IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Sperimentazione

Sperimentazione

UBBA BOND Mangiasabbia

ubba bond
Un po' Massimo Volume in "Bob", un po' Vasco Rossi in "Girasoli olandesi", un po' De André in "Sale", un po' spiazzanti per quel nome - Ubba Bond - che in tempo di "Corona Bond" concessi e negati, suona come l'ennesima proposta da supercazzola della politica. E invece ecco che "Mangiasabbia" (pure questo un titolo spiazzante) arriva a confortare e a rigenerare. Perché questa autoproduzione così anarchica e indefinibile dal punto di vista stilistico risulta aria fresca nel panorama indipendente italiano e contribuisce a battere un colpo dove di colpi ad effetto - ahinoi - se ne vedono sempre…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

Un po’ Massimo Volume in “Bob”, un po’ Vasco Rossi in “Girasoli olandesi”, un po’ De André in “Sale”, un po’ spiazzanti per quel nome – Ubba Bond – che...

Leggi Articolo »

ALBERTO NEMO Io Dio No

alberto nemo io dio no
Ci sono artisti che hanno una sensibilità artistica tale (e grande), che risulta impossibile parlarne male. Alberto Nemo ha piena cittadinanza in questa cerchia, perché a una tecnica sopraffina unisce uno stile che lo rende speciale nel panorama indipendente italiano. "Io Dio No" è il suo quattordicesimo disco ed è stato realizzato in collaborazione con l’artista Mauro Mazziero. Il compact è un omaggio in musica al poeta Dino Campana. In scaletta 10 episodi per 37 minuti. I testi di Nemo sono riflessioni sussurrate, gli arrangiamenti sono semplici, efficaci e moderni, e qua e là (vedi "No!") ci sono intuizioni…

Score

QUALITA' - 76%

76%

76

Ci sono artisti che hanno una sensibilità artistica tale (e grande), che risulta impossibile parlarne male. Alberto Nemo ha piena cittadinanza in questa cerchia, perché a una tecnica sopraffina unisce...

Leggi Articolo »

CRM Who are you exactly?

crm
“Who are you exactly?” è il disco d’esordio dei CRM, Customer Relationship Madness. L'album è . Il compact ci piace per tre motivi: ogni traccia è diversa dall'altra pur restando fedele allo stile del gruppo; sono tanti i riff che restano in testa già al primo ascolto; è un prodotto originale per il…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

“Who are you exactly?” è il disco d’esordio dei CRM, Customer Relationship Madness. L’album è un bel miscuglio attorno alle coordinate del rock, con la scena newyorchese sullo sfondo, i...

Leggi Articolo »

IL SILENZIO DELLE VERGINI Fiori Recisi

silenzio vergini
“Fiori Recisi” è il terzo lavoro in studio de Il Silenzio Delle Vergini, ed ha un taglio molto cinematografico: la forma-canzone viene destrutturata e riempita di rumore psichedelico e frasi recitate. Non è un disco di facilissima fruizione, anche perché gli appigli, nell'immediato, sono pochini, ma con il passare degli ascolti si arriva a comprendere meglio il senso delle 9 tracce in scaletta e a definirne i contorni. .

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

“Fiori Recisi” è il terzo lavoro in studio de Il Silenzio Delle Vergini, ed ha un taglio molto cinematografico: la forma-canzone viene destrutturata e riempita di rumore psichedelico e frasi recitate....

Leggi Articolo »

HOUDINI RIGHINI Lascaux

houdini righini
Giuseppe Righini – da qualche anno conosciuto anche con il moniker Houdini Righini – è autore, cantante, interprete e performer. Oltre che essere attivo in ambito strettamente musicale, si occupa anche di teatro, narrazione, giornalismo, recitazione, regia. Insomma, un personaggio poliedrico. Il suo "Lascaux" si allunga sulle passioni dell'artista rinnegando un pochino il passato e nel contempo allargando gli orizzonti. Diciamolo subito: "Lascaux" è un album diverso dal bell'"Houdini" di qualche anno fa. Lì la forma canzone era impreziosita dall'elettronica e da valanghe di fascinazioni provenienti dagli Anni Ottanta. Il nuovo lavoro è più... teatrale, con meno "proclami" e…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Giuseppe Righini – da qualche anno conosciuto anche con il moniker Houdini Righini – è autore, cantante, interprete e performer. Oltre che essere attivo in ambito strettamente musicale, si occupa...

