IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...

Recensioni

  • hide vincent the house marring

    HIDE VINCENT

    EP veloce, quello del cantautore Hide Vincent: 4 pezzi per 15 minuti di musica. L’iniziale “Barely Naked” ha qualcosa di “Iris” dei Goo Goo Dolls: sembra quasi un rifacimento cambiando...

    Leggi Articolo »

Recensioni

  • epo enea

    EPO

    Partiamo col giocare a carte scoperte: siamo grandi fan degli Epo sin dagli esordi. Anzi, siamo grandi fan di Ciro Tuzzi, la mente attorno alla quale sono sempre ruotati gli...

    Leggi Articolo »

Recensioni

  • lo strano frutto

    LO STRANO FRUTTO

    Lo Strano Frutto è il progetto solista di Enrico Teno Cappozzo. Il Nostro è qui impegnato in un EP di 5 pezzi dove la chitarra si mescola talvolta al sax,...

    Leggi Articolo »

Recensioni

  • rovere

    ROVERE

    Pop, pop e ancora pop. “Disponibile anche in mogano” è il disco d’esordio della band bolognese Rovere. In scaletta 10 pezzi per una mezz’oretta di musica non originalissima ma comunque...

    Leggi Articolo »

LIVE

STEVE HACKETT

STEVE HACKETT

LIGABUE

LIGABUE

MICHAEL KIWANUKA

MICHAEL KIWANUKA

MAX GAZZÈ

MAX GAZZÈ

BILLY CORGAN

BILLY CORGAN

ANGELICA

ANGELICA

MILES KANE

MILES KANE

FIORELLA MANNOIA

FIORELLA MANNOIA

manuel agnelli

MANUEL AGNELLI

BOWLAND

BOWLAND

CLASSIFICHE MUSICA

Top Reviews 2019

  • LIBERATO

    E alla fine il disco l'ha tirato fuori. Lo ha fatto mettendo sul tavolo altri cinque pezzi, accompagnati da altrettanti video di Francesco Lettieri a comporre un piccolo film con una storia autoconclusiva. Insomma, abbiamo finalmente il disco di Liberato, disco che negli ultimi anni si è andato a comporre un po' alla volta e - all'apparenza - senza un programma preciso: pezzi centellinati, qualche live, video bellissimi e mistero sparso a piene mani, con l'ombra di Livio Cori (noi non crediamo sia lui, Liberato) ad allungarsi sul progetto. Al netto però di tutto quello che negli ultimi anni…

    Score

    QUALITA' - 90%

    90%

    90
  • TERSØ

    Beh, che dire di questo "Fuori dalla Giungla" per giustificare una recensione che potrebbe tranquillamente essere telegrafica? Perché l'album dei bolognesi Tersø è bellissimo, è la faccia pulita del pop contemporaneo, quindi elettronica, synth eterei, testi obliqui, una produzione perfetta e il mixaggio del sempre bravo Marco Caldera. Aggiungete che il basso elettrico ne “Le promesse” è suonato da Bruno Belissimo, e il quadro è ulteriormente impreziosito. In scaletta 9 pezzi per 32 minuti di musica. La voce di Marta Moretti non è particolarmente espressiva ma è perfetta per queste canzoni che sembrano pagine di diario o cronache di…

    Score

    QUALITA' - 77%

    77%

    77
  • FRIGO

    I Frigo possono ambire al premio "immagine di copertina più brutta dell'anno", ma anche vantare un ottimo debutto. Sì, la cover è veramente bruttina e non rende merito al contenuto dell'album. "Non Importa" è un esordio che mescola pop ed elettronica. Tutti i pezzi hanno un cliché: partono piano e crescono, iniziano da posizioni cantautorali e poi liberano l'anima pop (Anni Ottanta) che i Nostri portano in dote all'ascoltatore. Diciamolo: la proposta non è originalissima, segue un po' le mode del momento, ma è fatta con qualità e nei nove episodi in scaletta non c'è un ritornello sbagliato -…

    Score

    QUALITA' - 77%

    77%

    77
  • MOROSE

    Se avete nostalgia per il De Andrè cupo, per il Cesare Basile più ispirato, per le ambientazioni desertiche e se nella vostra vita sognate uno Sciamano a disposizione, a portata di mano. Ebbene, allora "Sopra il tetto sotto terra" potrebbe fare al caso vostro, perché è un bel mix di cose vecchie e familiari, ma scritte e proposte con freschezza attuale. I Morose non sono dei novizi, e forse l'esperienza e il non avere più grandi illusioni gli ha consentito di mettere a fuoco, dentro l'obiettivo, il percorso da seguire per arrivare a un disco maturo, intelligente, poetico, con…

    Score

    QUALITA' - 76%

    76%

    76
  • LADYTRON

    Quelli di sempre ma con materiale freschissimo. Dopo sette anni di silenzio, riprendere è sempre un bel salto nel vuoto, soprattutto se lavori con l'elettronica, perché le mode passano velocissime in questo ambito, e le proposte si susseguono a ritmo incessante, quindi il rischio di arrivare all'appuntamento fuori tempo massimo era/è dietro l'angolo. E invece siamo qui a celebrare questo disco omonimo dei Ladytron che dice tanto e almeno tre cose forti e chiare: i Nostri hanno ancora qualcosa da dire, il pop elettronico non è facile da maneggiare (nonostante molti pensino l'esatto contrario) ma quando hai idee e…

    Score

    QUALITA' - 74%

    74%

    74
  • FABRIZIO CAMMARATA

    La copertina di "Lights" è bruttina, ma è il classico caso di "abito & monaco", cioè: non fermatevi all'estetica, perché è il contenuto il pezzo forte di questo lavoro veramente bello, solido, maturo, tra folk, canzone d'autore e grandi melodie che avvolgono l'ascoltatore fin dalle primissime battute. . Quando un disco funziona - non ci stancheremo mai di ripeterlo - lo capisci dopo 4/5 canzoni, non servono…

    Score

    QUALITA' - 74%

    74%

    74
  • IL TERZO ISTANTE

    Lo ammettiamo, ci diverte di più recensire i dischi che non ci piacciono rispetto a quelli che ci piacciono. E questo per due motivi: ci sembra di rubare tempo al lettore quando un album è valido ("...non leggere, fidati e vai a sentirlo"), e poi perché ci piace consigliare migliorie più che stroncare o incensare. La premessa sopra per dire che "Estraneo" è un disco che ci convince parecchio. E ci è piaciuto al primissimo ascolto. Anzi, vi diciamo di più: dopo le prime due canzoni avremmo già potuto scrivere la recensione, perché quando la qualità c'è, la percepisci…

    Score

    QUALITA' - 72%

    72%

    72
  • SAMMARCO

    Le canzoni di Sammarco sono semplici, dirette, essenziali. Musica e parole. Folk e cantautorato, con qualche spruzzata di pop. "La Parte Migliore" è un esordio velocissimo, da prendere o lasciare: 7 pezzi per 21 minuti di musica, brani che parlano di intimità da portare all'attenzione di un pubblico per provare a offrire un punto di vista, non per celebrarsi. La melodia permette alle canzoni di girare a mille, sostenute da una buona tecnica e da una scrittura efficace. "L'importante è non morire" è forse l'episodio che meglio fotografa il talento di Sammarco, .…

    Score

    QUALITA' - 72%

    72%

    72
  • SIVERAL

    Qualcosa degli U2, qualcosa dei Tool, poi rock, pop, elettronica, arrangiamenti efficaci. Insomma, dentro "The future is analog" c'è un mondo gravido di rimandi a un immaginario musicale che sta a cavallo fra più decadi. L'album è stato interamente composto da Antonio Magrini, che ne ha curato anche la produzione artistica con l'ex Deasonika, Max Zanotti, . La band lombarda infila 10 pezzi che Magrini canta con un trasporto emotivo che coinvolge l'ascoltatore fin dalle prime battute e che a…

    Score

    QUALITA' - 71%

    71%

    71
  • CARA

    Ci piace molto l'immaginario di Cara, alter ego della cantautrice lo-fi pop Daniela Resconi. Sarà che . Tra cantautorato e pop, Cara qui intreccia le sue musiche con sfumature esotiche e ampi rimandi agli Anni Ottanta. Guai però a pensare a un disco vecchio: le nove canzoni in scaletta hanno infatti freschezza ed espressività, sorrette da un lavoro efficace sulle liriche. L'iniziale "Prendi me" è un ottimo biglietto da visita ed è…

    Score

    QUALITA' - 71%

    71%

    71
  • ALICE TAMBOURINE LOVER

    Chiunque scriverà male di questo album - sappiatelo - dimostrerà automaticamente tre cose: uno spiccato cattivo gusto, un'incapacità (altrettanto spiccata) di riconoscere il bello e una evidente (o spiccata, per restare in tema) malafede. Questo per dire che "Down Below" è un disco oggettivamente interessante, bello, scritto e prodotto bene, al quale forse manca un singolo forte, cioè capace di andare oltre il circuito indipendente. Per carità, il compact ha pezzi come "Follow" e "Train" che sono estremamente validi, ma per andare oltre certi recinti ci vogliono - ahinoi - pezzi più ruffiani. In scaletta 8 episodi per circa…

