IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni (pagina 17)

Recensioni

DONATO SANTOIANNI Fossi nato prima

donato santoianni
Per essere un esordio, il disco di Donato Santoianni è abbastanza a fuoco: testi, arrangiamenti, melodie sono migliorabili, ma la base di partenza è molto buona. "Fossi nato prima" è un disco di canzoni d'autore, ma i rimandi ai Maestri del genere sono pochissimi. Quello che piace al primo ascolto è senza dubbio la scrittura, poi a ruota vengono un paio di ritornelli azzeccati e l'impressione generale che Santoianni potrebbe benissimo ritagliarsi in futuro un suo spazio nel panorama cantautorale oppure potrebbe forzare la mano e scivolare verso territori pop, perché il suo cantato è gradevole e ha un…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Per essere un esordio, il disco di Donato Santoianni è abbastanza a fuoco: testi, arrangiamenti, melodie sono migliorabili, ma la base di partenza è molto buona. “Fossi nato prima” è...

Leggi Articolo »

GRAN TORINO Secondo Tempo

gran torino
Con i bolognesi Gran Torino siamo nel campo del rock elettronico con generose aperture alla melodia. Anzi, per essere più precisi, il duo flirta con il rock e moderatamente con l'elettronica. Il risultato è un album che ha un suono non originalissimo ma gradevole, con delle costruzioni melodiche accattivanti, quello che però... manca a "Secondo Tempo" sono i testi, che non ricamano mai immagini capaci di definire un immaginario preciso. Tradotto per rendere meglio il concetto: . In scaletta 9 episodi per 28 minuti di musica. Le canzoni mescolano rabbia e luce, pop moderno…

Score

QUALITA' - 56%

56%

56

Con i bolognesi Gran Torino siamo nel campo del rock elettronico con generose aperture alla melodia. Anzi, per essere più precisi, il duo flirta con il rock e moderatamente con...

Leggi Articolo »

YAGUAR Vision

yaguar
Tanta musica (chitarre soprattutto), parole che sembrano (volutamente?) mantra e una sensazione generale di "già sentito". Insomma, questo "Vision" non ci ha impressionato granché. Detto che l'idea di rock alla base della proposta non è malaccio e in qualche modo guarda più Oltreoceano che in casa nostra, quello che manca alle 9 canzoni in scaletta è un filo conduttore, un'identità, una direzione. "Vision" sembra più un mix di provini e arrangiamenti disarticolati, piuttosto che un percorso dove l'ascoltatore è l'ospite gradito. Morale: 49 minuti non facilissimi da affrontare in un colpo solo e la continua idea (del recensore) che…

Score

QUALITA' - 51%

51%

51

Tanta musica (chitarre soprattutto), parole che sembrano (volutamente?) mantra e una sensazione generale di “già sentito”. Insomma, questo “Vision” non ci ha impressionato granché. Detto che l’idea di rock alla...

Leggi Articolo »

IVAN TALARICO Un elefante nella stanza

ivan talarico
Che bella penna che ha, questo Ivan Talarico. "Un elefante nella stanza" è il suo primo album: le 12 canzoni in scalettta sono state scelte tra i brani che Ivan da anni porta in concerto in tutta Italia, con la sua chitarra, tra teatri, locali, librerie, case. Sono canzoni che oscillano fra poesia e ironia, fra amare verità vestite di sorrisi e realtà che ci scivolano quotidianamente fra le mani. "L'elefante" è il pezzo che fa da pietra angolare all'album e dentro c'è gran parte della poetica di Talarico, che qui gioca con il concetto di "amore", facendosi prendere…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Che bella penna che ha, questo Ivan Talarico. “Un elefante nella stanza” è il suo primo album: le 12 canzoni in scalettta sono state scelte tra i brani che Ivan...

Leggi Articolo »

GIANLUCA GILL Disco Quantistico

gianluca gill
Disco veloce (neppure mezz'ora), disco ambizioso, disco che guarda al passato e al futuro nel contempo, quindi la lezione del cantautorato italiano che fu, e l'idea di costruire arrangiamenti attuali, non modernissimi, ma attuali. In questo costante equilibrio e disequilibrio, il catanese Gianluca Gill prova con il suo "Disco Quantistico" a rendere omaggio a un pop tipicamente Anni Settanta, con Battiato quasi sempre sullo sfondo, che però ha il merito di incuriosire e intrattenere. Il flirt con la melodia è dichiarato ma non sempre va a colpire il bersaglio grosso nei ritornelli. In scaletta 8 pezzi, con una prima…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Disco veloce (neppure mezz’ora), disco ambizioso, disco che guarda al passato e al futuro nel contempo, quindi la lezione del cantautorato italiano che fu, e l’idea di costruire arrangiamenti attuali,...

