IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Straniero (pagina 7)

Straniero

ANGEL OLSEN My Woman

angel olsen my woman
Angel Olsen in "My Woman" fa correre spesso la testa a certe cose di Lana Del Rey e alla sfrontatezza vocale di Amanda Palmer. Ad essere precisini: sono più i punti di contatto con la Del Rey rispetto a quelli con la Palmer. Sono giusto delle fascinazioni, intendiamoci, ma che aiutano a farsi un'idea della proposta di questa giovane promessa della scena indipendente americana. La Olsen interpreta benissimo i suoi brani, e il suo folk-rock cantautorale arriva sempre alla meta senza perdersi lungo la strada. La fruibilità pop dei pezzi è discreta e nel complesso la produzione non mostra grosse…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Angel Olsen in “My Woman” fa correre spesso la testa a certe cose di Lana Del Rey e alla sfrontatezza vocale di Amanda Palmer. Ad essere precisini: sono più i...

Leggi Articolo »

PASCAL PINON Sundur

pascal pinon sundur
Direttamente da Reykjavík, Islanda, la proposta delle sorelle Pascal Pinon ammalia al primo ascolto. L'atmosfera di "Sundur" si regge su un pop-folk acustico con un sacco di effettini carini come sottofondo. . Insomma, un album che ha il pregio di possedere omogeneità, delicatezza…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Direttamente da Reykjavík, Islanda, la proposta delle sorelle Pascal Pinon ammalia al primo ascolto. L’atmosfera di “Sundur” si regge su un pop-folk acustico con un sacco di effettini carini come sottofondo....

Leggi Articolo »

CHRYSTA BELL Somewhere In The Nowhere

chrysta bell somewhere_in_the_nowhere
"Somewhere In The Nowhere" è l’EP firmato dalla cantautrice statunitense Chrysta Bell, ormai da anni partner musicale del regista David Lynch che ha scritto e prodotto questo lavoro, dandogli un'impronta fortissima, con quel gusto un po’ retro e melodie sensuali che sono alla base della classico suono "lynchiano". La voce di Chrysta Bell ha espressività e si adatta a ogni panorama sonoro - quest'ultimo aspetto è sorprendente, perché l'EP contiene 5 pezzi che spesso e volentieri costringono la modella/attrice americana a cambiare registro, restando in bilico fra pop, dream pop, rock, elettronica. Il disco ha un'atmosfera precisa: cinematografica, cupa, drammatica, sessuale, sensuale. Il…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

“Somewhere In The Nowhere” è l’EP firmato dalla cantautrice statunitense Chrysta Bell, ormai da anni partner musicale del regista David Lynch che ha scritto e prodotto questo lavoro, dandogli un’impronta fortissima, con quel gusto...

Leggi Articolo »

REDEEM Awake

REDEEM awake
L'originalità sonora non abita qui. Bocciatura automatica, dunque? Tutt'altro. Promuoviamo "Awake" senza il benché minimo dubbio. Perché . "Awake" sta sul filo, in equilibrio: spirito rock, con chitarre quasi sempre in bella evidenza, e l'orecchiabilità a portata di mano. Il suono è pulito e moderatamente nervoso. Il risultato? Un disco che ha una scaletta azzeccatissima, con pochi punti deboli e diverse canzoni…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

L’originalità sonora non abita qui. Bocciatura automatica, dunque? Tutt’altro. Promuoviamo “Awake” senza il benché minimo dubbio. Perché il rock proposto dagli svizzeri Redeem ha la capacità di intrattenere dal primo...

Leggi Articolo »

MARTHA Blisters In The Pit Of My Heart

MARTHA blisters_in_the_pit_of_my_heart
Non ci stancheremo mai di ripeterlo: fare del buon pop è una roba complicatissima. Ecco perché siamo contenti di segnalarvi "Blisters In The Pit Of My Heart", un lavoro che fonde pop e punk miscelando il tutto con un'orecchiabilità sonora davvero apprezzabile. . In scaletta 11 brani per 36 minuti. Il suono è derivativo al massimo, ma - sorpresa - a ogni canzone…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Non ci stancheremo mai di ripeterlo: fare del buon pop è una roba complicatissima. Ecco perché siamo contenti di segnalarvi “Blisters In The Pit Of My Heart“, un lavoro che...