    Score

    QUALITA' - 70%

    70%

    70
  • MARCH DIVISION

    La proposta non è originalissima - perché già battuta a livello sonoro a ogni latitudine - ma il pop elettronico dei March Division è ugualmente una bella botta, sia perché dura uno sproposito (quasi 60 minuti) sia perché quasi tutte le canzoni hanno ritornelli così validi che sinceramente selezionare un brano piuttosto che un altro da mettere nella propria playlist è una prova ardua. "Rain Empire" va oltre i suoi limiti (una certa ripetitività negli arrangiamenti) e si fa ben volere al primo ascolto, per due ragioni chiare: è un album generoso di potenziali singoli e piace sia quando…

    Score

    QUALITA' - 69%

    69%

    69

Top Reviews 2018

  • A PERFECT CIRCLE

    "Eat the Elephant" è un album bellissimo. Quindi potete tranquillamente fermarvi qui, evitare di continuare a leggere la recensione e godervi le 12 tracce in scaletta. Non è necessario dilungarsi troppo quando i fatti hanno un'evidenza tale che ogni possibile commento rischia di risultare superfluo. Quindi "buon ascolto" a chi si fermerà qui. Per tutti gli altri, iniziamo con il dire che ci sono voluti quasi tre lustri per mettere attorno a un tavolo (con idee chiare sull'indirizzo del progetto) Maynard James Keenan e Billy Howerdel. Ma crediamo che sia stato soprattutto il primo a prendersela con calma, visto l'andazzo…

    Score

    QUALITA' - 89%

    89%

    89
  • LA COLPA

    L'ombra lunga dei Ministri si allunga su tutta la scaletta, ma questi La Colpa sono davvero tanta roba. "Controumano" è un disco da colpo di fulmine immediato. I difetti sono minimi e legati a una maturazione che lascia ancora intendere ampi margini di miglioramento, ma la struttura, l'identità, il suono, la tecnica, il tiro e lo stile ci sono, sono la base attorno alla quale poter costruire un percorso duraturo. . Forse sulle ballate si può lavorare in futuro per rendere più efficaci le melodie, ma siamo alle cazzatine giusto per…

    Score

    QUALITA' - 82%

    82%

    82
  • A TOYS ORCHESTRA

    "Siamo tutti inesorabilmente dentro la stessa macchina, la stessa barca, lo stesso tempo, la stessa vita. Come se chiunque al mondo avesse un medesimo cuore dentro al medesimo petto che batte, adesso, ora, in questo istante: “lub-dub, lub-dub, lub-dub, lub-dub…”. Gli A Toys Orchestra sono come quei piloti che fanno un figurone in qualunque condizione meteo e di pista. . Sorprendente perché dopo anni e anni di musica, non è facile tirare fuori un disco…

    Score

    QUALITA' - 81%

    81%

    81
  • THEGIORNALISTI

    Genio vero o truffatore? Poeta moderno o furbacchione? Attorno alla figura di Tommaso Paradiso si discuterà ancora parecchio, sia perché il personaggio stuzzica, sia perché le sue canzoni piacciono. "Love" è quello che oggi farebbero Luca Carboni e Vasco Rossi se avessero una trentina di anni in meno. Ok, dovrebbero mettersi vicino pure il buon Dario Faini, che in questo nuovo capitolo della saga Thegiornalisti ha curato meravigliosamente la produzione, ma diciamo che la vecchia scuola del pop italiano farebbe oggi quello che sta facendo Paradiso, cioè riconnettere l'ascoltatore nostrano a un immaginario pop (tipicamente tricolore) che affonda le sue…

    Score

    QUALITA' - 78%

    78%

    78
  • UNIVERSAL SEX ARENA

    La domanda giusta non è se ci è piaciuto "Abdita". Ma a chi potrebbe non piacere "Abdita". Chi potrebbe storcere il naso? Ecco, al di là del nostro giudizio (sempre illuminato, ça va sans dire), . Ok, forse accorciato di una decina di minuti sarebbe stato una bomba, una botta senza appello, ma anche così è un piacere ascoltarlo e riascoltarlo, e a ogni passaggio non perde alcunché. In scaletta 12 pezzi per 42 minuti di musica. Il mix di elettronica e…

    Score

    QUALITA' - 76%

    76%

    76
  • BAD PILOT

    L'elettronica che continua a uscire non è che stupisca ormai più del dovuto. Le invenzioni sono rare, quindi per fare la differenza devi essere bravo a stare con i piedi ben piantati sul presente e a fare cose semplici senza ambizioni particolari. I francesi Bad Pilot hanno fatto loro la lezione sopra e hanno creato un gioiellino nel vero senso della parola: perché in 52 minuti hanno messo assieme elettronica e rock con la sicurezza di chi sa che ha le carte giuste per non annoiare l'ascoltatore nonostante il menù extra large. "Inverse" è un album molto bello, che…

    Score

    QUALITA' - 75%

    75%

    75
  • CAGE

    Anno 2018. Non hai grosse strade se vuoi fare prog: o lo ripensi attualizzandolo oppure finisci a fare cover, perché diciamolo: il genere ha già detto parecchio e le invenzioni attorno al tema sono ormai pochine. I Cage hanno scelto la prima strada. Parliamo di un gruppo della scena progressive italiana formatosi nei primi anni ‘90 con il nome di Soundproof Red. L’ingresso nella band delle due voci femminili ed il cambio di numerosi componenti nel corso degli ultimi anni hanno portato lo stile della band molto più vicino al rock pur mantenendo l’attitudine prog, soprattutto nell’approccio allo strumento sempre…

    Score

    QUALITA' - 75%

    75%

    75
  • UNA

    Prima canzone: "La Chimica". Ma quanto è carina? E' la perfetta canzone pop: testo fluido, ritornello coinvolgente, melodia che ti sbatte sui piedi anche se provi a evitarla. Poi arriva "Sud Di Me" e hai la sensazione che due indizi possano fare una prova: il richiamo degli Anni Ottanta è pari al pensiero che corre a qualcosa dei TheGiornalisti, ma Una ci mette un altro testo veramente ispirato. Gli indizi diventano una prova con "Eretica", che guarda all'hip hop restando fedele a un'elettronica pop sfiziosa e il testo è un'altra volta da leggere più che da ascoltare. Registrato totalmente…

    Score

    QUALITA' - 75%

    75%

    75
  • AWOLNATION

    Gli Awolnation sono benedetti dal dono del talento. E "Here Come The Runts" dice che in questo inizio di 2018 farete una gran fatica a trovare in giro musica più figa di questa, perché c'è tutto nel loro disco: . "Here Come The Runts" è stato scritto, prodotto e registrato dallo stesso Aaron Bruno, la guida del progetto. Bruno ha iniziato a lavorare a questo disco nel 2016 scrivendo e registrando i pezzi nel suo home studio situato sulle montagne…

    Score

    QUALITA' - 74%

    74%

    74
  • ADRIANO CANZIAN

    Adriano Canzian - per mutuare un'espressione che va tanto di moda ultimamente - è sempre sul pezzo. Che nel caso specifico ha una valenza più ampia, perché "sul pezzo" c'è per davvero e da parecchio tempo. Canzian fa parte di una ristretta cerchia di artisti illuminati capaci di tradurre, rinnovare e portare su un livello superiore l'electro/techno, mantenendo il genere sempre ancorato alle piste da ballo ma dandogli anche una forma ricercata. "Damned" è un disco intriso dello stile personalissimo del Nostro, che ama lambire i territori dell'industrial senza però farsi ingabbiare in uno stereotipo. L'album contiene pezzi buoni…

    Score

    QUALITA' - 74%

    74%

    74
  • TRÈ HÙS

    Partiamo con il dire che da Cabezon Records arrivano sempre delle cose molto carine e interessanti e - a scanso di equivoci - non abbiamo venduto pubblicità a loro. "When you're anything but ok" è un bel mix di pop attualissimo, con generose parti di elettronica, melodie europee, sensibilità italiana per i ritornelli e un incastro di voci (uomo/donna) che rappresenta una scelta vincente da parte dei veronesi Trè Hùs, che mettono assieme 7 pezzi che dicono molto sul tipo di percorso che hanno intrapreso i Nostri e sulla loro voglia - soprattutto negli arrangiamenti - di allargare il raggio…

    Score

    QUALITA' - 74%

    74%

    74
  • TREVOR POWERS

    Perché dovreste "investire" una mezz'oretta del vostro tempo dietro all'ascolto di "Mulberry Violence"? Perché Trevor Powers ha fatto un disco equilibrato, innovativo, potente. Ha fatto il disco che bisognerebbe fare quando provi a mescolare pop e sperimentazione sonora, melodia e azzardo. Che intendiamoci, a parole significa farla facile, ma poi a conti fatti è una bella battaglia prova a sintetizzare gli opposti senza scivolarci addosso o franarci dentro. Trevor Powers ha rinunciato al suo alter ego (Youth Lagoon) dopo aver pubblicato tre album con quel monicker, e comunicando a maggio il ritorno discografico con il nome di battesimo. Nella musica di…

