IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Cinema2019

Cinema2019

AMERICAN ANIMALS Bart Layton

american animals
Un film intelligente. E che in ogni occasione disvela qualcosa di nuovo, tanto è vero che l'abbiamo visto tre volte in una giornata e ha sempre svolto alla grande il suo compito. Cioè raccontare una storia (vera) che ha dell'incredibile, e raccontarla usando la finzione e il punto di vista dei protagonisti reali, in una sorta di docufilm che all'inizio spiazza e che col passare dei minuti convince pienamente. La trama. Nel 2003 a Lexington, nel Kentucky, Spencer Reinhard è uno studente d'arte che sente che la sua vita non ha senso e che ha bisogno di qualcosa di…

Score

SCORE - 7.5

7.5

8

Un film intelligente. E che in ogni occasione disvela qualcosa di nuovo, tanto è vero che l’abbiamo visto tre volte in una giornata e ha sempre svolto alla grande il...

Leggi Articolo »

THE ROOM – LA STANZA DEL DESIDERIO Christian Volckman

the room
Probabilmente troverete in giro varie recensioni non troppo positive di questo "The Room". Ma alla prova dei fatti la pellicola di Christian Volckman è roba seria, girata e montata con capacità e soprattutto la storia - per quanto irreale - regge il gioco della finzione. Aggiungete sulla bilancia due protagonisti egregi ed ecco che i valori pendono alla grande verso un giudizio positivo. Difficile invece inquadrare il film in un genere preciso, dal momento che thiller, fantasy e surreale tendono a rincorrersi spesso, e il finale rimanda a Jaume Balagueró ma anche a Hitchcock. Questo per dire che le…

Score

SCORE - 7

7

7

Probabilmente troverete in giro varie recensioni non troppo positive di questo “The Room“. Ma alla prova dei fatti la pellicola di Christian Volckman è roba seria, girata e montata con...

Leggi Articolo »

VIVARIUM Lorcan Finnegan

vivarium
"Vivarium" è il film intelligente che tutti dovrebbero vedere, anche chi non ha familiarità con un genere rischioso come quello dell'assurdo. Perché la pellicola di Lorcan Finnegan ha il dono di aprire la mente dello spettatore, di portare il pubblico oltre le regole di quella che per convenzione (e pigrizia) chiamiamo "realtà". Tutto qui è in discussione, e per quanto il film possa apparire una favola macabra, alla fine - guardandolo bene, e magari riguardandolo - i punti di contatto con la quotidianità di ognuno di noi possono essere molteplici: dall'isolamento, all'incomunicabilità, dal lavorare per scavare un buco che…

Score

SCORE - 8

8

8

“Vivarium” è il film intelligente che tutti dovrebbero vedere, anche chi non ha familiarità con un genere rischioso come quello dell’assurdo. Perché la pellicola di Lorcan Finnegan ha il dono...

Leggi Articolo »

NATIVE SON Rashid Johnson

native son
Un film interessante, meno brutto di quanto già letto in giro e soprattutto con un finale poco accomodante. Insomma, "Native Son" è lontano dall'essere un'opera mediocre e nonostante faccia a botte con certi stereotipi (bianchi superficiali, neri fatti e strafatti) non ne esce malconcio, grazie anche a un cast serio, dove ognuno fa il suo senza strafare. La trama. La vicenda narrata vede protagonista il giovane Bigger Thomas, detto Big, un giovane nato “dalla parte sbagliata” di Chicago, che oscilla fra le tentazioni del crimine e il desiderio di guadagnarsi da vivere onestamente. L’asticella sembrerebbe spostarsi verso il secondo…

Score

SCORE - 6.5

6.5

7

Un film interessante, meno brutto di quanto già letto in giro e soprattutto con un finale poco accomodante. Insomma, “Native Son” è lontano dall’essere un’opera mediocre e nonostante faccia a...

Leggi Articolo »

IL RE David Michôd

il re
Grande cast, grandissimo regista, bella storia ma la somma non dà il risultato atteso. Per carità, "Il Re" - come si suol dire - si lascia guardare, non annoia, è così cupo nella fotografia da trasportarti emotivamente in un'epoca altrettanto buia, eppure manca epicità a questa pellicola diretta dal mai celebrato abbastanza David Michôd. La trama. Hal (Timothée Chalamet), principe ribelle e riluttante erede al trono britannico, ha voltato le spalle alla vita di corte preferendone una tra la gente comune. Alla morte dell'autoritario padre (Ben Mendelsohn), Hal viene proclamato re col nome di Enrico V e obbligato a…

Score

SCORE - 6.5

6.5

7

Grande cast, grandissimo regista, bella storia ma la somma non dà il risultato atteso. Per carità, “Il Re” – come si suol dire – si lascia guardare, non annoia, è...

Leggi Articolo »

MA Tate Taylor

ma
Cosa possa spingere un valido regista come Tate Taylor, una premio Oscar come Octavia Spencer e una discreta casa di produzione come la Blumhouse Productions, a firmare un film del genere ce lo siamo chiesti già a metà della proiezione, figuratevi poi alla fine... . La trama. Sue Ann (Octavia Spencer) è una donna solitaria, che vive in disparte, in una tranquilla cittadina dell'Ohio. Un giorno viene fermata da Maggie (Diana Silvers), un'adolescente da poco arrivata in città, che le chiede di comprare degli alcolici per…

Score

SCORE - 3

3

3

Cosa possa spingere un valido regista come Tate Taylor, una premio Oscar come Octavia Spencer e una discreta casa di produzione come la Blumhouse Productions, a firmare un film del...

Leggi Articolo »

L’IMMORTALE Marco D'Amore

limmortale
Manca di profondità, ma "L'immortale" è un discreto film. E chissà che non sia stato un esperimento in laboratorio, una sorta di "". Questo perché la pellicola apre un discreto numero di filoni narrativi, e il finale è apertissimo. Non è il classico spin-off utile a chiudere un cerchio, anzi, è proprio la cosa opposta. E qui ci fermiamo perché il rischio "spoiler" è dietro l'angolo. La trama. La pellicola, spin-off della serie televisiva "Gomorra", racconta le vicende di Ciro Di Marzio, interpretato nel film e…

Score

SCORE - 6

6

6

Manca di profondità, ma “L’immortale” è un discreto film. E chissà che non sia stato un esperimento in laboratorio, una sorta di “…vediamo la reazione che può avere, e magari...

Leggi Articolo »

LIGHT OF MY LIFE Casey Affleck

lightofmylife
Prima cosa: il trailer è più bello del film, anche se è costruito male, perché svela più di quello che dovrebbe svelare. Seconda cosa: Casey Affleck anche quando non è al massimo della forma (come in questo caso) resta un attore sublime, che riesce a dare al dolore sfumature che restano addosso allo spettatore. Insomma, questo per dire che "Light of My Life" non è assolutamente un brutto film, anche se prende troppo spunto da "The road" e vagamente da "I figli degli uomini". E' una pellicola costruita sull'emotività, con un finale al quale basta la scena conclusiva per…

Score

SCORE - 6.5

6.5

7

Prima cosa: il trailer è più bello del film, anche se è costruito male, perché svela più di quello che dovrebbe svelare. Seconda cosa: Casey Affleck anche quando non è...

Leggi Articolo »