IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni (pagina 50)

Recensioni

I PIXEL Mondo Vuoto

I PIXEL mondo vuoto
I Pixel sono un gruppo formatosi nella provincia di La Spezia sul finire del 2013. "Mondo Vuoto" è un EP di rock alternativo che ha abbastanza per piacere e possiede limiti che, forse, saranno colmati dal tempo. Partiamo dalle cose positive: . Non è cantautorato, intendiamoci, però diciamo che Negrita, Marlene Kuntz, Verdena e Afterhours hanno fatto una buona scuola a questi pischelli liguri. Per quanto riguarda originalità e soprattutto arrangiamenti crediamo si possa fare meglio, ma…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

I Pixel sono un gruppo formatosi nella provincia di La Spezia sul finire del 2013. “Mondo Vuoto” è un EP di rock alternativo che ha abbastanza per piacere e possiede limiti...

Leggi Articolo »

MOODWEL Explore

MOODWEL explore
I Moodwel sono un duo chitarra elettrica e synth, formato da due cugini toscani che condividono la stessa passione per la musica elettronica ma anche per le arti visive. “Explore” è il loro primo EP, ed è composto da quattro brani inediti e un ottimo remix a cura di Dat Vila. L'elettronica è qui usata per definire panorami ampi, non-luoghi fatti di ambient e impercettibili accenti rock. La mente è libera di correre per i fatti suoi e non ci sono grossi ostacoli nell'ascolto. Tutto fila abbastanza liscio, ma il suono non è originalissimo e troppo spesso i pezzi…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

I Moodwel sono un duo chitarra elettrica e synth, formato da due cugini toscani che condividono la stessa passione per la musica elettronica ma anche per le arti visive. “Explore”...

Leggi Articolo »

PSIKER Maximo

PSIKER maximo
L'originalità non abita qui, però "Maximo" ha una gradevole scorrevolezza. Il pop elettronico di Psiker non ha grosse pretese, tuttavia ha il merito di portare l'ascoltatore direttamente negli Anni Ottanta: un viaggio senza fermate intermedie. Ad accompagnarlo - in qualità di ospiti - anche il geniale Luca Urbani (Soerba e tanto altro) e Odette Di Maio (Soon). Psiker crea canzoncine mischiando concetti e significati, giocando spesso con la musicalità delle parole. Arrangiamenti e suono sono derivativi al massimo, ma è meglio guardare al bicchiere mezzo pieno: i ritornelli sono contagiosi e arrivi al minuto 35, cioè alla fine, che manco te ne accorgi.…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

L’originalità non abita qui, però “Maximo” ha una gradevole scorrevolezza. Il pop elettronico di Psiker non ha grosse pretese, tuttavia ha il merito di portare l’ascoltatore direttamente negli Anni Ottanta: un viaggio...

Leggi Articolo »

GLI ALTRI Prati, Ombre, Monoliti

GLI ALTRI prati ombre monoliti
Due cose, prima di iniziare con la recensione vera e propria: il disco è nato grazie alla coproduzione di 38(!) etichette indipendenti di Italia, Francia, Germania, Belgio, Gran Bretagna, Usa - fra queste, Taxi Driver Records, Dreamingorilla Records e Greenfog Records. Altra cosa, alla voce "influenze", sulla loro pagina Facebook i savonesi Gli Altri rispondono con un: "Troppe, pure Rihanna". Cominciamo col dire che "Prati, Ombre, Monoliti" è un buon disco. La base del suono è hardcore, ma ci sono ampie concessioni alla melodia e delle costruzioni sonore solide. Il genere di per sé non ammette grosse divagazioni attorno al…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

Due cose, prima di iniziare con la recensione vera e propria: il disco è nato grazie alla coproduzione di 38(!) etichette indipendenti di Italia, Francia, Germania, Belgio, Gran Bretagna, Usa...

Leggi Articolo »

SERENA ABRAMI Di Imperfezione

SERENA ABRAMI imperfezione
Partiamo subito con una valutazione estetica: davvero brutto l'artwork di "Di Imperfezione". Ok trasmettere il concetto di... imperfezione, ma le scritte nere (in piccolo) su sfondo scuro sono un pugno nell'occhio. Boh. Inoltre sembra l'artwork di un album di musica strumentale tedesca, c'azzecca poco o nulla col contenuto. Veniamo alla recensione. Quello di Serena Abrami è un disco di pop sofisticato. La cantautrice marchigiana canta bene - ci piacerebbe spingesse più l'acceleratore sull'interpretazione, ma è indiscutibilmente titolare di un bel talento vocale, che maneggia con disinvolta padronanza, dosando i rischi. In scaletta 11 pezzi per 43 minuti di musica: tutti i brani…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

Partiamo subito con una valutazione estetica: davvero brutto l’artwork di “Di Imperfezione“. Ok trasmettere il concetto di… imperfezione, ma le scritte nere (in piccolo) su sfondo scuro sono un pugno...