    Score

    QUALITA' - 74%

    74%

    74

Top Reviews 2017

  • IL PAN DEL DIAVOLO

    Questi suonano bene, scrivono bene, cantano bene e il loro disco ha una scaletta che è veramente un piacere ascoltare. Che altro dire? Per la verità "Supereroi" non è un disco che necessita di chissà quale recensione o critica. E' un album bello, fatto da gente che maneggia il pop come pochi nella scena indipendente italiana. Pietro Alessandro Alosi e Gianluca Bartolo per l'occasione hanno radunato un po' di pezzi grossi: Piero Pelù ha co-prodotto una buona parte del compact, i Tre Allegri Ragazzi Morti, Vincenzo Vasi e Umberto Maria Giardini hanno messo il carico su due pezzi, ma sono tutte presenze discrete,…

    Score

    QUALITA' - 81%

    81%

    81
  • ORFEO

    Ne siamo da sempre convinti: se un disco ha sostanza, ha qualità, ha valore, te ne accorgi subito, non hai neppure bisogno di concludere l'ascolto. "Arcadia" rientra in questa casistica. Te ne rendi conto abbastanza velocemente, infatti, che l'album di Orfeo (Federico Reale, nato a Milano nel 1986) ha spessore. Stupisce che il disco sia un'autoproduzione, vogliamo pensare che sia stata una scelta voluta quella di uscire senza un'etichetta alle spalle, perché fosse stata obbligata, ci lascerebbe di stucco... "Arcadia" ha tre punti di forza: esprime un cantautorato moderno che però non rinnega le radici storiche della canzone d'autore italiana, quindi proprietà…

    Score

    QUALITA' - 80%

    80%

    80
  • CIRCO BOIA

    Questi sono bravi davvero. "Circoboia" è il disco d'esordio dei Circo Boia, dieci tracce scritte e composte tra l'Italia e gli Stati Uniti dove la band ha già organizzato due tour abbracciando la cultura musicale americana e fondendola con influenze più europee. La produzione è stata affidata a Gian Maria Accusani (Sick Tamburo, Prozac+) che ha fatto un lavoro strepitoso in cabina di regia. Erika Fassari (chitarra, voce) e Joey Chiarello (basso, backing vocals) vengono da Grosseto e sono i titolari di questo progetto che partendo da posizioni tipicamente rock, entra a gamba tesa nei territori del pop, confezionando delle atmosfere che creano subito intimità con…

    Score

    QUALITA' - 80%

    80%

    80
  • GHEMON

    "Mezzanotte" è un disco di raffinatissimo pop, con il calore del soul e del R'n'B ad avvolgere il tutto e il consueto rispetto nei confronti della parola cantata, che Ghemon maneggia e incastra con l'abilità di un artigiano navigato, pur essendo ancora giovanissimo - è un classe 1982. Il rap è solo un vago ricordo nella carriera dell'artista, che ormai è un cantautore fatto e finito. Per certi versi il suo percorso ricorda un pochino quello di Nesli, anche se il fratello di Fabri Fibra a un certo punto ha calcato la mano con l'orecchiabilità, mentre Ghemon gioca sul filo…

    Score

    QUALITA' - 79%

    79%

    79
  • PAUL DRAPER

    Dischi come "Spooky Action" sono i più facili da recensire, perché pure un bambino, dopo 3 o 4 canzoni, avrebbe già le idee chiare. E' la forza della qualità, bellezza. Se una cosa ha spessore, te ne accorgi subito, non serve neppure dilungarsi troppo in ascolti su ascolti oppure mettersi a cercare una doppia lettura. "Spooky Action" è un disco solido, ben strutturato, generoso di idee e in costante bilico fra pop, rock, epicità e azzardi. Paul Draper è stato il frontman dei Mansun, una delle band più iconiche della fine degli Anni '90. Durante il loro picco di successo…

    Score

    QUALITA' - 79%

    79%

    79
  • LANA DEL REY

    I primi singoli ci avevano lasciato dei dubbi, poi la copertina aveva fatto il resto. Insomma, partivamo prevenuti al massimo verso "Lust For Life". Anche perché Lana Del Rey lo aveva battezzato alla vigilia con parole terrificanti: "...ho fatto i miei primi 4 dischi per me, ma questo è per i miei fan". Dopo averlo ascoltato, siamo felici di poter dire che "Lust For Life", al netto dei dubbi iniziali, è un lavoro eccellente. In scaletta 16 pezzi di pop sofisticato, con i soliti arrangiamenti a cinque stelle e quel gusto per l'epicità che continua a essere il marchio…

    Score

    QUALITA' - 79%

    79%

    79
  • TULIPA RUIZ

    "Dancê" è il terzo album in studio della cantante Tulipa Ruiz. Il disco ha vinto il Grammy latino come miglior album pop contemporaneo brasiliano ed è stato prodotto da Gustavo Ruiz, fratello dell’artista, chitarrista e coautore in 10 delle 11 nuove composizioni. Il disco gravita attorno alle coordinate del pop e della world music, ma dall’inizio alla fine è concepito per ballare. «E' un compact per lasciarsi andare». Così ha parlato Gustavo Ruiz. E in effetti è un disco frizzante, potente, dal suono accattivante, che sa conquistarsi l'attenzione dell'ascoltatore al primo contatto. La voce di Tulipa è perfetta, molto…

    Score

    QUALITA' - 78%

    78%

    78
  • EDDA

    Edda è diventato un cantautore a tutti gli effetti. Intendiamoci, anche prima lo era, ma "Graziosa utopia" chiude un po' i conti con il passato: è un disco più classico, più strutturato, l'urgenza di sputare fuori l'anima è compressa nella classica forma-canzone. Per chi conosce la storia (recente) di Edda, possiamo tranquillamente dire che questo lavoro è abbastanza distante dai lamenti laceranti di "Semper biot", ma questo non significa che Edda sia peggiorato, è semplicemente maturato dal punto di vista artistico. Anzi, è persino migliorato dal punto di vista lirico. "Graziosa utopia" è un album di canzoni (d'autore) con…

    Score

    QUALITA' - 78%

    78%

    78
  • KEATON

    Esaltante. Quella dei Keaton è un'elettronica tanto semplice, elementare, quanto efficace, a conferma che le idee sono sempre più forti delle invenzioni o degli effetti speciali. Qui è tutto immediato, costruito per arrivare all'ascoltatore in un attimo e per liberarlo dalle catene del suono "troppo fighetto". Spesso i brani dei bolognesi Keaton si aprono al pop: hanno linee melodiche grasse ma non pacchiane, si adagiano in un territorio fra club e dancefloor da sabato sera. Questo stare in equilibrio ci piace un casino e crediamo sia la vera peculiarità del progetto. Ascoltato a volume alto, il disco è una…

    Score

    QUALITA' - 77%

    77%

    77
  • SIVU

    James Page, in arte Sivu, ha realizzato un disco bellissimo. Compratelo ad occhi chiusi, soprattutto se siete esigenti, se vi piace il rock che scivola lungo i bordi di un pop alternativo alla Radiohead. "Sweet Sweet Silent" è composto da 10 brani, e ognuno è una piccola sorpresa, un'invenzione azzeccata e utile. Sivu maneggia la melodia con una sensibilità rara, la piega alle esigenze della sua voce e della sua idea di suono. Dopo la pubblicazione dell'esordio nel 2014, James ha avuto problemi dovuti alla sindrome di Menière, rara patologia che provoca attacchi ricorrenti di sordità. Il suo udito…

    Score

    QUALITA' - 76%

    76%

    76
  • THE AFGHAN WHIGS

    Greg Dulli ha da poco superato i cinquant'anni, ma resta sempre un diabolico sciamano, un appiglio solido nell'inflazionato campo del rock americano. Lui sa come si fa. Anche nelle sue scorribande soliste aveva dimostrato di saperci fare, ma con gli Afghan Whigs è da sempre un'altra storia, l'incastro è perfetto. «Questo non è un disco tematico, ma segue un filo conduttore. Parla di come la  memoria finisca per confondersi con il presente molto rapidamente».  "In Spades" è il nuovo disco degli Afghan Whigs e dice che possiamo andare a dormire tranquilli stanotte: da qualche parte nel mondo c'è ancora chi…

    Score

    QUALITA' - 75%

    75%

    75
  • VEIVECURA

    Il disco dei VeiveCura, nati dalle mani del polistrumentista Davide Iacono, vede l'elettronica piegarsi alle esigenze del pop. E' curioso come la band lambisca in alcuni episodi i confini del suono pacchiano senza però scivolarci dentro. Per certi versi è esaltante questo loro spingere sull'orecchiabilità (rischiando parecchio) senza però inciampare o rovinare tutto. Davvero bravi. In scaletta 12 pezzi per 44 minuti di musica. Forse avremmo tolto un paio di brani per dare maggiore omogeneità al lavoro, ma nel complesso "ME+1" è un album che ha una sua identità e che ha respiro internazionale. L'elettronica viene usata con tocco gentile…