Leggi Articolo »

BJRG Skin Deep

bjrg
Bjrg (ex Berg) è un artista che lavora solo con la voce nuda, due microfoni, una loop station e due pedali delay. Niente elettronica, niente strumenti musicali. Il suo "Skin Deep" è un disco velocissimo: 9 tracce per appena 22 minuti di musica. Quanto basta per farti venire voglia di vedere Bjrg dal vivo, perché le strutture delle canzoni sono curiose e pescano a piene mani da generi diversi: dal rock all'elettronica, passando per l'hip hop, la sperimentazione e chissà cos'altro. "In The" è il pezzo che meglio fotografa il compact, ma anche "Skin" ha molto da dire. In…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Bjrg (ex Berg) è un artista che lavora solo con la voce nuda, due microfoni, una loop station e due pedali delay. Niente elettronica, niente strumenti musicali. Il suo “Skin...

Leggi Articolo »

JULIE’S HAIRCUT In The Silence Electric

julies haircut silence electric
Potrebbe suonare male, ma lasciateci definire "In The Silence Electric" come il solito disco dei Julie’s Haircut. Laddove "solito" merita di essere associato a un concetto più ampio e strutturato: i Nostri hanno trovato da un pezzo un proprio stile e un percorso chiaro. Tutto ciò contribuisce a rendere le loro canzoni familiari, all'ascoltatore, anche quando sono nuove. . In scaletta 9 episodi per circa 42 minuti di spiritualità sonica, in costante equilibrio tra intensità extrasensoriale, estasi e rabbia, tra vago nichilismo e un rock che…

Score

QUALITA' - 75%

75%

75

Potrebbe suonare male, ma lasciateci definire “In The Silence Electric” come il solito disco dei Julie’s Haircut. Laddove “solito” merita di essere associato a un concetto più ampio e strutturato:...

Leggi Articolo »

MANGIATUTTO Mangiatutto

mangiatutto
I Mangiatutto sono una sorta di "supercollettivo" ligure che mette insieme tutta (o quasi) l'attuale scena musicale di Savona. Esistono ormai da quasi tre anni e sono molto famosi per i loro concerti dove tutto può accadere. E possiamo tranquillamente dire che il disco in oggetto è abbastanza fedele a questo ideale di "imprevedibilità". Così com'è fedele a un rock-punk d'avanguardia dove la classica forma-canzone viene snaturata e smembrata per diventare altro: tal volta filastrocca, altre volte slogan, come nel caso della geniale "Séduction". Il disco d'esordio dei Mangiatutto si intitola "Mangiatutto" (scritto in arabo) e raccoglie tutte le…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

I Mangiatutto sono una sorta di “supercollettivo” ligure che mette insieme tutta (o quasi) l’attuale scena musicale di Savona. Esistono ormai da quasi tre anni e sono molto famosi per...

Leggi Articolo »

JUJU Maps And Territory

juju maps territory
Ci piacciono sempre questi dischi che prendono il rock e lo imbastardiscono con fascinazioni varie e diverse: dal folk, al jazz, alla sperimentazione, passando per un'idea di pop che è lontanissima, ovviamente, dalla rima cuore/amore. "Maps And Territory" è un disco interessante per tre motivi: . Tutto l'album ruota principalmente attorno a Gioele Valenti, che ha scritto, suonato, registrato e mixato le 6 tracce in scaletta. Il brano migliore? "Archontes Take Control" perché è…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Ci piacciono sempre questi dischi che prendono il rock e lo imbastardiscono con fascinazioni varie e diverse: dal folk, al jazz, alla sperimentazione, passando per un’idea di pop che è...

Leggi Articolo »

DISTORSONIC Twisted Playgrounds

distorsonic
I Distorsonic sono un progetto di Maurizio Iorio nato a metà Anni Novanta. Un progetto che in "Twisted Playgrounds" vede l'autore (con Stefano Falcone ai tamburi) spaziare fra sonorità differenti: psichedelia, jazz, sperimentazione, noise, rock. Tutto è sospeso lungo la scaletta, gli appigli all'orecchiabilità sono pochi e le 9 tracce sono in prevalenza strumentali. Nonostante il taglio "alternativo", l'album ha una buonissima fruibilità e si arriva alla fine dell'ascolto senza particolare fatica. Ogni brano porta in dote una tensione emotiva che resta tale nel suo sviluppo e raramente esplode, e anche la tecnica non prende mai il sopravvento rispetto…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

I Distorsonic sono un progetto di Maurizio Iorio nato a metà Anni Novanta. Un progetto che in “Twisted Playgrounds” vede l’autore (con Stefano Falcone ai tamburi) spaziare fra sonorità differenti:...

Leggi Articolo »