IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Rock

Rock

MANGIATUTTO Mangiatutto

mangiatutto
I Mangiatutto sono una sorta di "supercollettivo" ligure che mette insieme tutta (o quasi) l'attuale scena musicale di Savona. Esistono ormai da quasi tre anni e sono molto famosi per i loro concerti dove tutto può accadere. E possiamo tranquillamente dire che il disco in oggetto è abbastanza fedele a questo ideale di "imprevedibilità". Così com'è fedele a un rock-punk d'avanguardia dove la classica forma-canzone viene snaturata e smembrata per diventare altro: tal volta filastrocca, altre volte slogan, come nel caso della geniale "Séduction". Il disco d'esordio dei Mangiatutto si intitola "Mangiatutto" (scritto in arabo) e raccoglie tutte le…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

I Mangiatutto sono una sorta di “supercollettivo” ligure che mette insieme tutta (o quasi) l’attuale scena musicale di Savona. Esistono ormai da quasi tre anni e sono molto famosi per...

Leggi Articolo »

LA SCALA SHEPARD Bersagli

lascalashepard
La Scala Shepard è un'alternative rock band, nata nel 2015 tra le strade del quartiere romano di Trastevere. "Bersagli" è un album di rock cantautorale che - nelle intenzioni - cerca una propria identità smarcandosi da tutto ciò che va di moda oggi in ambito rock e pop italiano. Sì, possiamo parlare di anche di pop perché l'orecchiabilità è spesso ricercata dalla band romana nei propri brani. Insomma, le intenzioni sono buonissime, ma il risultato non è sufficiente: tutti gli aspetti della proposta (arrangiamenti, testi e suono) necessitano di aggiustamenti vigorosi, con una particolare attenzione - a nostro avviso…

Score

QUALITA' - 51%

51%

51

La Scala Shepard è un’alternative rock band, nata nel 2015 tra le strade del quartiere romano di Trastevere. “Bersagli” è un album di rock cantautorale che – nelle intenzioni –...

Leggi Articolo »

HANDSHAKE An Ice Cream Man on the Moon

handshake
Gli Handshake arrivano da Firenze e sono nati nel 2015 e - nelle intenzioni - hanno l'ambizione di puntare da subito ad un contesto internazionale. "An Ice Cream Man on the Moon" è un disco d'esordio che a conti fatti intrattiene piuttosto bene e che ha anche un'idea di suono abbastanza definita attorno alle coordinate del rock con spruzzate di psichedelia e pop qua e là e una componente dark che quando esce fuori al massimo (leggi "Human Skills") fa la differenza. L'album è prodotto bene, la scaletta è agile e non ci sono particolari scivoloni. Gli Anni Ottanta…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Gli Handshake arrivano da Firenze e sono nati nel 2015 e – nelle intenzioni – hanno l’ambizione di puntare da subito ad un contesto internazionale. “An Ice Cream Man on...

Leggi Articolo »

LAIKA NELLO SPAZIO Dalla Provincia

laikanellospazio
Il grosso limite dei Laika Nello Spazio è il parlarsi un po' addosso, il fare musica - naturalmente è una nostra sensazione - più per se stessi che per l'ascoltatore, che a livello puramente didattico può sembrare persino una gran cosa, ma poi l'arte si rivolge sempre a un pubblico, e quel pubblico lo devi conquistare, lo devi intercettare, gli devi tendere una mano per portarlo dentro il tuo mondo, a contatto con il tuo immaginario. "Dalla Provincia" è un disco di rock... recitato. La lezione dei Massimo Volume aleggia lungo la scaletta e fin dall'iniziale "Il cielo sopra…

Score

QUALITA' - 58%

58%

58

Il grosso limite dei Laika Nello Spazio è il parlarsi un po’ addosso, il fare musica – naturalmente è una nostra sensazione – più per se stessi che per l’ascoltatore,...

Leggi Articolo »

CANNIBALI COMMESTIBILI Cannibali Commestibili

cannibali commestibili
I Cannibali Commestibili esordiscono qui con un disco omonimo dove il rock (americano) è l'invitato d'onore. L'album è cantato - e bene - in italiano. E' suonato - e bene - con tecnica e sensibilità. E' sviluppato - e bene - con un'idea di melodia che spesso valorizza i ritornelli. Il disco porta però con sé un peccato grave: l'originalità non abita qui. . A livello lirico la strada imboccata è quella giusta ma c'è da lavorare, per puntare…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

I Cannibali Commestibili esordiscono qui con un disco omonimo dove il rock (americano) è l’invitato d’onore. L’album è cantato – e bene – in italiano. E’ suonato – e bene...

