IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Pop

Pop

ONORATA SOCIETÀ L'Anima Animale

onorata societa
Disco veloce, quello dell'Onorata Società: 8 pezzi per 28 minuti di musica. Pochi orpelli, tanta sostanza. Un continuo muoversi fra denuncia sociale e la lezione dei 99 Posse, tra rock, pop, rap e ritmi caldi. “L’Anima Animale” è auspicio ad una conciliazione tra gli istinti dell’animale uomo e l’identità globale “che ci vuole sempre più denaturalizzati e deumanizzati”. Le intenzioni hanno raggiunto, alla fine, il risultato sperato. Perché l'album esprime tematiche sì inflazionate, ma proposte con un taglio accattivante e soprattutto - visto che parliamo di musica - con una discreta varietà negli arrangiamenti. La scaletta stupisce in avvio:…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Disco veloce, quello dell’Onorata Società: 8 pezzi per 28 minuti di musica. Pochi orpelli, tanta sostanza. Un continuo muoversi fra denuncia sociale e la lezione dei 99 Posse, tra rock,...

Leggi Articolo »

FINISTER Please, Take Your Time

finister please take your time
Direttamente dagli Anni Novanta, direttamente dalla scena rock britannica, ecco "Please, Take Your Time", un disco che ha conquistato persino Howie B, che ha prodotto quattro brani del compact. E visto che noi amiamo Howie B, abbiamo pensato di recensire positivamente il lavoro dei Nostri. Scherzi a parte, il disco dei Finister funziona al di là della presenza del famoso produttore, che marchia quattro brani ma non stravolge il contenuto dell'album, c'è infatti continuità con i pezzi non maneggiati dal genio scozzese. Sinceramente quando le cose in un album funzionano, ci sembra persino superfluo perderci in grossi commenti. I Finister hanno messo assieme canzoni distanti…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

Direttamente dagli Anni Novanta, direttamente dalla scena rock britannica, ecco “Please, Take Your Time“, un disco che ha conquistato persino Howie B, che ha prodotto quattro brani del compact. E visto che noi...

Leggi Articolo »

TABACCO Tempeste Lunari

tabacco tempeste lunari
Tabacco è il progetto di Andrea Tabacco (già cantante degli Elton Junk) che partendo dalla lezione dei CCCP, si spinge alla ricerca di un porto sicuro tra sperimentazione e pop, fra ambizioni ed eccesso. Il risultato è un album isterico ma abbastanza fruibile, nel senso che si arriva alla fine dell'ascolto senza particolari problemi e soprattutto (cosa veramente importante) schivando agevolmente la noia. "Tempeste Lunari" in 34 minuti mette assieme 9 canzoni generose di spunti interessanti. I rimandi agli Anni Ottanta sono molteplici e continui, ma bisogna anche dire che l'album resta sempre ben ancorato alla realtà d'oggi, complice…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Tabacco è il progetto di Andrea Tabacco (già cantante degli Elton Junk) che partendo dalla lezione dei CCCP, si spinge alla ricerca di un porto sicuro tra sperimentazione e pop,...

Leggi Articolo »

POSTINO Latte di Soia

postino latte soia
Se Postino avesse fatto un disco con brani potenti come "Blu", il risultato sarebbe stato un gioiello prezioso. Ma la realtà dice che "Latte di Soia" è un esordio, e come la stragrande maggioranza degli esordi bisogna saper fare le giuste valutazioni, che significa criticare ma anche muoversi con manica larga. Chiariamo subito: la premessa sopra non serve ad addolcire la pillola al Nostro, e a dire fra un paio di righe che l'album è una merda, ma anzi, il contrario: il valore del disco non si discute e ci sono le basi concrete per coltivare un progetto che…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Se Postino avesse fatto un disco con brani potenti come “Blu”, il risultato sarebbe stato un gioiello prezioso. Ma la realtà dice che “Latte di Soia” è un esordio, e...

Leggi Articolo »

VALENTE Il blu di ieri

valente il blu di ieri
E' un buon disco "Il blu di ieri". Valente attinge a piene mani da una stagione - quella degli Anni Ottanta - che ancora oggi continua a trasmettere semi vitali, ma il suo lavoro non sa di vecchio, perché nell'arrangiamento dei brani si è scelta una strada coraggiosa. Ecco quindi che la scaletta è invasa da un rock che si piega qua e là ai voleri della new wave, del pop, dell'elettronica, della canzone d'autore moderna e anche del jazz, complice un sassofono perfetto che entra nei momenti giusti arricchendo i brani. "Il blu di ieri" è un buon…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

E’ un buon disco “Il blu di ieri“. Valente attinge a piene mani da una stagione – quella degli Anni Ottanta – che ancora oggi continua a trasmettere semi vitali,...