    Score

    QUALITA' - 74%

    74%

    74

CLASSIFICHE CINEMA

Cinema2019

  • CLIMAX

    Gaspar Noé ha sprecato ancora il suo talento - ha titolato nei giorni scorsi un popolare portale. Che stronzata. "Climax", semmai, è proprio il contrario, è un film che esalta la gran classe del regista franco-argentino, che mette in questo lavoro tutto ciò che avevamo già visto nelle sue opere precedenti e lo valorizza con una regia superba. Insomma, ,…

    Score

    SCORE - 8

    8

    8
  • CAPTIVE STATE

    "Captive State" è un film sugli alieni che nel tempo diventerà un sicuro cult, perché è diverso dai soliti cliché, è dark quanto basta per affascinare, ha uno sviluppo intelligente e un finale esplosivo. Ed è anche lento quel tanto che basta per consentire allo spettatore di familiarizzare con la psicologia dei personaggi. C'è ovviamente un prezzo da pagare: . La trama. La Terra è governata dagli…

    Score

    SCORE - 8

    8

    8
  • NOI

    Dopo il ben fatto ma sopravvalutato "Scappa - Get Out", Jordan Peele torna con questo "Noi" che è un evidente passo avanti nella capacità di esprimere il suo immaginario. . Qui i dubbi sono legati soprattutto alla narrazione - in alcuni passaggi ci sono dei buchi evidenti - ma nel complesso "Noi" è un horror robusto. La trama. Adelaide Wilson (Lupita Nyong'o) torna nella sua casa d'infanzia in California per trascorrere le…

    Score

    SCORE - 7

    7

    7
  • COPIA ORIGINALE

    Carino e intelligente. Scritto bene, interpretato benissimo e con una naturale capacità di intrattenere. Difficile, insomma, parlar male di questo "Copia Originale", un film che fa del ritmo e della simpatia le sue armi migliori, e anche nel finale, quando tocca i tasti del dramma, la pellicola mantiene la schiena dritta e non sbanda mai pericolosamente verso territori banali o banalotti. La trama. La pellicola è l'adattamento cinematografico delle memorie "Can You Ever Forgive Me? Memoirs of a Literary Forger" di Lee Israel, biografa e falsaria. Dopo essere caduta in disgrazia, la biografa Lee Israel decide di contraffare delle…

    Score

    SCORE - 7

    7

    7
  • LA CASA DI JACK

    Mai banale, sempre pronto a favorire una visuale diversa sul mondo. Con "La casa di Jack" Lars von Trier mette sul tavolo gran parte della sua poetica tipica, condensando vecchie e nuove idee attorno a temi centrali del vivere. Il risultato? , anche se la cifra stilistica è diversa e anche l'approccio filosofico è diverso e pende tutto a favore…

    Score

    SCORE - 7

    7

    7
  • ROCKETMAN

    "Rocketman" batte "Bohemian Rhapsody" 3-0. E anche . Insomma, non c'è confronto tra i due film. Questo dedicato a Elton John ha struttura, forma, una regia solida, una narrazione convincente, mentre il film dedicato a Freddie Mercury è più un insieme di idee male incollate fra loro. La trama. Ovviamente la pellicola tratta del mitico Elton, ma fino agli Anni Ottanta. Copre il periodo che va dall'infanzia agli eccessi e al superamento degli stessi. Egerton è favoloso, credibilissimo, sostenuto a dovere da una sceneggiatura e da un montaggio che cercano di…

    Score

    SCORE - 7

    7

    7
  • CRAWL – INTRAPPOLATI

    Il soggetto non è originalissimo, però ci sono tante altre cose che concorrono a rendere "Crawl - Intrappolati" un film che merita di essere visto. Prima di tutto il ritmo. La pellicola di Alexandre Aja . La trama. Una ragazza, mentre cerca di salvare il padre da un forte uragano, rimane intrappolata nella casa inondata e dovrà lottare contro gli alligatori per poter rimanere viva e salvare il padre. Tutto il film gira attorno a Barry Pepper (colui da salvare) e…

    Score

    SCORE - 6.5

    6.5

    7
  • LA PARANZA DEI BAMBINI

    Interessante fino a un certo punto, poi "La paranza dei bambini" inizia a sbandare e nel finale scivola malamente. Peccato, perché pur con i suoi difetti (si respira un po' troppo l'aria di "Gomorra - La serie"), la pellicola di Claudio Giovannesi per lunghi tratti ha personalità e riesce a tenere sulla corda lo spettatore. La trama. Basato sull'omonimo romanzo di Roberto Saviano, il film punta la luce su un gruppo di quindicenni del Rione Sanità di Napoli, affamati di potere e soldi facili, che si fa largo sulla scena criminale. Nell'incoscienza della loro età, vivono tra il bene e il…

    Score

    SCORE - 5.5

    5.5

    6
  • GREEN BOOK

    Difficile capire cosa possano averci visto quelli dell'Academy in questo film, tanto da arrivare a eleggerlo come miglior lungometraggio del 2019. Eh sì, perché agli ultimi Oscar, "Green Book" ha fatto un figurone, ma onestamente il suo successo è un mistero, perché stringi stringi non è altro che il solito film, con la solita trama scontata e il finale rassicurante. . Qualche dettaglio in più? La trama. Nel 1962, dopo la chiusura temporanea (due mesi…

    Score

    SCORE - 5.5

    5.5

    6
  • TED BUNDY – FASCINO CRIMINALE

    Meno brutto di quanto si è letto in giro ma anche meno bello di quanto sarebbe potuto essere. Insomma, un film con un soggetto potentissimo ma con le cartucce caricate a salve, perché "Ted Bundy - Fascino criminale" sarebbe potuto essere ancora più incisivo nella narrazione, nel recitato, nella fotografia, nel montaggio, nella regia. Peccato. La trama. Nel 1969 a Seattle, Ted Bundy (Zac Efron) incontra Liz Kendall (Lily Collins), studentessa universitaria e madre single. I due iniziano a frequentarsi e Ted aiuta Liz a crescere la sua giovane figlia, Molly. Ma Ted è anche altro, naturalmente. Parliamo di…

    Score

    SCORE - 5.5

    5.5

    6
  • COCAINE – LA VERA STORIA DI WHITE BOY RICK

    Probabilmente, qui da noi, devono aver pensato che lasciando il titolo anonimo (ma originale) "White Boy Rick" non se lo sarebbe filato nessuno questo film, ed ecco quindi che è arrivato il colpo di genio: . Una scelta di puro marketing, perché poi, a guardare la pellicola, la droga c'è ma neppure con un ruolo da protagonista. La trama. La pellicola narra la vera storia di Richard Wershe Jr., conosciuto come White Boy Rick, che fu il più giovane informatore dell'FBI all'età di 14 anni. Scaricato dall'FBI…

    Score

    SCORE - 5

    5

    5
  • IL CORRIERE – THE MULE

    Prima cosa da dire: lasciate perdere il marketing e gli accostamenti con "Gran Torino". Quel film aveva una poesia che qui è lontanissima parente. Altra cosa: è fantastico che Clint Eastwood continui a fare arte alla sua età, ma questo non significa in automatico che sia buona arte, la sua. "Il Corriere - The Mule" non è buona arte. E' giusto un filmetto infarcito di stereotipi: dal cartello della droga con le solite facce, al burbero da redimere sulla via della famiglia, passando per il classico poliziotto che la sa lunga. Il finale non ve lo diciamo, ma potete tranquillamente…

    Score

    SCORE - 5

    5

    5
  • IL PRIMO RE

    "Il Primo Re" è la dimostrazione che, anche sui temi di casa nostra, bisogna lasciar fare agli americani, perché a noi italiani manca sempre qualcosa quando di mezzo c'è la narrazione storica. Finiamo per volere scopiazzare certe atmosfere non essendone capaci, probabilmente per una diversa sensibilità artistica, non per una questione di mezzi, perché dopo tutto il film di Matteo Rovere ha potuto godere di un bel budget per il cinema italiano, ovvero 8 milioni - non una cifra da kolossal, ma neppure quattro pigne secche dalle quali ricavarci chissà cosa. La trama. Ambientata nel 753 a.C., anno di fondazione…

    Score

    SCORE - 5

    5

    5
  • SUSPIRIA

    Il "Suspiria" di Luca Guadagnino ha un'estetica meravigliosa che rende il giusto omaggio all'originale di Dario Argento: bella fotografia (di Sayombhu Mukdeeprom), preziose le musiche di Thom Yorke, ottimo il lavoro di scenografia di Inbal Weinberg. Purtroppo però manca... il film. Nel senso che la sceneggiatura di David Kajganich fa acqua da tutte le parti e la regia di Guadagnino è in perenne equilibrio fra messa in scena del pomposo copione e voglia di strafare con soluzioni stilistiche a volte di pregio (i piani sequenza sono tutti efficaci) e a volte pretenziose oltre il lecito. Al quadro appena descritto aggiungete un montaggio appena sufficiente e…

