IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni (pagina 5)

Recensioni

CAMPOS Umani, vento e piante

campos
"Umani, vento e piante" è un disco di pop, folk, elettronica che per il panorama italiano è merce rara, perché solitamente album così ben prodotti e assemblati (nel suono) siamo abituati a trovarli sugli scaffali stranieri, oppure a comprarli d'importazione in Italia. Questo per dire che è un lavoro rischioso per il mercato nostrano e - ahinoi, inevitabilmente - destinato a un pubblico di nicchia. Peccato, perché la forza di questi dischi sta nella loro capacità di aprirti la mente, di proiettarti su panorami nuovi e meno battuti, che lambiscono la sperimentazione. A noi il nuovo lavoro dei pisani…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

“Umani, vento e piante” è un disco di pop, folk, elettronica che per il panorama italiano è merce rara, perché solitamente album così ben prodotti e assemblati (nel suono) siamo...

Leggi Articolo »

RONCEA Presente

roncea presente
Roncea non è super in niente ma è come le vecchie Fiat, cioè accettabile. Il suo "Presente" è un disco (vagamente pop) di canzoni d'autore... giovanili, prodotte bene da Manuel Volpe, e arrangiate con qualità. Stop. Il resto è contorno, a tratti gradevole, a tratti anonimo, a tratti migliorabile, a tratti non particolarmente ispirato. Mai drammaticamente brutto o inutile. E' musica che resta in un limbo: l'ascolti con piacere una volta, idem la seconda, alla terza fai già un po' di fatica e al quarto ascolto non vedi l'ora di passare al disco successivo. In scaletta 9 episodi per…

Score

QUALITA' - 51%

51%

51

Roncea non è super in niente ma è come le vecchie Fiat, cioè accettabile. Il suo “Presente” è un disco (vagamente pop) di canzoni d’autore… giovanili, prodotte bene da Manuel...

Leggi Articolo »

LAROCCA Ventizerotre

larocca ventizerotre
Disco strano ma anche... normale, quello del pugliese Larocca, che porta in dote tutti i limiti tipici degli esordi: un'idea di suono non ancora definita, arrangiamenti che ondeggiano fra generi diversi (rock e canzone d'autore, nel caso specifico) e una proposta che in diversi passaggi omaggia con troppa riverenza i grandi del cantautorato italico. In scaletta 10 brani. Quando il Nostro fa il cantautore "vecchio", entusiasma pochino - malgrado una buona proprietà di scrittura e una bella voce. Molto meglio quando si prende dei rischi, come negli episodi "Contorni" (che ricorda vaghissimamente "Glory Box" dei Portishead) e "Presto o tardi",…

Score

QUALITA' - 61%

61%

61

Disco strano ma anche… normale, quello del pugliese Larocca, che porta in dote tutti i limiti tipici degli esordi: un’idea di suono non ancora definita, arrangiamenti che ondeggiano fra generi...

Leggi Articolo »

NERO KANE Love in a dying world

nero kane love in a dying world
Nero Kane (all'anagrafe Marco Mezzadri) è un musicista milanese che con la sua voce e la sua chitarra batte i territori del folk-rock-blues, con ampia fiducia nei panorami desertici americani. Il suo "Love in a dying world" è un muoversi lento e inesorabile dentro la notte. Non ci sono aperture di credito alla luce, e il disco ha un mood così preciso che persino l'ascolto diurno infastidisce. "Love in a dying world" è un album notturno, fatto per anime notturne, ideale per chi ha smarrito la strada ma non vuole perdere contatto con la realtà, con i ricordi, con l'auspicio di…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Nero Kane (all’anagrafe Marco Mezzadri) è un musicista milanese che con la sua voce e la sua chitarra batte i territori del folk-rock-blues, con ampia fiducia nei panorami desertici americani. Il...

Leggi Articolo »

EKAT BORK Kontrol

ekat bork kontrol
Quattro pezzi, una canzone più interessante dell'altra, e un'atmosfera generale che è pura tensione emotiva, con l'elettronica a giocare un ruolo determinate. Insomma, "Kontrol" è un EP che ci piace, e i motivi sono presto detti: Ekat Bork canta meravigliosamente bene, produzione e arrangiamenti sono eleganti ed efficaci, e poi c'è oscurità e speranza lungo la scaletta, e questo contribuisce a rendere il percorso vario e stimolante. Se vi piace giocare con i paragoni, . In conclusione: un…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

Quattro pezzi, una canzone più interessante dell’altra, e un’atmosfera generale che è pura tensione emotiva, con l’elettronica a giocare un ruolo determinate. Insomma, “Kontrol” è un EP che ci piace,...

