IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Rock (pagina 73)

Rock

MARIA ANTONIETTA Sassi

Sul web c’è chi la prende in giro, dandole della “gatta morta” per il modo di cantare. A Maria Antonietta però va dato il merito di aver trovato uno stile, che può piacere o meno, ma sempre di stile parliamo. . E’ un disco che merita la spesa? Assolutamente sì, vi consigliamo di comprarlo per tre motivi. Primo: i testi hanno purezza, drammaticità, intelligenza. Secondo: il rock è la base delle canzoni, ma è un rock del 2014 con la faccia rivolta al passato. Terzo: ‘sta ragazza di Pesaro…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

Sul web c’è chi la prende in giro, dandole della “gatta morta” per il modo di cantare. A Maria Antonietta però va dato il merito di aver trovato uno stile,...

Leggi Articolo »

SICK TAMBURO Senza Vergogna

Dopo l'esperienza dei Prozac+, Gian Maria Accusani ed Elisabetta Imelio continuano a fare musica. I loro Sick Tamburo hanno un'urgenza differente dai Prozac+, ma la passione per manie, timori e insicurezze derivanti dal quotidiano è rimasta la stessa degli inizi. Con "Senza Vergogna" (La Tempesta Dischi, distribuzione Master Music), i Nostri mettono assieme dieci brani dove la voce di Accusani fa da minimo comun denominatore. Ma c'è anche altro: chitarre e batterie puntuali e linee di basso che purtroppo si perdono per strada, facendo fatica ad affiorare. , ha un'identità precisa e non tradisce il passato dei Sick Tamburo, che hanno un…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

Dopo l’esperienza dei Prozac+, Gian Maria Accusani ed Elisabetta Imelio continuano a fare musica. I loro Sick Tamburo hanno un’urgenza differente dai Prozac+, ma la passione per manie, timori e insicurezze derivanti dal quotidiano è rimasta...

Leggi Articolo »

AFTERHOURS Hai Paura del Buio?

Se ci fosse un conta-cover, ovvero un aggeggio destinato a fornire una risultante delle tante band che in quasi vent'anni hanno rifatto a modo loro i brani di "Hai Paura del Buio?" i dati sarebbero, comunque, ben al di sopra delle migliori aspettative. E quindi – avrà pensato Manuel Agnelli – perché non fare pure io la cover dei miei brani? Detto e fatto. e pubblicato da Universal. E per celebrare l’evento a dovere, gli Afterhours si sono attorniati da una riga di ospiti che vanno dagli Afghan Whigs del fidato…

Score

QUALITA' - 65%

65%

65

Se ci fosse un conta-cover, ovvero un aggeggio destinato a fornire una risultante delle tante band che in quasi vent’anni hanno rifatto a modo loro i brani di “Hai Paura...

Leggi Articolo »

BILLY THE KID Horseshoes & Hand Grenades

“Horseshoes & Hand Grenades” è il quarto album per Billy The Kid, giovane cantautrice canadese di Vancouver, ma solo il primo ad essere realizzato su un’etichetta come laXtra Mile Recordings - in Italia la distribuzione è a cura di Audioglobe. L’album è stato prodotto da Frank Turner e registrato a Londra con pochissimi arrangiamenti. . A piacere è senza dubbio la voce della cantautrice canadese, mentre a penalizzare il suo lavoro l'assenza di grossi azzardi: si arriva infatti alla fine del disco seguendo una strada senza curve, dove chi sta al volante…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

“Horseshoes & Hand Grenades” è il quarto album per Billy The Kid, giovane cantautrice canadese di Vancouver, ma solo il primo ad essere realizzato su un’etichetta come laXtra Mile Recordings – in Italia la...

Leggi Articolo »

PAOLO SAPORITI Paolo Saporiti

PAOLO_SAPORITI
. Questo Saporiti che canta in italiano (con l’aiuto in cabina di regia dell’Afterhours Xabier Iriondo) è davvero tanta roba e questa volta gli va riconosciuto un notevole scatto in avanti rispetto al passato, un cambio di passo che sa di definitiva maturazione. L’album è registrato benissimo, tanto che la voce dell’artista arriva limpida e intima al punto giusto, mentre Iriondo non esagera, andando a mettere il carico su una manciata di brani, sempre con attenzione e sensibilità. Tutte le dodici canzoni…

Score

QUALITA' - 84%

84%

84

Se vogliamo trovare un difetto, l’ultima parte del compact è leggermente meno brillante della prima. Ma il resto è davvero tanta roba. Questo Saporiti che canta in italiano (con l’aiuto...

