IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Top 2021
  • 1
    halsey

    HALSEY If I Can't Have Love, I Want Power

    "If I Can't Have Love, I Want Power” è il nuovo album di Halsey.  E' il quarto album in studio per la cantante americana e contiene 13 canzoni da lei scritte e prodotte da Trent Reznor e Atticus Ross, esponenti dei Nine Inch Nails e vincitori di Oscar, Golden Globe e premi vari in veste di compositori di musiche per film e televisione. Insomma, tanta roba alle spalle e... tanta roba davanti, dal momento che la bella americana ha ornato la copertina del suo album con un semi nudo artistico caratterizzato da un seno nuovo di qualche anno. Sono le contraddizioni degli…

    Score

    QUALITA' - 81%

    81%

    81
  • 2
    rkomi taxi driver

    RKOMI Taxi Driver

    Rkomi continua a fare rap ma non fa più solo rap. E che il ragazzo non ci tenesse granché a rimanere legato allo stereotipo del rapper lo si era capito fin dagli inizi, sia dalla scrittura, sia dalla volontà di stringere alleanze con alfieri del pop nostrano. Ecco che quindi "Taxi Driver" non sorprende. La scaletta è strapiena di collaborazioni e segna un ulteriore passo in avanti verso quella che a tutti gli effetti pare essere una sorta di emancipazione dal rap pur non rinnegandolo. Ma visto che le recensioni troppo lunghe non ci piacciono, andiamo al sodo: "Taxi…

    Score

    QUALITA' - 81%

    81%

    81
  • 3
    lana del rey chemtrails

    LANA DEL REY Chemtrails Over The Country Club

    "Chemtrails Over The Country Club" ci obbliga a ripeterci. E ci rendiamo conto che potrebbe sembrare di parte parlare sempre bene dei dischi di Lana Del Rey. Il rischio di apparire fans più che recensori obiettivi lo accettiamo, forti del fatto che anche volendo, faremmo fatica a parlar male di questo settimo lavoro in studio dell'artista americana. "Chemtrails Over The Country Club" è un disco di canzoni, essenziali. L'elettronica è quasi assente e tutto ruota attorno a Lana e Jack Antonoff che hanno co-scritto le 11 tracce in scaletta cercando di creare un equilibrio fra pop e folk. Per…

    Score

    QUALITA' - 80%

    80%

    80
  • 4
    blanco

    BLANCO Blu Celeste

    Alla fine Blanco l'ha fatto. Dopo tanti singoli, quasi tutti di successo, il suo album era nel preventivo già da un po' ma non per questo scontato nelle tempistiche e nei contenuti. Intanto diciamo che "Blu Celeste" ha qualche pezzo che ha portato fortuna in questi anni a Blanco, ma ne mancano anche alcuni altri che potevano arricchire con furbizia la scaletta. E invece si è scelto di dare in pasto al pubblico tanto materiale nuovo e qualche singolo privato dei "feat" più noti. Una scelta coraggiosa, che in principio ci aveva lasciato dei dubbi, ma col passare degli…

    Score

    QUALITA' - 77%

    77%

    77
  • 5
    andrea chimenti deserto notte mare

    ANDREA CHIMENTI Il Deserto La Notte Il Mare

    Ascoltando “Il Deserto La Notte Il Mare”, il nuovo lavoro di Andrea Chimenti, il pensiero corre subito al valore dell'artista ex voce dei Moda, che - ahilui - rientra nella schiera degli autori più sottovalutati della sua generazione. Diciamo ciò proprio mentre riascoltiamo questo lavoro così maturo, elegantissimo, dove ogni parola è pesata e l'orecchiabilità è piegata alle esigenze di arrangiamenti che nobilitano il concetto di "canzone d'autore". Del disco, stupisce anche il modo di cantare di Chimenti: forse questo è uno dei suoi dischi dove la sua voce arriva meglio all'ascoltatore - abbiamo sentito l'album anche in cuffia…

    Score

    QUALITA' - 74%

    74%

    74
  • 6
    lonely guest

    LONELY GUEST Lonely Guest

    Con la produzione di Tricky, il progetto Lonely Guest raccoglie artisti noti nel panorama underground: dallo stesso Tricky al mitico Lee "Scratch" Perry, a Marta (nota per le precedenti collaborazioni con Tricky), a Oh Land e molti altri. Il progetto è nato 18 mesi fa, ma non si tratta di un disco di Tricky, ed in questo l'artista è stato chiaro: "Lonely Guest" è un incontro elettrizzante di anticonformisti musicali. Facile trovare dei punti di contatto con un'altra idea simile del folletto di Bristol, cioè quel "Nearly God" del 1996 che però vedeva in campo una serie di fuoriclasse già…

    Score

    QUALITA' - 73%

    73%

    73
  • 7
    alteria vita imperfetta

    ALTERIA Vita Imperfetta

    La qualità di un disco si può misurare. Bastano due concetti: deve destare interesse dalla prima all'ultima canzone ed emotivamente deve trasmettere qualcosa. Poi - per carità - musiche, produzione, arrangiamenti e tutta quella roba lì sono cose importanti, ma se non c'è un'anima, non c'è un disco da valutare. "Vita Imperfetta" è un album che risponde alle due caratteristiche appena menzionate. Se poi aggiungiamo che Max Zanotti in cabina di regia ha fatto un ottimo lavoro, possiamo tranquillamente dire che il quadro restituisce l'immagine di un lavoro solido, pensato bene e sviluppato meglio. Alteria canta le sue canzoni…

