IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Italiano (pagina 10)

Italiano

UNIVERSAL SEX ARENA Abdita

universal sex arena abdita
La domanda giusta non è se ci è piaciuto "Abdita". Ma a chi potrebbe non piacere "Abdita". Chi potrebbe storcere il naso? Ecco, al di là del nostro giudizio (sempre illuminato, ça va sans dire), . Ok, forse accorciato di una decina di minuti sarebbe stato una bomba, una botta senza appello, ma anche così è un piacere ascoltarlo e riascoltarlo, e a ogni passaggio non perde alcunché. In scaletta 12 pezzi per 42 minuti di musica. Il mix di elettronica e…

Score

QUALITA' - 76%

76%

76

La domanda giusta non è se ci è piaciuto “Abdita“. Ma a chi potrebbe non piacere “Abdita”. Chi potrebbe storcere il naso? Ecco, al di là del nostro giudizio (sempre...

Leggi Articolo »

LAMANSARDA Foreign Bodies

lamansarda foreign bodies
In attesa di sapere se Liberato è un bluff oppure no, i Lamansarda ci ricordano che non è un azzardo fare folk (in inglese) con i piedi a mollo in uno degli affacci marini più belli del mondo. Parliamo naturalmente di Napoli. "Foreign Bodies" è infatti un disco che ha un'atmosfera generale bellissima, in perenne bilico fra chiaroscuri e un leggero velo malinconico. Lamansarda è il lavoro quotidiano dei fratelli Antonio (testi, voce, chitarra acustica, tastiere, harmonium) e Lorenza Acconcio (basso), di Fabrizio D’Andrea (chitarra elettrica e acustica) e Alessandro Bocchetti (batteria, percussioni). La voce di Antonio è un evidente valore aggiunto, ma ciò che convince del progetto…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

In attesa di sapere se Liberato è un bluff oppure no, i Lamansarda ci ricordano che non è un azzardo fare folk (in inglese) con i piedi a mollo in uno...

Leggi Articolo »

MÈSA Touchè

mesa touche
Mèsa è romana e la sua musica si va a collocare fra Levante e la Maria Antonietta più quieta. Ma è solo un giochino di rimandi, perché in realtà l'esordio della cantautrice capitolina è interessante proprio perché è abbastanza originale, soprattutto se paragonato con quello che abitualmente si sente - declinato al femminile - in ambito rock-pop-cantautorale indipendente. "Touchè" è un disco che potrebbe segnare l'inizio di un bel percorso artistico, perché gli ingredienti giusti ci sono tutti: la scrittura è matura, il cantato di Mèsa non è perfetto ma efficacissimo, le melodie sono carine e la presenza scenica…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Mèsa è romana e la sua musica si va a collocare fra Levante e la Maria Antonietta più quieta. Ma è solo un giochino di rimandi, perché in realtà l’esordio...

Leggi Articolo »

BLUE PARROT FISHES Blue Parrot Fishes

blue parrot fishes
I Blue Parrot Fishes sono ancora un po' acerbi. L'EP che propongono è molto ambizioso negli arrangiamenti e ruota attorno a un rock elettronico cantato in italiano. C'è molto della lezione dei Muse lungo la scaletta, ma dopo vari ascolti ci è sorto il dubbio che certa ricercatezza sonora serva più a integrare i contenuti piuttosto che ad arricchirli. Insomma, . Al momento c'è da lavorare sodo per trovare un'identità precisa.…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

I Blue Parrot Fishes sono ancora un po’ acerbi. L’EP che propongono è molto ambizioso negli arrangiamenti e ruota attorno a un rock elettronico cantato in italiano. C’è molto della lezione...

Leggi Articolo »

PATRIZIA CIRULLI Sanremo D’Autore

patrizia cirulli sanremo dautore
Le cover sono spesso noiose, figuriamoci se tratte dai Festival di Sanremo che furono. Insomma, Patrizia Cirulli non poteva scegliere prova più difficile per dimostrare che c'è vita anche in un settore inflazionato (quello dei rifacimenti) e c'è del buono (fra le pieghe dei Sanremo passati) che magari avevamo dimenticato. “Sanremo D’Autore” racchiude dodici brani arrivati ultimi, penultimi o non arrivati in finale in altrettante edizioni del Festival di Sanremo ma che negli anni sono diventate canzoni di successo, qui reinterpretate nella maniera giusta, cioè provando a metterci del proprio senza snaturare i contenuti. Per lanciare il disco sono usciti…

Score

QUALITA' - 75%

75%

75

Le cover sono spesso noiose, figuriamoci se tratte dai Festival di Sanremo che furono. Insomma, Patrizia Cirulli non poteva scegliere prova più difficile per dimostrare che c’è vita anche in un...

