IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Italiano (pagina 80)

Italiano

PAVESE RUDIE Pavese Rudie

PAVESE RUDIE
La proposta di Pavese Rudie non è originalissima, ma è anche vero che in ambito reggae non è che puoi inventarti granché, soprattutto se approcci il genere in maniera classica. Il reggae che anima questo esordio piace per tre buoni motivi: il cantato è espressivo, l’atmosfera generale del disco è frizzante, l’uso dell’italiano è al servizio di liriche che non aggrediscono e che cercano sempre di comunicare un messaggio positivo. . Forse sugli arrangiamenti si poteva…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

La proposta di Pavese Rudie non è originalissima, ma è anche vero che in ambito reggae non è che puoi inventarti granché, soprattutto se approcci il genere in maniera classica....

Leggi Articolo »

TOOT Error 404

TOOT error_404
I Toot sono un progetto musicale che fonde un’anima rock Anni Novanta a produzioni elettroniche. Riff di chitarra si mescolano a synth acidi e ritmiche serrate. Le contaminazioni sono moltissime (c'è persino il rap) e la sensazione è che "Error 404" non segua una strada precisa ma si muova a scatti alla ricerca di un appiglio forte. Il disco è ben suonato, ma la varietà di colori del panorama sonoro non consente all'ascoltatore di farsi un'idea precisa dello stile del gruppo. . “Nobody is dancing” è un singolone…

Score

QUALITA' - 62%

62%

62

I Toot sono un progetto musicale che fonde un’anima rock Anni Novanta a produzioni elettroniche. Riff di chitarra si mescolano a synth acidi e ritmiche serrate. Le contaminazioni sono moltissime (c’è...

Leggi Articolo »

MINÆ Minæ

MINÆ minæ
I Minæ dicono di ispirarsi a Nirvana, Placebo, Sonic Youth, Fratelli Calafuria, One Dimensional Man. Chi li ha ascoltati sostiene siano semplicemente una manata in faccia. Prima cosa: al di là della recensione, investite qualche euro per comprarvi questo EP che è una piccola opera d'arte, una speciale confezione pop-up realizzata a mano dalla scenografa Isadora Bucciarelli. Lasciatevi affascinare dall'artwork - a noi ha stupito immediatamente. Con queste premesse, diteci voi come si fa a non partire con un carico di benevolenza nei confronti di questi milanesi che masticano il rock degli Anni Novanta e lo ripropongono a modo loro? Esatto, è impossibile.…

Score

QUALITA' - 58%

58%

58

I Minæ dicono di ispirarsi a Nirvana, Placebo, Sonic Youth, Fratelli Calafuria, One Dimensional Man. Chi li ha ascoltati sostiene siano semplicemente una manata in faccia. Prima cosa: al di là della...

Leggi Articolo »

MIKE ZAFFA Rockstars

MIKE ZAFFA rockstars
E' abbonato alle autoproduzioni, Mike Zaffa. Nel 2010 uscì con un album bellissimo, "S.O.F.F.O.C.O.", ora ritorna con "Rockstars" rimodellando le coordinate del proprio suono e portandolo verso il rock e l'elettronica. E' abbonato alle autoproduzioni, dicevamo, ed è curioso perché il rapper che fa base a Milano ha numeri e talento. Meriterebbe una chance grossa in ambito discografico. Il nuovo album è diverso dal precedente: se "S.O.F.F.O.C.O." aveva atmosfere morbide, questo lavoro è un continuo assalto alle orecchie dell'ascoltatore. E' aggressivo e sfrontato. Anche se la fruibilità pop di diversi pezzi dice che Zaffa non ha perso lungo la strada…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

E’ abbonato alle autoproduzioni, Mike Zaffa. Nel 2010 uscì con un album bellissimo, “S.O.F.F.O.C.O.”, ora ritorna con “Rockstars” rimodellando le coordinate del proprio suono e portandolo verso il rock e l’elettronica....

Leggi Articolo »

MED IN ITALI Si scrive Med In Itali

MED IN ITALI si_scrive_med_in_itali
Non è facile proporre qualcosa di originale - soprattutto dal punto di vista musicale - in ambito indipendente. Quello dei Med in Itali è un disco che sta alla larga dal "già sentito" e che prova - con alterne fortune - a invertarsi una strada personale mettendo assieme pop, canzone d'autore e arrangiamenti sfiziosi, questo grazie anche alla sempre brava Carolina Bubbico che aggiusta i fiati di diversi brani. "Si scrive Med In Itali" è un compact all'interno del quale spiccano i testi di Niccolò Maffei, che cerca di scuotere l'ascoltatore con la gentilezza delle idee. Dal punto di vista sonoro,…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Non è facile proporre qualcosa di originale – soprattutto dal punto di vista musicale – in ambito indipendente. Quello dei Med in Itali è un disco che sta alla larga...

