IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni (pagina 133)

Recensioni

CARLOT-TA Songs of Mountain Stream

CARLOT-TA
"Songs of Mountain Stream" (Brumaio Sounds/Audioglobe) è il secondo disco di Carlot-ta ed è stato prodotto da Rob Ellis, già al lavoro con Pj Harvey, Anna Calvi, Placebo e altri pezzi da Novanta. E' un disco difficile da valutare, perché anche dopo diversi ascolti resti lì a chiederti se ne consiglieresti l'acquisto a un amico con pochi soldi in tasca e quindi la necessità di andare sul sicuro. Bella domanda, davvero. , perché i suoni e gli arrangiamenti sono carini, il cantato di Carlot-ta è interessante anche se non particolarmente espressivo e…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

“Songs of Mountain Stream” (Brumaio Sounds/Audioglobe) è il secondo disco di Carlot-ta ed è stato prodotto da Rob Ellis, già al lavoro con Pj Harvey, Anna Calvi, Placebo e altri pezzi da...

Leggi Articolo »

TRICKY Adrian Thaws

tricky_adrian-thaws_cover
C'è chi ci mette la faccia e chi ci mette il nome. E c'è pure chi ci mette entrambi. Così all’undicesimo album – davvero un bel risultato per uno che nell’adolescenza faceva fatica a dare un domani e un dopo domani all’oggi – Tricky decide di firmare il nuovo disco con nome e cognome e di mettersi in copertina, seppur coperto da platoniche fiamme. Ma vediamo la formazione di questo compact, prima di passare alla recensione vera e propria. Ad "Adrian Thaws" (False Idols/K7!/Audioglobe) hanno collaborato Francesca Belmonte, cantante italo-irlandese già voce del precedente album; Nneka, artista nigeriana-tedesca con cui…

Score

QUALITA' - 80%

80%

80

C’è chi ci mette la faccia e chi ci mette il nome. E c’è pure chi ci mette entrambi. Così all’undicesimo album – davvero un bel risultato per uno che...

Leggi Articolo »

INTERPOL El Pintor

Una delle band più sottovalutate oppure una band che con poco (forse un paio di singoli) è riuscita a costruirsi una carriera? Se cercate sul web alla voce "Interpol" troverete detrattori e fans in parti uguali. Troverete sostenitori di una tesi piuttosto che dell'altra in numero ampio e soprattutto li troverete cazzuti, perché la band di Paul Banks è l'antitesi della mamma: divide e raramente unisce. Detto ciò vediamo di parlare di questo "El Pintor" (Matador), che in spagnolo sta per "Il Pittore", mentre giocando con le lettere esce fuori l'anagramma di "Interpol". Un disco ricco di suoni non originalissimi ma…

Score

QUALITA' - 61%

61%

61

Una delle band più sottovalutate oppure una band che con poco (forse un paio di singoli) è riuscita a costruirsi una carriera? Se cercate sul web alla voce “Interpol” troverete...

Leggi Articolo »

ZIBBA Senza pensare all'estate

"Senza pensare all'estate" (Almafactory/Artist First) è il sesto album di inediti del cantautore ligure Zibba e degli Almalibre. Sì, quello che all'ultimo Festival di Sanremo arrivò tanto così dalla vittoria della Sezione "Giovani" - poi superato da Rocco Hunt e Diodato. Sì, proprio quello che ha un modo di cantare particolare, con una voce leggermente cavernosa e profonda e l'impostazione da cantautore. Il disco contiene alcune delle canzoni storiche di Zibba e Almalibre, reinterpretate con la nuova line up. E' un compact scritto bene, o quanto meno con proprietà di linguaggio, ma le canzoni di Zibba si esprimono su una frequenza sempre uguale, che spesso non ti…

Score

QUALITA' - 57%

57%

57

“Senza pensare all’estate” (Almafactory/Artist First) è il sesto album di inediti del cantautore ligure Zibba e degli Almalibre. Sì, quello che all’ultimo Festival di Sanremo arrivò tanto così dalla vittoria della Sezione “Giovani” – poi...

Leggi Articolo »

LANA DEL REY Ultraviolence

Ascolti le canzoni di Lana Del Rey e ti chiedi "...quanto c'è di vero?". Leggi la sua biografia e ti chiedi "...quanto c'è di vero?". Leggi le leggende che circolano sul suo conto in rete (come l'adolescenza segnata dall'alcol, ad esempio) e ti chiedi "...quanto c'è di vero?". Guardi le sue foto, vedi i suoi tatuaggi che compaiono e poi spariscono e ti chiedi "...quanto c'è di vero?". Insomma, quanto c'è di vero in questa artista dalla cifra stilistica altissima che canta di amori strazianti? Le uniche risposte che fornisce "Ultraviolence" (Interscope) sono di natura musicale e dicono che Lana Del Rey è davvero…

Score

QUALITA' - 76%

76%

76

Ascolti le canzoni di Lana Del Rey e ti chiedi “…quanto c’è di vero?”. Leggi la sua biografia e ti chiedi “…quanto c’è di vero?”. Leggi le leggende che circolano sul...

