IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Electro

Electro

FLORENCE AND THE MACHINE Dance Fever

florence the machine dance fever
. Insomma, se "Dance Fever" voleva essere il tentativo di fotografare lo stato di salute di un progetto (ambizioso), la foto che resta tra le mani è sfocata nel soggetto e nei contorni e non aiuta a comprendere la parabola futura: il progetto ha già dato il meglio di sé oppure ci sono ancora margini? Boh. Mistero. Dicevamo in precedenza che alcune cose funzionano alla grande: "My Love", "King", "Choreomania", "Dream Girl Evil" (cantata meravigliosamente), "Cassandra" sono…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Qualcosa funziona alla grande, qualcosa funziona, qualcosa sembra un provino, qualcosa sta lì a riempire, come se l’album fosse stato progettato “al metro”. Insomma, se “Dance Fever” voleva essere il...

Leggi Articolo »

LIBERATO Liberato II

liberato ii
Secondo album (dal titolo non originalissimo), 7 canzoni in scaletta per meno di mezz'ora di musica, 1 riempitivo (la rivisitazione in chiave elettronica del classico "Cicerenella"), 1 canzone normale ("Guagliuncella Napulitana") e 5 pezzi che sono tanta roba. Liberato continua a tenere alta l'attenzione attorno al suo nome, ma mettendo sempre al centro di tutto la qualità della proposta musicale, che poi è anche il modo migliore per durare al di là delle mode. "Liberato II" è il disco di un artista (o di un collettivo) che ha ancora qualcosa da dire, che ha uno stile preciso, riconoscibile come…

Score

QUALITA' - 80%

80%

80

Secondo album (dal titolo non originalissimo), 7 canzoni in scaletta per meno di mezz’ora di musica, 1 riempitivo (la rivisitazione in chiave elettronica del classico “Cicerenella”), 1 canzone normale (“Guagliuncella...

Leggi Articolo »

CLAUDYM Un-Popular

claudym
Con il singolo “Nightmare” (di qualche mese fa) ci aveva ben impressionato. Questo EP "Un-Popular" ci lascia invece qualche perplessità. Il motivo? Non si intuisce la strada che vuole percorrere Claudym: c'è pop, punk, tanta elettronica Anni Ottanta rivisitata come va di moda oggi. Morale: . Per carità, è un EP modernissimo, attuale, ben registrato e missato, ma nessuna canzone rimane in mente al primo ascolto e i contatti successivi non migliorano le sensazioni iniziali. Salviamo…

Score

QUALITA' - 55%

55%

55

Con il singolo “Nightmare” (di qualche mese fa) ci aveva ben impressionato. Questo EP “Un-Popular” ci lascia invece qualche perplessità. Il motivo? Non si intuisce la strada che vuole percorrere...

Leggi Articolo »

HLFMN Double Mirror

hlfmn
Un po' come quelle pietanze che assaggi e non capisci ma ti piacciono, "Double Mirror" arriva in cuffia con tutto il suo carico di indecifrabili sonorità e stili. Il concept di “Double Mirror” è in linea con la volontà di HLFMN di voler unire due mondi: il materiale/definito con l’immateriale/indefinito, due mondi opposti ma comunicanti fra loro, rappresentati appunto dalla maschera divisa a metà (metà uomo) in quanto è la coscienza umana a fungere da ponte (anche inconsapevole) fra questi due mondi. Questo ci racconta la nota stampa. Noi vi raccontiamo che il disco è veramente spiazzante ed è…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Un po’ come quelle pietanze che assaggi e non capisci ma ti piacciono, “Double Mirror” arriva in cuffia con tutto il suo carico di indecifrabili sonorità e stili. Il concept...

Leggi Articolo »

STILEX Post Hit

stilex
“Post Hit” ci dice essenzialmente una cosa, anzi, ci ricorda che jazz e musica elettronica possono convivere. Negli Anni Novanta era facile tenere a mente il concetto, in questi Anni Duemila, invece, abbiamo perso la bussola perché il genere è stato un po' snobbato dalle produzioni. Stilex, nome dietro il quale si cela il trombettista campano Vito Gargano, non inventa nulla con la sua musica, ma ciò che propone all'ascoltatore è un menù fatto di sette tracce diverse fra loro ma con uno stile abbastanza riconoscibile. Ci piace moltissimo la prima parte, più misteriosa, più oscura, piena di ritmi…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

“Post Hit” ci dice essenzialmente una cosa, anzi, ci ricorda che jazz e musica elettronica possono convivere. Negli Anni Novanta era facile tenere a mente il concetto, in questi Anni...