    Score

    SCORE - 5

    5

    5
  • I FRATELLI SISTERS

    Un ottimo cast, una bella regia, un'eccellente fotografia e dei dialoghi scritti bene non sempre sono sinonimo di film riuscito. E "I Fratelli Sisters" sta lì proprio a ricordarcelo. Perché nonostante le qualità appena espresse, . La trama. Oregon, 1851. Due fratelli lavorano insieme, ma non vanno sempre d'accordo, così battibecchi ed incomprensioni sono all'ordine del giorno. I Sisters sono pagati dal commodoro dell'Oregon per eliminare i suoi nemici in modo veloce ed efficace; la loro…

    Score

    SCORE - 5

    5

    5
  • CITY OF LIES

    Nonostante la presenza di due pesi massimi come Johnny Depp e Forest Whitaker, "City of Lies" è un mezzo film che intrattiene poco e che forse ha eccessiva sostanza al suo interno per essere compresso in una pellicola di due ore. Insomma, La trama. La pellicola è l'adattamento cinematografico del libro "LAbyrinth" scritto da Randall Sullivan, che ripercorre l'omicidio di Notorious B.I.G. e l'omicidio di Tupac Shakur, seguendo le indagini del detective Russell Poole, aiutato dal…

    Score

    SCORE - 4.5

    4.5

    5
  • IL TRADITORE

    Spesso sui temi di casa nostra ci manca quello che gli americani chiamano lo "storytelling", cioè l'arte di narrare, raccontare, affascinare. Finiamo quasi sempre per scivolare nel melodramma oppure in costruzioni palesemente di Serie B. "Il Traditore" è un perfetto esempio per comprendere il concetto appena espresso: grande personaggio sotto la luce, il mafioso Tommaso Buscetta, ma alla fine . La trama. All'inizio…

    Score

    SCORE - 4.5

    4.5

    5
  • THE VANISHING – IL MISTERO DEL FARO

    Il cast c'è ma a mancare sono la storia e la regia. "The Vanishing - Il mistero del faro" ha un'estetica interessante e tre buonissimi attori, ma è la struttura della trama che proprio non funziona, con sceneggiatura, regia e montaggio sul banco degli imputati. Il risultato? Un thriller a tratti soporifero, lento, noioso, con un finale pretenzioso. La trama. Il film diretto da Kristoffer Nyholm segue la storia di tre guardiani di un faro che si apprestano ad assumere servizio per le solite sei settimane su una piccola e remota isola al largo della Scozia. Tutto prosegue con…

    Score

    SCORE - 4.5

    4.5

    5
  • GLASS

    Antefatto: "Split", il film precedente di M. Night Shyamalan, ha incassato 150 milioni a fronte di 9 milioni di spesa: un successone al botteghino e un successone di critiche positive, complice un James McAvoy sontuoso e una sceneggiatura seria, solida, finanche credibile. Con "Glass", M. Night Shyamalan ha vanificato quell'ottimo film portando in scena un'opera magari ambiziosa nelle intenzioni ma sinceramente non necessaria dal punto di vista artistico. Insomma, . La trama. La…

    Score

    SCORE - 4

    4

    4
  • UN UOMO TRANQUILLO

    "Un uomo tranquillo" è un film noioso, con una seconda parte mortificante. Se avevate il dubbio se vederlo o meno, potete... tranquillamente fermarvi qui. Se invece avete del tempo da perdere, fatevi sotto e andate avanti. O andate direttamente al cinema. La trama. La pellicola è il remake del film del 2014 "In ordine di sparizione", diretto dallo stesso Hans Petter Moland. Narra la storia di un tizio, interpretato da Liam Neeson, che dopo la morte del figlio decide di indagare in proprio per arrivare al colpevole. Storia originale, vero? Qui però si vuole andare oltre, e quindi si…

    Score

    SCORE - 4

    4

    4
  • ESCAPE ROOM

    Subito le cattive notizie: il film, finora, ha incassato dieci volte ciò che è costato e a quanto pare nel 2020 arriverà pure un sequel. Ma veniamo alla recensione, anche se di questo "Escape Room" non è che ci sarebbe granché da dire. Possiamo però partire da una considerazione: non basta prendere due film di successo, maneggiarci sopra e confezionare una pellicola decente. L'opera diretta da Adam Robitel non è altro che una rivisitazione di "Cube" e di "Saw", ovviamente nelle loro prime versioni. La fuga e gli enigmi sono gli strumenti usati per tenere sulla corda lo spettatore,…

    Score

    SCORE - 4

    4

    4
  • I MORTI NON MUOIONO

    Tolto il piacere di vedere il ricco cast interpretare i vari personaggi, poi cosa resta di questo bruttissimo "I morti non muoiono"? Niente. Perché, fedele alla trama, il film di Jim Jarmusch è uno zombie che caracolla alla ricerca di un appiglio, di un guizzo, di un'idea. . Vero Jim?…

    Score

    SCORE - 3.5

    3.5

    4

Cinema2018

  • A BEAUTIFUL DAY

    Dopo una lunga attesa è uscito nelle sale "A Beautiful Day", che a Cannes 2017 si era preso due premi piuttosto pesanti: miglior attore e miglior sceneggiatura. Due premi meritatissimi, perché il film di Lynne Ramsay è una delizia per gli occhi e ha una forza espressiva notevole. Parliamo infatti di una delle migliori pellicole uscite negli ultimi cinque anni, e questo per tre motivi: la narrazione è immaginifica, la presenza scenica degli attori e degli ambienti è così forte da rendere superflui i dialoghi, e poi c'è un Joaquin Phoenix che sintetizza alla perfezione (anche dal punto di vista fisico) il…

    Score

    SCORE - 9

    9

    9
  • IL SACRIFICIO DEL CERVO SACRO

    "Il sacrificio del cervo sacro" è grande cinema. Ve lo diciamo così, subito, in modo tale che, se volete, potete anche fermarvi qui e prendere la via del cinema più vicino. Nel caso, fatelo alla svelta, perché . Quindi non vi affannate a leggere troppe recensioni in giro; prendete il portafogli e via verso la sala sotto casa. Nel 2017, a Cannes, il film si aggiudicò il premio per la miglior sceneggiatura in coabitazione…

    Score

    SCORE - 9

    9

    9
  • TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI

    Davvero un bel film, con la giusta combinazione di alto e basso, cioè di intensità e di leggerezza. "Tre manifesti a Ebbing, Missouri" è un film che va oltre la bravura di un cast azzeccatissimo, e sa dare lustro a un genere da prendere sempre con le molle come la commedia nera. Il lavoro di Martin McDonagh nella scrittura e in cabina di regia è stato efficace a tal punto che in poco meno di due ore la pellicola riesce a trasmettere allo spettatore svariati stati d'animo senza mai perdere un briciolo della sua forza espressiva, anche quando si…

    Score

    SCORE - 8

    8

    8
  • TULLY

    Jason Reitman (regista), Diablo Cody (sceneggiatrice) e Charlize Theron (protagonista) con "Tully" ci ricordano che si può ancora (e sempre) fare del grande cinema partendo dalle idee e dalla quotidianità di ognuno di noi. Non servono gli effetti speciali per parlare di famiglia, maternità, stanchezza e stress, servono semplicemente (si fa per dire...) le idee, e in questo caso ci sono, e sono sparse a piene mani dall'inizio alla fine, anzi, forse è alla fine che l'incastro risulta perfetto, valorizzando i tanti dettagli posti lungo la narrazione. Insomma, veramente una pellicola intelligente, fatta bene, con la solista Charlize Theron che negli ultimi…

    Score

    SCORE - 7.5

    7.5

    8
  • SOLDADO

    La trama si concede qualche buco narrativo qua e là, ma la regia del nostro Stefano Sollima è davvero tanta roba. Insomma, il valore del regista italiano supera quello della pellicola, e la sensazione - piuttosto evidente - è che Sollima non abbia liberato del tutto la sua arte, ma che abbia mantenuto il profilo basso, soprattutto nei piani sequenza. La trama. La pellicola è il sequel di "Sicario" del 2015. Un attentato suicida in un negozio al dettaglio di Kansas City uccide quindici persone. Il governo degli Stati Uniti risponde autorizzando l'agente della CIA Matt Graver (Josh Brolin) ad applicare…

    Score

    SCORE - 7.5

    7.5

    8
  • THE DISASTER ARTIST

    Come si fa a non voler bene a James Franco, uno dei talenti più sottovalutati della sua generazione? E come si fa a non voler bene a quell'extraterrestre di Tommy Wiseau, protagonista di una delle storie più assurde dell'era moderna? Mettete assieme i due soggetti, fondeteli in uno ed ecco che "The Disaster Artist" diventerà uno dei vostri film preferiti. Perché è veramente fatto bene, recitato alla grande e sa proporre un ventaglio di tematiche sotto forma di favola: dall'amicizia al concetto di "stranezza", all'ambizione, passando per denaro, mistero e coraggio. La trama. Tratto dall'omonimo romanzo di Greg Sestero e Tom Bissell,…

