IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Pop (pagina 5)

Pop

MAX ZANOTTI A un passo

max zanotti a un passo
Max Zanotti, da sempre, ha con l'intimità un rapporto di devozione. Quindi questo "A un passo" non sorprende, perché se da un lato è vero che l'ex leader dei Deasonika mette distanza fra sé e il rock (la materia prima della sua carriera artistica), dal lato opposto questo compact sembra avere tutti i connotati dell'urgenza artistica. Insomma, non un disco da fare tanto per fare, ma un disco da fare per il bisogno di farlo, abbassando i toni e raggruppando un po' di amici. Sì, perché lungo la scaletta troviamo - ad esempio - Georgeanne Kalweit (Delta V) e Francesco Setta,…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

Max Zanotti, da sempre, ha con l’intimità un rapporto di devozione. Quindi questo “A un passo” non sorprende, perché se da un lato è vero che l’ex leader dei Deasonika...

Leggi Articolo »

SECRET SIGHT Borders

secret sight
Quando c'è immediatezza, alcune proposte sono facili da inquadrare sotto l'aspetto musicale. Quella dei Secret Sight rientra in questa casistica. . Fossimo in un negozio di dischi, potremmo mettere questo album vicino ai lavori degli Interpol e non troppo distanti da quelli dei Placebo, e mettiamoci dentro pure i Joy Division per dare le giuste coordinate della proposta. Nel complesso il compact intrattiene abbastanza bene e ha in un paio di episodi ("By The End" ad esempio)…

Score

QUALITA' - 6.3

6.3

6

Quando c’è immediatezza, alcune proposte sono facili da inquadrare sotto l’aspetto musicale. Quella dei Secret Sight rientra in questa casistica. Con “Borders” siamo infatti negli Anni Ottanta, tra le maglie...

Leggi Articolo »

ARIANNA POLI Grovigli

arianna poli
"Grovigli" è il secondo EP di Arianna Poli e ripercorre - in tre episodi - il tour della giovane artista terminato lo scorso dicembre. I pezzi girano tutti attorno a un pop non scontato, che intrattiene e sbanda, che ben impressiona e lascia qualche dubbio. Entrando nel merito: "Finché esisto" è veramente un buon colpo (lo abbiamo inserito nella nostra playlist 2020), "Ryanair" è un brano un po' troppo adolescenziale, mentre "Quando tornerai dall'estero" è una via di mezzo. L'ombra lunga di Giorgieness e de Le luci della centrale elettrica - quest'ultimo soprattutto nella traccia conclusiva - si allunga…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

“Grovigli” è il secondo EP di Arianna Poli e ripercorre – in tre episodi – il tour della giovane artista terminato lo scorso dicembre. I pezzi girano tutti attorno a...

Leggi Articolo »

A LEMON Green

a lemon green
A Lemon è lo pseudonimo del polistrumentista catanese Alessandro Moncada. , insomma, quel tipo di suono che Oltralpe si è affermato nell'ultimo decennio e che qui - per quanto ben proposto - arriva un po' fuori tempo massimo, anche perché l'artista siciliano predilige un po' troppo le atmosfere penalizzando i ritornelli. Il risultato è un disco interessante ma non esaltante, un esordio che perde la sfida con l'azzardo, restando ancorato al classico "compitino". In conclusione: una bella tecnica,…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

A Lemon è lo pseudonimo del polistrumentista catanese Alessandro Moncada. “Green” è un esordio infarcito di elettronica… francese, cioè tanti riferimenti al pop Anni Ottanta, spruzzate di psichedelia, funk e...

Leggi Articolo »

COSE DIFFICILI Cose Difficili

cose difficili
Partiamo col dire che il nome della band e dell'EP sono un chiaro omaggio agli immortali Casino Royale e al brano omonimo. Detto ciò, "Cose Difficili" è l’esordio della band calabrese nata nel 2017 dall’incontro del cantautore Mattia Tenuta e del Dj/Producer Giuseppe Rimini aka Dj Kerò, a cui si è aggiunto il funk del bassista Mario D’Ambrosio. Il disco si muove lungo le coordinate del pop elettronico, con la voce di Tenuta che prova a dare la direzione (emotiva) alle canzoni. La scaletta è rapida: 5 pezzi per 17 minuti di musica. Tutti gli episodi hanno orecchiabilità e…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Partiamo col dire che il nome della band e dell’EP sono un chiaro omaggio agli immortali Casino Royale e al brano omonimo. Detto ciò, “Cose Difficili” è l’esordio della band...

