IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Italiano

Italiano

LIBERATO Liberato II

liberato ii
Secondo album (dal titolo non originalissimo), 7 canzoni in scaletta per meno di mezz'ora di musica, 1 riempitivo (la rivisitazione in chiave elettronica del classico "Cicerenella"), 1 canzone normale ("Guagliuncella Napulitana") e 5 pezzi che sono tanta roba. Liberato continua a tenere alta l'attenzione attorno al suo nome, ma mettendo sempre al centro di tutto la qualità della proposta musicale, che poi è anche il modo migliore per durare al di là delle mode. "Liberato II" è il disco di un artista (o di un collettivo) che ha ancora qualcosa da dire, che ha uno stile preciso, riconoscibile come…

Score

QUALITA' - 80%

80%

80

Secondo album (dal titolo non originalissimo), 7 canzoni in scaletta per meno di mezz’ora di musica, 1 riempitivo (la rivisitazione in chiave elettronica del classico “Cicerenella”), 1 canzone normale (“Guagliuncella...

Leggi Articolo »

ZEPHIRO Baikonur

zephiro
“Baikonur” è il titolo del nuovo album degli Zephiro. Il progetto mette assieme 9 pezzi per una quarantina di minuti di musica: la durata è quella giusta, il contenuto convince a fasi alterne. Partiamo dal suono: non è originalissimo, ci sono ampi echi à la Depeche Mode, ma nel complesso è proposto bene e con buongusto, e anche il cantato non è malaccio. Sui testi c'è da aprire un discorso a parte, perché pur apprezzando la volontà di andare oltre la banalità, sono spesso ermetici e faticano a intercettare l'attenzione dell'ascoltatore, al quale mancano pure dei ritornelli forti attorno…

Score

QUALITA' - 58%

58%

58

“Baikonur” è il titolo del nuovo album degli Zephiro. Il progetto mette assieme 9 pezzi per una quarantina di minuti di musica: la durata è quella giusta, il contenuto convince...

Leggi Articolo »

CLAUDYM Un-Popular

claudym
Con il singolo “Nightmare” (di qualche mese fa) ci aveva ben impressionato. Questo EP "Un-Popular" ci lascia invece qualche perplessità. Il motivo? Non si intuisce la strada che vuole percorrere Claudym: c'è pop, punk, tanta elettronica Anni Ottanta rivisitata come va di moda oggi. Morale: . Per carità, è un EP modernissimo, attuale, ben registrato e missato, ma nessuna canzone rimane in mente al primo ascolto e i contatti successivi non migliorano le sensazioni iniziali. Salviamo…

Score

QUALITA' - 55%

55%

55

Con il singolo “Nightmare” (di qualche mese fa) ci aveva ben impressionato. Questo EP “Un-Popular” ci lascia invece qualche perplessità. Il motivo? Non si intuisce la strada che vuole percorrere...

Leggi Articolo »

THE MILLS Useless

the mills useless
"Useless" non si può certo definire un disco brutto, ma facciamo anche fatica a definirlo un album capace di "restare" più dei classici tre ascolti, perché il suono rock proposto è suonato davvero bene, ma ricalca un "già sentito" che - soprattutto in studio, poi magari dal vivo è diverso - penalizza le buone intenzioni del combo vicentino, che finisce per apparire la cover band di idee già partorite altrove, soprattutto Oltremanica. . Il…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

“Useless” non si può certo definire un disco brutto, ma facciamo anche fatica a definirlo un album capace di “restare” più dei classici tre ascolti, perché il suono rock proposto...

Leggi Articolo »

HLFMN Double Mirror

hlfmn
Un po' come quelle pietanze che assaggi e non capisci ma ti piacciono, "Double Mirror" arriva in cuffia con tutto il suo carico di indecifrabili sonorità e stili. Il concept di “Double Mirror” è in linea con la volontà di HLFMN di voler unire due mondi: il materiale/definito con l’immateriale/indefinito, due mondi opposti ma comunicanti fra loro, rappresentati appunto dalla maschera divisa a metà (metà uomo) in quanto è la coscienza umana a fungere da ponte (anche inconsapevole) fra questi due mondi. Questo ci racconta la nota stampa. Noi vi raccontiamo che il disco è veramente spiazzante ed è…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Un po’ come quelle pietanze che assaggi e non capisci ma ti piacciono, “Double Mirror” arriva in cuffia con tutto il suo carico di indecifrabili sonorità e stili. Il concept...

