IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Pop (pagina 2)

Pop

COSE DIFFICILI Cose Difficili

cose difficili
Partiamo col dire che il nome della band e dell'EP sono un chiaro omaggio agli immortali Casino Royale e al brano omonimo. Detto ciò, "Cose Difficili" è l’esordio della band calabrese nata nel 2017 dall’incontro del cantautore Mattia Tenuta e del Dj/Producer Giuseppe Rimini aka Dj Kerò, a cui si è aggiunto il funk del bassista Mario D’Ambrosio. Il disco si muove lungo le coordinate del pop elettronico, con la voce di Tenuta che prova a dare la direzione (emotiva) alle canzoni. La scaletta è rapida: 5 pezzi per 17 minuti di musica. Tutti gli episodi hanno orecchiabilità e…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Partiamo col dire che il nome della band e dell’EP sono un chiaro omaggio agli immortali Casino Royale e al brano omonimo. Detto ciò, “Cose Difficili” è l’esordio della band...

Leggi Articolo »

GIEI Panic

giei
"Panic" è il disco d'esordio (autoprodotto) del ligure Giei. Come tutti i debutti si porta dietro le classiche sbavature di chi prova a mettere dentro un po' di tutto senza badare troppo alla compattezza, all'omogeneità. Il risultato è un album che saltella fra più generi: dal rock al punk al country, passando per il pop. Non è facile mettere a fuoco lo stile dell'artista, più facile invece notare i punti di forza del compact: intrattiene piuttosto bene e le linee melodiche sono quasi sempre azzeccate. In scaletta 11 pezzi per 40 minuti. La parte musicale - per quanto derivativa…

Score

QUALITA' - 62%

62%

62

“Panic” è il disco d’esordio (autoprodotto) del ligure Giei. Come tutti i debutti si porta dietro le classiche sbavature di chi prova a mettere dentro un po’ di tutto senza...

Leggi Articolo »

SENHOR MUTRÌO Falso d’autore

senhor mutrio
C'è di tutto in "Falso d’autore": canzone d'autore, pop, jazz, world music, blues. Tante fascinazioni per un disco che . Un compact "friendly", nella migliore accezione del termine. Il secondo album del Senhor MuTrìo è un lavoro tanto semplice quanto diretto: lo metti su e fa tutto da solo. Le liriche mostrano una discreta proprietà di linguaggio e gli arrangiamenti sono vari senza esagerare. "Luna" è a nostro avviso il pezzo migliore, ma in generale è tutto il disco…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

C’è di tutto in “Falso d’autore“: canzone d’autore, pop, jazz, world music, blues. Tante fascinazioni per un disco che ha il grosso pregio di intrattenere e che riesce, per tutta...

Leggi Articolo »

PSIKER Momentum

psiker momentum
"Momentum" è un inno all'elettronica (pop) degli Anni Ottanta e ci rassicura circa l'eredità musicale di quel periodo: è un patrimonio che continuerà generosamente a ispirare e a dare frutti per parecchi anni ancora. Psiker in questa nuova avventura dimostra di avere un bel tocco e di piegare il suono a un'idea di orecchiabilità che è sfacciata il giusto. In quest'ottica il singolo . L'album nel complesso funziona, anche se ha il limite…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

“Momentum” è un inno all’elettronica (pop) degli Anni Ottanta e ci rassicura circa l’eredità musicale di quel periodo: è un patrimonio che continuerà generosamente a ispirare e a dare frutti...

Leggi Articolo »

BUZZY LAO Universo/Riflesso

buzzy lao universo riflesso
"Universo/Riflesso" è un disco di pop cantautorale dove la penombra si fa preferire alla luce e dove le chitarre sono suonate in maniera eccellente, preferendo toni lievi ad andature fuori dalle righe. Quello di Buzzy Lao è un buon album per tre motivi: l'orecchiabilità non è il fine ma un mezzo per arricchire le canzoni; gli arrangiamenti sono semplici, essenziali e portano a creare subito sintonia con l'ascoltatore; la scaletta è composta da 8 brani, e quasi tutti hanno personalità - in "Haya", con l'intervento di Dargen D'Amico, c'è anche una carina divagazione attorno al tema centrale del compact.…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

“Universo/Riflesso” è un disco di pop cantautorale dove la penombra si fa preferire alla luce e dove le chitarre sono suonate in maniera eccellente, preferendo toni lievi ad andature fuori...

