IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Top Reviews 2014 (pagina 3)

Top Reviews 2014

LANA DEL REY Ultraviolence

Ascolti le canzoni di Lana Del Rey e ti chiedi "...quanto c'è di vero?". Leggi la sua biografia e ti chiedi "...quanto c'è di vero?". Leggi le leggende che circolano sul suo conto in rete (come l'adolescenza segnata dall'alcol, ad esempio) e ti chiedi "...quanto c'è di vero?". Guardi le sue foto, vedi i suoi tatuaggi che compaiono e poi spariscono e ti chiedi "...quanto c'è di vero?". Insomma, quanto c'è di vero in questa artista dalla cifra stilistica altissima che canta di amori strazianti? Le uniche risposte che fornisce "Ultraviolence" (Interscope) sono di natura musicale e dicono che Lana Del Rey è davvero…

Score

QUALITA' - 76%

76%

76

Ascolti le canzoni di Lana Del Rey e ti chiedi “…quanto c’è di vero?”. Leggi la sua biografia e ti chiedi “…quanto c’è di vero?”. Leggi le leggende che circolano sul...

Leggi Articolo »

CESARE MALFATTI Una mia distrazione +2

Cesare_Malfatti
  Proprio un bel disco. E fa davvero impressione il modo di cantare di Cesare Malfatti. "Una mia distrazione +2" (AdesivaDiscografica) è un disco dove l'interpretazione, i testi ispirati e l'atmosfera sono un corpo unico. Impossibile slegare il contenuto dai dettagli, ed . Il compact ha almeno quattro canzoni di assoluto livello: "Andare via", "Apro gli occhi", "Siamo soli assieme" e soprattutto "Se tu sei qui". Gli undici brani in scaletta sono sinuosi, intimi e passionali grazie anche alla partecipazione del pianista jazz Antonio Zambrini e di molti altri musicisti. La mente vola a…

Score

QUALITA' - 81%

81%

81

  Proprio un bel disco. E fa davvero impressione il modo di cantare di Cesare Malfatti. “Una mia distrazione +2” (AdesivaDiscografica) è un disco dove l’interpretazione, i testi ispirati e l’atmosfera sono...

Leggi Articolo »

FILIPPO GRAZIANI Le cose belle

FILIPPO_GRAZIANI
E' difficile mostrare indulgenza verso i figli d'arte. Perché la testa va sempre alla solita percezione: su dieci scalini, almeno nove, sono stati scalati con vari aiutini e immeritato merito. Oppure mettici di mezzo quel filo di umana invidia che sa di pregiudizio più che di critica. Però tolte le sovrastrutture e posta da parte la consapevolezza che Filippo è figlio del più noto Ivan Graziani, ascoltare il suo disco (edito da Officine Pan Idler/Warner Music) è davvero un piacere. Perché è un gioiellino. I punti di contatto col famoso genitore si intravvedono, non sono evidenti. Ivan però era una cosa, Filippo è un'altra…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

E’ difficile mostrare indulgenza verso i figli d’arte. Perché la testa va sempre alla solita percezione: su dieci scalini, almeno nove, sono stati scalati con vari aiutini e immeritato merito. Oppure...

Leggi Articolo »

PROGETTO PANICO Vivere Stanca

Progetto Panico è una band nata a Spoleto nell'autunno 2010, dalla collaborazione di tre musicisti che da tempo calcano le scene locali: Enrico Carletti (chitarra e voce), Luca Benedetti (basso), Leonardo Mariani (batteria). "Vivere stanca”, registrato al Green Fog Studio di Genova da Mattia Cominotto (Meganoidi) e Karim Qqru (The  Zen Circus), per la Tirreno Dischi/Superdoggy music, è il primo album di questo trio che mette assieme sarcasmo, riflessioni filosofiche divertenti e poetiche e vita quotidiana, il tutto filtrato con occhio furbo e fare un po' cazzone che però piace tanto. In quest'ottica, "Luigi" è il degno manifesto di un album che possiede melodie, riff micidiali e che dura il…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

Progetto Panico è una band nata a Spoleto nell’autunno 2010, dalla collaborazione di tre musicisti che da tempo calcano le scene locali: Enrico Carletti (chitarra e voce), Luca Benedetti (basso), Leonardo Mariani...