Leggi Articolo »

JOHNNY DALBASSO Cannonball

johnny dalbasso cannonball
Rock e cantautorato, un po' di De Andrè e qualcosa di Camerini. C'è tanto in questo "Cannonball", ma ci sono soprattutto le canzoni: 11 pezzi velocissimi che portano la durata a lambire i trenta minuti. Un viaggio perfetto per un album che vive di immediatezza, quindi strofe taglienti e via subito coi ritornelli. Gli arrangiamenti sono sofisticati quel tanto che basta per rendere il compact vario. "Cannonball" è la terza fatica in studio di Johnny DalBasso e conta anche una versione alternativa di “Furore”, l’indimenticabile classico di Adriano Celentano. Occhio anche alla conclusiva "Adesso e qui". Ma il brano…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

Rock e cantautorato, un po’ di De Andrè e qualcosa di Camerini. C’è tanto in questo “Cannonball“, ma ci sono soprattutto le canzoni: 11 pezzi velocissimi che portano la durata...

Leggi Articolo »

EDY Variazioni

edy variazioni
E' difficile stare dietro a tutte le uscite, così capita che talvolta un disco ci arrivi fra le mani a distanza di mesi. Ok, vi diciamo la verità, in questi casi se non è proprio meritevole (a nostro avviso, naturalmente) lo scartiamo, però quando la qualità è evidente non possiamo tirarci indietro. Anche se siamo nei tempi supplementari. Questo "Variazioni" è uscito lo scorso autunno, ed è l'esordio di Edy. Il disco svela la passione del Nostro per un pop originale, coraggioso ed è nato come conseguenza o, se vogliamo, come strano e poetico esito di un grave incidente…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

E’ difficile stare dietro a tutte le uscite, così capita che talvolta un disco ci arrivi fra le mani a distanza di mesi. Ok, vi diciamo la verità, in questi...

Leggi Articolo »

LANA DEL REY Norman Fucking Rockwell!

lana del rey norman fucking rockwell
Dopo diversi ascolti, continua a sfuggirci il perché molta stampa abbia osannato questo album definendolo persino il migliore dell'artista americana. "Norman Fucking Rockwell!" è senza dubbio un buon disco, con punte di eccellenza, ma se Lana Del Rey è qui migliorata nei testi (in passato ha sempre avuto il limite di un ostentato narcisismo), dal punto di vista musicale il compact ha mantenuto col passato soltanto la qualità nella produzione, perdendo invece tutto quel bagaglio di arrangiamenti raffinati, attuali e di pregio che negli ultimi anni hanno dato una marcia in più alla Del Rey. Ma ciò che manca…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Dopo diversi ascolti, continua a sfuggirci il perché molta stampa abbia osannato questo album definendolo persino il migliore dell’artista americana. “Norman Fucking Rockwell!” è senza dubbio un buon disco, con...

Leggi Articolo »

LAMPO Stories Of Daily Amazement

lampo
E' un'elettronica... gentile, quella dei Lampo. Nel senso che è tutto un intreccio di atmosfere, suoni in loop e un (post?) rock che stringe forte la mano alla new wave. Morale: "Stories Of Daily Amazement" è un disco carino, caruccio, ma che messo via dubitiamo possa restare in testa all'ascoltatore. E i perché sono tutti nella mancanza di coraggio della proposta: in scaletta infatti ci sono 6 pezzi, ma nessuno di questi accetta il confronto faccia a faccia con il pericolo, con il rischio, con la scommessa di un arrangiamento un po' fuori dalle righe, e in questa epoca…

Score

QUALITA' - 51%

51%

51

E’ un’elettronica… gentile, quella dei Lampo. Nel senso che è tutto un intreccio di atmosfere, suoni in loop e un (post?) rock che stringe forte la mano alla new wave....

Leggi Articolo »

DHARMA108 L'alba sul mio nome

dharma108
Un po' dei Timoria, un po' dei Tool, qualcosa dei Ritmo Tribale e in generale di quel rock Anni Novanta che in Italia si è annacquato lungo la strada sino a scomparire - purtroppo. Insomma, le coordinate di "L'alba sul mio nome" sono queste. La band veronese ha un buon rapporto con la melodia e le chitarre sono molto espressive, ma la proposta è ancora acerba e ha ancora bisogno di essere personalizzata a dovere, in particolar modo sul piano sonoro, perché se è vero che le liriche (in italiano) cercano strade originali, la parte musicale invece paga un…

Score

QUALITA' - 56%

56%

56

Un po’ dei Timoria, un po’ dei Tool, qualcosa dei Ritmo Tribale e in generale di quel rock Anni Novanta che in Italia si è annacquato lungo la strada sino...

Leggi Articolo »