Leggi Articolo »

CARON DIMONIO Porno Post Mortem

caron dimonio porno post mortem
Non tutto funziona - anche perché "Porno Post Mortem" non è un disco facile - ma ciò che funziona, funziona piuttosto bene, soprattutto quando la forma-canzone riesce a ritagliarsi un suo spazio, come nel caso di "Arthur Rimbaud" e "Nello strepito". I Caron Dimonio scelgono, qui, coordinate ambiziose per la scena italiana: . Vogliamo essere sinceri: ci vogliono diversi ascolti per entrare in sintonia con questo panorama frastagliato. Ma per chi…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Non tutto funziona – anche perché “Porno Post Mortem” non è un disco facile – ma ciò che funziona, funziona piuttosto bene, soprattutto quando la forma-canzone riesce a ritagliarsi un...

Leggi Articolo »

MARIO PIGOZZO FAVERO Mi Commuovo, Se Vuoi

mario pigozzo favero
"Mi Commuovo, Se Vuoi" è il primo album solista di Mario Pigozzo Favero, per oltre vent’anni autore dei brani dei Valentina Dorme. Un lavoro che ha occupato gli ultimi tre anni, tra scrittura, riscrittura e registrazione. In scaletta 13 brani per una quarantina di minuti di musica. Non è un disco "cotto-e-mangiato", ma non è manco una roba per nostalgici di un'epoca cantautorale fortunata e passata. Insomma, ci piacerebbe trovare una forma non... spaventevole (in questa epoca da Spotify) per dire che - armatevi di pazienza e prendete i testi e ascoltate le canzoni snocciolando le liriche, altrimenti il…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

“Mi Commuovo, Se Vuoi” è il primo album solista di Mario Pigozzo Favero, per oltre vent’anni autore dei brani dei Valentina Dorme. Un lavoro che ha occupato gli ultimi tre...

Leggi Articolo »

TEARS FOR FEARS The Tipping Point

tears for fears the tipping point
Roland Orzabal e Curt Smith con la pubblicazione come primo singolo della traccia che dà il titolo all’album, “The Tipping Point", ci avevano un po' illusi e ingolositi in vista del ritorno sulle scene dopo 17 anni di silenzio. Il singolo era e resta una bomba, il resto del disco, però, è leggermente al di sotto delle aspettative: c'è tanta atmosfera, tanta ricerca del suono (pop) giusto, ma il meglio, i Nostri, lo danno quando decidono di legittimare il marchio della ditta e accelerano sulle onde dell'elettronica, come nel caso di "My Demons", pezzone "à la Depeche Mode" che…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

Roland Orzabal e Curt Smith con la pubblicazione come primo singolo della traccia che dà il titolo all’album, “The Tipping Point“, ci avevano un po’ illusi e ingolositi in vista...

Leggi Articolo »

CASINO ROYALE Polaris

casino royale polaris
“Polaris” è l'ennesima reincarnazione dei Casino Royale ed è un disco che accelera e sbanda, che più che dare una panoramica d'insieme, è tanti scatti legati fra loro - all'ascoltatore il compito di vederci qualcosa o anche solo ciò che vuole. Perché i Casino Royale sono, oggi, qualcosa di poco strutturato (non hanno un suono di riferimento) ma cercano di plasmare il loro materiale mischiando fascinazioni diverse: l'elettronica mitteleuropea, il reggae, il rock, l'orecchiabilità di matrice italiana, le colonne sonore e chissà cos'altro. Non ci sono punti fissi, ogni canzone è un'istantanea. A noi cos'è piaciuto? Sono piaciute le…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

“Polaris” è l’ennesima reincarnazione dei Casino Royale ed è un disco che accelera e sbanda, che più che dare una panoramica d’insieme, è tanti scatti legati fra loro – all’ascoltatore...

Leggi Articolo »