Leggi Articolo »

GNUT Prenditi quello che meriti

Solitamente il terzo lavoro è sempre quello della maturità, ma nel caso del napoletano Gnut (nome d’arte di Claudio Domestico) il terzo disco, ora, è quello delle piacevoli conferme dopo un percorso artistico che già aveva messo in evidenza numeri notevoli. "Prenditi quello che meriti" (Inri) è : in quest’ottica "Fiume Lento" (con la partecipazione del Marta Sui Tubi, Giovanni Gulino) è un brano che da solo vale il prezzo del compact – è così potente che si fa fatica a non ascoltarlo di continuo. Ma nel complesso è tutto il…

Score

QUALITA' - 80%

80%

80

Solitamente il terzo lavoro è sempre quello della maturità, ma nel caso del napoletano Gnut (nome d’arte di Claudio Domestico) il terzo disco, ora, è quello delle piacevoli conferme dopo...

Leggi Articolo »

DARIO BUCCINO La costrizione della nudità

Che esordio particolare, quello di Dario Buccino, compositore performativo, strumentista, vocalista, inventore, teorico e didatta. Particolare perché ci sono un sacco di fascinazioni (rock, classica, jazz) e le canzoni in scaletta sembrano più dei provini che dei brani fatti e finiti. Registrato a Milano da Taketo Gohara, presso Officine Meccaniche e Noise Factory, Buccino sembra un Edda (l’ex leader dei Ritmo Tribale) meno incline a regalare elementi pop al suo pubblico. Il suo modo di cantare (in italiano) è un continuo andare alla ricerca della fonetica piuttosto che del significato. Ma con ciò non vogliamo sminuire il valore (notevole) del disco. Necessita…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Che esordio particolare, quello di Dario Buccino, compositore performativo, strumentista, vocalista, inventore, teorico e didatta. Particolare perché ci sono un sacco di fascinazioni (rock, classica, jazz) e le canzoni in scaletta...

Leggi Articolo »

SONS OF THE SEA Sons of the Sea

"Sons of the Sea" (Avow! Records/Membran/Self) è il primo album in studio della nuova creatura omonima di Brandon Boyd, conosciuto dai molti come frontman degli Incubus. Diciamolo subito: i fans di Boyd resteranno leggermente spiazzati da questo lavoro che punta territori nuovi, più complessi, che Brandon affronta mettendoci la solita eccellente attenzione vocale. Prodotto da Brendan O’Brien (Incubus, Pearl Jam, Bruce Springsteen, Rage Against the Machine) e con alcune parti di batteria suonate da Josh Freese (Nine Inch Nails, A Perfect Circle e tanti altri progetti), il disco parte lento ma decolla subito, mettendo in mostra una struttura solida, una validissima fruibilità pop e…

Score

QUALITA' - 80%

80%

80

“Sons of the Sea” (Avow! Records/Membran/Self) è il primo album in studio della nuova creatura omonima di Brandon Boyd, conosciuto dai molti come frontman degli Incubus. Diciamolo subito: i fans di Boyd resteranno leggermente...

Leggi Articolo »

SPRAINED COOKIES Drifted on an oaken mirror

Gli Sprained Cookies sono Cecilia Frusciante (voce) e Corrado Maria De Santis (chitarra). "Drifted on an oaken mirror" (29Records), il loro primo album, è composto da tredici brani (più due bonus tracks) e recupera la lezione degli Anni Ottanta e Settanta per riproporre un rock psichedelico che piace soltanto a tratti. (bisognerebbe imporre a un esordiente lunghezze non superiori ai 30 minuti), ma questo non è il vero Tallone d'Achille del compact, che paga soprattutto una certa ripetitività nei suoni e nelle strutture. . Insomma, il…

Score

QUALITA' - 57%

57%

57

Gli Sprained Cookies sono Cecilia Frusciante (voce) e Corrado Maria De Santis (chitarra). “Drifted on an oaken mirror” (29Records), il loro primo album, è composto da tredici brani (più due bonus tracks)...

Leggi Articolo »

KOZMINSKI Il Primo Giorno Sulla Terra

KOZMINSKI_il_primo_giorno_sulla_terra
Nella musica dei Kozminski si fondono diverse anime, il rock alternativo italiano e la canzone d'autore, influenze e sonorità internazionali e la voglia di sperimentare, partendo però sempre da un'idea piuttosto classica di canzone. Perfetto. Di solito i comunicati stampa che accompagnano i dischi sono un festival di esagerazioni, in questo caso è tutto perfetto. I Kozminski fanno un rock che affonda le radici nella storia della musica d'autore italiana, ma questo loro guardare al passato non li fa risultare vecchi o eccessivamente fuori moda. "Il Primo Giorno Sulla Terra" è un buon disco - ha dei difetti ma resta un buon disco.…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Nella musica dei Kozminski si fondono diverse anime, il rock alternativo italiano e la canzone d’autore, influenze e sonorità internazionali e la voglia di sperimentare, partendo però sempre da un’idea...

Leggi Articolo »