    Score

    SCORE - 7.5

    7.5

    8
  • LORO 2

    "Loro 2" è meglio di "Loro 1". Ma vista nella sua interezza, l'opera di Sorrentino acquista più valore ed è più facilmente traducibile. Nella prima parte al centro c'erano gli italiani e la loro voglia di ritagliarsi un posticino al tavolo importante, nella seconda parte c'è finalmente Berlusconi, e il regista fa sul serio, calcando la mano senza esagerare, aiutato da un Toni Servillo più maschera e poco... Berlusconi dal punto di vista prettamente estetico, e da una Elena Sofia Ricci veramente brava. Sorrentino guarda dal buco della serratura l'intimità di un Berlusconi/Servillo avvolto da una solitudine che fa un rumore…

    Score

    SCORE - 7.5

    7.5

    8
  • TUTTI I SOLDI DEL MONDO

    Un giorno vedremo anche l'interpretazione di Kevin Spacey, è sicuro, nel frattempo godiamoci questo maestoso Christopher Plummer, che probabilmente farà incetta di meritati premi nei prossimi mesi (vincerà l'Oscar, segnatevelo), non solo in virtù di un'interpretazione magistrale, ma soprattutto per quel suo salire sul treno già in corsa di Ridley Scott, cioè a riprese ultimate e a poche settimane dal lancio mondiale della pellicola. Insomma, un J. Paul Getty di grandissimo livello, teatrale il giusto. Ci piacerebbe parlare bene anche degli altri attori di "Tutti i soldi del mondo", ma il cast non ci ha impressionato granché, ad esclusione di Mark Wahlberg, che…

    Score

    SCORE - 7

    7

    7
  • MORTO STALIN, SE NE FA UN ALTRO

    Carino e da vedere. "Morto Stalin, se ne fa un altro" è il classico film poco impegnativo che ti cambia (in positivo) la serata, perché è leggero, intelligente, piuttosto agile nella narrazione e con un paio di attori che danno un evidente valore aggiunto. La trama. Il 3 marzo 1953 Iosif Stalin, capo supremo dell'Unione Sovietica, crolla a terra stroncato da un'emorragia cerebrale. La sua morte viene però dichiarata ufficialmente solo due giorni più tardi, durante i quali la squadra ministeriale del defunto dittatore si scontra per ottenere il potere supremo. Tra i protagonisti del teatrino di follia e disumanità…

    Score

    SCORE - 7

    7

    7
  • DON’T WORRY

    Film carino, storia carina, cast perfetto. "Don't Worry" è una bella prova corale (cast azzeccatissimo), è un film che parla di sentimenti, cadute e resurrezioni senza troppa retorica e anche senza particolari guizzi, dal momento che Gus Van Sant ha firmato una regia piatta. La trama. Dopo aver trascorso l'adolescenza tra alcol e droghe, John Callahan all'età di 21 anni è vittima di un grave incidente automobilistico, rimanendo paralizzato e costretto su una sedia a rotelle. Callahan per sfuggire all'alcol e alle sofferenze, trova nel disegno una terapia per risollevarsi. Ma prima di arrivare alla redenzione dovrà affrontare varie tappe. Il…

    Score

    SCORE - 7

    7

    7
  • ESCOBAR – IL FASCINO DEL MALE

    Partiamo con il dire che "Escobar - Il fascino del male" è un film riuscito. E ci teniamo a dirlo perché in rete abbiamo letto qualche critica negativa che in una certa misura ci ha fatto entrare in sala un tantino prevenuti. Invece l'opera di Fernando León de Aranoa è ben calibrata: ha ritmo, è sviluppata in maniera interessante e non annoia un secondo. La trama. La pellicola è basata sul bestseller di Virginia Vallejo, "Amando Pablo, odiando Escobar". E tratta la vita di Pablo Escobar (Javier Bardem) dall’ascesa criminale all’inizio degli Anni Ottanta fino alla morte nel 1993, passando per…

    Score

    SCORE - 7

    7

    7
  • RED SPARROW

    "Red Sparrow" è un buon film. . La trama. Dominika Egorova (Jennifer Lawrence) viene arruolata nella Scuola Sparrow, un servizio segreto che trasforma giovani donne in letali e seducenti assassine; dopo aver affrontato un duro allenamento, Dominika diventa la più pericolosa "Sparrow" di sempre. Il suo primo obiettivo è Nathaniel Nash (Joel Edgerton), un ufficiale della CIA che monitora le infiltrazioni…

    Score

    SCORE - 7

    7

    7
  • OLTRE LA NOTTE

    Potente, drammatico e coinvolgente. "Oltre la notte" è un film attualissimo e con un soggetto per nulla banale. Pecca dal punto di vista tecnico, ma gli aspetti positivi sono di gran lunga superiori ai difetti. Il film si ispira all'attentato di Colonia avvenuto nel 2004 da parte della cellula terroristica neonazista Nationalsozialistischer Untergrund (NSU). Protagonista del film è l'attrice Diane Kruger, che interpreta una donna che medita vendetta dopo la morte del marito e del figlio in un attentato dinamitardo. Il film è stato selezionato per rappresentare la Germania ai premi Oscar 2018 nella categoria "miglior film in lingua…

    Score

    SCORE - 7

    7

    7
  • LA CASA DELLE BAMBOLE – GHOSTLAND

    Tutto il mondo dell'horror dovrà sempre dire grazie a Pascal Laugier per il suo "Martyrs", gioiello del 2008 destinato a durare nel tempo. A distanza di 10 anni, cosa ci dice invece questo "La casa delle bambole - Ghostland"? Ci dice che il regista francese sa come creare un horror non banale, sa come muoversi fra le maglie strette del genere e costruire con poco, una storia credibile e solida. La trama. Il lungometraggio narra le vicende di una donna (Mylène Farmer) che eredita la casa della sua zia e si trasferisce con le sue figlie. Durante la loro prima…

    Score

    SCORE - 7

    7

    7
  • REVENGE

    Sangue, sangue, sangue e ancora sangue. Era da tempo che non si vedeva al cinema un thriller/horror con un tale spargimento di sangue in scena. "Revenge" è un buon esordio per Coralie Fargeat, che azzecca quasi tutto, impreziosendo la sua opera con una fotografia superba (di Robrecht Heyvaert) e una colonna sonora di valore assoluto firmata da Robin Coudert. La sceneggiatura presenta qualche buco narrativo ed esaspera la realtà, ma è giusto essere di manica larga perché il film funziona proprio perché è eccessivo, volutamente "oltre" il lecito. La trama. Jen (Matilda Lutz) ha una relazione segreta con il milionario francese Richard (Kevin…

    Score

    SCORE - 7

    7

    7
  • HEREDITARY – LE RADICI DEL MALE

    Niente male la pellicola diretta e sceneggiata da Ari Aster. "Hereditary - Le radici del male" è più un thriller che un horror, ma, sfumature a parte, si fa forza su almeno 4 o 5 idee veramente carine, che in una certe misura rimandano a "Rosemary's Baby". Le musiche giocano un ruolo fondamentale nel mantenere alta la tensione. La trama. La pellicola si apre mostrando il funerale della matriarca Ellen Graham, durante il quale sua figlia Annie (Toni Collette) pronuncia un elogio funebre in cui espone il loro rapporto complicato. Tornati a casa, Annie e suo marito Steve (Gabriel Byrne)…

    Score

    SCORE - 7

    7

    7
  • PAPILLON

    Un remake che non annoia e che segue un percorso il cui unico obiettivo è intrattenere. "Papillon" è un film... cortese, nel senso che si prende cura dello spettatore fin dalle prime battute e lo accompagna - mano nella mano - verso un finale atteso. La trama. La pellicola è un remake dell'omonimo film diretto da Franklin Schaffner nel 1973, a sua volta basato sull'autobiografia di Henri Charrière sulla sua prigionia e le ripetute fughe dalla famigerata colonia penale dell'Isola del Diavolo. Nella Parigi degli Anni Trenta il venticinquenne Henri Charrière, soprannominato "Papillon", viene incastrato per un omicidio che non…

    Score

    SCORE - 6.5

    6.5

    7
  • L’ORA PIÙ BUIA

    . Meritatissimo il premio Oscar 2018 come "migliore attore" a uno degli artisti più sottovalutati della sua generazione. La trama. Nel 1940 Winston Churchill, da pochi giorni Primo ministro della Gran Bretagna dopo le dimissioni di Neville Chamberlain, deve affrontare una delle sue prove più turbolente e definitive: decidere se negoziare un trattato di pace con la Germania nazista o continuare la guerra per difendere gli ideali e la libertà della propria nazione. Quando le inarrestabili forze naziste inizieranno a conquistare…

    Score

    SCORE - 6.5

    6.5

    7
  • OVERLORD

    La storia in sé è una mezza boiata, però è l'insieme che convince di "Overlord". E per insieme intendiamo gli effetti speciali, il sonoro, la fotografia, le location, gli interpreti. Ci soffermiamo un attimo in più sugli effetti speciali perché - soprattutto nella prima parte - ci sono diverse scene che coinvolgono pienamente lo spettatore, ci riferiamo a quella sull'aereo e alle sparatorie. La trama. Alla vigilia dello sbarco in Normandia, un gruppo di paracadutisti statunitensi finisce in uno sperduto villaggio francese dove scoprirà che i nazisti stanno conducendo esperimenti su Esseri umani, trasformandoli in creature feroci e soprannaturali. Julius…

