IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Straniero

Straniero

LANA DEL REY Norman Fucking Rockwell!

lana del rey norman fucking rockwell
Dopo diversi ascolti, continua a sfuggirci il perché molta stampa abbia osannato questo album definendolo persino il migliore dell'artista americana. "Norman Fucking Rockwell!" è senza dubbio un buon disco, con punte di eccellenza, ma se Lana Del Rey è qui migliorata nei testi (in passato ha sempre avuto il limite di un ostentato narcisismo), dal punto di vista musicale il compact ha mantenuto col passato soltanto la qualità nella produzione, perdendo invece tutto quel bagaglio di arrangiamenti raffinati, attuali e di pregio che negli ultimi anni hanno dato una marcia in più alla Del Rey. Ma ciò che manca…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Dopo diversi ascolti, continua a sfuggirci il perché molta stampa abbia osannato questo album definendolo persino il migliore dell’artista americana. “Norman Fucking Rockwell!” è senza dubbio un buon disco, con...

Leggi Articolo »

LADYTRON Ladytron

ladytron ladytron
Quelli di sempre ma con materiale freschissimo. Dopo sette anni di silenzio, riprendere è sempre un bel salto nel vuoto, soprattutto se lavori con l'elettronica, perché le mode passano velocissime in questo ambito, e le proposte si susseguono a ritmo incessante, quindi il rischio di arrivare all'appuntamento fuori tempo massimo era/è dietro l'angolo. E invece siamo qui a celebrare questo disco omonimo dei Ladytron che dice tanto e almeno tre cose forti e chiare: i Nostri hanno ancora qualcosa da dire, il pop elettronico non è facile da maneggiare (nonostante molti pensino l'esatto contrario) ma quando hai idee e…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

Quelli di sempre ma con materiale freschissimo. Dopo sette anni di silenzio, riprendere è sempre un bel salto nel vuoto, soprattutto se lavori con l’elettronica, perché le mode passano velocissime...

Leggi Articolo »

SMASHING PUMPKINS Shiny and Oh So Bright, Vol. 1 / LP: No Past. No Future. No Sun.

smashing pumpkins shiny
Sono lavori come questi che marcano la distanza siderale fra ciò che sei e ciò che sei stato. "Shiny and Oh So Bright, Vol. 1 / LP: No Past. No Future. No Sun." non aggiunge nulla alla carriera degli Smashing Pumpkins, qui alle prese con un disco che assomiglia un po' a quello che stanno facendo da ormai diversi anni gli U2, ovvero ricalcare il rock con i colori del pop e sperare che il marchio getti un po' di fumo negli occhi all'ascoltatore. Eppure non è tutto da buttare: l'iniziale "Knights Of Malta" è deliziosa, con quel suo…

Score

QUALITA' - 51%

51%

51

Sono lavori come questi che marcano la distanza siderale fra ciò che sei e ciò che sei stato. “Shiny and Oh So Bright, Vol. 1 / LP: No Past. No...

Leggi Articolo »

EKAT BORK Kontrol

ekat bork kontrol
Quattro pezzi, una canzone più interessante dell'altra, e un'atmosfera generale che è pura tensione emotiva, con l'elettronica a giocare un ruolo determinate. Insomma, "Kontrol" è un EP che ci piace, e i motivi sono presto detti: Ekat Bork canta meravigliosamente bene, produzione e arrangiamenti sono eleganti ed efficaci, e poi c'è oscurità e speranza lungo la scaletta, e questo contribuisce a rendere il percorso vario e stimolante. Se vi piace giocare con i paragoni, . In conclusione: un…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

Quattro pezzi, una canzone più interessante dell’altra, e un’atmosfera generale che è pura tensione emotiva, con l’elettronica a giocare un ruolo determinate. Insomma, “Kontrol” è un EP che ci piace,...

Leggi Articolo »

RANDEVU Randevu

randevu
Disco d’esordio per questo trio italo-francese che mette assieme una manciata di canzoni orecchiabilissime e dal taglio elegante, a tal punto che la prima cosa che colpisce dei Randevu è proprio l'atmosfera che hanno creato lungo la scaletta: sofisticata ma senza eccedere, di classe ma senza apparire snob oppure - ancora peggio - utile a tenere fuori una fetta di pubblico. Al contrario, . L'album funziona. Un difetto? Forse sulle melodie poteva essere fatto un lavoro…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

Disco d’esordio per questo trio italo-francese che mette assieme una manciata di canzoni orecchiabilissime e dal taglio elegante, a tal punto che la prima cosa che colpisce dei Randevu è...

