IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Sperimentazione

Sperimentazione

MATTATOIO5 Escapes

mattatoio5
La band post rock padovana Mattatoio5 torna qui con un nuovo progetto ricco di sfumature elettroniche, con la produzione artistica di quel genio sottovalutato di Amaury Cambuzat. Partiamo dai difetti. "Escapes" ha troppe cose al suo interno, si dilunga parecchio e non è facile mantenere la concentrazione lungo i 55 minuti di ascolto. Gli manca un profilo definito e a patire questo limite sono soprattutto le canzoni, che non riescono a trovare una loro efficacia al primo contatto con l'ascoltatore. Dal lato opposto c'è anche da dire che è un lavoro coraggioso, fuori dai tempi moderni (ormai si osa…

Score

QUALITA' - 62%

62%

62

La band post rock padovana Mattatoio5 torna qui con un nuovo progetto ricco di sfumature elettroniche, con la produzione artistica di quel genio sottovalutato di Amaury Cambuzat. Partiamo dai difetti....

Leggi Articolo »

TOM DILEIN Alter Ego

tom dilein
Non ha scelto una strada facile, Tom Dilein, per il suo "Alter Ego", EP dalle mille fascinazioni. Che vuol essere prima di tutto un grimaldello per accedere all’intimità dell'autore, ripercorrendo in chiave sonora i traumi dello stesso: la depressione scaturita da un grave incidente, con il conseguente isolamento nei boschi della sua Versilia prima del ritorno in una città, Firenze, in cui non si riconosce più fino in fondo. Il disco è un continuo andare e venire lungo le coordinate della sperimentazione con la terza traccia in scaletta - "Lost" - che rappresenta a nostro avviso il miglior biglietto…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

Non ha scelto una strada facile, Tom Dilein, per il suo “Alter Ego“, EP dalle mille fascinazioni. Che vuol essere prima di tutto un grimaldello per accedere all’intimità dell’autore, ripercorrendo...

Leggi Articolo »

GRAMMO DI SOMA No

grammo di soma no
"No" è il terzo disco di Grammo di Soma, che ormai ci ha preso gusto a bazzicare i territori del rumore e della sperimentazione, con un'indole - talvolta - più da outsider che da veterano della discografia. Questo lavoro, infatti, ha un tratto istintivo e mette assieme 6 episodi che possono tranquillamente essere "letti" come una traccia unica, dove rumori, batteria, sintetizzatori, basso e voci creano un magma sonoro che ci mette un po' a svelarsi. Questo per dire che il primo ascolto non è un granché e risulta persino spiazzante, ma le cose vanno a migliorare con gli…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

“No” è il terzo disco di Grammo di Soma, che ormai ci ha preso gusto a bazzicare i territori del rumore e della sperimentazione, con un’indole – talvolta – più...

Leggi Articolo »

FLAVIO FERRI Testimone di passaggio

flavio ferri testimone di passaggio
"Testimone di passaggio" è il nuovo album di Flavio Ferri, con i testi di Luca Ragagnin, scrittore celebre per la collaborazione nelle liriche con i Subsonica. Il risultato? Beh, il fondatore e sound designer dei Delta V ha qui scelto la via della sperimentazione, coinvolgendo parecchi ospiti: da Gianni Maroccolo a Livio Magnini dei Bluvertigo, passando per Marco Trentacoste dei Deasonika, ma la lista è ancora lunga. Guai tuttavia a considerarlo un album collettivo, questo è al 100% un disco di Flavio Ferri (e Ragagnin), con le collaborazioni che arrivano a contaminare il territorio in maniera discreta, senza mai invadere…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

“Testimone di passaggio” è il nuovo album di Flavio Ferri, con i testi di Luca Ragagnin, scrittore celebre per la collaborazione nelle liriche con i Subsonica. Il risultato? Beh, il...

Leggi Articolo »

NERO KANE Tales of Faith and Lunacy

nero kane tales
C'è chi lo cerca, c'è chi crede di averlo e c'è chi ce l'ha. Ecco, Nero Kane ha uno stile, lui ce l'ha. La sua musica ha un profilo chiaro, definito, che attinge da un certo immaginario - un dark/folk tanto caro alle primissime cose di Nick Cave, giusto per citare un esempio fra i tanti possibili. "Tales of Faith and Lunacy" è un album compatto, che potrebbe persino essere letto come una traccia unica, una lunga traccia di 37 minuti dove l'atmosfera è cupa ma non pallosa e neppure autoreferenziale. Nero Kane tiene aperta la porta all'ascoltatore che…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

C’è chi lo cerca, c’è chi crede di averlo e c’è chi ce l’ha. Ecco, Nero Kane ha uno stile, lui ce l’ha. La sua musica ha un profilo chiaro,...