    Score

    SCORE - 6.5

    6.5

    7
  • COME TI DIVENTO BELLA

    Il tema è un po' inflazionato (la bruttina di turno che alla fine scopre di non essere malaccio), - parliamo di quello votato alla commedia - perché a noi mancano proprio gli interpreti, mancano proprio i talenti. Pensiamo, infatti, a chi potremmo arruolare per un remake in salsa tricolore: Geppi Cucciari forse è l'unica che potrebbe avvicinarsi al ruolo, ma non osiamo neppure…

    Score

    SCORE - 6.5

    6.5

    7
  • HOSTILE

    "Hostile" è il classico film a basso budget che punta tutto sulla sceneggiatura, e a ruota, sulla bravura degli interpreti. In quest'ottica, Mathieu Turi ha vinto la sua scommessa, perché il suo thriller con mostri e cacciatori non ricalca troppo "il già visto" e gira attorno a una storia d'amore e ai suoi risvolti. Ok, c'è un filino di miele qua e là, però la narrazione è fluida e qualche sbavatura è concessa. La trama. Siamo in un futuro post-apocalittico, in un deserto dove si aggirano mostri che hanno superato tutto, hanno superato il concetto di zombie, non sono più…

    Score

    SCORE - 6.5

    6.5

    7
  • LORO 1

    La prima parte di "Loro", l'atteso film di Paolo Sorrentino dedicato a Berlusconi, è senza dubbio cinema di qualità: belle riprese, buon ritmo, un affaccio costante sull'umanità dei personaggi in scena e una scrittura dei testi efficace. A tutto questo aggiungiamo il cast, che è stato azzeccato in toto o quasi. Insomma, tanta roba da cuocere a fuoco lento. Ecco, forse è proprio nel... fuoco il vero limite di questa prima parte del film: non ha una fiamma tale da illuminare (e bruciare, perché no) il profilo del personaggio più discusso. Il Berlusconi di Sorrentino, infatti, è un affabile…

    Score

    SCORE - 6

    6

    6

Cinema2017

  • LA LA LAND

    Mettiamola così: agli Oscar 2017 è facile che "La La Land" vada a fare incetta di premi, e magari sarebbe finanche giusto che vincesse il trofeo più ambito perché è davvero un filmone, ma qui siamo ancora nel campo dell'ordinario. Sarebbe curioso che invece ottenesse il premio come "miglior attore protagonista" Ryan Gosling e sarebbe scandaloso che il premio femminile non andasse a Emma Stone, nonostante la presenza nella cinquina di una bravissima Natalie Portman. L'abbiamo presa larga, ma la sostanza è quella che avete compreso fra le righe: "La La Land" non soltanto ci è piaciuto, ma ci ha proprio sorpreso…

    Score

    SCORE - 8.5

    8.5

    9
  • MOONLIGHT

    Tra poetica e bella narrazione, alla fine l'Academy ha voluto premiare la poetica agli Oscar 2017. Per la verità - tenendo conto del casino che è successo sul palco al momento dell'assegnazione del premio - ci verrebbe da dire che i giurati sino all'ultimo hanno provato a mischiare le carte (e le buste) ma stringi stringi si è deciso di dare la palma di miglior film alla pellicola di Barry Jenkins. Giusto? Sbagliato? Questione di gusti. Noi puntavamo su "La La Land" (e tutt'oggi siamo convinti che come film avesse qualcosa in più...), ma il premio a "Moonlight" non è stato scandaloso.…

    Score

    SCORE - 8

    8

    8
  • PRIMA DI DOMANI

    Ogni estate c'è sempre il film sfizioso, il gioiellino fuori dagli schemi. L'anno scorso, ad esempio, era stato il turno del bellissimo "It Follows", destinato a diventare un cult. Il 2017 ha portato in dono "Prima di domani", teen movie incentrato sulla vita di un'adolescente popolare, basato su un libro del 2010 di Lauren Oliver. La trama. La storia si tinge di angoscianti sfumature drammatiche quando l'auto della protagonista finisce fuori strada. In "Prima di domani", Sam (Zoey Deutch) rimane intrappolata in un ripetitivo vortice temporale, che la costringe a rivivere la stessa giornata. Nessun altro sembra accorgersi della preoccupante ripetizione di…

    Score

    SCORE - 8

    8

    8
  • ATOMICA BIONDA

    Ve lo diciamo subito: questo è un film che dovete assolutamente vedere. I motivi? Intanto non è la classica americanata ma ha spessore, il cast è totale e la regia bellissima. C'è persino una storia sensata. Insomma, c'è abbastanza per uscire dalla sala con la pancia piena e un pizzico di stupore. Sì, stupore, perché non avevamo grosse sensazioni alla vigilia su questa pellicola. E invece, . La trama. Nel 1989, alla vigilia del crollo del Muro di Berlino e del cambiamento nelle alleanze tra superpotenze, Lorraine…

    Score

    SCORE - 8

    8

    8
  • SPLIT

    Il precedente lungometraggio di M. Night Shyamalan, cioè "The Visit", era veramente brutto, proprio il classico film che esci dalla sala e dici: "...che tristezza, e pensare che il regista in passato ci sapeva fare". Lo stesso pensiero devono averlo fatto così tante persone, che alla fine a Shyamalan sono fischiate le orecchie. Un fischio così lungo da colpirlo nell'orgoglio. "Split" è un film interessantissimo, molto solido che restituisci profondità all'immagine un po' sbiadita in questi anni di Shyamalan. Partiamo dalla storia. Kevin è un uomo con ben 23 diverse personalità, e per questo è in cura da una psichiatra che…

    Score

    SCORE - 7.5

    7.5

    8
  • GIFTED – IL DONO DEL TALENTO

    Leggero e intenso, scanzonato e commuovente. "Gifted - Il dono del talento" è un film che in alcuni passaggi ha le caratteristiche della commedia mentre in altri si fa dramma. Marc Webb ci aveva già favorevolmente impressionato nel 2009 con "(500) giorni insieme", qui, complice la bellissima sceneggiatura di Tom Flynn, mette la firma su una delle pellicole migliori della stagione. La storia. In una piccola città nei pressi di Tampa, una bambina di sette anni Mary Adler (Mckenna Grace) mostra un notevole talento matematico nel suo primo giorno di scuola, talento che impressiona la sua insegnante (Jenny Slate). A Mary viene…

    Score

    SCORE - 7.5

    7.5

    8
  • GOLD – LA GRANDE TRUFFA

    Cavolo che attore è diventato Matthew McConaughey. Per carità, ora non vogliamo metterci a sbrodolare elogi all'indirizzo del noto artista, però anni fa non gli avremmo dato mezza lira, e invece un passetto alla volta è diventato uno bravo per davvero, un camaleonte in grado di allargarsi o restringersi (fisicamente), capace di interpretare ruoli di ogni tipo e con una presenza scenica esagerata. Anche nella mimica facciale è migliorato un sacco. Veniamo a "Gold - La grande truffa". E iniziamo col dire che è un buonissimo film. Stephen Gaghan ha confezionato una pellicola che ha uno sviluppo lineare e un ritmo…

    Score

    SCORE - 7

    7

    7
  • ELLE

    Bisogna dirlo: . "Elle" è un thriller/drammatico non sempre lineare, ma ci pensa la Huppert a renderlo un film da vedere assolutamente, perché il lungometraggio del regista olandese gioca con la parte oscura di ognuno di noi: è cinico, dissacrante, paradossale in alcuni passaggi e persino estremo. La trama. Michèle (Isabelle Huppert) è una donna tutta d'un pezzo a capo di una compagnia di videogiochi, che ha sempre usato il pugno di ferro…

    Score

    SCORE - 7

    7

    7
  • LA FRATELLANZA

    La storia non è particolarmente originale, però "La Fratellanza" ha tre punti di forza non banali: c'è un Nikolaj Coster-Waldau in gran forma, le musiche di Antonio Pinto sono stupende e la regia di Ric Roman Waugh in alcuni passaggi è fin preziosa. Insomma, ecco come fare un buon film drammatico senza eccedere in chissà quali pensate. Peccato solo per il montaggio un po' disordinato e per la fotografia ordinaria, altrimenti il voto sarebbe stato superiore. La trama. Jacob Harlon (Nikolaj Coster-Waldau), uomo d'affari e padre di famiglia, viene rinchiuso in carcere con l'accusa di omicidio colposo, dopo aver accidentalmente provocato la…

