IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Canzone d’autore

Canzone d’autore

LO STRANO FRUTTO Lo Strano Frutto

lo strano frutto
Lo Strano Frutto è il progetto solista di Enrico Teno Cappozzo. Il Nostro è qui impegnato in un EP di 5 pezzi dove la chitarra si mescola talvolta al sax, creando un mix di rock cantautorale e jazz gradevole al primo ascolto - con ampie concessioni all'orecchiabilità. Quasi tutti i brani tengono botta, e nel complesso l'EP sta in piedi. Episodi come l'iniziale "Tutto bene (per adesso)" e "Le mie gambe fragili" hanno indiscutibilmente qualcosa da dire perché esaltano l'istrionismo vocale dell'autore, che si trova a suo agio quando i toni si alzano ed è così libero... di liberare…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

Lo Strano Frutto è il progetto solista di Enrico Teno Cappozzo. Il Nostro è qui impegnato in un EP di 5 pezzi dove la chitarra si mescola talvolta al sax,...

Leggi Articolo »

GUSTAVO Dischi volanti per il gran finale

gustavo
Arriviamo in colpevole ritardo a recensire questo “Dischi volanti per il gran finale”, debutto del progetto Gustavo. Si tratta di un concept album tratto da alcune poesie composte dall’autore, musicista e produttore, Francesco Tedesco, che hanno come protagonista un personaggio di fantasia nato nel 1797, chiamato appunto Gustavo. per provare ad andare oltre il classico "già sentito". L'alchimia funziona piuttosto bene, non a caso il disco scivola via che è una meraviglia e mette in evidenza una…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Arriviamo in colpevole ritardo a recensire questo “Dischi volanti per il gran finale”, debutto del progetto Gustavo. Si tratta di un concept album tratto da alcune poesie composte dall’autore, musicista...

Leggi Articolo »

GERARDO ATTANASIO Terraferma

gerardo attanasio
"Terraferma" è un disco pieno di saliscendi. Verrebbe quasi da definirlo un lavoro isterico, perché spesso c'è molta differenza (specialmente negli arrangiamenti) fra le varie canzoni in scaletta, . Le cose positive? Gerardo Attanasio ha una voce perfetta, che aggiunge personalità a tutte le canzoni, c'è anche proprietà di linguaggio nei testi (nonostante qualche rima sia chiusa in maniera discutibile) e pezzi come "Abu Tabela" e in…

Score

QUALITA' - 58%

58%

58

“Terraferma” è un disco pieno di saliscendi. Verrebbe quasi da definirlo un lavoro isterico, perché spesso c’è molta differenza (specialmente negli arrangiamenti) fra le varie canzoni in scaletta, come se...

Leggi Articolo »

IMPERMEABILI Non ci siamo per nessuno

impermeabili
Impermeabili è un progetto artistico che è nato nel 2015 dall'unione di due attori, Beppe Salmetti e Simone Tangolo diplomati in recitazione all’Accademia dei Filodrammatici e al Piccolo Teatro di Milano, con l'intento di unire musica e teatro in una sorta di cabaret musicale. Intento lodevole, se non fosse che lungo la scaletta la sensazione di "già sentito" è talmente evidente da condizionare l'ascolto. . Il risultato? Un disco del 2019 che suona vecchio, una canzone d'autore annoiante, anche quando strizza l'occhio al blues.

Score

QUALITA' - 48%

48%

48

Impermeabili è un progetto artistico che è nato nel 2015 dall’unione di due attori, Beppe Salmetti e Simone Tangolo diplomati in recitazione all’Accademia dei Filodrammatici e al Piccolo Teatro di Milano, con l’intento...

Leggi Articolo »

MURUBUTU Tenebra è la notte ed altri racconti di buio e crepuscoli

murubutu tenebra notte
Questo nuovo album di Murubutu (dedicato alla notte) mette sul tavolo più conferme che novità - e non è una critica, semmai è un modo semplice per dire che ormai il Nostro ha scelto (da tempo) una strada, un percorso distante anni luce dalle mode del momento. Nella musica di Murubutu la trap non ci entra neppure di sbieco e le tematiche che fanno "brutto" sono declinate in narrazione per un pubblico maturo. Insomma, è rap cantautorale, senza fronzoli, senza grandi (e inutili) citazioni e con una discreta fruibilità pop. Roba da leccarsi i baffi, per un pubblico non…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Questo nuovo album di Murubutu (dedicato alla notte) mette sul tavolo più conferme che novità – e non è una critica, semmai è un modo semplice per dire che ormai...