Leggi Articolo »

TOBIA LAMARE Songs for the present time

tobia lamare
Album non facile da valutare, questo "Songs for the present time". Per carità, tutte le canzoni in scaletta sono piacevoli, orecchiabili, intrattengono e l'ascolto scorre via senza problemi. Ma... I brani di Tobia Lamare sembrano cover, e forse è proprio questo il limite della produzione: la lezione dei vari Springsteen, Dylan, Van Morrison è presente e asfissiante, il risultato è così un disco non originalissimo ma che ha il merito di non annoiare. Insomma, il classico album più facile da ascoltare che da recensire. Vigliaccamente ci rifugiamo fra le calde braccia del 6 politico (non è nostro costume), perché…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

Album non facile da valutare, questo “Songs for the present time“. Per carità, tutte le canzoni in scaletta sono piacevoli, orecchiabili, intrattengono e l’ascolto scorre via senza problemi. Ma… I...

Leggi Articolo »

THE SOFTONE Golden Youth

thesoftone
“Golden Youth” è il quarto disco di The Softone, ovvero Giovanni Vicinanza, autore e produttore in toto di questo album che ha una matrice abbastanza chiara (il folk) ma diverse facce che poi si traducono in stati d'animo che contagiano l'ascoltatore. . I pezzi migliori? "Still Believe" senza dubbio (un potenziale singolo), poi anche "Psycho Visions" e le due intro/outro. In generale quando…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

“Golden Youth” è il quarto disco di The Softone, ovvero Giovanni Vicinanza, autore e produttore in toto di questo album che ha una matrice abbastanza chiara (il folk) ma diverse...

Leggi Articolo »

KORN The Nothing

korn the nothing
I Korn fanno sempre la stessa cosa, la fanno da tredici album, e la fanno davvero bene. Ecco quindi che potremmo definire "The Nothing" come il classico e rassicurante disco che solo i Korn potrebbero fare dopo anni e anni di onorata carriera. Quindi chitarroni, arrangiamenti sempre uguali, una sensibilità naturale verso la melodia e qualche cambio di ritmo per ricordare ai fan della prima ora che i Nostri non hanno tradito le origini, anche se il menù è molto meno pregiato rispetto a una ventina di anni fa. La scaletta è generosa di momenti discreti: da "Gravity of…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

I Korn fanno sempre la stessa cosa, la fanno da tredici album, e la fanno davvero bene. Ecco quindi che potremmo definire “The Nothing” come il classico e rassicurante disco...

Leggi Articolo »

GRAN TORINO Secondo Tempo

gran torino
Con i bolognesi Gran Torino siamo nel campo del rock elettronico con generose aperture alla melodia. Anzi, per essere più precisi, il duo flirta con il rock e moderatamente con l'elettronica. Il risultato è un album che ha un suono non originalissimo ma gradevole, con delle costruzioni melodiche accattivanti, quello che però... manca a "Secondo Tempo" sono i testi, che non ricamano mai immagini capaci di definire un immaginario preciso. Tradotto per rendere meglio il concetto: . In scaletta 9 episodi per 28 minuti di musica. Le canzoni mescolano rabbia e luce, pop moderno…

Score

QUALITA' - 56%

56%

56

Con i bolognesi Gran Torino siamo nel campo del rock elettronico con generose aperture alla melodia. Anzi, per essere più precisi, il duo flirta con il rock e moderatamente con...

Leggi Articolo »

YAGUAR Vision

yaguar
Tanta musica (chitarre soprattutto), parole che sembrano (volutamente?) mantra e una sensazione generale di "già sentito". Insomma, questo "Vision" non ci ha impressionato granché. Detto che l'idea di rock alla base della proposta non è malaccio e in qualche modo guarda più Oltreoceano che in casa nostra, quello che manca alle 9 canzoni in scaletta è un filo conduttore, un'identità, una direzione. "Vision" sembra più un mix di provini e arrangiamenti disarticolati, piuttosto che un percorso dove l'ascoltatore è l'ospite gradito. Morale: 49 minuti non facilissimi da affrontare in un colpo solo e la continua idea (del recensore) che…

Score

QUALITA' - 51%

51%

51

Tanta musica (chitarre soprattutto), parole che sembrano (volutamente?) mantra e una sensazione generale di “già sentito”. Insomma, questo “Vision” non ci ha impressionato granché. Detto che l’idea di rock alla...

Leggi Articolo »