! Label/White Forest) è un disco che asseconda la spiritualità e la voglia di trascendenza che abitano in ognuno di noi. , ma…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Come fare un safari, ma invece di vedere leoni, ghepardi e giraffe, Godblesscomputers ci porta a caccia di suoni elettronici e naturali (Lorenzo Nada, l’artista, è un collezionista instancabile di...

Leggi Articolo »

LEON Come se fossi Dio

LEON come se fossi dio
Guai – talvolta - a fermarsi alla prima impressione. Perché con quella sua barbetta incolta e il fisico palestrato, questo Leon al primo contatto sembra il classico cantante pop tutto pose e poco altro, e invece siamo di fronte a un artista vero, che ha tirato fuori un esordio bellissimo. e un missaggio che – unico neo - un po’ penalizza il risultato finale. Musicalmente il disco si muove tra…

Score

QUALITA' - 76%

76%

76

Guai – talvolta – a fermarsi alla prima impressione. Perché con quella sua barbetta incolta e il fisico palestrato, questo Leon al primo contatto sembra il classico cantante pop tutto...

Leggi Articolo »