IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Sperimentazione (pagina 14)

Sperimentazione

MOORDER II Moorder II

MOORDER_II
Secondo capitolo per i Moorder II di Alessandro Lamborghini, che con questo album omonimo mettono assieme 12 pezzi attorno ai quali si potrebbero scrivere recensioni tutte diverse a seconda dell'angolo da illuminare. Vi evitiamo però colate di inchiostro che poi alla fine non dicono nulla e proviamo ad andare al sodo. No. Il suono è molto derivativo e spazia dal jazz al rock, attraversando il funk e persino l'improvvisazione. Nella seconda parte c'è qualche azzardo in più ("Moztri" e "Mini Spiders" sono due buoni esempi), ma la macchina dei Moorder II resta sempre dentro la carreggiata, al…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

Secondo capitolo per i Moorder II di Alessandro Lamborghini, che con questo album omonimo mettono assieme 12 pezzi attorno ai quali si potrebbero scrivere recensioni tutte diverse a seconda dell’angolo...

Leggi Articolo »

SPLATTERPINK Mongoflashmob

SPLATTERPINK_mongoflashmob
Leggiamo sul comunicato stampa e pubblichiamo: Onde evitare di veder riportato lettera per lettera dalle testate giornalistiche il testo del comunicato che di solito accompagna l'invio del materiale promozionale, il nuovo corso degli Splatterpink prevede il non-rilascio di informazione alcuna se non la formazione della band (Diego D’Agata: basso-voce / Federico Bernardi: chitarra / Alessandro Meroli: sax baritono / Ivano Zanotti: batteria) ed il nome del nuovo album. Questa scelta è dovuta al tentativo della band di far sì che gli addetti all'informazione musicale si riapproprino della pratica dell’ascolto, che può anche riassumersi in uno skip veloce di 10 secondi per ogni brano…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

Leggiamo sul comunicato stampa e pubblichiamo: Onde evitare di veder riportato lettera per lettera dalle testate giornalistiche il testo del comunicato che di solito accompagna l’invio del materiale promozionale, il nuovo...

Leggi Articolo »

DADAMATTO Rococò

dadamatto rococo
  Attivi dal 2005, per questo loro nuovo album (il quarto), dopo aver aperto diversi concerti per i Massimo Volume, i Dadamatto si sono fatti produrre da colui che ha messo le mani su "Aspettando i barbari", ovvero Marco Caldera. Il risultato è questo "Rococò" che prende sotto braccio il pop e lo rivolta come un calzino, e non contento ne sbeffeggia la forma sfigurata. Insomma, il disco è un bel casino di suoni. Emidio Clementi firma e canta "America", il brano che prova a incastrare la giocosità sonora dei Dadamatto e la parola sempre severa del leader dei Massimo…

Score

QUALITA' - 52%

52%

52

  Attivi dal 2005, per questo loro nuovo album (il quarto), dopo aver aperto diversi concerti per i Massimo Volume, i Dadamatto si sono fatti produrre da colui che ha...

Leggi Articolo »