Leggi Articolo »

BABYLONIA Multidimensional

BABYLONIA multidimensional
Li ascolti e da un momento all'altro ti aspetti che spunti Dave Gahan alla voce - questo per dire quanto le canzoni dei Babylonia si ispirino a un certo immaginario elettronico, in primis ai Depeche Mode. Battute a parte, "Multidimensional" è un album che ha una sua identità e che non ti illude di essere una cosa per poi mostrarsi in un'altra veste, qui è tutto sul tavolo: elettronica e pop sono gli ingredienti usati e mescolati assieme. Il risultato? Un compact che intrattiene alla grande (nonostante una durata vicina ai 60 minuti, eccessiva) e con diverse canzoni che catturano al…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Li ascolti e da un momento all’altro ti aspetti che spunti Dave Gahan alla voce – questo per dire quanto le canzoni dei Babylonia si ispirino a un certo immaginario elettronico,...

Leggi Articolo »

BEFORE WE DIE Beginning Is The Best Failure

BEFORE WE DIE beginning_is_the_best_failure
"Beginning Is The Best Failure" è il primo EP dei Before We Die e mescola elettronica, pop scuro e new wave. Le coordinate sonore sono abbastanza evidenti, quello che però facciamo fatica a identificare - anche dopo diversi ascolti - è il potenziale della proposta. Nel senso: . Tuttavia l'assenza di variazioni attorno il tema ci impedisce di capire cosa potrebbero offrire i Nostri sulla lunga distanza. Insomma, l'EP dice qualcosa (ma non tutto) sui…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

“Beginning Is The Best Failure” è il primo EP dei Before We Die e mescola elettronica, pop scuro e new wave. Le coordinate sonore sono abbastanza evidenti, quello che però facciamo...

Leggi Articolo »

FRANK CADOPPI Nato Per Questo

FRANK CADOPPI nato_per_questo
La firma di questo album è di Frank Cadoppi, ma sarebbe un delitto non citare il telentuoso Roberto Segreti e i suoi beat. Bravi entrambi a buttare sul tavolo queste basi che con il rap modaiolo non c'azzeccano nulla e che guardano con una certa insistenza all'elettronica, all'ambient, persino al trip hop. "Nato Per Questo" è . Non tutti i testi di Cadoppi impressionano allo stesso modo, però c'è mediamente…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

La firma di questo album è di Frank Cadoppi, ma sarebbe un delitto non citare il telentuoso Roberto Segreti e i suoi beat. Bravi entrambi a buttare sul tavolo queste basi...

Leggi Articolo »

WE ARE WAVES Promixes

WE ARE WAVES promixes
E' bene chiarirlo subito: "Promixes" non è un EP di remix. E' un disco decisamente (ri)suonato e nato dalla dimensione live, che Viax e Cisa (rispettivamente voce/chitarra ed elettronica della band) hanno portato in giro nel corso del 2015 parallelamente a quella più tradizionale del quartetto new wave. Che bravi che sono i We Are Waves. Il loro EP è davvero acqua fresca, ti prende al primo ascolto e senza accorgertene sei a rimettere daccapo il compact. L'elettronica proposta affonda le sue radici in un passato irripetibile (la scena Anni Ottanta) ma non c'è un brano - dei 5 in scaletta…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

E’ bene chiarirlo subito: “Promixes” non è un EP di remix. E’ un disco decisamente (ri)suonato e nato dalla dimensione live, che Viax e Cisa (rispettivamente voce/chitarra ed elettronica della...

Leggi Articolo »

MICHELE ANELLI Giorni Usati

MICHELE ANELLI giorni_usati
Del disco di Michele Anelli ci piace parecchio la produzione - in cabina di regia è stato fatto un ottimo lavoro. Ci convincono meno le canzoni di questo "Giorni Usati". Nel senso: non sono brutte, ma coinvolgono poco dal punto di vista emotivo e per tutta la durata del compact (38 minuti) l'attenzione va e viene, si fa fatica a restare aggrappati all'album. Peccato, perché . In conclusione: un…

Score

QUALITA' - 52%

52%

52

Del disco di Michele Anelli ci piace parecchio la produzione – in cabina di regia è stato fatto un ottimo lavoro. Ci convincono meno le canzoni di questo “Giorni Usati“....

Leggi Articolo »