Leggi Articolo »

RADAR re-pop

RADAR re pop
Dal punto di vista squisitamente artistico, a noi "re-pop" è parso un lavoro privo di idee e con un'originalità ai minimi termini. Quello dei Radar (storico gruppo attivo negli Anni Ottanta) è un album dall'ascolto difficoltoso: il pop elettronico è mischiato a testi surreali che in alcuni passaggi strappano un mezzo sorriso, ma le 10 canzoni sono autoreferenziali. . Salviamo soltanto il singolo "Plastic People", con un testo di Aldo Nove. Inevitabile la bocciatura.

Score

QUALITA' - 45%

45%

45

Dal punto di vista squisitamente artistico, a noi “re-pop” è parso un lavoro privo di idee e con un’originalità ai minimi termini. Quello dei Radar (storico gruppo attivo negli Anni...

Leggi Articolo »

KENTO & THE VOODOO BROTHERS Da Sud

KENTO THE VOODOO BROTHERS da sud
"Da Sud" ha testi bellissimi, le parti musicali sono distanti dal classico hip hop (nuovo?) italiano, e vanno ad abbracciare il blues, il rock, quello delle radici, ma attenzione, non è crossover, è sempre rap ma con tinte varie e diverse. Insomma, veramente un album ben piantato. Se dovessimo giocare con i parallelismi, potremmo dire che con questo lavoro Kento e i The Voodoo Brothers hanno preso il meglio degli Assalti Frontali e hanno spinto il tutto in territori inesplorati. Qualcuno potrebbe obiettare che in America, 20 anni fa, già i Rage Against The Machine facevano robe del genere, che…

Score

QUALITA' - 77%

77%

77

“Da Sud” ha testi bellissimi, le parti musicali sono distanti dal classico hip hop (nuovo?) italiano, e vanno ad abbracciare il blues, il rock, quello delle radici, ma attenzione, non...

Leggi Articolo »

VIA LATTEA Questa terra

VIA LATTEA questa terra
La cartella stampa recita: “Questa terra” è l’album d’esordio dei toscani Via Lattea. Otto brani crudi e viscerali per fotografare un presente cupo, tra crisi umanitarie, guerre futuribili e nuovi muri che vengono costruiti. Un lavoro che non offre risposte ma, almeno, cerca di non far dimenticare le domande. Rock alternativo con ampie concessioni al cantautorato. Ecco le coordinate dei Via Lattea, che . Insomma, i Nostri sanno suonare - e a questi livelli non…

Score

QUALITA' - 52%

52%

52

La cartella stampa recita: “Questa terra” è l’album d’esordio dei toscani Via Lattea. Otto brani crudi e viscerali per fotografare un presente cupo, tra crisi umanitarie, guerre futuribili e nuovi...

Leggi Articolo »

MARYDOLLS Tutto Bene

MARYDOLLS tutto bene
"Tutto Bene" è un album di rock-pop alternativo. I testi hanno l'ambizione di guardare alla canzone d'autore, mentre dal punto di vista musicale la proposta non offre nulla di particolarmente originale, perché di cose simili la scena indipendente è strapiena. . Discorso a parte per "Berlino", che è una canzone totale che si ritaglia un suo spazio distante dal grigiore generale. Insomma, tante buone…

Score

QUALITA' - 52%

52%

52

“Tutto Bene” è un album di rock-pop alternativo. I testi hanno l’ambizione di guardare alla canzone d’autore, mentre dal punto di vista musicale la proposta non offre nulla di particolarmente originale, perché...

Leggi Articolo »

IN BETWEEN In Between

in between
Partiamo col dire che Luca Maria Baldini, titolare del progetto In Between, ha azzeccato il singolo: "Love And Don't Forget" è un pezzo con un'atmosfera bellissima, sospesa fra malinconia e dolcezza. Un eccellente biglietto da visita, un'ottima scelta, così com'è stata intelligente la collocazione, cioè in apertura del compact. Il resto dell'album convince a fasi alterne: l'elettronica proposta ha sì un'anima, ma a volte perde lungo la strada la carta di identità. I rimandi al rock e all'ambient sono frequenti, e il pezzo iniziale non è l'eccezione che conferma la regola, ma episodi come "Abyss" e "Da Tanino" dicono che Baldini…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

Partiamo col dire che Luca Maria Baldini, titolare del progetto In Between, ha azzeccato il singolo: “Love And Don’t Forget” è un pezzo con un’atmosfera bellissima, sospesa fra malinconia e dolcezza. Un...

Leggi Articolo »