IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni (pagina 20)

Recensioni

LE FURIE Il futuro è nella testa

le furie futuro nella testa
L'abbiamo ascoltato veramente tante volte, questo "Il futuro è nella testa". Così tante volte che conosciamo quasi i testi a memoria. La scelta di soffermarci più del solito su questo lavoro è nata dall'esigenza di toglierci i dubbi che, ascolto dopo ascolto, restavano sempre. Alla fine siamo giunti alla conclusione che "Il futuro è nella testa" è tanto fumo e poco arrosto. Ok, ci sono delle linee melodiche interessanti, gli arrangiamenti sono semplici ed efficaci e non c'è mai voglia di strafare. Ma stringi stringi non c'è nulla di particolarmente significativo nel panorama musicale e lirico proposto. E' tutto…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

L’abbiamo ascoltato veramente tante volte, questo “Il futuro è nella testa“. Così tante volte che conosciamo quasi i testi a memoria. La scelta di soffermarci più del solito su questo...

Leggi Articolo »

NON GIOVANNI Stare bene

non giovanni stare bene
Impalpabile. "Stare bene" è un disco impalpabile. Il pop proposto da Non Giovanni (Giovanni Santese) parla di quotidianità, di vita, di amore, di figli, di paura e di bellezza. . Male le rime usate per chiudere la maggior parte delle strofe, in certi passaggi sembrano persino incomplete o…

Score

QUALITA' - 45%

45%

45

Impalpabile. “Stare bene” è un disco impalpabile. Il pop proposto da Non Giovanni (Giovanni Santese) parla di quotidianità, di vita, di amore, di figli, di paura e di bellezza. Tutte...

Leggi Articolo »

LALI PUNA Two Windows

lali puna two windows
Si può fare un disco di qualità ma... noioso? I Lali Puna l'hanno fatto. "Two Windows" è un disco con un'elettronica di qualità, ma la band tedesca ha clamorosamente sbagliato la durata (quasi 50 minuti sono un'eternità per il materiale a disposizione) e va imputata loro la colpa di aver scelto la strada comoda del compitino, senza alcuna divagazione attorno al tema centrale. In soldoni: il disco suona bene, ha una bella produzione, ma non c'è azzardo al suo interno, non ci sono rischi, né curve in contromano. E' tutto calmino ed educato. Un'elettronica che non fa rumore, che…

Score

QUALITA' - 55%

55%

55

Si può fare un disco di qualità ma… noioso? I Lali Puna l’hanno fatto. “Two Windows” è un disco con un’elettronica di qualità, ma la band tedesca ha clamorosamente sbagliato...

Leggi Articolo »

SABER SYSTÈME Nuevo Mundo

saber systeme nuevo mundo
Da "Nuevo Mundo" noi avremmo tolto un po' di flauti: in alcuni passaggi ci azzeccano come i proverbiali cavoli a merenda. E già che siamo in vena di critiche, avremmo scelto anche un nome della band più facile da ricordare rispetto allo scioglilingua Saber Système. Chiusa la parentesi e veniamo alle cose positive, che sono tante, tantissime. Perché l'album gira attorno a una world music infarcita di elettronica e linee melodiche accattivanti. Stentiamo a credere che il gruppo sia composto da sette ragazzi con un'età fra i 18 e i 20 anni. Questo perché il compact ha maturità e un'idea…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Da “Nuevo Mundo” noi avremmo tolto un po’ di flauti: in alcuni passaggi ci azzeccano come i proverbiali cavoli a merenda. E già che siamo in vena di critiche, avremmo...

Leggi Articolo »

LA METRALLI Lanimante

metralli lanimante
Non è facile inquadrare in uno scatto solo il sound di "Lanimante". . Forse sulle linee melodiche si è usato il braccino, nel senso che potevano essere "liberate" maggiormente, ma nel complesso il disco ha valore e soprattutto porta con sé in dote una buona dose di originalità. I testi sono profondi e scritti in…

Score

QUALITA' - 65%

65%

65

Non è facile inquadrare in uno scatto solo il sound di “Lanimante“. Potremmo parlare genericamente di cantautorato, ma ci sono altre sfumature (sonore) che rendono la parte musicale ricca di...

