IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Archivi Autore: Redazione

Archivi Autore: Redazione

FRANCESCO ZIELLO Nine Hundred Fifty Seven

francesco ziello
Ostico e coraggioso. "Nine Hundred Fifty Seven" è l'album d'esordio del musicista polistrumentista e compositore elettroacustico romano Francesco Ziello, ed è un disco di non facile ascolto, perché le mani tese verso l'utente sono poche e sovente la sensazione è quella di essere lo "spettatore" ad un saggio. Anzi, l'invitato sgradito, quello che deve farsene una ragione oppure accomodarsi fuori. In scaletta 14 stazioni per 43 minuti di musica sperimentale, contemporanea, strumentale ed elettronica che si concentra sullo sviluppo di un mondo immaginario interiore. Un'idea coraggiosa, che però è qui processata con troppi alti e bassi, finanche con un…

Score

QUALITA' - 57%

57%

57

Ostico e coraggioso. “Nine Hundred Fifty Seven” è l’album d’esordio del musicista polistrumentista e compositore elettroacustico romano Francesco Ziello, ed è un disco di non facile ascolto, perché le mani...

Leggi Articolo »

MISS MARX Susanna Nicchiarelli

miss marx
"Miss Marx" è un film intelligente, pur con il limite di una narrazione imperfetta, penalizzata da un montaggio lacunoso. Ma in generale, la pellicola di Susanna Nicchiarelli riesce a fare bella figura grazie a una buona fotografia (di Crystel Fournier), bei costumi (di Massimo Cantini Parrini) e un cast che sorprende. Coraggiose le musiche dei Gatto Ciliegia contro il Grande Freddo. La trama. La colta e brillante Eleanor Marx (Romola Garai), figlia più piccola del filosofo di Treviri, è in prima linea nel promuovere il socialismo nel Regno Unito, partecipando alle lotte operaie, combattendo per i diritti delle donne…

Score

SCORE - 6.5

6.5

7

“Miss Marx” è un film intelligente, pur con il limite di una narrazione imperfetta, penalizzata da un montaggio lacunoso. Ma in generale, la pellicola di Susanna Nicchiarelli riesce a fare...

Leggi Articolo »

THE VIGIL Keith Thomas

the vigil
"The Vigil" è un horror fatto bene e alla vecchia maniera, quasi una rarità. Perché in un cinema contemporaneo dove l'abuso degli effetti speciali è una consuetudine, qui si è scelto di spaventare lo spettatore con gli strumenti tipici del mestiere, quindi un grande sonoro accompagnato dalle belle musiche di Michael Yezerski, i cari vecchi lenzuoli bianchi, tanti chiaroscuri, una regia solida e ben indirizzata dall'esordiente Keith Thomas e poi una storia fin credibile. Insomma, un horror come si dovrebbe fare e come - purtroppo - se ne fanno sempre meno. Brava la Blumhouse Productions a credere in questo…

Score

SCORE - 7.5

7.5

8

“The Vigil” è un horror fatto bene e alla vecchia maniera, quasi una rarità. Perché in un cinema contemporaneo dove l’abuso degli effetti speciali è una consuetudine, qui si è...

Leggi Articolo »

SABINA SCIUBBA Force Majeure

sabina sciubba
E' veramente difficile incastrare in una definizione o in una categoria la musica di Sabina Sciubba. . "Force Majeure" è il nuovo album, progetto musicale e teatrale della cantante, attrice e compositrice italo-tedesca: 12 pezzi sofisticati, nei quali l’elettronica si fonde con la musica barocca e il romantic-punk abbraccia il jazz. Tra le dita di questa artista una Spinetta (un piccolo clavicembalo del 700 in legno) accompagna un drum-pad elettronico, un pianoforte a coda si mescola a una tromba, il violoncello sfida una batteria.…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

E’ veramente difficile incastrare in una definizione o in una categoria la musica di Sabina Sciubba. Perché va oltre le solite coordinate e abbraccia anche la sperimentazione, la world music,...

Leggi Articolo »

HURTS Faith

hurts faith
Il panorama del pop-rock elettronico contemporaneo è pieno zeppo di furbacchioni e possiamo tranquillamente dire che gli Hurts sono svegli, si presentano all'esame preparatissimi e - per restare in tema - sono dei furbacchioni certificati. Non è una critica, ma più un modo per riconoscere al duo una indiscutibile capacità di mescolare idee e melodie che in un modo o nell'altro si sono già affermate, e nel farlo si guardano bene dal coprire le tracce. Ecco che quindi un pezzo fortissimo come l'iniziale "Voices" rimanda a "Days Are Forgotten" dei Kasabian; "Somebody" alla super hit "Believer" degli Imagine Dragons.…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Il panorama del pop-rock elettronico contemporaneo è pieno zeppo di furbacchioni e possiamo tranquillamente dire che gli Hurts sono svegli, si presentano all’esame preparatissimi e – per restare in tema...

