IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Straniero

Straniero

GREG DULLI Random Desire

greg dulli
E' sempre lui, un grande incantatore di serpenti con la sua voce, ma anche per uno dei più sottovalutati cantautori del rock americano gli anni passano, e i demoni perdono i loro contorni sino a diventare sagome difficili da raccontare. Insomma, "Random Desire" è un tipico disco (il primo da solista) di Greg Dulli, ma . Cosa manca? Manca l'epicità tipica che ha caratterizzato la carriera del Nostro, soprattutto con gli Afghan Whigs. Manca l'azzardo, mancano le linee melodiche accattivanti, mancano i ritornelli forti. "Random Desire" ha…

Score

QUALITA' - 56%

56%

56

E’ sempre lui, un grande incantatore di serpenti con la sua voce, ma anche per uno dei più sottovalutati cantautori del rock americano gli anni passano, e i demoni perdono...

Leggi Articolo »

FKA TWIGS Magdalene

fka twigs magdalene
Negli ultimi anni Fka Twigs è stata una benedizione per la musica, mentre sul look stendiamo un velo, perché riesce sempre a fare peggio, e la copertina del suo "Magdalene" è la conferma del suo rapporto un po' tormentato con il design e le forme. Ma detto ciò - e detto anche "chissenefrega" - l'ultimo lavoro dell'artista inglese mette un altro tassello positivo lungo il percorso intrapreso, e ci dice che il modo di fare musica di Fka Twigs è davvero una ventata di aria fresca in un panorama musicale povero di novità veramente interessanti. In scaletta 9 pezzi…

Score

QUALITA' - 82%

82%

82

Negli ultimi anni Fka Twigs è stata una benedizione per la musica, mentre sul look stendiamo un velo, perché riesce sempre a fare peggio, e la copertina del suo “Magdalene”...

Leggi Articolo »

WALLIS BIRD Woman

wallis bird woman
Undici canzoni in scaletta, forse solo una è deboluccia ("Time It Is Not Waiting"), il resto è tutto da ascoltare e in una certa misura contribuisce a riconnettere l'utente con il pop e il suo fine più nobile: prendere per mano l'ascoltatore e portarlo in territori accoglienti con la forza dell'originalità. Wallis Bird è bravissima in questo suo nuovo lavoro a mescolare con maestria pop e arrangiamenti sofisticati, leggerezza e intensità. Il risultato è un disco che ha un'evidentissima marcia in più e che riesce sempre a mantenere alta l'attenzione, già al primo contatto, quando ogni canzone sembra una…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

Undici canzoni in scaletta, forse solo una è deboluccia (“Time It Is Not Waiting”), il resto è tutto da ascoltare e in una certa misura contribuisce a riconnettere l’utente con...

Leggi Articolo »

KORN The Nothing

korn the nothing
I Korn fanno sempre la stessa cosa, la fanno da tredici album, e la fanno davvero bene. Ecco quindi che potremmo definire "The Nothing" come il classico e rassicurante disco che solo i Korn potrebbero fare dopo anni e anni di onorata carriera. Quindi chitarroni, arrangiamenti sempre uguali, una sensibilità naturale verso la melodia e qualche cambio di ritmo per ricordare ai fan della prima ora che i Nostri non hanno tradito le origini, anche se il menù è molto meno pregiato rispetto a una ventina di anni fa. La scaletta è generosa di momenti discreti: da "Gravity of…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

I Korn fanno sempre la stessa cosa, la fanno da tredici album, e la fanno davvero bene. Ecco quindi che potremmo definire “The Nothing” come il classico e rassicurante disco...

Leggi Articolo »

LANA DEL REY Norman Fucking Rockwell!

lana del rey norman fucking rockwell
Dopo diversi ascolti, continua a sfuggirci il perché molta stampa abbia osannato questo album definendolo persino il migliore dell'artista americana. "Norman Fucking Rockwell!" è senza dubbio un buon disco, con punte di eccellenza, ma se Lana Del Rey è qui migliorata nei testi (in passato ha sempre avuto il limite di un ostentato narcisismo), dal punto di vista musicale il compact ha mantenuto col passato soltanto la qualità nella produzione, perdendo invece tutto quel bagaglio di arrangiamenti raffinati, attuali e di pregio che negli ultimi anni hanno dato una marcia in più alla Del Rey. Ma ciò che manca…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Dopo diversi ascolti, continua a sfuggirci il perché molta stampa abbia osannato questo album definendolo persino il migliore dell’artista americana. “Norman Fucking Rockwell!” è senza dubbio un buon disco, con...