Leggi Articolo »

KIPPI’S Semplice Come Nuvole

Un po’ di Battisti, un po’ degli Afterhours (quelli con Xabier Iriondo), un po’ degli austriaci Sofa Surfers. Da questa ipotetica coordinata arrivano i Kippi’s, band italiana dal nome finlandese. Il loro esordio (in formato vinile col cd dentro la confezione e lavorato da Sick Room/GT Music) è pura meraviglia. Le dieci canzoni in scaletta, infatti, sono tutte intrise di una struggente malinconia e dove le canzoni sono sì diverse, ma tutte con un’identità comune. La fruibilità pop è apprezzabile, le liriche intelligenti e…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Un po’ di Battisti, un po’ degli Afterhours (quelli con Xabier Iriondo), un po’ degli austriaci Sofa Surfers. Da questa ipotetica coordinata arrivano i Kippi’s, band italiana dal nome finlandese....

Leggi Articolo »

MARIA ANTONIETTA Sassi

Sul web c’è chi la prende in giro, dandole della “gatta morta” per il modo di cantare. A Maria Antonietta però va dato il merito di aver trovato uno stile, che può piacere o meno, ma sempre di stile parliamo. . E’ un disco che merita la spesa? Assolutamente sì, vi consigliamo di comprarlo per tre motivi. Primo: i testi hanno purezza, drammaticità, intelligenza. Secondo: il rock è la base delle canzoni, ma è un rock del 2014 con la faccia rivolta al passato. Terzo: ‘sta ragazza di Pesaro…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

Sul web c’è chi la prende in giro, dandole della “gatta morta” per il modo di cantare. A Maria Antonietta però va dato il merito di aver trovato uno stile,...

Leggi Articolo »

PAOLO SAPORITI Paolo Saporiti

PAOLO_SAPORITI
. Questo Saporiti che canta in italiano (con l’aiuto in cabina di regia dell’Afterhours Xabier Iriondo) è davvero tanta roba e questa volta gli va riconosciuto un notevole scatto in avanti rispetto al passato, un cambio di passo che sa di definitiva maturazione. L’album è registrato benissimo, tanto che la voce dell’artista arriva limpida e intima al punto giusto, mentre Iriondo non esagera, andando a mettere il carico su una manciata di brani, sempre con attenzione e sensibilità. Tutte le dodici canzoni…

Score

QUALITA' - 84%

84%

84

Se vogliamo trovare un difetto, l’ultima parte del compact è leggermente meno brillante della prima. Ma il resto è davvero tanta roba. Questo Saporiti che canta in italiano (con l’aiuto...

Leggi Articolo »

GNUT Prenditi quello che meriti

Solitamente il terzo lavoro è sempre quello della maturità, ma nel caso del napoletano Gnut (nome d’arte di Claudio Domestico) il terzo disco, ora, è quello delle piacevoli conferme dopo un percorso artistico che già aveva messo in evidenza numeri notevoli. "Prenditi quello che meriti" (Inri) è : in quest’ottica "Fiume Lento" (con la partecipazione del Marta Sui Tubi, Giovanni Gulino) è un brano che da solo vale il prezzo del compact – è così potente che si fa fatica a non ascoltarlo di continuo. Ma nel complesso è tutto il…

Score

QUALITA' - 80%

80%

80

Solitamente il terzo lavoro è sempre quello della maturità, ma nel caso del napoletano Gnut (nome d’arte di Claudio Domestico) il terzo disco, ora, è quello delle piacevoli conferme dopo...

Leggi Articolo »

SONS OF THE SEA Sons of the Sea

"Sons of the Sea" (Avow! Records/Membran/Self) è il primo album in studio della nuova creatura omonima di Brandon Boyd, conosciuto dai molti come frontman degli Incubus. Diciamolo subito: i fans di Boyd resteranno leggermente spiazzati da questo lavoro che punta territori nuovi, più complessi, che Brandon affronta mettendoci la solita eccellente attenzione vocale. Prodotto da Brendan O’Brien (Incubus, Pearl Jam, Bruce Springsteen, Rage Against the Machine) e con alcune parti di batteria suonate da Josh Freese (Nine Inch Nails, A Perfect Circle e tanti altri progetti), il disco parte lento ma decolla subito, mettendo in mostra una struttura solida, una validissima fruibilità pop e…

Score

QUALITA' - 80%

80%

80

“Sons of the Sea” (Avow! Records/Membran/Self) è il primo album in studio della nuova creatura omonima di Brandon Boyd, conosciuto dai molti come frontman degli Incubus. Diciamolo subito: i fans di Boyd resteranno leggermente...

Leggi Articolo »