IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni (pagina 20)

Recensioni

PICCOLA ORCHESTRA KARASCIÒ Qualcosa mi sfugge

piccola orchestra karascio qualcosa sfugge
"Qualcosa mi sfugge" è il terzo lavoro della Piccola Orchestra Karasciò. E' un disco di folk cantautorale che suona abbastanza simile a tante cose già sentite in Italia negli Anni Duemila (Bandabardò, Casa del Vento, Modena City Ramblers e via così), con la differenza che in questo caso la canzone d'autore reclama più spazio rispetto al folk. Se "Qualcosa mi sfugge" fosse un cocktail potremmo tranquillamente comporlo con due parti di canzone d'autore, una parte di folk e poi un po' di soda spruzzata per rendere il tutto leggermente frizzante. Entrando ancora più nel dettaglio, diciamo che la parte musicale…

Score

QUALITA' - 51%

51%

51

“Qualcosa mi sfugge” è il terzo lavoro della Piccola Orchestra Karasciò. E’ un disco di folk cantautorale che suona abbastanza simile a tante cose già sentite in Italia negli Anni Duemila...

Leggi Articolo »

JOE VICTOR Night Mistakes

joe victor night mistakes
Un bel bordello sonoro. I Joe Victor con "Night Mistakes" ci riportano negli Anni Settanta, a un'idea di suono che è all'apparenza vintage, ma qui riproposta con un'energia moderna, attuale. Insomma, le fascinazioni arrivano dal passato, da un folk-pop-rock che in Italia si è un po' perso di vista in ambito indipendente (salvo rarissimi casi) e che in quest'occasione è cotto a fuoco alto e pronto per la pista da ballo, magari rispolverando anche qualche pantalone a zampa. . Non tutte le canzoni in scaletta colpiscono…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

Un bel bordello sonoro. I Joe Victor con “Night Mistakes” ci riportano negli Anni Settanta, a un’idea di suono che è all’apparenza vintage, ma qui riproposta con un’energia moderna, attuale....

Leggi Articolo »

TULIPA RUIZ Dancê

tulipa ruiz dance
"Dancê" è il terzo album in studio della cantante Tulipa Ruiz. Il disco ha vinto il Grammy latino come miglior album pop contemporaneo brasiliano ed è stato prodotto da Gustavo Ruiz, fratello dell’artista, chitarrista e coautore in 10 delle 11 nuove composizioni. Il disco gravita attorno alle coordinate del pop e della world music, ma dall’inizio alla fine è concepito per ballare. «E' un compact per lasciarsi andare». Così ha parlato Gustavo Ruiz. E in effetti è un disco frizzante, potente, dal suono accattivante, che sa conquistarsi l'attenzione dell'ascoltatore al primo contatto. La voce di Tulipa è perfetta, molto…

Score

QUALITA' - 78%

78%

78

“Dancê” è il terzo album in studio della cantante Tulipa Ruiz. Il disco ha vinto il Grammy latino come miglior album pop contemporaneo brasiliano ed è stato prodotto da Gustavo...

Leggi Articolo »

MICHELE SCERRA Torneranno i poeti

michele scerra torneranno poeti
"Torneranno i poeti" è un disco cantautorale dove la buonissima penna di Michele Scerra incontra qua e là fascinazioni sonore diverse, fra cui folk, blues e pop. Ma la base portante è cantautorale. : intanto Scerra non cade nell'errore (commesso generalmente da 2 artisti su 3 che si affacciano nei territori della canzone d'autore) di risultare "troppo simile a...": il suo stile ha contorni definiti e non pesca dai Maestri del genere. Un altro punto a suo favore è legato alle storie che racconta: credibili, scritte…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

“Torneranno i poeti” è un disco cantautorale dove la buonissima penna di Michele Scerra incontra qua e là fascinazioni sonore diverse, fra cui folk, blues e pop. Ma la base...

Leggi Articolo »

PAUL DRAPER Spooky Action

paul draper spooky action
Dischi come "Spooky Action" sono i più facili da recensire, perché pure un bambino, dopo 3 o 4 canzoni, avrebbe già le idee chiare. E' la forza della qualità, bellezza. Se una cosa ha spessore, te ne accorgi subito, non serve neppure dilungarsi troppo in ascolti su ascolti oppure mettersi a cercare una doppia lettura. "Spooky Action" è un disco solido, ben strutturato, generoso di idee e in costante bilico fra pop, rock, epicità e azzardi. Paul Draper è stato il frontman dei Mansun, una delle band più iconiche della fine degli Anni '90. Durante il loro picco di successo…

Score

QUALITA' - 79%

79%

79

Dischi come “Spooky Action” sono i più facili da recensire, perché pure un bambino, dopo 3 o 4 canzoni, avrebbe già le idee chiare. E’ la forza della qualità, bellezza....

