IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Sperimentazione (pagina 11)

Sperimentazione

BUÑUEL A Resting Place for Strangers

BUNUEL A RESTING PLACE FOR STRANEGRS
Non c'è che dire, una bella botta. Da un'idea di Xabier Iriondo degli Afterhours, Franz Valente e Pierpaolo Capovilla de Il Teatro degli Orrori, ecco i Buñuel, nuovo progetto dedicato al rock più massimalista. "A Resting Place for Strangers" è stato composto e registrato in soli tre giorni in provincia di Varese. Xabier, Francesco e Pierpaolo hanno proposto a Eugene S. Robinson, storica voce degli Oxbow e figura di spicco della scena rock sperimentale statunitense, di prendere parte alla nuova avventura. Eugene ha registrato le parti vocali a San Francisco, e Giulio "Ragno" Favero si è poi preso cura del missaggio e del…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

Non c’è che dire, una bella botta. Da un’idea di Xabier Iriondo degli Afterhours, Franz Valente e Pierpaolo Capovilla de Il Teatro degli Orrori, ecco i Buñuel, nuovo progetto dedicato al rock...

Leggi Articolo »

NAKED TRUTH Avian Thug

NAKED TRUTH avian_thug
Per il loro terzo disco i Naked Truth si presentano con una line up rinnovata nella quale, oltre a Graham Haynes al corno e all'elettronica, troviamo alle percussioni Pat Mastelotto, poi Roy Powell alle tastiere, e il fondatore del progetto, il bassista Lorenzo Feliciati. Tutti danno vita ad . "Avian Thug" macina note fin…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

Per il loro terzo disco i Naked Truth si presentano con una line up rinnovata nella quale, oltre a Graham Haynes al corno e all’elettronica, troviamo alle percussioni Pat Mastelotto, poi Roy...

Leggi Articolo »

SLOBBER PUP Pole Axe

SLOBBER PUP pole_axe
"Pole Axe" degli Slobber Pup è un disco a cavallo tra prog rock, noise jazz ed improvvisazione; un turbinio di suoni e stratificazioni, con strumenti “secondari” pieni di sfaccettature in contrasto con tromba e chitarra, la prima cangiante, frenetica ed egocentrica, mentre la seconda (più pacata e meno invadente) risalta in situazioni ambientali e meno convulse dando all'ascoltatore tregua dal caos ordinato che permea l'intero album. "Pole Axe" non è un'accozzaglia di suoni apparentemente a casaccio ma è un disco che vuole esprimersi al meglio, quasi a rappresentare un paesaggio sonoro con metodi d'esecuzione e tecniche non convenzionali da parte…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

“Pole Axe” degli Slobber Pup è un disco a cavallo tra prog rock, noise jazz ed improvvisazione; un turbinio di suoni e stratificazioni, con strumenti “secondari” pieni di sfaccettature in contrasto...

Leggi Articolo »

SLIVOVITZ All You Can Eat

SLIVOVITZ all_you_can_eat
Gli Slivovitz nascono a Napoli nel 2001, la loro musica è da sempre caratterizzata dalla grande varietà di stili e di riferimenti geografici tra i più disparati. Dal jazz al rock, dall’America ai Balcani passando per il Mediterraneo. "All You Can Eat", già dal titolo, dice tanto sul contenuto di questo album strumentale dove ogni traccia è un intreccio sonoro che ruota attorno agli umori del jazz, qui proposto in chiave moderna con un taglio vagamente cinematografico. La capacità di intrattenere del compact è discreta - gli 8 pezzi in scaletta si digeriscono senza alcun problema - mentre l'originalità va e viene, accende…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

Gli Slivovitz nascono a Napoli nel 2001, la loro musica è da sempre caratterizzata dalla grande varietà di stili e di riferimenti geografici tra i più disparati. Dal jazz al rock,...

Leggi Articolo »

NINO BRUNO E LE 8 TRACCE Cuore Deserto

NINO BRUNO E LE 8 TRACCE cuore_deserto
Quella di "Cuore Deserto" è musica semplice e senza artifici e i brani sono eseguiti solo da batteria (Peppe Sabbatino), chitarra (Nino Bruno) e organo o piano elettrico (Giulio Fazio). A questi si aggiunge spesso il clarinetto di Massimiliano Sacchi, ormai quasi un quarto elemento. Quasi un'ora di musica non è poca roba. Se poi ci aggiungiamo un panorama sonoro molto variegato, è facile perdere il filo lungo la strada. A noi è capitato, non lo neghiamo: il primo ascolto ci ha spiazzati, quelli successivi ci hanno fatto capire qualcosina di più ma senza particolare convinzione. La sensazione è…

Score

QUALITA' - 57%

57%

57

Quella di “Cuore Deserto” è musica semplice e senza artifici e i brani sono eseguiti solo da batteria (Peppe Sabbatino), chitarra (Nino Bruno) e organo o piano elettrico (Giulio Fazio)....

