IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni (pagina 19)

Recensioni

PORTOBELLO Buona Fortuna

portobello buona fortuna
Il suono non è originalissimo (classico pop indipendente contemporaneo), ma diciamo che è una base di partenza, ci si può lavorare sopra in futuro - tenendo anche conto che stiamo parlando di un esordio. Dal punto di vista lirico, invece, "Buona Fortuna" è un album incompiuto, dal momento che tutti i testi dei Portobello mettono in fila immagini che convincono raramente, figlie di un immaginario che deve trovare ancora una identità precisa. C'è da lavorare sodo su quasi tutte le variabili della proposta, compresi gli arrangiamenti - se ovviamente i Nostri vogliono smarcarsi in futuro da un "già sentito"…

Score

QUALITA' - 49%

49%

49

Il suono non è originalissimo (classico pop indipendente contemporaneo), ma diciamo che è una base di partenza, ci si può lavorare sopra in futuro – tenendo anche conto che stiamo...

Leggi Articolo »

JUJU Maps And Territory

juju maps territory
Ci piacciono sempre questi dischi che prendono il rock e lo imbastardiscono con fascinazioni varie e diverse: dal folk, al jazz, alla sperimentazione, passando per un'idea di pop che è lontanissima, ovviamente, dalla rima cuore/amore. "Maps And Territory" è un disco interessante per tre motivi: . Tutto l'album ruota principalmente attorno a Gioele Valenti, che ha scritto, suonato, registrato e mixato le 6 tracce in scaletta. Il brano migliore? "Archontes Take Control" perché è…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Ci piacciono sempre questi dischi che prendono il rock e lo imbastardiscono con fascinazioni varie e diverse: dal folk, al jazz, alla sperimentazione, passando per un’idea di pop che è...

Leggi Articolo »

THE SPELL OF DUCKS Soup

spell ducks soup
Senza infamia e senza lode, senza picchi né cadute rovinose. "Soup" è un EP che si lascia ascoltare e che nel contempo ci lascia qualche perplessità sulla proposta dei torinesi The Spell of Ducks, che usano il folk in maniera piuttosto ordinaria, andando a personalizzare poco suono e arrangiamenti. Morale: i sei brani in scaletta non annoiano e flirtano spesso con il pop, . Il brano migliore è "So High".

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

Senza infamia e senza lode, senza picchi né cadute rovinose. “Soup” è un EP che si lascia ascoltare e che nel contempo ci lascia qualche perplessità sulla proposta dei torinesi...

Leggi Articolo »

MURUBUTU Tenebra è la notte ed altri racconti di buio e crepuscoli

murubutu tenebra notte
Questo nuovo album di Murubutu (dedicato alla notte) mette sul tavolo più conferme che novità - e non è una critica, semmai è un modo semplice per dire che ormai il Nostro ha scelto (da tempo) una strada, un percorso distante anni luce dalle mode del momento. Nella musica di Murubutu la trap non ci entra neppure di sbieco e le tematiche che fanno "brutto" sono declinate in narrazione per un pubblico maturo. Insomma, è rap cantautorale, senza fronzoli, senza grandi (e inutili) citazioni e con una discreta fruibilità pop. Roba da leccarsi i baffi, per un pubblico non…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Questo nuovo album di Murubutu (dedicato alla notte) mette sul tavolo più conferme che novità – e non è una critica, semmai è un modo semplice per dire che ormai...

Leggi Articolo »

FERRO SOLO Almost Mine: The Unexpected Rise and Sudden Demise of Fernando - Part 1

ferro solo
"Almost Mine: The Unexpected Rise and Sudden Demise of Fernando - Part 1" è l’album di debutto di Ferro Solo, ovvero Ferruccio Quercetti, da più di vent’anni chitarrista e cantante dei Cut, storica band di blues/punk/noise di stanza a Bologna. Il disco è un viaggio (piacevole) attorno alle coordinate del rock americano, con divagazioni nei territori del folk, del blues e ampie concessioni alla melodia, con brani come l'iniziale "It's a girl" (un pezzone), "Perfect Stranger", "Doppelgänger" oppure "He Spies" che danno la giusta misura del compact. Sinceramente le 12 canzoni in scaletta ci sono piaciute al primo ascolto,…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

“Almost Mine: The Unexpected Rise and Sudden Demise of Fernando – Part 1” è l’album di debutto di Ferro Solo, ovvero Ferruccio Quercetti, da più di vent’anni chitarrista e cantante...