    Score

    QUALITA' - 73%

    73%

    73
  • 8
    bachi da pietra reset

    BACHI DA PIETRA Reset

    Nuovo album e nuova label, ma stessa battaglia, seppure con rinnovata potenza di fuoco perché in trincea scende un nuovo sodale: Marcello Batelli - in questo nuovo capitolo - si affianca infatti a Succi e Dorella portando la band in una nuova dimensione sonica attraverso basso e synth, e curando personalmente il suono generale in cabina di regia. "Reset" è un disco di slogan. Tanti slogan. . Succi ci ha già abituato a questo sguardo disincantato…

    Score

    QUALITA' - 73%

    73%

    73
  • 9
    giangrande beehives resistance

    GIANGRANDE Beehives of Resistance

    Direttamente dalla cartella stampa dell'artista: Massimo Giangrande è uno dei più originali ed interessanti musicisti italiani che ha raggiunto un seguito ed una visibiltà grazie alle sue canzoni toccanti ed ispirate unite alle liriche intense e all’influenza di sonorità d’oltreoceano come Jeff Buckley, Nick Drake, Elliott Smith. A volte le cartelle stampa raccontano delle palle, ma in questo caso è vero: l'ispirazione di Giangrande nasce da quei personaggi appena menzionati. E ovviamente ciò porta in dote anche il rischio grosso di apparire derivativo, soprattutto in un genere come il folk che se approcciato in maniera diretta non consente grosse…

    Score

    QUALITA' - 73%

    73%

    73
  • 10
    vintage violence mono

    VINTAGE VIOLENCE Mono

    A sette anni di distanza dal loro ultimo album, celebriamo il ritorno dei Vintage Violence con un nuovo disco elettrico, "Mono", uscito per Maninalto! Records. . Tornando al disco, il rock è…

    Score

    QUALITA' - 71%

    71%

    71
  • 11
    chiara white pandora

    CHIARA WHITE Pandora

    "Pandora" è il secondo disco di Chiara White. Sono i mostri i protagonisti di questo nuovo lavoro: un concept album, ispirato al mito di Pandora, in cui ogni canzone trasforma e trasfigura Esseri mostruosi dell’immaginario collettivo, afferenti alle più svariate culture (da quella classica, greca, alla nordeuropea), facendone nuovi e moderni simboli. Uno scontro coi propri demoni che, attraverso l’introspezione e la musica, diventa incontro e, quindi, catarsi e liberazione. In scaletta 9 brani per mezz'ora di musica. , un po' come mettere un bel…

    Score

    QUALITA' - 71%

    71%

    71
  • 12
    tommaso la notte

    TOMMASO LA NOTTE Pop Notturno

    Tommaso La Notte da Bisceglie, in provincia di Bari, ha 20 anni spaccati e questo "Pop Notturno" verte intorno a storie immaginarie ambientate di notte, con testi ricchi di suggestioni indefinite e sensazioni malinconiche. E' un disco isterico, nel senso che ha saliscendi assurdi: picchi altissimi (le prime due canzoni: "La fine del capitalismo" e "Ballano le lucciole") e scivolate che sembrano a onor del vero necessarie per determinare una strada che porta a uno stile preciso. Il giovanotto maneggia il pop con una certa irriverenza e se dovessimo puntare 5 euro sulla sua carriera, li punteremmo a occhi chiusi, perché se è…

    Score

    QUALITA' - 70%

    70%

    70
  • 13
    casino royale polaris

    CASINO ROYALE Polaris

    “Polaris” è l'ennesima reincarnazione dei Casino Royale ed è un disco che accelera e sbanda, che più che dare una panoramica d'insieme, è tanti scatti legati fra loro - all'ascoltatore il compito di vederci qualcosa o anche solo ciò che vuole. Perché i Casino Royale sono, oggi, qualcosa di poco strutturato (non hanno un suono di riferimento) ma cercano di plasmare il loro materiale mischiando fascinazioni diverse: l'elettronica mitteleuropea, il reggae, il rock, l'orecchiabilità di matrice italiana, le colonne sonore e chissà cos'altro. Non ci sono punti fissi, ogni canzone è un'istantanea. A noi cos'è piaciuto? Sono piaciute le…

    Score

    QUALITA' - 70%

    70%

    70
  • 14
    piqued jacks synchronizer

    PIQUED JACKS Synchronizer

    "Synchronizer" ci dice due cose dei Piqued Jacks: quando il ritmo sale, infilano una potenziale hit dietro l'altra e dimostrano di aver fatto propria la lezione delle rock band inglesi; quando invece c'è da confrontarsi con le ballate, con quella capacità tipicamente italiana di piegare la melodia, allora i colpi restano in canna, tanto che ascoltando certi pezzi di questo terzo disco della band toscana si finisce per restare spiazzati da una differenza così netta fra brani ritmicamente sì diversi, ma dopo tutto figli della stessa radice. La scaletta è perfetta. L'iniziale "Golden Mine" è un ottimo biglietto da…

    Score

    QUALITA' - 69%

    69%

    69
  • 15
    lana del rey blue banisters

    LANA DEL REY Blue Banisters

    In controtendenza con tutte le leggi del marketing, Lana Del Rey continua a sfornare dischi con una cadenza che è quasi stagionale più che annuale. Una scelta curiosa che da un lato spiazza, ma che rimarca probabilmente anche l'urgenza artistica della bella Lana, che continua a mantenere altissima l'asticella, soprattutto a livello lirico: il suo cantautorato si sta facendo sempre più confidenziale e l'allontana dagli stereotipi della sua epoca. "Blue Banisters" è un disco arrangiato senza particolari guizzi, ma in maniera raffinata. Le musiche devono vestire le parole e quindi possono farsi essenziali nella maggior parte dei casi -…

    Score

    QUALITA' - 67%

    67%

    67