Leggi Articolo »

FRANCESCO ZIELLO Nine Hundred Fifty Seven

francesco ziello
Ostico e coraggioso. "Nine Hundred Fifty Seven" è l'album d'esordio del musicista polistrumentista e compositore elettroacustico romano Francesco Ziello, ed è un disco di non facile ascolto, perché le mani tese verso l'utente sono poche e sovente la sensazione è quella di essere lo "spettatore" ad un saggio. Anzi, l'invitato sgradito, quello che deve farsene una ragione oppure accomodarsi fuori. In scaletta 14 stazioni per 43 minuti di musica sperimentale, contemporanea, strumentale ed elettronica che si concentra sullo sviluppo di un mondo immaginario interiore. Un'idea coraggiosa, che però è qui processata con troppi alti e bassi, finanche con un…

Score

QUALITA' - 57%

57%

57

Ostico e coraggioso. “Nine Hundred Fifty Seven” è l’album d’esordio del musicista polistrumentista e compositore elettroacustico romano Francesco Ziello, ed è un disco di non facile ascolto, perché le mani...

Leggi Articolo »

SABINA SCIUBBA Force Majeure

sabina sciubba
E' veramente difficile incastrare in una definizione o in una categoria la musica di Sabina Sciubba. . "Force Majeure" è il nuovo album, progetto musicale e teatrale della cantante, attrice e compositrice italo-tedesca: 12 pezzi sofisticati, nei quali l’elettronica si fonde con la musica barocca e il romantic-punk abbraccia il jazz. Tra le dita di questa artista una Spinetta (un piccolo clavicembalo del 700 in legno) accompagna un drum-pad elettronico, un pianoforte a coda si mescola a una tromba, il violoncello sfida una batteria.…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

E’ veramente difficile incastrare in una definizione o in una categoria la musica di Sabina Sciubba. Perché va oltre le solite coordinate e abbraccia anche la sperimentazione, la world music,...

Leggi Articolo »

LUMI May the goddess unearth me

lumi
"May the goddess unearth me" è un disco (strumentale) di musica classica... elettronica. E' un album cinematografico. Anzi, ascoltandolo si resta persino un pochino spiazzati dal non poterci abbinare delle immagini o comunque un immaginario visivo di riferimento. Certo, si può ascoltare più e più volte per coglierne la qualità delle trame sonore, ma alla fine i sensi restano insoddisfatti. Quello dei siciliani Lumi è un viaggio introspettivo che incuriosisce per la contaminazione tra classica, minimalismo ed elettronica. "May the goddess unearth me" si snoda attraverso sei composizioni che raccontano una storia suddivisa in quattro momenti cardine: Incontro, Dono,…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

“May the goddess unearth me” è un disco (strumentale) di musica classica… elettronica. E’ un album cinematografico. Anzi, ascoltandolo si resta persino un pochino spiazzati dal non poterci abbinare delle...

Leggi Articolo »

UBBA BOND Mangiasabbia

ubba bond
Un po' Massimo Volume in "Bob", un po' Vasco Rossi in "Girasoli olandesi", un po' De André in "Sale", un po' spiazzanti per quel nome - Ubba Bond - che in tempo di "Corona Bond" concessi e negati, suona come l'ennesima proposta da supercazzola della politica. E invece ecco che "Mangiasabbia" (pure questo un titolo spiazzante) arriva a confortare e a rigenerare. Perché questa autoproduzione così anarchica e indefinibile dal punto di vista stilistico risulta aria fresca nel panorama indipendente italiano e contribuisce a battere un colpo dove di colpi ad effetto - ahinoi - se ne vedono sempre…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

Un po’ Massimo Volume in “Bob”, un po’ Vasco Rossi in “Girasoli olandesi”, un po’ De André in “Sale”, un po’ spiazzanti per quel nome – Ubba Bond – che...

Leggi Articolo »

ALBERTO NEMO Io Dio No

alberto nemo io dio no
Ci sono artisti che hanno una sensibilità artistica tale (e grande), che risulta impossibile parlarne male. Alberto Nemo ha piena cittadinanza in questa cerchia, perché a una tecnica sopraffina unisce uno stile che lo rende speciale nel panorama indipendente italiano. "Io Dio No" è il suo quattordicesimo disco ed è stato realizzato in collaborazione con l’artista Mauro Mazziero. Il compact è un omaggio in musica al poeta Dino Campana. In scaletta 10 episodi per 37 minuti. I testi di Nemo sono riflessioni sussurrate, gli arrangiamenti sono semplici, efficaci e moderni, e qua e là (vedi "No!") ci sono intuizioni…

Score

QUALITA' - 76%

76%

76

Ci sono artisti che hanno una sensibilità artistica tale (e grande), che risulta impossibile parlarne male. Alberto Nemo ha piena cittadinanza in questa cerchia, perché a una tecnica sopraffina unisce...

Leggi Articolo »