IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni (pagina 50)

Recensioni

CLARK Death Peak

clark death peak
A farci scoprire Clark è stata Tying Tiffany, che un paio di anni fa, compilando le sue "five songs", ci mise dentro "Black Stone" (tratto da "Iradelphic"), un brano particolare con un video che non puoi dimenticare dopo averlo visto. "Death Peak" è il nuovo disco di Clark ed è fatto di un'elettronica fuori dagli schemi. Le capacità del producer britannico sono qui tese verso due obiettivi: creare un suono corposo, solido, di chiara matrice mitteleruropea, e nel contempo fornire un'anima, qualcosa di vivo, alle sue tracce. Il risultato è un album che soddisfa entrambe le intenzioni di partenza. Il suono…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

A farci scoprire Clark è stata Tying Tiffany, che un paio di anni fa, compilando le sue “five songs“, ci mise dentro “Black Stone” (tratto da “Iradelphic”), un brano particolare...

Leggi Articolo »

TERSØ L'altra parte

terso altra parte
La parte musicale è apprezzabile, sui testi invece c'è da lavorare ancora parecchio. "L'altra parte" dice sostanzialmente questo. . Le linee melodiche sono sufficienti anche se si sarebbe potuto spingere maggiormente sull'acceleratore per dare ulteriore rotondità all'orecchiabilità, che in alcuni passaggi sembra un po' strozzata. Sono i testi il vero problema: molto cerebrali, con un immaginario ambizioso che però non premia la buona volontà dell'ascoltatore. La bella voce di Marta Moretti ci…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

La parte musicale è apprezzabile, sui testi invece c’è da lavorare ancora parecchio. “L’altra parte” dice sostanzialmente questo. Nell’EP d’esordio dei Tersø, band bolognese che debutta per l’etichetta Locale Internazionale,...

Leggi Articolo »

TECHNOIR NeMui

technoir nemui
Classico disco che può raccogliere opinioni diverse ma anche pareri che possono completarsi a vicenda. Questo perché "NeMui" (acronimo di New Ecosystem Musically Improved) è un album che ha senza dubbio punti di forza: l'abbinamento soul ed elettronica funziona, la voce di Jennifer Villa è un bel valore aggiunto e Alexandros Phoenix produce con mano ferma. Tutto suona, insomma, abbastanza bene, ma l'originalità non abita qui, perché il progetto saccheggia spudoratamente fascinazioni elettroniche provenienti da Oltralpe e Paesi vicini, aggiungendo un po' di melodia, un filino di sperimentazione fighettina e qualche vago richiamo esotico. "NeMui" è ottimo come sottofondo musicale, perché è poco…

Score

QUALITA' - 55%

55%

55

Classico disco che può raccogliere opinioni diverse ma anche pareri che possono completarsi a vicenda. Questo perché “NeMui” (acronimo di New Ecosystem Musically Improved) è un album che ha senza dubbio punti...

Leggi Articolo »

OLLA A day of a thousand years

olla day thousand years
Vi è mai capitato di tenere accesa una candela o una fiamma qualsiasi controvento? Ecco, per definire il disco dei torinesi Olla potremmo rifarci a questa immagine: i Nostri hanno delle buone linee melodiche, ma alla fine la fiammella si spegne quasi sempre sul più bello. Prendete una canzone come “Live Visuals And Love”: bellissimo inizio con il pianoforte e 20 secondi che sono pura poesia, l'atmosfera è quella giusta, ma zac, lo sviluppo non premia le buone intenzioni dei piemontesi, che per tutto l'album fanno 30 e mai 31, gli manca quell'ultimo colpo di mano in grado di chiudere il cerchio.…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

Vi è mai capitato di tenere accesa una candela o una fiamma qualsiasi controvento? Ecco, per definire il disco dei torinesi Olla potremmo rifarci a questa immagine: i Nostri hanno delle...

Leggi Articolo »

VÖK Figure

vok figure
"Figure" è una parola il cui significato muta in base ai diversi contesti di utilizzo: può significare “comprendere qualcosa”, ma anche far riferimento ad una figura nel buio, un corpo, una forma. Non c'è da stupirsi che la band islandese Vök, dal sound pop elettronico ma capace di improvvise e continue variazioni melodiche, abbia scelto proprio “Figure” come titolo per il suo album di debutto. Sottoscriviamo senza alcuna esitazione il comunicato stampa. Questi islandesi hanno un modo spregiudicato di maneggiare la melodia, di creare atmosfere che mutano di brano in brano. "Figure" è un album che, per essere un…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

“Figure” è una parola il cui significato muta in base ai diversi contesti di utilizzo: può significare “comprendere qualcosa”, ma anche far riferimento ad una figura nel buio, un corpo,...