Leggi Articolo »

MASSIMO VOLUME Il Nuotatore

massimo volume
Toh, un altro disco dei Massimo Volume. E' più o meno questo, quello che abbiamo pensato appena messo su "Il Nuotatore": entusiasmo poco, curiosità poca, pregiudizi tanti. E invece il nuovo lavoro di Emidio Clementi e soci non è malaccio: estremamente interessante dal punto di vista lirico (le storie hanno profondità e personalità), accettabile sotto il piano sonoro, anche se ci sono più ombre che luci, soprattutto nell'arrangiamento e nelle chitarre troppo simili in troppi pezzi. Insomma, per essere il disco di una band che ha attraversato indenne gli Anni Novanta, niente male. Il meglio è alle spalle, ma…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Toh, un altro disco dei Massimo Volume. E’ più o meno questo, quello che abbiamo pensato appena messo su “Il Nuotatore“: entusiasmo poco, curiosità poca, pregiudizi tanti. E invece il...

Leggi Articolo »

ALICE TAMBOURINE LOVER Down Below

alice tambourine lover
Chiunque scriverà male di questo album - sappiatelo - dimostrerà automaticamente tre cose: uno spiccato cattivo gusto, un'incapacità (altrettanto spiccata) di riconoscere il bello e una evidente (o spiccata, per restare in tema) malafede. Questo per dire che "Down Below" è un disco oggettivamente interessante, bello, scritto e prodotto bene, al quale forse manca un singolo forte, cioè capace di andare oltre il circuito indipendente. Per carità, il compact ha pezzi come "Follow" e "Train" che sono estremamente validi, ma per andare oltre certi recinti ci vogliono - ahinoi - pezzi più ruffiani. In scaletta 8 episodi per circa…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Chiunque scriverà male di questo album – sappiatelo – dimostrerà automaticamente tre cose: uno spiccato cattivo gusto, un’incapacità (altrettanto spiccata) di riconoscere il bello e una evidente (o spiccata, per...

Leggi Articolo »

LIBERATO Liberato

liberato
E alla fine il disco l'ha tirato fuori. Lo ha fatto mettendo sul tavolo altri cinque pezzi, accompagnati da altrettanti video di Francesco Lettieri a comporre un piccolo film con una storia autoconclusiva. Insomma, abbiamo finalmente il disco di Liberato, disco che negli ultimi anni si è andato a comporre un po' alla volta e - all'apparenza - senza un programma preciso: pezzi centellinati, qualche live, video bellissimi e mistero sparso a piene mani, con l'ombra di Livio Cori (noi non crediamo sia lui, Liberato) ad allungarsi sul progetto. Al netto però di tutto quello che negli ultimi anni…

Score

QUALITA' - 90%

90%

90

E alla fine il disco l’ha tirato fuori. Lo ha fatto mettendo sul tavolo altri cinque pezzi, accompagnati da altrettanti video di Francesco Lettieri a comporre un piccolo film con...

Leggi Articolo »

SARAH STRIDE Prima Che Gli Assassini

sarah stride
"Prima Che Gli Assassini" ci dice diverse cose. Ci dice che Sarah Stride sta ancora cercando una sua strada e attualmente ondeggia tra passato e futuro, tra un cantautorato rivisitato e il coraggio di abbracciare sonorità moderne, inzuppate di un'elettronica carina ed elegante. Ci dice anche che Sarah Stride è molto gradevole quando libera la voce ("Le catene corte"), mentre quando si fa intima perde qualcosina, forse penalizzata (vedi "Madre", ad esempio) da arrangiamenti non proprio azzeccati. Insomma, "Prima Che Gli Assassini" è un disco che saltella sopra le buche e a volte ci finisce dentro. Sinceramente avremmo tolto…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

“Prima Che Gli Assassini” ci dice diverse cose. Ci dice che Sarah Stride sta ancora cercando una sua strada e attualmente ondeggia tra passato e futuro, tra un cantautorato rivisitato...

Leggi Articolo »

PAOLA RUSSO Non è colpa mia

paola russo
“Non è colpa mia” è il disco d’esordio della cantautrice e musicista siciliana Paola Russo, prodotto, registrato e mixato presso l’Indigo Studio di Palermo da Donato Di Trapani e Fabio Rizzo e masterizzato da Giovanni Versari. Scaletta rapida: 9 pezzi per 30 minuti di musica. Il lavoro è caratterizzato da idee che girano tutte attorno alle coordinate del pop-elettronico, con ampie concessioni alla tradizione cantautoriale italiana. Il disco è estremamente accessibile già al primo ascolto, forte di ritornelli semplici, aperti, diretti, e arrangiamenti che rimandano alla generosa stagione degli Anni Ottanta. Insomma, nulla di originale, ma la proposta riesce fin…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

“Non è colpa mia” è il disco d’esordio della cantautrice e musicista siciliana Paola Russo, prodotto, registrato e mixato presso l’Indigo Studio di Palermo da Donato Di Trapani e Fabio Rizzo...

Leggi Articolo »