Leggi Articolo »

LADYTRON Ladytron

ladytron ladytron
Quelli di sempre ma con materiale freschissimo. Dopo sette anni di silenzio, riprendere è sempre un bel salto nel vuoto, soprattutto se lavori con l'elettronica, perché le mode passano velocissime in questo ambito, e le proposte si susseguono a ritmo incessante, quindi il rischio di arrivare all'appuntamento fuori tempo massimo era/è dietro l'angolo. E invece siamo qui a celebrare questo disco omonimo dei Ladytron che dice tanto e almeno tre cose forti e chiare: i Nostri hanno ancora qualcosa da dire, il pop elettronico non è facile da maneggiare (nonostante molti pensino l'esatto contrario) ma quando hai idee e…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

Quelli di sempre ma con materiale freschissimo. Dopo sette anni di silenzio, riprendere è sempre un bel salto nel vuoto, soprattutto se lavori con l’elettronica, perché le mode passano velocissime...

Leggi Articolo »

SMASHING PUMPKINS Shiny and Oh So Bright, Vol. 1 / LP: No Past. No Future. No Sun.

smashing pumpkins shiny
Sono lavori come questi che marcano la distanza siderale fra ciò che sei e ciò che sei stato. "Shiny and Oh So Bright, Vol. 1 / LP: No Past. No Future. No Sun." non aggiunge nulla alla carriera degli Smashing Pumpkins, qui alle prese con un disco che assomiglia un po' a quello che stanno facendo da ormai diversi anni gli U2, ovvero ricalcare il rock con i colori del pop e sperare che il marchio getti un po' di fumo negli occhi all'ascoltatore. Eppure non è tutto da buttare: l'iniziale "Knights Of Malta" è deliziosa, con quel suo…

Score

QUALITA' - 51%

51%

51

Sono lavori come questi che marcano la distanza siderale fra ciò che sei e ciò che sei stato. “Shiny and Oh So Bright, Vol. 1 / LP: No Past. No...

Leggi Articolo »

EKAT BORK Kontrol

ekat bork kontrol
Quattro pezzi, una canzone più interessante dell'altra, e un'atmosfera generale che è pura tensione emotiva, con l'elettronica a giocare un ruolo determinate. Insomma, "Kontrol" è un EP che ci piace, e i motivi sono presto detti: Ekat Bork canta meravigliosamente bene, produzione e arrangiamenti sono eleganti ed efficaci, e poi c'è oscurità e speranza lungo la scaletta, e questo contribuisce a rendere il percorso vario e stimolante. Se vi piace giocare con i paragoni, . In conclusione: un…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

Quattro pezzi, una canzone più interessante dell’altra, e un’atmosfera generale che è pura tensione emotiva, con l’elettronica a giocare un ruolo determinate. Insomma, “Kontrol” è un EP che ci piace,...

Leggi Articolo »

RANDEVU Randevu

randevu
Disco d’esordio per questo trio italo-francese che mette assieme una manciata di canzoni orecchiabilissime e dal taglio elegante, a tal punto che la prima cosa che colpisce dei Randevu è proprio l'atmosfera che hanno creato lungo la scaletta: sofisticata ma senza eccedere, di classe ma senza apparire snob oppure - ancora peggio - utile a tenere fuori una fetta di pubblico. Al contrario, . L'album funziona. Un difetto? Forse sulle melodie poteva essere fatto un lavoro…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

Disco d’esordio per questo trio italo-francese che mette assieme una manciata di canzoni orecchiabilissime e dal taglio elegante, a tal punto che la prima cosa che colpisce dei Randevu è...

Leggi Articolo »

ERALDO BERNOCCHI – FM EINHEIT – JO QUAIL Rosebud

rosebud
In colpevole ritardo, ci è arrivato sottomano questo "Rosebud", che è uscito quasi un anno fa, ma che ci teniamo a recensire perché è un buonissimo esempio di sperimentazione sonora - e purtroppo l'originalità attorno a questo genere scarseggia negli ultimi anni. Il chitarrista sperimentale, produttore elettronico e sound designer italiano Eraldo Bernocchi ha qui unito le sue forze con quelle del percussionista e membro originario degli Einstürzende Neubauten, FM Einheit, e con quelle della violoncellista e compositrice britannica Jo Quail. Il risultato è un disco dove l'industrial chiede spesso e volentieri spazio, e viene proposto con tocco originale…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

In colpevole ritardo, ci è arrivato sottomano questo “Rosebud“, che è uscito quasi un anno fa, ma che ci teniamo a recensire perché è un buonissimo esempio di sperimentazione sonora...

Leggi Articolo »