Leggi Articolo »

CHIARA RAGNINI La differenza

chiara ragnini differenza
Nel suo precedente disco, "Il Giardino di Rose", parlava di "scoiattoli nel bosco" e in copertina appariva eterea. A distanza di cinque anni, ecco una nuova Chiara Ragnini. Anche se lei ha subito voluto tranquillizzare tutti: «Sono sempre io, solo che ora indosso un bel vestito nuovo e le scarpe per la festa». "La differenza" è un album di pop elettronico con testi intimi ma maturi - sotto questo aspetto, la crescita di Chiara è evidentissima: l'adolescenza e i suoi tormenti "post" sono stati definitivamente archiviati, ora la cantautrice genovese è più... donna (e meno ragazzina) e anche nella…

Score

QUALITA' - 61%

61%

61

Nel suo precedente disco, “Il Giardino di Rose”, parlava di “scoiattoli nel bosco” e in copertina appariva eterea. A distanza di cinque anni, ecco una nuova Chiara Ragnini. Anche se...

Leggi Articolo »

VIRGINIA WATERS Skinchanger

virginia waters skinchanger
Rock Anni Novanta, una certa propensione alla melodia e una voce - quella di Maria Teresa Tanzilli - che in diversi passaggi fa correre la mente dell'ascoltatore a Elisa. E' un disco piuttosto diretto, "Skinchanger", con qualche variazione attorno al tema centrale ("Until the last drop" e "A postcard from drink and drive")). . Apprezzabile la voglia di cercare l'orecchiabilità attraverso linee melodiche non banali o scontate, interessantissima la…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Rock Anni Novanta, una certa propensione alla melodia e una voce – quella di Maria Teresa Tanzilli – che in diversi passaggi fa correre la mente dell’ascoltatore a Elisa. E’...

Leggi Articolo »

VOLCANO HEAT Black Mood Swings

volcano heat black mood swings
Il rock dei Volcano Heat non è originalissimo, e crediamo che non sia nelle intenzioni dei Nostri farsi paladini di chissà quali invenzioni sonore. I Volcano Heat non inventano nulla, fanno rock e lo fanno bene - tanto basta per farci apprezzare "Black Mood Swings", che è un disco molto diretto, con un tiro notevolissimo e una discreta fruibilità pop. In scaletta 12 pezzi per 43 minuti di musica. Le atmosfere sono cariche di tensione, gli arrangiamenti intelligenti e anche se un paio di pezzi li avremmo tenuti fuori per stare attorno ai 30 minuti, va detto che l'album non risulta indigesto…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Il rock dei Volcano Heat non è originalissimo, e crediamo che non sia nelle intenzioni dei Nostri farsi paladini di chissà quali invenzioni sonore. I Volcano Heat non inventano nulla, fanno rock e...

Leggi Articolo »

THE AFGHAN WHIGS In Spades

afghan whigs spades
Greg Dulli ha da poco superato i cinquant'anni, ma resta sempre un diabolico sciamano, un appiglio solido nell'inflazionato campo del rock americano. Lui sa come si fa. Anche nelle sue scorribande soliste aveva dimostrato di saperci fare, ma con gli Afghan Whigs è da sempre un'altra storia, l'incastro è perfetto. «Questo non è un disco tematico, ma segue un filo conduttore. Parla di come la  memoria finisca per confondersi con il presente molto rapidamente».  "In Spades" è il nuovo disco degli Afghan Whigs e dice che possiamo andare a dormire tranquilli stanotte: da qualche parte nel mondo c'è ancora chi…

Score

QUALITA' - 75%

75%

75

Greg Dulli ha da poco superato i cinquant’anni, ma resta sempre un diabolico sciamano, un appiglio solido nell’inflazionato campo del rock americano. Lui sa come si fa. Anche nelle sue...

Leggi Articolo »

VOSTOK La geometria delle abitudini

vostok geometria abitudini
Il progetto funziona ma può essere migliorato. Il nuovo album dei pugliesi Vostok è un viaggio fra intimità e pop alternativo, con atmosfere dai contorni perfettamente delineati e un potenziale sfruttato ma non del tutto. La parte musicale veste a dovere la bella voce di Mina Carlucci, contitolare del progetto assieme a Giuseppe Argentiero. . Purtroppo a limitare (e tanto) il disco sono i testi, che in alcuni passaggi sono poca cosa, finanche banali. A voler essere schematici (e un tantino superficiali), potremmo dire che ogni dieci versi ce…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Il progetto funziona ma può essere migliorato. Il nuovo album dei pugliesi Vostok è un viaggio fra intimità e pop alternativo, con atmosfere dai contorni perfettamente delineati e un potenziale...

Leggi Articolo »