Cinema2022

  • speak no evil

    SPEAK NO EVIL Christian Tafdrup

    Non ci sono mostri, non ci sono fantasmi, non ci sono armi, coltelli o grossi effetti speciali, e anche il sangue è centellinato. Eppure “Speak No Evil” è uno dei migliori 10 horror degli ultimi 10 anni, non c’è dubbio. Così come non c’è dubbio che farà felici tanti orfani del primo Michael Haneke – qui ritroveranno tanto del cinico immaginario del regista austriaco. Il film ha tre punti di forza: la narrazione è fluida…

  • spencer

    SPENCER Pablo Larraín

    E’ un peccato che questo “Spencer” sia passato un po’ in sordina negli ultimi mesi, e anche nelle varie premiazioni (Oscar compresi) avrebbe meritato ben altra gloria. Questo perché è un film serio, con una regia bellissima, musiche perfette e una Kristen Stewart sulla quale nutrivamo qualche dubbio alla vigilia, ma alla prova dei fatti ha davvero lasciato il segno. La trama. Si tratta di una “ricostruzione immaginaria” della decisione di Lady Diana di emanciparsi…

  • dont worry darling

    DON’T WORRY DARLING Olivia Wilde

    “Don’t Worry Darling” è un gran bel film. Perché è pop nel cast, nella regia (carina ma classica), e perché Shia LaBeouf era stato inizialmente scelto per il ruolo di Jack, e poi pare abbia combinato il solito casino ed è stato escluso – come nelle migliori epopee pop, appunto. Ma è anche un film dal forte taglio indipendente, soprattutto nella narrazione di una storia curiosa e ricca di colpi di scena, che lascia aperte…

  • america latina

    AMERICA LATINA Damiano e Fabio D'Innocenzo

    Non brutto, non bello. Interessante ma non originale. Diciamo discreto se paragonato a cosa esce dal mercato italiano, mentre se guardiamo oltre i confini, beh, allora “America Latina” è giusto un filmetto che guarda con un certo interesse a una pellicola del passato con protagonista Nicole Kidman – manteniamo il silenzio per non svelarvi qualcosa di cruciale in relazione alla storia. La trama. Massimo Sisti (Elio Germano) è un dentista benestante, felicemente sposato con Alessandra…

  • larma dellinganno

    L’ARMA DELL’INGANNO John Madden

    Non annoia, intrattiene e alla fine sono tutti contenti. In più c’è Colin Firth, che in questi contesti è sempre l’attore giusto al posto giusto. Insomma, gli ingredienti per una serata di svago ci sono tutti, a patto di non cercare chissà quale luce dentro al tunnel, perché “L’arma dell’inganno – Operazione Mincemeat” è una pellicola che ha uno sviluppo lineare e consente allo spettatore di mantenere al minimo il grado di attenzione. La trama.…

  • bones and all

    BONES AND ALL Luca Guadagnino

    Partiamo dalla parte musicale: le trame del duo pluripremiato Trent Reznor & Atticus Ross sono molto belle, peccato aver appesantito la colonna sonora di tante tracce folk che hanno un po’ spersonalizzato l’atmosfera del film. Purtroppo Luca Guadagnino non è nuovo a queste soluzioni musicali. Ma sinceramente il suo “Bones and All” meritava un mood più dark e meno romanticoso-melanconico, almeno dal punto di vista sonoro. Di buono, il film ha una bella regia e…

  • gold

    GOLD Anthony Hayes

    Non è un film mediocre “Gold“, nonostante le recensioni non siano state lusinghiere dopo la sua uscita nelle sale. Ha diverse cose positive e anche i limiti – ci sono, certo – non sono da matita rossa. Ecco perché alla fine la visione ci è piaciuta. E ci è sembrata una pellicola con qualcosa da dire al netto di qualche sbandata evitabilissima, a partire dagli ultimi secondi del finale. La trama. Mentre attraversano il deserto…

  • watcher

    WATCHER Chloe Okuno

    Fino a 30 secondi dal finale, “Watcher” ha i connotati del possibile “cult”, poi il bisogno – commerciale? – di rassicurare il pubblico lo rende molto meno bello di come poteva essere. Peccato davvero, perché Chloe Okuno fa un bellissimo lavoro con la regia e gli interpreti accettano il confronto con l’ambiguità dei loro personaggi vincendolo. La trama. L’americana Julia si trasferisce a Bucarest con suo marito, Francis, che accetta un lavoro di marketing lì.…

  • the northman

    THE NORTHMAN Robert Eggers

    La prima parte è accettabile, non originale ma accettabile, la seconda parte è un brodo pieno d’acqua che deprezza il valore del film e lo proietta nell’ampia cesta delle opere incompiute. Peccato, perché “The Northman” qualcosina di buono lo aveva lasciato nelle prime battute: dal cast stellare alle location meravigliose, sino a un’idea di cinema coraggiosa e con la barra dritta verso una grandeur da grande schermo tutt’altro che banale. La trama. Ambientata nell’Islanda del…

  • nostalgia

    NOSTALGIA Mario Martone

    Gli ultimi 30 secondi del film danno un po’ di brio, e anche alcune scene – ad esempio, quella in cui il protagonista lava la mamma anziana, all’inizio – sono buon cinema. Il guaio è che nel mezzo c’è tanta roba superflua, un continuo indugiare che alla fine annoia e allenta la tensione. Insomma, “Nostalgia” (adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo del 2016 di Ermanno Rea) non rapisce lo spettatore, al massimo lo sopisce. La trama. Felice…

Pulsante per tornare all'inizio