Leggi Articolo »

MASSIMO VOLUME Il Nuotatore

massimo volume
Toh, un altro disco dei Massimo Volume. E' più o meno questo, quello che abbiamo pensato appena messo su "Il Nuotatore": entusiasmo poco, curiosità poca, pregiudizi tanti. E invece il nuovo lavoro di Emidio Clementi e soci non è malaccio: estremamente interessante dal punto di vista lirico (le storie hanno profondità e personalità), accettabile sotto il piano sonoro, anche se ci sono più ombre che luci, soprattutto nell'arrangiamento e nelle chitarre troppo simili in troppi pezzi. Insomma, per essere il disco di una band che ha attraversato indenne gli Anni Novanta, niente male. Il meglio è alle spalle, ma…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Toh, un altro disco dei Massimo Volume. E’ più o meno questo, quello che abbiamo pensato appena messo su “Il Nuotatore“: entusiasmo poco, curiosità poca, pregiudizi tanti. E invece il...

Leggi Articolo »

LIBERATO Liberato

liberato
E alla fine il disco l'ha tirato fuori. Lo ha fatto mettendo sul tavolo altri cinque pezzi, accompagnati da altrettanti video di Francesco Lettieri a comporre un piccolo film con una storia autoconclusiva. Insomma, abbiamo finalmente il disco di Liberato, disco che negli ultimi anni si è andato a comporre un po' alla volta e - all'apparenza - senza un programma preciso: pezzi centellinati, qualche live, video bellissimi e mistero sparso a piene mani, con l'ombra di Livio Cori (noi non crediamo sia lui, Liberato) ad allungarsi sul progetto. Al netto però di tutto quello che negli ultimi anni…

Score

QUALITA' - 90%

90%

90

E alla fine il disco l’ha tirato fuori. Lo ha fatto mettendo sul tavolo altri cinque pezzi, accompagnati da altrettanti video di Francesco Lettieri a comporre un piccolo film con...

Leggi Articolo »

SARAH STRIDE Prima Che Gli Assassini

sarah stride
"Prima Che Gli Assassini" ci dice diverse cose. Ci dice che Sarah Stride sta ancora cercando una sua strada e attualmente ondeggia tra passato e futuro, tra un cantautorato rivisitato e il coraggio di abbracciare sonorità moderne, inzuppate di un'elettronica carina ed elegante. Ci dice anche che Sarah Stride è molto gradevole quando libera la voce ("Le catene corte"), mentre quando si fa intima perde qualcosina, forse penalizzata (vedi "Madre", ad esempio) da arrangiamenti non proprio azzeccati. Insomma, "Prima Che Gli Assassini" è un disco che saltella sopra le buche e a volte ci finisce dentro. Sinceramente avremmo tolto…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

“Prima Che Gli Assassini” ci dice diverse cose. Ci dice che Sarah Stride sta ancora cercando una sua strada e attualmente ondeggia tra passato e futuro, tra un cantautorato rivisitato...

Leggi Articolo »

PAOLA RUSSO Non è colpa mia

paola russo
“Non è colpa mia” è il disco d’esordio della cantautrice e musicista siciliana Paola Russo, prodotto, registrato e mixato presso l’Indigo Studio di Palermo da Donato Di Trapani e Fabio Rizzo e masterizzato da Giovanni Versari. Scaletta rapida: 9 pezzi per 30 minuti di musica. Il lavoro è caratterizzato da idee che girano tutte attorno alle coordinate del pop-elettronico, con ampie concessioni alla tradizione cantautoriale italiana. Il disco è estremamente accessibile già al primo ascolto, forte di ritornelli semplici, aperti, diretti, e arrangiamenti che rimandano alla generosa stagione degli Anni Ottanta. Insomma, nulla di originale, ma la proposta riesce fin…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

“Non è colpa mia” è il disco d’esordio della cantautrice e musicista siciliana Paola Russo, prodotto, registrato e mixato presso l’Indigo Studio di Palermo da Donato Di Trapani e Fabio Rizzo...

Leggi Articolo »

FRIGO Non Importa

frigo
I Frigo possono ambire al premio "immagine di copertina più brutta dell'anno", ma anche vantare un ottimo debutto. Sì, la cover è veramente bruttina e non rende merito al contenuto dell'album. "Non Importa" è un esordio che mescola pop ed elettronica. Tutti i pezzi hanno un cliché: partono piano e crescono, iniziano da posizioni cantautorali e poi liberano l'anima pop (Anni Ottanta) che i Nostri portano in dote all'ascoltatore. Diciamolo: la proposta non è originalissima, segue un po' le mode del momento, ma è fatta con qualità e nei nove episodi in scaletta non c'è un ritornello sbagliato -…

Score

QUALITA' - 77%

77%

77

I Frigo possono ambire al premio “immagine di copertina più brutta dell’anno”, ma anche vantare un ottimo debutto. Sì, la cover è veramente bruttina e non rende merito al contenuto...

Leggi Articolo »