Leggi Articolo »

TREVOR POWERS Mulberry Violence

trevor powers mulberry violence
Perché dovreste "investire" una mezz'oretta del vostro tempo dietro all'ascolto di "Mulberry Violence"? Perché Trevor Powers ha fatto un disco equilibrato, innovativo, potente. Ha fatto il disco che bisognerebbe fare quando provi a mescolare pop e sperimentazione sonora, melodia e azzardo. Che intendiamoci, a parole significa farla facile, ma poi a conti fatti è una bella battaglia prova a sintetizzare gli opposti senza scivolarci addosso o franarci dentro. Trevor Powers ha rinunciato al suo alter ego (Youth Lagoon) dopo aver pubblicato tre album con quel monicker, e comunicando a maggio il ritorno discografico con il nome di battesimo. Nella musica di…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

Perché dovreste “investire” una mezz’oretta del vostro tempo dietro all’ascolto di “Mulberry Violence“? Perché Trevor Powers ha fatto un disco equilibrato, innovativo, potente. Ha fatto il disco che bisognerebbe fare quando...

Leggi Articolo »

ESTERINA Canzoni per esseri umani

esterina canzoni esseri umani
"Canzoni per esseri umani" è l'elogio della semplicità, che da un lato significa anche "niente sorprese", però guardiamo il bicchiere mezzo pieno: la band toscana ha scelto di andare al sodo, di restare ancorata ai territorio del concreto, di muoversi senza accelerare. Ovvio, a seconda dei punti di vista si potrebbe accusare i Nostri di scarso coraggio ma anche di una maturità tale da rendere finanche naturale un disco del generale. Insomma, questo per dire che . Più facile definire le coordinate: "Canzoni per esseri…

Score

QUALITA' - 61%

61%

61

“Canzoni per esseri umani” è l’elogio della semplicità, che da un lato significa anche “niente sorprese”, però guardiamo il bicchiere mezzo pieno: la band toscana ha scelto di andare al...

Leggi Articolo »

TRÈ HÙS When you're anything but ok

tre hus
Partiamo con il dire che da Cabezon Records arrivano sempre delle cose molto carine e interessanti e - a scanso di equivoci - non abbiamo venduto pubblicità a loro. "When you're anything but ok" è un bel mix di pop attualissimo, con generose parti di elettronica, melodie europee, sensibilità italiana per i ritornelli e un incastro di voci (uomo/donna) che rappresenta una scelta vincente da parte dei veronesi Trè Hùs, che mettono assieme 7 pezzi che dicono molto sul tipo di percorso che hanno intrapreso i Nostri e sulla loro voglia - soprattutto negli arrangiamenti - di allargare il raggio…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

Partiamo con il dire che da Cabezon Records arrivano sempre delle cose molto carine e interessanti e – a scanso di equivoci – non abbiamo venduto pubblicità a loro. “When...

Leggi Articolo »

GIÒ Succederà

gio succedera
Sei pezzi per dire che Giordano Gondolo, in arte Giò, ha davanti a sé diverse strade, vedremo in futuro quale andrà ad imboccare. Al momento si muove velocissimo fra pop, rock, cantautorato e persino hip hop. . "Quello che voglio" è invece un brano più rock, con una linea melodica accattivante. Da qui in avanti le cose prendono una direzione poco chiara: la title track è un calypso rock con un ritornello carino ma con un messaggio banalotto e una costruzione musicale…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

Sei pezzi per dire che Giordano Gondolo, in arte Giò, ha davanti a sé diverse strade, vedremo in futuro quale andrà ad imboccare. Al momento si muove velocissimo fra pop, rock, cantautorato...

Leggi Articolo »

ENZO SAVASTANO Io sono con voi

enzo savastano io sono con voi
Enzo Savastano è un'invenzione, e come tale andrebbe preso, e magari neppure troppo sul serio. . Enzo Savastano è nato nel 2012 dalla inutile esigenza (ipse dixit) di Antonio De Luca e Valerio Vestoso di dar vita ad un cantante fantasma che si arrogasse il diritto alla neomelodia e lo declinasse sui vari generi musicali, dal reggae, al pop, al funky, e che pontificasse sulla sua pagina social mischiando gli aneddoti…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Enzo Savastano è un’invenzione, e come tale andrebbe preso, e magari neppure troppo sul serio. Eppure è diventato uno dei cantautori più credibili degli ultimi anni, perché il suo progetto...

Leggi Articolo »