Leggi Articolo »

SAMARIS Black Lights

SAMARIS black_lights
Elettronica d'atmosfera, con tutte quelle robe che tra Berlino e il Nord Europa vanno di moda. "Black Lights" non è un brutto disco, anzi, ha dalla sua diversi aspetti positivi, come ad esempio la capacità di farsi ascoltare dal primo all'ultimo minuto. Dal lato opposto, però, l'originalità della proposta ci sembra insufficiente. L'elettronica degli islandesi Samaris punta tutto sull'atmosfera e il panorama sonoro che ne viene fuori è gelido, freddo, eccellente dal punto di vista tecnico (produzione e mixaggio non tradiscono le attese), ma tolta la patina fighetta resta davvero poco. L'ombra di Björk si allunga su diversi brani della scaletta, ma ai…

Score

QUALITA' - 52%

52%

52

Elettronica d’atmosfera, con tutte quelle robe che tra Berlino e il Nord Europa vanno di moda. “Black Lights” non è un brutto disco, anzi, ha dalla sua diversi aspetti positivi, come...

Leggi Articolo »

FLOWERS Everybody's Dying To Meet You

FLOWERS everybody's_dying_to_meet_you
Se non rischiassimo di apparire offensivi, potremmo definire i brani di "Everybody's Dying To Meet You" delle canzoncine. Ma in senso del tutto positivo. Un modo per dire che la scaletta è piena di canzoni poco impegnative e dai ritornelli che attecchiscono al primo ascolto. Nulla di pacchiano, intendiamoci, perché i londinesi Flowers non sono sguaiati o sgraziati, ma hanno la capacità di essere essenziali con stile. Insomma, il loro è un album fatto di idee carine, privo di effetti speciali o arrangiamenti ricercati. E' l'elogio della semplicità, di quel tipo di semplicità che a volte è in grado di…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Se non rischiassimo di apparire offensivi, potremmo definire i brani di “Everybody’s Dying To Meet You” delle canzoncine. Ma in senso del tutto positivo. Un modo per dire che la...

Leggi Articolo »

MICHELE STODART Pieces

MICHELE STODART pieces
All'inizio sembra di avere a che fare con la solita proposta di folk in salsa straniera, ma guai con Michele Stodart a fermarsi alla prima impressione, perché il rischio è di farsi sfuggire un album veramente bello che sì, qualche volta scivola nell'ordinario, . Il disco è composto da 9 episodi per 43 minuti di musica, ed è generoso di potenziali singoli. Noi consigliamo "Ain't No Woman",…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

All’inizio sembra di avere a che fare con la solita proposta di folk in salsa straniera, ma guai con Michele Stodart a fermarsi alla prima impressione, perché il rischio è di...

Leggi Articolo »

SCHWARZ DONT CRACK No Hard Feelings

SCHWARZ DONT CRACK no_hard_feelings
Schwarz Dont Crack è il nome scelto da Ahmad Larnes e Sebastian Kreis, il primo di New York mentre il secondo di Berlino. . Insomma, "vecchio" e "nuovo" convivono all'interno di questo album che ha un'orecchiabilità spiccata ma anche una eccellente raffinatezza/ricercatezza sonora. La scaletta contiene 12 episodi per 43 minuti di musica.…

Score

QUALITA' - 80%

80%

80

Schwarz Dont Crack è il nome scelto da Ahmad Larnes e Sebastian Kreis, il primo di New York mentre il secondo di Berlino. Il loro “No Hard Feelings” ha un...

Leggi Articolo »

GEMMA RAY The Exodus Suite

GEMMA RAY the exodus suite
Abbiamo perso il conto delle belle parole che in Inghilterra e nel mondo, nel tempo, si sono spese per Gemma Ray. Parole grosse. Ecco perché ci siamo avvicinati al suo "The Exodus Suite" con estrema curiosità, anche perché se anni fa si è mosso persino Nick Cave (l'ha voluta in tour con i suoi Grinderman), un motivo ci sarà stato. Gemma Ray fa essenzialmente un rock-folk a tinte scure. Alcune cose sono davvero interessanti ("There Must Be More Than This", "We Do War" e "Hail Animal"), altre cose suggeriscono un rapido "skip" in fase di riascolto. La produzione dell'album è…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

Abbiamo perso il conto delle belle parole che in Inghilterra e nel mondo, nel tempo, si sono spese per Gemma Ray. Parole grosse. Ecco perché ci siamo avvicinati al suo...

Leggi Articolo »