Leggi Articolo »

ERALDO BERNOCCHI – FM EINHEIT – JO QUAIL Rosebud

rosebud
In colpevole ritardo, ci è arrivato sottomano questo "Rosebud", che è uscito quasi un anno fa, ma che ci teniamo a recensire perché è un buonissimo esempio di sperimentazione sonora - e purtroppo l'originalità attorno a questo genere scarseggia negli ultimi anni. Il chitarrista sperimentale, produttore elettronico e sound designer italiano Eraldo Bernocchi ha qui unito le sue forze con quelle del percussionista e membro originario degli Einstürzende Neubauten, FM Einheit, e con quelle della violoncellista e compositrice britannica Jo Quail. Il risultato è un disco dove l'industrial chiede spesso e volentieri spazio, e viene proposto con tocco originale…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

In colpevole ritardo, ci è arrivato sottomano questo “Rosebud“, che è uscito quasi un anno fa, ma che ci teniamo a recensire perché è un buonissimo esempio di sperimentazione sonora...

Leggi Articolo »

THE JOY FORMIDABLE Aarth

the joy formidable aaarth
La prima cosa che balza all'occhio di "Aarth" è che su 11 brani, 5 superano i 4 minuti. E questo, spesso, è il segnale evidente che si è voluto indugiare sulla parte musicale a svantaggio del cantato. Il disco dei The Joy Formidable è l'eccezione che conferma la regola: la scaletta, infatti, dosa al meglio suoni, fascinazioni e parole, creando un mix di originalissimo rock con ampie concessioni alla melodia. Il compact si apre con l'ipnotica "Y Bluen Eira", che ricorda vagamente "Numb" degli U2: il registro stilistico è sì diverso, ma c'è qualcosa che rimanda alla band di Bono.…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

La prima cosa che balza all’occhio di “Aarth” è che su 11 brani, 5 superano i 4 minuti. E questo, spesso, è il segnale evidente che si è voluto indugiare...

Leggi Articolo »

STILL CORNERS Slow Air

still corners slow air
A volte non bisogna farsi prendere dal bisogno di "novità a tutti i costi". Lo diciamo perché noi siamo i primi a battere questo tasto quando ascoltiamo qualcosa di appena uscito. A volte bisogna anche mettersi comodi sul divano e seguire il flusso della musica. Seguendo questa linea, "Slow Air" vi sembrerà un disco perfetto. Perché è vero, il dream pop proposto non è di primissima mano, però è fatto onorando nel migliore dei modi il genere, quindi atmosfere immaginifiche, una voce, quella di Tessa Murray, che riempie quei pochi vuoti che ci sono, e poi un lavoro attento sugli…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

A volte non bisogna farsi prendere dal bisogno di “novità a tutti i costi”. Lo diciamo perché noi siamo i primi a battere questo tasto quando ascoltiamo qualcosa di appena...

Leggi Articolo »

LALA LALA The Lamb

lala lala the lamb
Questo "The Lamb" (distribuito in Italia da Audioglobe) ha un'atmosfera generale molto bella, quello che però gli manca è la capacità di portare all'incasso tutte le melodie abbozzate. Il nuovo disco dei Lala Lala – progetto di Lillie West con sede a Chicago - è come un razzo colorato che è pronto a partire, che magari decolla pure ma non prende mai quota. E così l'ascoltatore sta lì - canzone dopo canzone - ad aspettare il botto che però non arriva mai, perché la qualità media è sì accettabile, ma di guizzi neppure l'ombra. Morale: "The Lamb" finisce per essere…

Score

QUALITA' - 58%

58%

58

Questo “The Lamb” (distribuito in Italia da Audioglobe) ha un’atmosfera generale molto bella, quello che però gli manca è la capacità di portare all’incasso tutte le melodie abbozzate. Il nuovo...

Leggi Articolo »

TREVOR POWERS Mulberry Violence

trevor powers mulberry violence
Perché dovreste "investire" una mezz'oretta del vostro tempo dietro all'ascolto di "Mulberry Violence"? Perché Trevor Powers ha fatto un disco equilibrato, innovativo, potente. Ha fatto il disco che bisognerebbe fare quando provi a mescolare pop e sperimentazione sonora, melodia e azzardo. Che intendiamoci, a parole significa farla facile, ma poi a conti fatti è una bella battaglia prova a sintetizzare gli opposti senza scivolarci addosso o franarci dentro. Trevor Powers ha rinunciato al suo alter ego (Youth Lagoon) dopo aver pubblicato tre album con quel monicker, e comunicando a maggio il ritorno discografico con il nome di battesimo. Nella musica di…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

Perché dovreste “investire” una mezz’oretta del vostro tempo dietro all’ascolto di “Mulberry Violence“? Perché Trevor Powers ha fatto un disco equilibrato, innovativo, potente. Ha fatto il disco che bisognerebbe fare quando...

Leggi Articolo »