IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Straniero (pagina 6)

Straniero

CLEO T. And then i saw a million skies ahead

cleo t and then saw million skies ahead
A voler essere cattivelli, potremmo dire che il disco della parigina Cleo T. è un po' come quei banchi di frutta che hanno roba di stagione e roba fuori stagione: per forza di cose qualcosa ti deve piacere, non puoi uscire a mani vuote. Battute a parte, "And then i saw a million skies ahead" è un album che abbraccia così tanti generi che non sappiamo da dove iniziare: rock, world music, elettronica, pop, Francia, Inghilterra, Berlino, Italia. Insomma, un concentrato potentissimo di musica, con delle punte di eccellenza - "Look at me I'm a Horse" è un pezzone,…

Score

QUALITA' - 75%

75%

75

A voler essere cattivelli, potremmo dire che il disco della parigina Cleo T. è un po’ come quei banchi di frutta che hanno roba di stagione e roba fuori stagione:...

Leggi Articolo »

SERGIO BEERCOCK Wollow

sergio beercock wollow
Nato a Kingston upon Hull in Inghilterra da madre siciliana e padre inglese, Sergio Beercock ha scelto di esordire con un album di folk, uno dei generi più abusati in ambito indipendente nell'ultimo decennio, forse secondo soltanto all'hip hop. . Oltre al pezzo appena citato, vi consigliamo anche l'ascolto…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Nato a Kingston upon Hull in Inghilterra da madre siciliana e padre inglese, Sergio Beercock ha scelto di esordire con un album di folk, uno dei generi più abusati in ambito...

Leggi Articolo »

MELANIE PAIN Parachute

MELANIE PAIN parachute
Messo su il disco di Mélanie Pain, la prima cosa che abbiamo pensato - dopo 30 secondi - è stata: "...che classe". Mélanie Pain ha classe. Il suo pop francese è attualissimo, ha una struttura solida e arrangiamenti deliziosi. Ti innamori di "Parachute" senza fare grossi sforzi, e la forza espressiva di Mélanie è così potente che puoi persino permetterti di ascoltare il suo album facendo bellamente dell'altro. L'iniziale "Comme une balle" non fa prigionieri e rappresenta il punto più alto del disco, le rimanenti 9 tracce sono una sorpresa continua: la voce della Pain è il centro, e tutto attorno le…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Messo su il disco di Mélanie Pain, la prima cosa che abbiamo pensato – dopo 30 secondi – è stata: “…che classe”. Mélanie Pain ha classe. Il suo pop francese è attualissimo, ha...

Leggi Articolo »

JUSTICE Woman

JUSTICE woman
Dal punto di vista dell'orecchiabilità, le canzoni di "Woman" sono una bomba, e confermano che i Justice, quando vogliono flirtare con il pop, non hanno grosse difficoltà a colpire il bersaglio grosso. Ma c'è anche da fare un discorso più ampio: i Justice non sono più dei novellini della scena elettronica e in termini di originalità la loro proposta ha perso sostanza rispetto agli inizi. E anche lo stile si è un po' "daftpunkizzato", che non è un male se l'obiettivo è vendere, vendere, vendere, però i Daft Punk sono furbissimi e unici nel loro genere, e i Justice…

Score

QUALITA' - 55%

55%

55

Dal punto di vista dell’orecchiabilità, le canzoni di “Woman” sono una bomba, e confermano che i Justice, quando vogliono flirtare con il pop, non hanno grosse difficoltà a colpire il...

Leggi Articolo »

ERALDO BERNOCCHI – PRAKASH SONTAKKE Invisible Strings

invisible strings
Vogliamo essere sinceri, a noi certi suoni... indiani dopo un po' danno a noia, ci sembrano un po' tutti uguali. "Invisible Strings" è però la prova che tu puoi prendere una cosa, mescolarla con un'altra e creare un suono che non è più somma di addendi, ma prodotto omogeneo. Qui da un lato c'è l'indiano con le sue chitarre, cioè Prakash Sontakke, dal lato opposto c'è Eraldo Bernocchi con il suo armamentario di invenzioni elettroniche (e chitarre, ovviamente). Alla fine il risultato va ben al di là di ogni attesa, perché le 9 tracce in scaletta (strumentali) parlano una "lingua"…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Vogliamo essere sinceri, a noi certi suoni… indiani dopo un po’ danno a noia, ci sembrano un po’ tutti uguali. “Invisible Strings” è però la prova che tu puoi prendere...