Leggi Articolo »

WRONGONYOU Milano parla piano

wrongonyou milano parla piano
Col nuovo progetto, dal titolo "Milano parla piano",  Wrongonyou scopre e sperimenta per la prima volta con la sua lingua madre, l’italiano. Ma le sorprese non finisco qui, perché a stupire è la piroetta dell'artista: dal folk verso le braccia del pop. Per carità, non un pop becero, ma un po' sofisticato, che punta alle classifiche. Insomma, difficile non rimanere stupiti da questo cambiamento. I testi del disco sono personali ma hanno messaggi dentro i quali è facile scivolare e riconoscersi. E poi ci sono questi ritornelli che sistemano sempre tutto. L'album si lascia ascoltare senza problemi, le canzoni…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

Col nuovo progetto, dal titolo “Milano parla piano“,  Wrongonyou scopre e sperimenta per la prima volta con la sua lingua madre, l’italiano. Ma le sorprese non finisco qui, perché a...

Leggi Articolo »

PORTFOLIO Stefi Wonder

portfolio
"Stefi Wonder" è un disco irregolare, un miscuglio di generi vari e diversi (cantautorato, pop, rock accenti soul e funk) e alla fine l'ascoltatore non sa che pesci pigliare, anche dopo svariati ascolti. Se volessimo paragonarlo a qualcosa, probabilmente dovremmo scomodare gli Afghan Whigs, coscienti che la cifra stilistica è diversa, ma la strafottenza c'è tutta. Insomma, quello dei Portfolio è un lavoro difficile da mettere a fuoco nella sua interezza, più agevole concentrarsi sui singoli pezzi: l'iniziale "Stefi Wonder" è noiosa, "Io e Stan", "Agosto" e "Che gioia" funzionano benissimo, "Sunshine" è un pezzone che ipnotizza. Il resto…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

“Stefi Wonder” è un disco irregolare, un miscuglio di generi vari e diversi (cantautorato, pop, rock accenti soul e funk) e alla fine l’ascoltatore non sa che pesci pigliare, anche...

Leggi Articolo »

THE YELLOW Streets of Tokyo

the yellow
Giocando con i rimandi, potremmo definire i pugliesi The Yellow come la risposta italiana ai Coldplay e - più in generale - a quello stereotipo di pop band (dal suono alternativo) che negli ultimi anni si è affermato all'estero. Aggiungete anche un po' della lezione degli U2, e il quadro è completo. Questo per dire che "Streets of Tokyo" è sì un album che si lascia ascoltare senza problemi, ma l'identità della band è ancora un obiettivo da raggiungere per meglio definire i contorni (artistici) della proposta. In scaletta 12 episodi per 45 minuti di musica cantata in inglese,…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

Giocando con i rimandi, potremmo definire i pugliesi The Yellow come la risposta italiana ai Coldplay e – più in generale – a quello stereotipo di pop band (dal suono...

Leggi Articolo »

MONÊTRE Monêtre

monetre
“Monêtre” è il disco d’esordio dell’omonima band. Un ponte tra La Spezia - città in cui la band è basata - e New York dove vive la cantante, per un progetto che si abbevera all'inesauribile fonte degli Anni Novanta. In scaletta 10 pezzi dove il rock alternativo strizza l'occhio all'orecchiabilità - a volte con buoni risultati, altre volte senza andare a colpire il bersaglio grosso. L'impressione - ascoltando e riascoltando l'album - è che gli manchi un po' di spensieratezza, da non confondere con la leggerezza. Perché è tutto molto precisino, freddo, tuttavia quando la band si lascia andare…

Score

QUALITA' - 61%

61%

61

“Monêtre” è il disco d’esordio dell’omonima band. Un ponte tra La Spezia – città in cui la band è basata – e New York dove vive la cantante, per un...

Leggi Articolo »

LA SCALA SHEPARD Bersagli

lascalashepard
La Scala Shepard è un'alternative rock band, nata nel 2015 tra le strade del quartiere romano di Trastevere. "Bersagli" è un album di rock cantautorale che - nelle intenzioni - cerca una propria identità smarcandosi da tutto ciò che va di moda oggi in ambito rock e pop italiano. Sì, possiamo parlare di anche di pop perché l'orecchiabilità è spesso ricercata dalla band romana nei propri brani. Insomma, le intenzioni sono buonissime, ma il risultato non è sufficiente: tutti gli aspetti della proposta (arrangiamenti, testi e suono) necessitano di aggiustamenti vigorosi, con una particolare attenzione - a nostro avviso…

Score

QUALITA' - 51%

51%

51

La Scala Shepard è un’alternative rock band, nata nel 2015 tra le strade del quartiere romano di Trastevere. “Bersagli” è un album di rock cantautorale che – nelle intenzioni –...

Leggi Articolo »