IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Italiano (pagina 30)

Italiano

GHALI Album

ghali album
Ghali non è un virtuoso della parola, però il suo stile ha due qualità: quando canta si capisce cosa dice e ha una voce che è avvolgente, rassicurante, una lunga discesa verso il pop. "Album" è un lavoro che parte da posizioni rap per abbracciare generi (e sottogeneri) diversi, tra i quali il soul, la trap, la musica leggera. Altra cosa che ci piace di Ghali: non è uno sborone. Il suo rap non è sboccato, non è aggressivo, non è banalotto, si rivolge a un pubblico trasversale con messaggi positivi, anche se raramente il Nostro prende posizione sull'attualità,…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Ghali non è un virtuoso della parola, però il suo stile ha due qualità: quando canta si capisce cosa dice e ha una voce che è avvolgente, rassicurante, una lunga...

Leggi Articolo »

LA POLVERE Punto

polvere punto
Suoni elettronici e approccio cantautorale. Le intenzioni sono ambiziose, ma il risultato non è convincente. Il problema di "Punto" è che gli manca... una cerniera, c'è troppa distanza fra suono e liriche, sembrano due universi non complementari, ma incastrati con forza, non a caso le canzoni faticano a mostrare una personalità definita, ma tendono ad assomigliare più a dei remix. Francesco De Giorgio e Andrea Carboni sono i titolari di questo progetto che ha ancora bisogno di essere affinato e perfezionato. Al momento in un disco hanno assemblato due mondi troppo distanti, che a tratti neppure si parlano, che…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

Suoni elettronici e approccio cantautorale. Le intenzioni sono ambiziose, ma il risultato non è convincente. Il problema di “Punto” è che gli manca… una cerniera, c’è troppa distanza fra suono...

Leggi Articolo »

DARK POLO GANG Twins

dark polo gang twins
Noioso. "Twins" è un album che fa acqua da tutte le parti: insufficienti le basi, modestissime le liriche, ritornelli che spesso promettono molto ma che sul più bello perdono quota e lasciano l'ascoltatore lì, sui piedi sopra quella che dovrebbe essere la nuova frontiera del rap italiano... Noiosi. La proposta della Dark Polo Gang è un lunghissimo sbadiglio; non ci sono contenuti nel disco e le tematiche (droga, troie, tipe, paranoie, pistole e cose simili...) possono far presa solo su un pubblico di under 12. In conclusione: l'originalità non abita qui. Un album che al primo ascolto annoia, e che…

Score

QUALITA' - 30%

30%

30

Noioso. “Twins” è un album che fa acqua da tutte le parti: insufficienti le basi, modestissime le liriche, ritornelli che spesso promettono molto ma che sul più bello perdono quota...

Leggi Articolo »

IVAN GRANATINO Ingranaggi

ivan granatino ingranaggi
Malgrado la scaletta extra large (17 brani!) il disco di Ivan Granatino funziona. "Ingranaggi" è un jukebox, perché dentro c'è un ventaglio di suoni, fascinazioni, generi da perderci la testa: il pop è l'asse portante, poi dance, elettronica, rock, r&b, soul, rap. Non tutte le canzoni hanno personalità, ma la qualità media è discreta e ci sono anche pezzi fortissimi - in quest'ottica vi consigliamo l'iniziale "Io non posso" (un biglietto da visita perfetto), "Napule Allucca" (il ritornello è contaggioso), "Tu" (dal taglio molto internazionale), "My Dream" (che profuma di Anni Ottanta) e soprattutto "N'ammore e basta", che è un…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Malgrado la scaletta extra large (17 brani!) il disco di Ivan Granatino funziona. “Ingranaggi” è un jukebox, perché dentro c’è un ventaglio di suoni, fascinazioni, generi da perderci la testa: il...

Leggi Articolo »

CLAUDIO LOLLI Il grande freddo

claudio lolli grande freddo
Dal punto di vista lirico, beh, c'è poco da dire: "Il grande freddo" è un disco di qualità. Dal punto di vista musicale, invece, l'album di Claudio Lolli, insignito proprio in questi giorni della Targa Tenco 2017 (categoria "Disco in assoluto") non ci ha fatto una grandissima impressione. I motivi? Ci è sembrato un lavoro molto e troppo "old school", finanche vecchio, di sicuro rappresentativo di una canzone d'autore che oggi è stata superata. Gli altri artisti in lizza con Lolli per la conquista della Targa, nella sua categoria, erano Baustelle, Paolo Benvegnù, Brunori Sas, Edda e Le luci della…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

Dal punto di vista lirico, beh, c’è poco da dire: “Il grande freddo” è un disco di qualità. Dal punto di vista musicale, invece, l’album di Claudio Lolli, insignito proprio in...