Leggi Articolo »

ELLI DE MON Songs Of Mercy And Desire

elli de mon
Elli de Mon ci sa fare, e il suo blues desertico - in certi frangenti, ad esempio "Elegy" - rimanda anche alla primissima PJ Harvey. Ma è tutto l'album ad avere una tensione sotterranea che porta l'ascoltatore in una dimensione "altra", intima, a tratti confidenziale. Nel gioco di accelerazioni e frenate, a noi "Songs Of Mercy And Desire" piace parecchio quando abbassa i ritmi. Un disco funziona quando, al di là della passione che può avere l'ascoltatore per un genere o per un altro, alla fine riesce a comunicare un messaggio e a farsi notare. In quest'ottica, la scommessa…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Elli de Mon ci sa fare, e il suo blues desertico – in certi frangenti, ad esempio “Elegy” – rimanda anche alla primissima PJ Harvey. Ma è tutto l’album ad...

Leggi Articolo »

LA NOTTE DELLE STREGHE Klondike

la notte delle streghe klondike
Un po' De Andrè, un po' Le luci della centrale elettrica. Ma è solo un gioco di rimandi, perché "Klondike" vive di luce propria, è un disco che si basa su tre cardini: ha qualcosa da dire, propone un folk cantautorale moderno, è cantato ottimamente. L'album solista del cantautore bolognese Marco Degli Esposti, in arte La Notte delle Streghe, convince dal primo all'ultimo brano, nonostante un paio di episodi richiedano all'ascoltatore il massimo dell'attenzione, perché extralarge e distanti dalla classica struttura-canzone di 4 minuti. Marco Degli Esposti esagera, libera una poetica generosa di spunti narrativi e premia la pazienza dell'ascoltatore…

Score

QUALITA' - 76%

76%

76

Un po’ De Andrè, un po’ Le luci della centrale elettrica. Ma è solo un gioco di rimandi, perché “Klondike” vive di luce propria, è un disco che si basa...

Leggi Articolo »

NAILS AND CASTLES Still Chasing You

nails castles
Ancora non ci siamo. Lungo la via che porta a uno stile, i Nails and Castles ancora non hanno imboccato le curve giuste, però il passo è quello deciso di chi ha voglia di mettersi in discussione e di prendersi dei rischi. Ecco perché - al netto dei difetti del loro "Still Chasing You" - guardiamo con un certo favore al loro futuro: c'è una base sulla quale poter lavorare. In scaletta 8 pezzi (veloci) per 23 minuti di musica. L'immaginario dal quale attingono a piene mani è quello degli Anni Ottanta, valorizzato da un cantato (in inglese) espressivo e…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

Ancora non ci siamo. Lungo la via che porta a uno stile, i Nails and Castles ancora non hanno imboccato le curve giuste, però il passo è quello deciso di chi...

Leggi Articolo »

KROS Rough Romances

kros rough romances
Quello dei Kros è un errore che fanno in tanti in ambito indipendente, specialmente quando sono agli esordi, cioè concentrarsi troppo sull'atmosfera, sull'insieme, perdendo di vista la banalissima idea che una canzone debba prima di tutto avere una propria matrice, una forza in grado di trovare asilo in un ambiente che ormai sforna brani a getto continuo. Questo per dire che "Rough Romances" è un album di folk-rock-elettronica che non è né carne né pesce, troppo moscio per sorprendere, privo di rischi per spiccare il volo. In scaletta 5 brani per una ventina di minuti di musica. Quasi tutti…

Score

QUALITA' - 47%

47%

47

Quello dei Kros è un errore che fanno in tanti in ambito indipendente, specialmente quando sono agli esordi, cioè concentrarsi troppo sull’atmosfera, sull’insieme, perdendo di vista la banalissima idea che...

Leggi Articolo »

BANANA JOE SuperVintage

banana joe supervintage
Tecnicamente molto bravi, non c'è che dire. "SuperVintage" ha diverse parti di chitarra che sono una gioia per l'ascoltatore: potenti, ben calibrate, che rimandano a un immaginario Anni Settanta che non è mai fuori moda nel rock contemporaneo. . Perché alla fine il loro debutto - in italiano - sembra più un disco di cover che un lavoro con una identità precisa, a fuoco. Questo per dire che le canzoni sono tutte gradevoli ma non hanno gambe solide per restare oltre i classici…

Score

QUALITA' - 54%

54%

54

Tecnicamente molto bravi, non c’è che dire. “SuperVintage” ha diverse parti di chitarra che sono una gioia per l’ascoltatore: potenti, ben calibrate, che rimandano a un immaginario Anni Settanta che...

Leggi Articolo »