Leggi Articolo »

MT/SOLO Pezzetti

mt solo pezzetti
Il nome che si sono scelti è da matita rossa, perché è di quelli che ti perdi per strada il giorno dopo. Detto ciò, musicalmente andiamo meglio: il progetto è come se Lucio Battisti incontrasse il pop Anni 2000, oppure come se il cantautorato dei tempi belli abbandonasse la pomposità della chitarra acustica per abbracciare la modernità, . In scaletta 9 pezzi per una mezz'oretta di musica. La strada imboccata è quella giusta ma c'è ancora tanto da migliorare: gli arrangiamenti cercano troppo l'atmosfera e non sempre si…

Score

QUALITA' - 61%

61%

61

Il nome che si sono scelti è da matita rossa, perché è di quelli che ti perdi per strada il giorno dopo. Detto ciò, musicalmente andiamo meglio: il progetto è...

Leggi Articolo »

CAPPADONIA Canzoni per adulti

cappadonia canzoni per adulti
Nessuno in Italia conosce i misteri del britpop come Cappadonia: il suo suono ha quelle radici e le sue chitarre - negli arrangiamenti - sono un'Epifania per chi non si rassegna a perdere di vista una stagione musicale che oggi è finita nel cassetto dei ricordi, ma che tornerà in auge, perché quel suono arriva da lontano, e periodicamente ritorna e (per l'appunto) ritornerà. "Canzoni per adulti" è un disco di Cappadonia ma è anche diverso dal Cappadonia degli anni precedenti. E' un disco... uguale e diverso. Uguale perché il Nostro ha un suo stile ormai riconoscibilissimo. Diverso perché…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Nessuno in Italia conosce i misteri del britpop come Cappadonia: il suo suono ha quelle radici e le sue chitarre – negli arrangiamenti – sono un’Epifania per chi non si...

Leggi Articolo »

STILEX Post Hit

stilex
“Post Hit” ci dice essenzialmente una cosa, anzi, ci ricorda che jazz e musica elettronica possono convivere. Negli Anni Novanta era facile tenere a mente il concetto, in questi Anni Duemila, invece, abbiamo perso la bussola perché il genere è stato un po' snobbato dalle produzioni. Stilex, nome dietro il quale si cela il trombettista campano Vito Gargano, non inventa nulla con la sua musica, ma ciò che propone all'ascoltatore è un menù fatto di sette tracce diverse fra loro ma con uno stile abbastanza riconoscibile. Ci piace moltissimo la prima parte, più misteriosa, più oscura, piena di ritmi…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

“Post Hit” ci dice essenzialmente una cosa, anzi, ci ricorda che jazz e musica elettronica possono convivere. Negli Anni Novanta era facile tenere a mente il concetto, in questi Anni...

Leggi Articolo »

DIANA TEJERA Libre

diana tejera
Ci abbiamo pensato un po' prima di dare un'etichetta al disco di Diana Tejera. Abbiamo girato tra pop e rock, poi abbiamo deciso di virare decisamente verso la world music. Per carità, certe classificazioni lasciano sempre il tempo che trovano, sono per lo più menate "da recensioni", però in questo caso parlare di world music aiuta a capire i contorni di un progetto particolare, che mischia stili, linguaggi, tradizione cantautorale e modernità. Il risultato è un beverone che mette assieme almeno una hit potentissima ("Volverè"), due hit di livello (l'iniziale "Libre" e "All that you see") e poi una…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Ci abbiamo pensato un po’ prima di dare un’etichetta al disco di Diana Tejera. Abbiamo girato tra pop e rock, poi abbiamo deciso di virare decisamente verso la world music....

Leggi Articolo »

DRAGONI Incagli

dragoni
Il primo album di Dragoni è imperfetto come lo sono tutti i debutti, ma qui aggiungiamo una colpa: le 10 canzoni in scaletta suonano tutte troppo uguali; a livello musicale manca proprio un'idea di suono che possa far intuire uno stile. Salviamo i testi, che esprimono spesso immagini interessanti, a conferma che a livello di scrittura ci sono qualità attorno alle quali vale la pena lavorare per dare maggior respiro al progetto. Ma è sul suono che va fatto un netto cambio di passo: questo folk "americano" (venato qua e là di elettronica) non ha nulla di originale, è…

Score

QUALITA' - 52%

52%

52

Il primo album di Dragoni è imperfetto come lo sono tutti i debutti, ma qui aggiungiamo una colpa: le 10 canzoni in scaletta suonano tutte troppo uguali; a livello musicale...

Leggi Articolo »