IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Straniero (pagina 15)

Straniero

ZOLA JESUS Taiga

Nika, il vero nome dell'artista di venticinque anni conosciuta come Zola Jesus, è una cantante, autrice e produttrice nota da sempre per un'elettronica a toni cupi. Negli ultimi cinque anni è stata una delle poche figure in grado di portare qualcosa di fresco in un genere che spesso si è avvitato su se stesso per carenza di stimoli e originalità. L'album in oggetto è stato scritto sull'isola di Vashon e mixato a Los Angeles da Dean Hurley (David Lynch, Danger Mouse, Sparklehorse) e arriva dopo due album ampiamente celebrati quali "Versions" (2013) e "Conatus" (2011). Insomma, una carta di identità mica da ridere, quindi chi ha familiarità con…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Nika, il vero nome dell’artista di venticinque anni conosciuta come Zola Jesus, è una cantante, autrice e produttrice nota da sempre per un’elettronica a toni cupi. Negli ultimi cinque anni è stata...

Leggi Articolo »

COUNTING CROWS Somewhere Under Wonderland

Sono passati più di vent'anni da quel gioiellino che era "August and Everything After" e i Counting Crows sono rimasti una band di outsider di... successo: né troppo dentro la popolarità (nonostante un botto di dischi venduti) né troppo fuori dalle classifiche di vendita. Diciamolo a scanso di equivoci: il colpo di "August and Everything After" non è mai stato replicato dalla band di Adam Duritz che anzi, da quel cd in poi, ha alternato fortune e diversi lavori mediocri. "Somewhere Under Wonderland" (Capitol Records) è un disco di rock californiano con il solito Duritz che arrotonda le parole con l'eccezionalità che gli è…

Score

QUALITA' - 49%

49%

49

Sono passati più di vent’anni da quel gioiellino che era “August and Everything After” e i Counting Crows sono rimasti una band di outsider di… successo: né troppo dentro la...

Leggi Articolo »

LULUC Passerby

Zoë Randell e Steve Hassett, duo indie-folk australiano dei Luluc, hanno avuto parecchia fortuna incontrando Aaron Dessner dei The National che, prendendoli sotto la sua ala protettiva, li ha portati ad aprire per artisti del calibro di Lucinda Williams, Fleet Foxes, e José Gonzàlez, fino al contratto con la Sub Pop. “Passerby” è il secondo album di questo duo diviso tra Melbourne e Brooklyn (loro nuova dimora) e il primo distribuito in tutto il mondo - in Italia è lavorato da Audioglobe. . Perché se…

Score

QUALITA' - 51%

51%

51

Zoë Randell e Steve Hassett, duo indie-folk australiano dei Luluc, hanno avuto parecchia fortuna incontrando Aaron Dessner dei The National che, prendendoli sotto la sua ala protettiva, li ha portati ad...

Leggi Articolo »

CLIPPING CLPPNG

Lasciate perdere l'eventuale antipatia per rap e hip hop più in generale, ma concentratevi sui suoni per valutare al meglio questo disco che farà la gioia di tutti quelli che amano la sperimentazione, le soluzioni sonore ricercate e non scontate. C'è tantissimo rumore in questo "CLPPNG" (lavorato dalla Sub Pop e distribuito in Italia da Audioglobe), rumore a basso voltaggio, che in alcuni passaggi strizza l'occhio persino all'ambient. I rimandi ai Dälek sono molteplici, ma nel complesso la proposta offerta è originale ed estremamente valida. Il disco funziona e riesce a catturare l'attenzione senza annoiare, nonostante una durata (che rasenta l'ora di…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

Lasciate perdere l’eventuale antipatia per rap e hip hop più in generale, ma concentratevi sui suoni per valutare al meglio questo disco che farà la gioia di tutti quelli che...

Leggi Articolo »

U2 Songs of innocence

Rassicurante. E' questa la prima parola che viene in mente dopo l'ascolto del nuovo disco degli U2. Rassicurante perché "Songs of innocence" è un disco classico per una band classica e per un pubblico che ha bisogno di rassicurazioni. Per un pubblico che in tempi di crisi ha bisogno di punti fermi, di fissare il centro e vederlo stare lì, immobile, fedele a se stesso. Insomma, , ma che dirà poco o nulla a chi valuta la band di Dublino al pari di tanti altri gruppi più o meno popolari. In "Songs of…

Score

QUALITA' - 57%

57%

57

Rassicurante. E’ questa la prima parola che viene in mente dopo l’ascolto del nuovo disco degli U2. Rassicurante perché “Songs of innocence” è un disco classico per una band classica...

Leggi Articolo »

BILLY THE KID Horseshoes & Hand Grenades

“Horseshoes & Hand Grenades” è il quarto album per Billy The Kid, giovane cantautrice canadese di Vancouver, ma solo il primo ad essere realizzato su un’etichetta come laXtra Mile Recordings - in Italia la distribuzione è a cura di Audioglobe. L’album è stato prodotto da Frank Turner e registrato a Londra con pochissimi arrangiamenti. . A piacere è senza dubbio la voce della cantautrice canadese, mentre a penalizzare il suo lavoro l'assenza di grossi azzardi: si arriva infatti alla fine del disco seguendo una strada senza curve, dove chi sta al volante…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

“Horseshoes & Hand Grenades” è il quarto album per Billy The Kid, giovane cantautrice canadese di Vancouver, ma solo il primo ad essere realizzato su un’etichetta come laXtra Mile Recordings – in Italia la...

Leggi Articolo »

SONS OF THE SEA Sons of the Sea

"Sons of the Sea" (Avow! Records/Membran/Self) è il primo album in studio della nuova creatura omonima di Brandon Boyd, conosciuto dai molti come frontman degli Incubus. Diciamolo subito: i fans di Boyd resteranno leggermente spiazzati da questo lavoro che punta territori nuovi, più complessi, che Brandon affronta mettendoci la solita eccellente attenzione vocale. Prodotto da Brendan O’Brien (Incubus, Pearl Jam, Bruce Springsteen, Rage Against the Machine) e con alcune parti di batteria suonate da Josh Freese (Nine Inch Nails, A Perfect Circle e tanti altri progetti), il disco parte lento ma decolla subito, mettendo in mostra una struttura solida, una validissima fruibilità pop e…

Score

QUALITA' - 80%

80%

80

“Sons of the Sea” (Avow! Records/Membran/Self) è il primo album in studio della nuova creatura omonima di Brandon Boyd, conosciuto dai molti come frontman degli Incubus. Diciamolo subito: i fans di Boyd resteranno leggermente...

Leggi Articolo »