Leggi Articolo »

MALARIMA In equilibrio

malarima
Malarima è un progetto che è nato nel 2016 grazie alla riunione di Alberto Agnelli, Max Rossi e Riccardo Scianca, tre quarti dei Vidia, rock band fiorentina sulla scena nella prima metà degli Anni 90 in cui militava alla voce e chitarra Enrico Greppi (Erriquez/Bandabardò). "In equilibrio" è un disco dove le parole mettono spesso in castigo la parte musicale: . Risultato: quasi tutti i pezzi si somigliano e…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

Malarima è un progetto che è nato nel 2016 grazie alla riunione di Alberto Agnelli, Max Rossi e Riccardo Scianca, tre quarti dei Vidia, rock band fiorentina sulla scena nella...

Leggi Articolo »

THE NEW MUTANTS Josh Boone

the new mutants
C'è poco da dire - e infatti poco diremo. Perché "The New Mutants" è un film brutto, pronto già da diverso tempo e sempre rinviato, a conferma che la 20th Century Studios non è che smaniasse dalla voglia di distribuirlo. Da qui l'idea di buttarlo nelle sale in un periodo abbastanza "morto" e con pochi titoli in cartellone. La trama. Cinque giovani mutanti, scoperte le proprie incredibili capacità mentre si trovano confinati in una struttura segreta contro la loro volontà, combattono per sfuggire alle colpe del loro passato e salvare se stessi. Il cast - nei nomi - non…

Score

SCORE - 4

4

4

C’è poco da dire – e infatti poco diremo. Perché “The New Mutants” è un film brutto, pronto già da diverso tempo e sempre rinviato, a conferma che la 20th...

Leggi Articolo »

ASAF AVIDAN Anagnorisis

asaf avidan
Quanti riescono a maneggiare il pop, oggi, con queste capacità vocali, questa varietà negli arrangiamenti, questo folle equilibrio attorno a generi diversi? Asaf Avidan continua a confermarsi un artista unico nel vasto panorama della musica contemporanea, e non solo per la voce androgina ma per tutto ciò che riesce a comunicare all'ascoltatore con la sua arte. "Anagnorisis" è un disco che ha dentro un sacco di cose: , un po' di Amy Winehouse in "900 Days", un po' di David Bowie in "Earth Odyssey". E tutto attorno arrangiamenti mai banali e un'intensità emotiva che…

Score

QUALITA' - 81%

81%

81

Quanti riescono a maneggiare il pop, oggi, con queste capacità vocali, questa varietà negli arrangiamenti, questo folle equilibrio attorno a generi diversi? Asaf Avidan continua a confermarsi un artista unico...

Leggi Articolo »

DOGTOOTH Yorgos Lanthimos

dogtooth
Yorgos Lanthimos ha dimostrato in questi anni . E' lui il regista dal quale ti aspetti sempre qualcosa in più e quel qualcosa in più (complice la perfetta alchimia con lo sceneggiatore Efthymis Filippou) arriva sempre. Finora la sua filmografia, infatti, è una scorpacciata di capolavori, e siamo felici che proprio il 2020 sia coinciso con la riscoperta al cinema di una chicca come "Dogtooth", un'opera del 2009 candidata anche agli Oscar e che ben fotografa lo stile del grande regista greco. Una pellicola…

Score

SCORE - 8

8

8

Yorgos Lanthimos ha dimostrato in questi anni di essere il più concreto erede dei vari Haneke, Von Trier, ma ci mettiamo anche Kubrik. E’ lui il regista dal quale ti...

Leggi Articolo »

TONNO Quando ero satanista

tonno
I Tonno riescono nell'esperimento di mettere assieme i primissimi Radiohead con il Grignani degli esordi. : i testi della band, infatti, sono scritti bene, con proprietà di linguaggio e raramente le rime sono chiuse in maniera poco efficace. "Quando ero satanista" ha uno stile preciso, in scaletta ci sono dieci pezzi per una durata che supera di un soffio i 30 minuti e almeno 3 o 4 brani sono dei potenziali singoli: "Sovrappensiero", "Credevo di averti vista", "Ragazza bonsai",…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

I Tonno riescono nell’esperimento di mettere assieme i primissimi Radiohead con il Grignani degli esordi. Il risultato è un rock cantautorale non originalissimo dal punto di vista musicale, ma estremamente...

Leggi Articolo »