    Score

    SCORE - 6.5

    6.5

    7
  • BLEED – PIÙ FORTE DEL DESTINO

    Semplice, efficace e ben raccontato. Ecco il film d'intrattenimento perfetto. Aggiungete un cast senza fenomeni (da baraccone) e interpretazioni asciutte. Il risultato non può che essere soddisfacente. . La trama. Dopo che un grave incidente lo lascia quasi paralizzato, costringendolo a vivere con un esoscheletro simile ad un collare fissato direttamente sulle ossa del cranio, la carriera del campione del mondo della boxe Vinny Pazienza (la storia è vera, e nella finzione c'è Miles Teller…

    Score

    SCORE - 6.5

    6.5

    7
  • JUKAI – LA FORESTA DEI SUICIDI

    . La trama. La foresta Aokigahara è un groviglio silenzioso di alberi e arbusti situato ai piedi del monte Fuji, in Giappone. La giovane Sara vi si inoltra per ritrovare la gemella Jess…

    Score

    SCORE - 6

    6

    6
  • NAPOLI VELATA

    Un film un po' pretenziosetto, ma con una discreta poetica. Non un'opera imperdibile, intendiamoci, ma senza dubbio meritevole d'essere vista, anche se Ferzan Özpetek l'ha appesantita di passaggi lenti che poteva tranquillamente asciugare per dare maggior ritmo alla pellicola. Insomma, "Napoli Velata" è un thriller psicologico dove le prove dei singoli (ottime) non hanno spinto oltre la sufficienza l'impianto scenico. La trama. In una Napoli dove sacro e profano vanno a braccetto fra il caricaturale e la razionalità, Adriana (Giovanna Mezzogiorno) si fa travolgere da un amore improvviso che diventerà dolore e tormento. Özpetek affida alla Mezzogiorno e ad Alessandro Borghi il…

    Score

    SCORE - 6

    6

    6
  • LA BATTAGLIA DI HACKSAW RIDGE

    Per fare un buon film ci vogliono - nell'ordine - una bella storia e un buon cast. Se poi c'è pure un bravo regista è ancora meglio. "La battaglia di Hacksaw Ridge" ha senza dubbio un buon regista (Mel Gibson), la storia è carina seppur zeppa di luoghi comuni, ma il cast è stato completamente sbagliato. Insomma, un film che poteva essere qualcosa di molto meglio. Partiamo dalla storia (vera). Desmond Doss, cresciuto secondo la fede degli avventisti del settimo giorno, si arruolò all'età di 23 anni opponendosi all'uso di qualsiasi tipo di arma. Lavorò come assistente di sanità e…

    Score

    SCORE - 5.5

    5.5

    6
  • MANCHESTER BY THE SEA

    Subito un paio di considerazioni al volo: se "Manchester by the Sea" si aggiudicherà il premio come miglior film agli Oscar 2017 rimarremo molto sorpresi, mentre non ci stupirebbe se alla fine nella categoria "attore protagonista" la spuntasse il sempre bravo Casey Affleck che qui offre l'ennesima prova di spessore della sua carriera. Noi, a dire il vero, facciamo il tifo per Michelle Williams, che meriterebbe davvero l'Oscar come "miglior attrice non protagonista". Detto questo, vi diciamo che "Manchester by the Sea" non è un gran film. O meglio: ha tante scene girate veramente bene, ma manca il collante, manca la narrazione d'insieme, perché la…

    Score

    QUALITA' - 5.5

    5.5

    6
  • LA TORRE NERA

    Ambizioso, ma nulla di ché. Anzi, una mezza delusione, perché "La Torre Nera" per diverse settimane ha goduto di un marketing aggressivo, quindi - anche considerando gli attori in scena - era facile/normale aspettarsi qualcosa di realmente importante. E invece nulla. Classica ciambella senza il buco. E questo nonostante il sempre straordinario Matthew McConaughey, nonostante un Idris Elba in formissima e nonostante una sceneggiatura basata sulla saga di Stephen King. Insomma, grandi aspettative e piccolo risultato. La trama. Nella moderna New York, un ragazzo di nome Jake (interpretato senza emozioni da Tom Taylor) è tormentato da strani sogni e visioni che lo costringono a…

    Score

    SCORE - 5.5

    5.5

    6
  • LIFE – NON OLTREPASSARE IL LIMITE

    Il finale contribuisce (per un buon 50%) a rendere il giudizio complessivo più generoso del dovuto. Per carità, nulla di eccezionale, però il colpo di coda conclusivo ci è piaciuto. "Life - Non oltrepassare il limite" è un film di fantascienza che sa tanto di "Alien" e che non resterà di certo negli annali del cinema: deboluccia la storia, sotto tono i protagonisti, sufficienti gli effetti speciali. Daniel Espinosa non è un virtuoso della macchina da presa e alla fine si limita a svolgere il compitino senza esagerare. La storia. L'equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale riesce con successo a recuperare una…

    Score

    SCORE - 5.5

    5.5

    6
  • DUNKIRK

    Brutto no, modesto sì. Non possiamo definire brutto "Dunkirk" perché ha un'estetica da grande film e un sonoro pazzesco, ma alla fine la montagna ha partorito il più classico dei topolini. Perché il tanto atteso lungometraggio di Christopher Nolan ha un'epica che non tocca il cuore dello spettatore, che è distante dai grandi (e spesso mediocri) racconti sulla guerra americani ed è distante anche dalle produzioni (spesso convincenti) europee sul tema. Dal regista britannico (che ha firmato anche la sceneggiatura) ci aspettavamo tantissimo, visto che la sua filmografia è stata sempre all'insegna dell'altissima qualità. Purtroppo in questo caso è venuto…

    Score

    SCORE - 5

    5

    5
  • MONOLITH

    Ottimo il soggetto (il film è la trasposizione di un fumetto italiano), malissimo la sceneggiatura. Ottime la regia e la fotografia, claudicanti le interpretazioni. Insomma, "Monolith" è una pellicola dove luci e ombre si mischiano, e dove il giudizio risente per forza di cose del bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto. Peccato, perché il film aveva potenziale ma è stato sfruttato soltanto in minima parte. La trama. Un'ex popstar di nome Sandra (Katrina Bowden) sospetta che suo marito abbia un'amante, questo mentre è in auto con suo figlio di due anni. Durante il viaggio investe un cervo in mezzo al…

    Score

    SCORE - 5

    5

    5
  • I PEGGIORI

    Tecnicamente "I Peggiori" è un filmone: bella regia con inquadrature di pregio, ottimo il sonoro, efficace il montaggio, di livello la fotografia di Davide Manca. In Italia di pellicole così curate se ne vedono poche. Insomma, voto 8. Per quanto riguarda la parte tecnica. Purtroppo ad abbassare la quotazione ci sono la storia e una parte del cast, con un Lino Guanciale al quale viene affidato il classico compito del "facce ridere", con il risultato che un po' per colpa sua, un po' per la scrittura del suo personaggio, la prova alla fine risulta fra l'anonimo, il fastidioso e l'irritante. La…

    Score

    SCORE - 5

    5

    5
  • SCAPPA – GET OUT

    "Scappa - Get Out" è per trequarti un filmone, poi si smarrisce a tal punto da deludere come potrebbe risultare deludente un servizio fotografico sui capelli della Ratajkowski - per carità, belli pure quelli, ma diciamo che i pezzi forti della celebre supermodella statunitense sono altri... Veramente disdicevole quello che Jordan Peele combina nell'ultima mezz'ora, facendo scivolare il film nella classica "americanata" quando aveva in precedenza spinto il suo ingegno sino alle vette toccate nella stagione scorsa dal bellissimo "It Follows". Insomma, c'erano tutti gli ingredienti giusti per celebrare una pellicola fuori dagli schemi, un horror figlio minore del mai lodato abbastanza "Martyrs". E…

    Score

    SCORE - 5

    5

    5
  • THE DEVIL’S CANDY

    "The Devil's Candy" è il classico esempio di pubblicità ingannevole. Sì, perché le lodi estrapolate da pompose recensioni e poste sulla locandina non possono che trarre in inganno lo spettatore, che entra in sala convinto di vedere un horror coi fiocchi e si ritrova alle prese con una pellicola di Serie B che di originale ha poco o nulla e coi personaggi così piatti, ma così piatti, che quello che puoi intuire dopo 10 minuti è esattamente quello che poi avverrà al termine del racconto. Insomma, tutto troppo scontato, e con un cast buttato lì a caso. La trama.…

    Score

    QUALITA' - 4.5

    4.5

    5
  • QUELLO CHE SO DI LEI

    Dispiace parlar male di un film quando è recitato bene. Tuttavia tocca farlo per "Quello che so di lei". A penalizzare l'opera di Martin Provost (e tanto) la sceneggiatura e l'assenza di ritmo, complice un montaggio fra i più brutti visti in questo 2017. Peccato, perché sinceramente Catherine Deneuve e Catherine Frot meriterebbero solo elogi per le prove offerte. La trama. Claire (Catherine Frot), matura ostetrica, ha una vita non facile con un figlio ormai grande che fa le sue scelte per il futuro, e i tragici ricordi del passato, difficili da sopportare. Dopo molti anni ricompare Bèatrice (Catherine Deneuve), la donna che ha…

    Score

    SCORE - 4.5

    4.5

    5