Leggi Articolo »

SAT Life on Saturday at 1 p.m.

sat life saturday
Sat è Agostino Bellini, cantante e chitarrista nato sulle rive del Garda, tra le montagne della Valle Sabbia. Il suo EP di debutto è suonato bene, e cerca di fondere blues, folk, rock con un timbro di voce "americana". I 6 brani in scaletta hanno però un grosso limite: sanno tanto di... compitino, non sono né brutti né belli, sono passabili, di facile ascolto, piuttosto immediati. Il bicchiere mezzo pieno cos'altro dice? Dice che "Life on Saturday at 1 p.m." ha una bella atmosfera, e la voce di Sat è perfetta quando il panorama musicale attorno è dark, ma…

Score

QUALITA' - 57%

57%

57

Sat è Agostino Bellini, cantante e chitarrista nato sulle rive del Garda, tra le montagne della Valle Sabbia. Il suo EP di debutto è suonato bene, e cerca di fondere...

Leggi Articolo »

GIUSEPPE FIORI Spazi di vita scomodi

giuseppe fiori spazi vita scomodi
"Spazi di vita scomodi" è l'esordio di Giuseppe Fiori. In cabina di regia c'è LeLe Battista, uno che in Italia sa maneggiare il pop come pochi. C'è anche Andy dei Bluvertigo (con il suo sax) in un brano. Cos'altro c'è? C'è un'elettronica discreta, che sa stare al suo posto e che arriva sempre un passo dopo la ricerca cantautorale. Insomma, un perfetto mix tra modernità e tradizione. L'album ha una prima e un'ultima parte molto convincenti, nel mezzo un filotto di brani che forse potevano essere valorizzati meglio dal punto di vista melodico, magari spingendo a tavoletta sugli arrangiamenti.…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

“Spazi di vita scomodi” è l’esordio di Giuseppe Fiori. In cabina di regia c’è LeLe Battista, uno che in Italia sa maneggiare il pop come pochi. C’è anche Andy dei...

Leggi Articolo »

ROMA Solo posti in piedi in paradiso

roma solo posti piedi paradiso
rOMA, al secolo Vincenzo Romano, inizia a scrivere canzoni nel 1999 avendo nella testa il rock delle principali formazioni italiane di quegli anni come Timoria, Afterhours, P.G.R. e successivamente attingendo da cantautori come Giorgio Canali, Cristiano De Andrè e Mario Venuti. Il primo ascolto di "Solo posti in piedi in paradiso" dice che Romano è un rocker classico, quindi suono tipicamente americano, ritornelli che necessitano di un cantato sostenuto, buona proprietà di linguaggio e belle linee melodiche. A noi sembra più vicino a Ligabue rispetto agli Afterhours o all'asprezza di Giorgio Canali, però non è una critica: Ligabue ha…

Score

QUALITA' - 61%

61%

61

rOMA, al secolo Vincenzo Romano, inizia a scrivere canzoni nel 1999 avendo nella testa il rock delle principali formazioni italiane di quegli anni come Timoria, Afterhours, P.G.R. e successivamente attingendo...

Leggi Articolo »

TETA MONA Mad Woman

teta mona mad woman
"Mad Woman" è reggae ipnotico, un modo piuttosto efficace di maneggiare il folk. E' un album estivo? Intanto è uscito a fine dicembre scorso, in pieno inverno, e diciamo che ha un taglio scuro che ben si adatta alle stagioni fredde, ma possiamo tranquillamente definirlo come un compact in grado di funzionare in tutte le stagioni, perché ha qualità e immediatezza, oltre a una discreta fruibilità pop. Il disco di esordio di Teta Mona (nome d'arte di Teta Colamonaco) è stato interamente registrato e prodotto "in casa", e gira attorno a delle belle linee di basso e alla voce dell'artista pugliese, che ha…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

“Mad Woman” è reggae ipnotico, un modo piuttosto efficace di maneggiare il folk. E’ un album estivo? Intanto è uscito a fine dicembre scorso, in pieno inverno, e diciamo che ha...

Leggi Articolo »

ADAM CARPET Hardcore Problem Solver

adam carpet hardcore problem solver
Elettronica, di quella che piace a noi. Cioè pochi punti fissi, tante divagazioni attorno al tema centrale e un muoversi con passo svelto fra epoche diverse (sempre con una valigia piena di idee): dagli Anni Ottanta di "Hector Mann" sino al rock Anni Novanta della title track. . I quattro brani in scaletta (due cantati e due strumentali) non lasciano campo a grosse critiche: funzionano, sono suonati bene e…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

Elettronica, di quella che piace a noi. Cioè pochi punti fissi, tante divagazioni attorno al tema centrale e un muoversi con passo svelto fra epoche diverse (sempre con una valigia piena...

Leggi Articolo »