Leggi Articolo »

LACOLPA Mea Maxima Culpa

lacolpa mea maxima culpa
"Mea Maxima Culpa" è una botta metal con tanto noise ad arricchire il contenuto e un panorama nero che più nero non si potrebbe. Ascoltando l'album troverete la copertina sin giocosa e allegra. Questo per dire che il muro di suono proposto dagli alessandrini è veramente solenne e cupo, ma anche espressivo al punto giusto. Le parole vengono sussurrate e le linee melodiche sono bandite. Non c'è voglia di assecondare l'ascoltatore, ma soltanto di scuoterlo e colpirlo forte. Il disco si compone di tre tracce extra large e sfiora i 40 minuti di durata. E' un buon lavoro? Se…

Score

QUALITA' - 62%

62%

62

“Mea Maxima Culpa” è una botta metal con tanto noise ad arricchire il contenuto e un panorama nero che più nero non si potrebbe. Ascoltando l’album troverete la copertina sin...

Leggi Articolo »

CASE DI VETRO Bon Voyage

case vetro bon voyage
Alfonso Fanella è il cantante dei genovesi Case di Vetro, ed ha una voce particolare, quel tipo di voce che o ti piace subito, oppure trovi insopportabile. Ecco, diciamo che a noi non piace. Ma in generale è "Bon Voyage" a non piacerci. E i motivi sono presto detti: propone un cantautorato con accenti pop e schitarrate shoegaze che non impressiona granché, inoltre l'immaginario lirico pesca da una quotidianità piuttosto anonima. Parte musicale e testi viaggiano su binari che tendono ad allontanarsi invece che completarsi e fondersi. Si salvano alcune linee melodiche e poco altro. L'album dura appena 25 minuti,…

Score

QUALITA' - 49%

49%

49

Alfonso Fanella è il cantante dei genovesi Case di Vetro, ed ha una voce particolare, quel tipo di voce che o ti piace subito, oppure trovi insopportabile. Ecco, diciamo che a...

Leggi Articolo »

TWEE Mango

twee mango
Trenta minuti di pop intelligente. Roba che alle major (di solito) fa leccare i baffi. E invece “Mango”, il disco d'esordio dei piemontesi Twee, uscirà l'8 settembre come autoproduzione. Le dieci canzoni in scaletta sono cantante (in inglese) con il piglio di chi sa di avere per le mani dell'ottimo materiale e non tradiscono anche dopo diversi ascolti. Intendiamoci, i Twee non hanno inventato nulla, il loro è un pop a tinte americane che all'estero ha già trovato diverse declinazioni negli ultimi due lustri, però il risultato finale è sfizioso, frizzante, in poche parole, bello. La prima parte è…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Trenta minuti di pop intelligente. Roba che alle major (di solito) fa leccare i baffi. E invece “Mango”, il disco d’esordio dei piemontesi Twee, uscirà l’8 settembre come autoproduzione. Le...

Leggi Articolo »

GODBLESSCOMPUTERS Solchi

godblesscomputers solchi
Ha sempre un tocco delizioso Godblesscomputers. Anche se va detto che "Solchi" funziona alla grande quando sulla scena fanno la loro comparsa delle personalità forti, è il caso di "How About U" con la presenza di Davide Shorty, e di "Life on Fire" con la presenza di Paolo Baldini. Per il resto, il disco ha un profilo che muta di traccia in traccia. Il producer bolognese mescola fascinazioni elettroniche diverse, lasciando libera la sua musica di spaziare fra Europa e lidi vicini e lontani, tra rock, soul, pop e hip hop. I richiami a certe costruzioni elettroniche tipicamente Anni Novanta…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Ha sempre un tocco delizioso Godblesscomputers. Anche se va detto che “Solchi” funziona alla grande quando sulla scena fanno la loro comparsa delle personalità forti, è il caso di “How...

Leggi Articolo »

PERFECT CLUSTER Flow

perfect cluster flow
Partiamo dagli aspetti negativi: il disco dura troppo (oltre 50 minuti), nel finale perde qualcosa e l'artwork è bruttino. Per il resto "Flow" è un album fighissimo. I Perfect Cluster mettono in fila 11 brani che si muovono soprattutto lungo le coordinate dell'alternative rock, dell'elettronica, dell'industrial. Un flusso che ha una discreta fruibilità pop: infatti diversi pezzi riescono a offrire dei ritornelli intelligenti. Intendiamoci, è un pop tutt'altro che... morbido, ma le linee melodiche sono accattivanti. Naturalmente è la parte musicale il pezzo forte di questo disco: c'è forza espressiva, ci sono idee, ci sono arrangiamenti efficaci. E ci sono le canzoni: un…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Partiamo dagli aspetti negativi: il disco dura troppo (oltre 50 minuti), nel finale perde qualcosa e l’artwork è bruttino. Per il resto “Flow” è un album fighissimo. I Perfect Cluster mettono in fila 11...

Leggi Articolo »