Leggi Articolo »

INDUSTRIA ONIRICA Inganni

industria onirica inganni
“Inganni” è stato prodotto da LeLe Battista, ed è il primo EP di inediti dell'Industria Onirica, band pop-rock veneta che partendo dal fascino per le opere di Battiato, mette nel calderone un po' di elettronica, un po' di De Gregori, qualcosina di Guccini e prova a dare un senso compiuto al miscuglio. . "Inganni" è infatti il classico disco che si guarda troppo allo specchio, che nonostante il tourbillon di parole ha poco da dire e che dal punto di vista musicale…

Score

QUALITA' - 49%

49%

49

“Inganni” è stato prodotto da LeLe Battista, ed è il primo EP di inediti dell’Industria Onirica, band pop-rock veneta che partendo dal fascino per le opere di Battiato, mette nel...

Leggi Articolo »

AIRT’O Genus

airto genus
C'è tanto della lezione di Lucio Battisti in "Genus", primo album di Airt’o. Parliamo di un lavoro che cerca fortune nei battutissimi territori del pop, facendosi forza su una manciata di ottime idee e su un suono bello corposo, attuale e a tratti latineggiante. La tradizione e il presente si prendono per mano con naturalezza, e l'ascolto risulta estremamente fluido, piacevole. Sono tre le cose che convincono di "Genus": Airto Pozzato sa interpretare senza strafare, le ballate caratterizzano alla grande il disco e alcune melodie ("Un complicato pensiero", "L'alba dei tramonti" e "Qualcosa non va", i tre episodi migliori) fanno…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

C’è tanto della lezione di Lucio Battisti in “Genus“, primo album di Airt’o. Parliamo di un lavoro che cerca fortune nei battutissimi territori del pop, facendosi forza su una manciata...

Leggi Articolo »

DANIELE COCCIA PAIFELMAN Il cielo di sotto

daniele coccia paifelman cielo sotto
"Il cielo di sotto" è il disco d’esordio di Daniele Coccia Paifelman, già autore, cantante e fondatore de Il Muro del Canto. L’album è stato prodotto da Piotta ed Emiliano Rubbi per La Grande Onda/La Zona, ed è essenzialmente un lavoro dove il cantaurorato vecchio stile (si trovano similitudini, a livello stilistico, con De Andrè, Ciampi, Tenco) incrocia il blues e il folk. La voce particolarissima di Coccia marchia a fuoco tutti i brani in scaletta e spesso dà sangue anche a qualche pezzo piuttosto anemico dal punto di vista sonoro. Ecco, il disco è facilmente giudicabile se parte…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

“Il cielo di sotto” è il disco d’esordio di Daniele Coccia Paifelman, già autore, cantante e fondatore de Il Muro del Canto. L’album è stato prodotto da Piotta ed Emiliano...

Leggi Articolo »

GIO MANNUCCI Acquario

gio mannucci acquario
"Acquario" è il primo disco solista di Gio Mannucci ed è stato prodotto dal sempre valido Ale Bavo. E' un album dove il pop è la colonna portante, e tutto attorno un'elettronica mai invadente e sempre utile alla causa. L'atmosfera generale è delicata, rimanda a un cantautorato vintage, i toni sono gentili più che provocatori e la voce di Mannucci è piacevole. Purtroppo l'album convince a fasi alterne: sotto l'aspetto lirico, il compact non ha particolari slanci e la scrittura è sufficiente; dal punto di vista musicale, "Acquario" difetta di quell'incisività necessaria per farsi spazio nell'affollato mondo del pop alternativo italiano.…

Score

QUALITA' - 55%

55%

55

“Acquario” è il primo disco solista di Gio Mannucci ed è stato prodotto dal sempre valido Ale Bavo. E’ un album dove il pop è la colonna portante, e tutto...

Leggi Articolo »

ALTRE DI B Miranda!

altre di b miranda
"Miranda!" è un disco stranissimo: è fatto da una band italiana (e non sembra) ed ha un suono vario, tutt'altro che accessibile ai primi ascolti. E' l'album (di rock alternativo) di una band italiana che però di italiano ha poco, a partire dalle melodie, lavorate con quella sfrontatezza che è tipica degli americani (gente che il rock l'ha maneggiato quando ancora noi ce lo menavamo con il Bel Canto), e poi ci sono gli arrangiamenti che guardano al pop e al punk senza forzare la mano. Insomma, è difficile, con pochi ascolti, farsi un'idea del terzo disco dei bolognesi Altre di…

Score

QUALITA' - 62%

62%

62

“Miranda!” è un disco stranissimo: è fatto da una band italiana (e non sembra) ed ha un suono vario, tutt’altro che accessibile ai primi ascolti. E’ l’album (di rock alternativo)...

Leggi Articolo »