Leggi Articolo »

GIEI Panic

giei
"Panic" è il disco d'esordio (autoprodotto) del ligure Giei. Come tutti i debutti si porta dietro le classiche sbavature di chi prova a mettere dentro un po' di tutto senza badare troppo alla compattezza, all'omogeneità. Il risultato è un album che saltella fra più generi: dal rock al punk al country, passando per il pop. Non è facile mettere a fuoco lo stile dell'artista, più facile invece notare i punti di forza del compact: intrattiene piuttosto bene e le linee melodiche sono quasi sempre azzeccate. In scaletta 11 pezzi per 40 minuti. La parte musicale - per quanto derivativa…

Score

QUALITA' - 62%

62%

62

“Panic” è il disco d’esordio (autoprodotto) del ligure Giei. Come tutti i debutti si porta dietro le classiche sbavature di chi prova a mettere dentro un po’ di tutto senza...

Leggi Articolo »

SENHOR MUTRÌO Falso d’autore

senhor mutrio
C'è di tutto in "Falso d’autore": canzone d'autore, pop, jazz, world music, blues. Tante fascinazioni per un disco che . Un compact "friendly", nella migliore accezione del termine. Il secondo album del Senhor MuTrìo è un lavoro tanto semplice quanto diretto: lo metti su e fa tutto da solo. Le liriche mostrano una discreta proprietà di linguaggio e gli arrangiamenti sono vari senza esagerare. "Luna" è a nostro avviso il pezzo migliore, ma in generale è tutto il disco…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

C’è di tutto in “Falso d’autore“: canzone d’autore, pop, jazz, world music, blues. Tante fascinazioni per un disco che ha il grosso pregio di intrattenere e che riesce, per tutta...

Leggi Articolo »

PSIKER Momentum

psiker momentum
"Momentum" è un inno all'elettronica (pop) degli Anni Ottanta e ci rassicura circa l'eredità musicale di quel periodo: è un patrimonio che continuerà generosamente a ispirare e a dare frutti per parecchi anni ancora. Psiker in questa nuova avventura dimostra di avere un bel tocco e di piegare il suono a un'idea di orecchiabilità che è sfacciata il giusto. In quest'ottica il singolo . L'album nel complesso funziona, anche se ha il limite…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

“Momentum” è un inno all’elettronica (pop) degli Anni Ottanta e ci rassicura circa l’eredità musicale di quel periodo: è un patrimonio che continuerà generosamente a ispirare e a dare frutti...

Leggi Articolo »

BUZZY LAO Universo/Riflesso

buzzy lao universo riflesso
"Universo/Riflesso" è un disco di pop cantautorale dove la penombra si fa preferire alla luce e dove le chitarre sono suonate in maniera eccellente, preferendo toni lievi ad andature fuori dalle righe. Quello di Buzzy Lao è un buon album per tre motivi: l'orecchiabilità non è il fine ma un mezzo per arricchire le canzoni; gli arrangiamenti sono semplici, essenziali e portano a creare subito sintonia con l'ascoltatore; la scaletta è composta da 8 brani, e quasi tutti hanno personalità - in "Haya", con l'intervento di Dargen D'Amico, c'è anche una carina divagazione attorno al tema centrale del compact.…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

“Universo/Riflesso” è un disco di pop cantautorale dove la penombra si fa preferire alla luce e dove le chitarre sono suonate in maniera eccellente, preferendo toni lievi ad andature fuori...

Leggi Articolo »

WRONGONYOU Milano parla piano

wrongonyou milano parla piano
Col nuovo progetto, dal titolo "Milano parla piano",  Wrongonyou scopre e sperimenta per la prima volta con la sua lingua madre, l’italiano. Ma le sorprese non finisco qui, perché a stupire è la piroetta dell'artista: dal folk verso le braccia del pop. Per carità, non un pop becero, ma un po' sofisticato, che punta alle classifiche. Insomma, difficile non rimanere stupiti da questo cambiamento. I testi del disco sono personali ma hanno messaggi dentro i quali è facile scivolare e riconoscersi. E poi ci sono questi ritornelli che sistemano sempre tutto. L'album si lascia ascoltare senza problemi, le canzoni…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

Col nuovo progetto, dal titolo “Milano parla piano“,  Wrongonyou scopre e sperimenta per la prima volta con la sua lingua madre, l’italiano. Ma le sorprese non finisco qui, perché a...

Leggi Articolo »