Leggi Articolo »

PHANTOMATICA Look Closer

phantomatica look closer
"Look Closer" è un disco... democratico, nel senso che in ambito rock tiene la mano sia all'America che all'Inghilterra, ecco perché si può passare tranquillamente da un pezzo che ti ricorda i primi Soundgarden a un altro che rimanda ai Beatles. C'è quindi un filo rosso che prova a tenere assieme fascinazioni diverse, dando all'album dei Phantomatica un'identità un po' annacquata, pur riconoscendo a esso una grandissima dote: le melodie sono trattate con una sensibilità che mette subito a suo agio - già al primo contatto - l'ascoltatore. Insomma, ruffiani al punto giusto, senza calcare troppo la mano. In conclusione:…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

“Look Closer” è un disco… democratico, nel senso che in ambito rock tiene la mano sia all’America che all’Inghilterra, ecco perché si può passare tranquillamente da un pezzo che ti...

Leggi Articolo »

MICHELE DIEMMI Io e te

michele diemmi io te
Ancora Michele Diemmi non ha le idee chiare, e così il suo "Io e te" finisce per risentire dei classici limiti che spesso contraddistinguono tutti gli esordi, . Partiamo dalle cose positive: Diemmi canta bene, non è un virtuoso della voce, ma ci sa fare, ha espressività. Molte sue canzoni hanno delle linee melodiche accattivanti, ci viene da citare "Come vorrei" (che è un pezzone), anche se in più di un frangente non riesce a dare una forma lineare alla musica, cioè lo…

Score

QUALITA' - 58%

58%

58

Ancora Michele Diemmi non ha le idee chiare, e così il suo “Io e te” finisce per risentire dei classici limiti che spesso contraddistinguono tutti gli esordi, cioè è una...

Leggi Articolo »

HOUSE OF TARTS H.O.T.

house tarts
In otto tracce (efficaci) le House Of Tarts esprimono una convincente idea di dream pop. Sulla personalizzazione del suono c'è ancora da lavorare, ma , estremamente fruibili anche per i non amanti del genere e soprattutto confezionato con un pizzico di sfrontatezza che è sempre un ottimo biglietto da visita quando si decide di fare musica.  L'ascolto di "H.O.T." è piacevole: tastiere e synth sono le basi portanti, la voce di Laura Martelli ha personalità e Valentina…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

In otto tracce (efficaci) le House Of Tarts esprimono una convincente idea di dream pop. Sulla personalizzazione del suono c’è ancora da lavorare, ma le due ragazze di Mestre filtrano gli Anni Ottanta...

Leggi Articolo »

QUADROSONAR Fuga sul Pianeta Rosso

quadrosonar fuga pianeta rosso
"Fuga sul Pianeta Rosso" è un ottimo esordio. Sulla produzione delle tracce si può ancora lavorare per dare al suono della band toscana maturità e convinzione, ma diciamo che la base di partenza fa ben sperare per il futuro. Quello dei QuadroSonar è un disco di pop elettronico che porta in dote una manciata di singoli radiofonici: da "Cosa resta di me" a "Zero (Scegli me)", passando per "L'apatia sociale", per la ballatona "Un istante su Marte" e per "Nella mia città". La scrittura del gruppo non è banale e prova a inquadrare nell'obiettivo frazioni di una quotidianità in cui…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

“Fuga sul Pianeta Rosso” è un ottimo esordio. Sulla produzione delle tracce si può ancora lavorare per dare al suono della band toscana maturità e convinzione, ma diciamo che la...

Leggi Articolo »

MOTTA Vivere o morire

motta vivere morire
"Vivere o morire" non ci convince del tutto. L'abbiamo ascoltato parecchio prima di arrivare a farci un'opinione definitiva, perché la primissima impressione era stata pessima, col tempo però l'idea si è leggermente modificata, anche se molti dubbi sul secondo lavoro di Motta ci sono rimasti. E molti di questi dubbi girano attorno alla portata delle canzoni, che al netto di una produzione eccellente, non siamo per nulla convinti siano così ispirate, così nuove, così diverse dall'ordinario. Noiose? Esatto. In scaletta 9 brani. Alcuni ritornelli sono carini, certe narrazioni idem (vedi la title track), il singolo radiofonico c'è ("La nostra…

Score

QUALITA' - 52%

52%

52

“Vivere o morire” non ci convince del tutto. L’abbiamo ascoltato parecchio prima di arrivare a farci un’opinione definitiva, perché la primissima impressione era stata pessima, col tempo però l’idea si...

Leggi Articolo »