Leggi Articolo »

FELIDAE Baby Someday

felidae baby someday
Omer Lichtenstein continua a portare avanti il suo progetto, che nel frattempo ha accorciato l'insegna, eliminando la parola “Trick” dal nome originario, Felidae Trick, presentandosi ora semplicemente come Felidae. "Baby Someday" è un album di rock con ampie concessioni alla melodia e la voglia di mescolare Oasis, Anni Ottanta, Robert Smith e persino Greg Dulli e The Smashing Pumpkins. Questo per dire che le coordinate sono diverse e non sempre facili da rintracciare. Ciò che invece risulta facile è l'ascolto: il compact va alla ricerca dell'attenzione dell'utente e fa perno sull'immediatezza. Le costruzioni sonore sono semplici ma con effettini…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

Omer Lichtenstein continua a portare avanti il suo progetto, che nel frattempo ha accorciato l’insegna, eliminando la parola “Trick” dal nome originario, Felidae Trick, presentandosi ora semplicemente come Felidae. “Baby...

Leggi Articolo »

BARRO Miocardio

barro miocardio
"Miocardio" è il debutto solista di Barro, artista originario di Recife, Brasile. Il disco si apre con "Vai", che oltre a essere uno dei migliori pezzi del compact, dà anche la cifra stilistica del progetto: il Brasile fa da sfondo, è presente ma non invadente. "Miocardio" è un album che ha radici ma che è cittadino del mondo. Il pop è la materia prima, qui modellata con garbo, ma se è necessario spingere il pedale sull'orecchiabilità, Barro non si tira indietro come nel caso della travolgente "Mata o Nêgo", un altro episodio che vi consigliamo se volete comprendere il…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

“Miocardio” è il debutto solista di Barro, artista originario di Recife, Brasile. Il disco si apre con “Vai”, che oltre a essere uno dei migliori pezzi del compact, dà anche...

Leggi Articolo »

BOL&SNAH So? Now?

bolsnah sonow
“So? Now?” è il primo album di Bol&Snah, side project di “Snah” Hans Magnus Ryan, fondatore e chitarrista dei Motorpsycho, insieme al trio Bol, per l’etichetta Gigafon Records. Il disco prende come pretesto il rock per allargare rapidamente gli orizzonti e toccare lidi diversi: all'interno è facile infatti trovare prog, un filino di pop, psichedelia, sperimentazione, elettronica. Insomma, non è un lavoro facile da classificare, più facile sondarlo usando le emozioni che provoca, e sotto questo punto di vista "So? Now?" è un disco generoso di atmosfere epiche in grado di coinvolgere l'ascoltatore. L'iniziale "The Sidewalks" è un ottimo…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

“So? Now?” è il primo album di Bol&Snah, side project di “Snah” Hans Magnus Ryan, fondatore e chitarrista dei Motorpsycho, insieme al trio Bol, per l’etichetta Gigafon Records. Il disco...

Leggi Articolo »

JENNY HVAL Blood Bitch

jenny hval blood bitch
Ci sono dischi che fai una fatica boia a definire, a collocare, persino a descrivere a parole, perché hanno una personalità così forte che l'unica cosa sensata da dire sarebbe "andate di corsa ad ascoltarlo". E' il caso di "Blood Bitch", un compact fuori dagli schemi, pieno di idee interessanti e con un mix di folk e suoni elettronici e sperimentazione da spiazzare anche l'ascoltatore più scafato. I dieci capitoli di "Blood Bitch" parlano di storie sanguinarie, tra realtà, fantasia e fiction cinematografica. Il nuovo album di Jenny Hval è un concept legato al ruolo del sangue nella società moderna e passata. Il…

Score

QUALITA' - 77%

77%

77

Ci sono dischi che fai una fatica boia a definire, a collocare, persino a descrivere a parole, perché hanno una personalità così forte che l’unica cosa sensata da dire sarebbe “andate...

Leggi Articolo »

KATIE GATELY Color

katie gately color
Un album veramente bello. "Color" si prende così tanti azzardi, affronta così tante curve spingendo sull'acceleratore che alla fine ti stupisci che l'ascolto sia comunque così omogeneo, solido, persino coerente, e attenzione: le 7 tracce in scaletta sono diverse le une dalle altre. Katie Gately ha tirato fuori dal cilindro un disco meraviglioso, dove elettronica e sperimentazione non sono al servizio della nicchia di turno (noi odiamo le nicchie...), ma hanno potenza e capacità di parlare a un pubblico trasversale. In 41 minuti, questa ragazza nata nel Bronx, cresciuta a Brooklyn, e attualmente di casa a Los Angeles, è riuscita a dar vita a un…

Score

QUALITA' - 79%

79%

79

Un album veramente bello. “Color” si prende così tanti azzardi, affronta così tante curve spingendo sull’acceleratore che alla fine ti stupisci che l’ascolto sia comunque così omogeneo, solido, persino coerente,...

Leggi Articolo »