Leggi Articolo »

THE/DAS Freezer

La copertina è perfetta sintesi della musica che The/Das, duo composto da Fabian Fenk e Anton Feist, ha riversato in "Freezer" (Sinnbus/Audioglobe), l'album di debutto. Aperture al colore e al ritmo, ma tanto noir, tanta energia che sembra muoversi per piccoli canali piuttosto che scoppiare fragorosa. , senza però mai abbracciare un genere preciso, preferendo rimanere sospeso in un limbo capace di intercettare atmosfere diverse, correnti d'aria calda e fredda, Anni Novanta e Anni Duemila. Il duo è berlinese, quindi viene da una scena elettronica che negli ultimi anni…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

La copertina è perfetta sintesi della musica che The/Das, duo composto da Fabian Fenk e Anton Feist, ha riversato in “Freezer” (Sinnbus/Audioglobe), l’album di debutto. Aperture al colore e al...

Leggi Articolo »

SUBSONICA Una nave in una foresta

SUBSONICA_una_nave_in_una_foresta
E' un disco mediocre "Una nave in una foresta" (Universal), ultima fatica dei Subsonica. Perché tolta la volontà (apprezzabile) di proporre delle sonorità ricercate, o comunque appartenenti a un'elettronica di pregio, il resto è poca roba. Molto male i testi, maluccio le costruzioni melodiche, discutibili diversi arrangiamenti. . E' un po' come quelle persone che ti riempiono di discorsi alti, che sul momento sembrano interessantissimi, ma che non producono altro che un fastidioso mal di testa - nel malcapitato, nell'inconsapevole vittima di…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

E’ un disco mediocre “Una nave in una foresta” (Universal), ultima fatica dei Subsonica. Perché tolta la volontà (apprezzabile) di proporre delle sonorità ricercate, o comunque appartenenti a un’elettronica di pregio,...

Leggi Articolo »

MEZZAFEMMINA Un giorno da leone

Un mix virtuoso di pop e canzone d’autore. Magari ci vuole qualche ascolto in più per capirlo, ma arrivati alla meta è davvero un piacere apprezzare le dieci canzoni in scaletta. "Un giorno da leone" (Controrecords/Audioglobe) è un bel disco fatto di pezzi orecchiabili scritti con intelligenza. Togliamoci dalla testa l'immagine del cantautore cupo piegato su stesso o del "piacione" a tutti i costi. In questo caso il terreno su cui gioca Gianluca Conte, questo il vero nome di Mezzafemmina, è quello della spontaneità associata al vivere quotidiano. E' vero, in alcuni episodi del suo secondo album l'artista torinese eccede in costruzioni…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Un mix virtuoso di pop e canzone d’autore. Magari ci vuole qualche ascolto in più per capirlo, ma arrivati alla meta è davvero un piacere apprezzare le dieci canzoni in...

Leggi Articolo »

CESARE MALFATTI Una mia distrazione +2

Cesare_Malfatti
  Proprio un bel disco. E fa davvero impressione il modo di cantare di Cesare Malfatti. "Una mia distrazione +2" (AdesivaDiscografica) è un disco dove l'interpretazione, i testi ispirati e l'atmosfera sono un corpo unico. Impossibile slegare il contenuto dai dettagli, ed . Il compact ha almeno quattro canzoni di assoluto livello: "Andare via", "Apro gli occhi", "Siamo soli assieme" e soprattutto "Se tu sei qui". Gli undici brani in scaletta sono sinuosi, intimi e passionali grazie anche alla partecipazione del pianista jazz Antonio Zambrini e di molti altri musicisti. La mente vola a…

Score

QUALITA' - 81%

81%

81

  Proprio un bel disco. E fa davvero impressione il modo di cantare di Cesare Malfatti. “Una mia distrazione +2” (AdesivaDiscografica) è un disco dove l’interpretazione, i testi ispirati e l’atmosfera sono...

Leggi Articolo »

IO?DRAMA Non resta che perdersi

Milanesi, attivi dal 2004, gli Io?Drama sono una delle band più sottovalutate del panorama underground italiano. Un mistero buffo, perché per capacità di scrittura e idee, hanno sempre mostrato qualità maggiori di quelle poi realmente riconosciute dal mercato e da una parte degli addetti ai lavori. Insomma, tutto molto strano. Come è strano questo "Non resta che perdersi" che - dopo le parole al miele dell'incipit - potremmo dire che rappresenta l'eccezione che conferma la regola. Perché non è un gran disco. O meglio: : bella…

Score

QUALITA' - 57%

57%

57

Milanesi, attivi dal 2004, gli Io?Drama sono una delle band più sottovalutate del panorama underground italiano. Un mistero buffo, perché per capacità di scrittura e idee, hanno sempre mostrato qualità maggiori...

Leggi Articolo »