Leggi Articolo »

PECORI GREG Merry Krishna Hare Christmas

PECORI GREG merry_krishna_hare_christmas
Che musica fanno i Pecori Greg? Roba per/da debosciati. Roba che - forse - per caso è finita su un compact, perché la sua collocazione ideale è la spiaggia. Ma non la spiaggia estiva, quella affollata da ragazzetti che provano a rimorchiare, quella dei Pecori Greg è la spiaggia del tardo pomeriggio di una giornata d'inverno. Quando passeggi infreddolito sulla strada e buttando l'occhio verso la spiaggia ti ritrovi un gruppetto di persone a fare musica senza neppure crederci troppo. Roba che guardi il mare e ti chiedi il perché le onde siano così placide e non incazzose. "Merry Krishna…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Che musica fanno i Pecori Greg? Roba per/da debosciati. Roba che – forse – per caso è finita su un compact, perché la sua collocazione ideale è la spiaggia. Ma...

Leggi Articolo »

BOBAN Boban.fm

BOBAN boban.fm
I Boban sono dei “casciavit” di Musocco che amano Enzo Jannacci, i Joy Division, le biciclette, Duca Lamberti, Max Dembo, il noise, il punk, la psichedelia, il vino rosso, Kim Gordon e Moana Pozzi. "Boban.fm" è il primo album dei Boban e mette assieme fascinazioni diverse, epoche diverse, suoni diversi, nel tentativo di far uscire dal frullatore qualcosa di omogeneo, qualcosa con un'identità precisa, ma purtroppo la strada verso la meta è ancora lunga. .…

Score

QUALITA' - 51%

51%

51

I Boban sono dei “casciavit” di Musocco che amano Enzo Jannacci, i Joy Division, le biciclette, Duca Lamberti, Max Dembo, il noise, il punk, la psichedelia, il vino rosso, Kim...

Leggi Articolo »

SENDERFLOS The eyes

SENDERFLOS the_eyes
"The eyes" è l’incontro di tre musicisti con cultura e ascolti che si distribuiscono nei vent’anni di età che li dividono. L’improvvisazione è alla base di ogni traccia. Nella realizzazione di questo album l’intenzione è stata quella di aprire porte e finestre al caso, all’errore in quanto solo l’accettazione dell’errore e dell’imperfezione è in grado di generare unicità espressiva. "The eyes"  è solo lo sguardo di un mondo visto con occhi curiosi. SenderFlos è una collaborazione tra Stefano Moretti (aka Sender) e Flos, il duo composto da Stefano Castagna e Luca Formentini. Il risultato è un disco di musica elettronica dove l'ambient e la sperimentazione sono…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

“The eyes” è l’incontro di tre musicisti con cultura e ascolti che si distribuiscono nei vent’anni di età che li dividono. L’improvvisazione è alla base di ogni traccia. Nella realizzazione di...

Leggi Articolo »

KIRLIAN .A.U.R.A.L

KIRLIAN_.A.U.R.A.L
I Kirlian sono Alessandro Zanin al basso, Tommaso Mantelli a synth e batteria e Nicola Crosato alla chitarra. Il trio ci regala un disco spiazzante, alienante e controverso, dall'animo quasi noise-jazz, con una persistente aura elettronica grattante e distorta, . ".A.U.R.A.L" spazia tra i più disparati generi: prog rock e psichedelia in "Photography A" piombando poi in atmosfere cupe con "Photography R" grazie a sonorità doom-noise ad alto contenuto di distorsione, per poi passare con "Photography…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

I Kirlian sono Alessandro Zanin al basso, Tommaso Mantelli a synth e batteria e Nicola Crosato alla chitarra. Il trio ci regala un disco spiazzante, alienante e controverso, dall’animo quasi noise-jazz, con una...

Leggi Articolo »

AUCAN Stelle Fisse

AUCAN_stelle_fisse
Una bella botta, non c'è che dire. "Stelle Fisse" è un disco che ti aggredisce con garbo, un po' come quelle linee di mare che salgono lievemente passo dopo passo e senza accorgertene hai l'acqua che ti accarezza il mento. Fuor di metafora, gli Aucan hanno di che essere fieri per questo lavoro completo, vario, che mescola elettronica, ambient, un pizzico di rock, techno e improvvisazione. Il nuovo album è il frutto di una lunga sperimentazione in studio, basata sull'utilizzo di synth, campionatori e drum machines. Il risultato è molto convincente per tre motivi: si entra in sintonia con il compact dopo pochissimi ascolti,…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Una bella botta, non c’è che dire. “Stelle Fisse” è un disco che ti aggredisce con garbo, un po’ come quelle linee di mare che salgono lievemente passo dopo passo e...

Leggi Articolo »