IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Strumentale (pagina 10)

Strumentale

SIMONE AGOSTINI Maka

SIMONE_AGOSTINI_maka
Vi diciamo subito che "Maka" (Protosound Records) è un buon disco. Vi diciamo nel contempo che - è una provocazione - fosse durato la metà dei 40 minuti totali, sarebbe stato un album ancora più bello. Perché Simone Agostini tende con la sua musica a fare giri molto lunghi prima di andare al sodo, ovvero all'essenza della canzone. La struttura del compact è solida anche se - passato il primo quarto d'ora di ascolto - si avverte una certa timidezza…

Score

QUALITA' - 62%

62%

62

Vi diciamo subito che “Maka” (Protosound Records) è un buon disco. Vi diciamo nel contempo che – è una provocazione – fosse durato la metà dei 40 minuti totali, sarebbe...

Leggi Articolo »

LIKE A PAPERPLANE Unfolding light

LIKE_A_PAPERPLANE_unfolding_light
Partiamo dalle cose negative: il disco si perde talvolta in lungaggini che alla fine appesantiscono e limitano i contenuti. C'è insomma troppa carne al fuoco e qualche costruzione sonora si poteva asciugare per rendere l'album più compatto. Detto questo, però, . In quest'ottica non c'è un brano - dei 10 in scaletta - che non abbia una melodia accattivante al suo interno oppure un cambio di registro finalizzato a prendere sottobraccio l'ascoltatore con…

Score

QUALITA' - 62%

62%

62

Partiamo dalle cose negative: il disco si perde talvolta in lungaggini che alla fine appesantiscono e limitano i contenuti. C’è insomma troppa carne al fuoco e qualche costruzione sonora si...

Leggi Articolo »

TRENT REZNOR, ATTICUS ROSS Gone Girl

TRENT_REZNOR_ATTICUS_ROSS_gone_girl
David Fincher ci mette le immagini, Reznor e Ross i suoni. E così, seguendo un copione già consolidato e fortunato, eccoci arrivati al terzo film assieme. La collaborazione tra il regista di "Seven" e la mente dei Nine Inch Nails (col fido Ross in cabina di regia) funziona. Inutile girarci attorno: . Forse la scaletta troppo corposa (24 episodi e non tutti imprescindibili) è esagerata, ma tolto qualche pezzo che sta lì a riempire (i primi tre brani) il resto è davvero gustoso. Reznor e Ross giocano con l'elettronica e stratificano il suono…

Score

QUALITA' - 78%

78%

78

David Fincher ci mette le immagini, Reznor e Ross i suoni. E così, seguendo un copione già consolidato e fortunato, eccoci arrivati al terzo film assieme. La collaborazione tra il regista...

Leggi Articolo »

MOVIMENTO ARTISTICO PESANTE Movimento Artistico Pesante

MOVIMENTO_ARTISTICO_PESANTE
A guardare la copertina - provando assurdamente a decifrare il suono - non diresti mai che. E forse - sempre stando alla copertina - non li prenderesti neppure troppo sul serio questi ragazzi veronesi che hanno iniziato il percorso assieme nel 2009 e che qui sono al loro esordio assoluto. Insomma, la copertina è davvero bruttina. Per loro fortuna, però, il contenuto ha valore. Tra synth e chitarre assassine, quelli del Movimento Artistico Pesante provano a spiegare all'ascoltatore la loro idea di suono accelerando e decelerando lungo la strada…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

A guardare la copertina – provando assurdamente a decifrare il suono – non diresti mai che il Movimento Artistico Pesante fa del rock con una discreta propensione alle atmosfere cinematografiche. E...

Leggi Articolo »

MOORDER II Moorder II

MOORDER_II
Secondo capitolo per i Moorder II di Alessandro Lamborghini, che con questo album omonimo mettono assieme 12 pezzi attorno ai quali si potrebbero scrivere recensioni tutte diverse a seconda dell'angolo da illuminare. Vi evitiamo però colate di inchiostro che poi alla fine non dicono nulla e proviamo ad andare al sodo. No. Il suono è molto derivativo e spazia dal jazz al rock, attraversando il funk e persino l'improvvisazione. Nella seconda parte c'è qualche azzardo in più ("Moztri" e "Mini Spiders" sono due buoni esempi), ma la macchina dei Moorder II resta sempre dentro la carreggiata, al…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

Secondo capitolo per i Moorder II di Alessandro Lamborghini, che con questo album omonimo mettono assieme 12 pezzi attorno ai quali si potrebbero scrivere recensioni tutte diverse a seconda dell’angolo...

Leggi Articolo »

CHAPELIER FOU Deltas

CHAPELIER_FOU_deltas
Elettronica liquida, quel tipo di elettronica che devi mettere come sottofondo per capirne/carpirne la valenza. Perché è discreta, morbida, seducente, avvolgente come una copertina nei freddi pomeriggi d'autunno. "Deltas" (Ici D’Ailleurs/Audioglobe) è il nuovo album del polistrumentista francese Chapelier Fou, che negli ultimi anni ha solcato da parte a parte tutto il mondo: Europa, Australia, Canada, Cina, Russia, Sud America sono state soltanto alcune delle sue tappe più fortunate. Louis Warynski, vero nome di Chapelier Fou, in questo nuovo lavoro prova a rimescolare le carte, arricchendo la sua offerta musicale di sfumature diverse ma restando fedele all'idea di fondo: smuovere le acque senza però chiedere troppa…

Score

QUALITA' - 62%

62%

62

Elettronica liquida, quel tipo di elettronica che devi mettere come sottofondo per capirne/carpirne la valenza. Perché è discreta, morbida, seducente, avvolgente come una copertina nei freddi pomeriggi d’autunno. “Deltas” (Ici...

Leggi Articolo »

TEHO TEARDO Ballyturk

TEHO_TEARDO_ballyturk
Frutto della collaborazione con il drammaturgo Enda Walsh, "Ballyturk" (Spècula Records) si avvale della partecipazione di Cillian Murphy, presente anche nella cover assieme a Mikel Murfi. In questo nuovo album di Teho Teardo compaiono anche Joe Lally (Fugazi) e Lori Goldston, violoncellista dei Nirvana. Insomma, . Per chi invece non conoscesse Enda Walsh, trattasi di uno dei più acclamati sceneggiatori e registi del momento. Irlandese di nascita ma residente da anni a Londra, è…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Frutto della collaborazione con il drammaturgo Enda Walsh, “Ballyturk” (Spècula Records) si avvale della partecipazione di Cillian Murphy, presente anche nella cover assieme a Mikel Murfi. In questo nuovo album di Teho Teardo compaiono anche Joe...

Leggi Articolo »