IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni

Recensioni

MASSIMO VOLUME Il Nuotatore

massimo volume
Toh, un altro disco dei Massimo Volume. E' più o meno questo, quello che abbiamo pensato appena messo su "Il Nuotatore": entusiasmo poco, curiosità poca, pregiudizi tanti. E invece il nuovo lavoro di Emidio Clementi e soci non è malaccio: estremamente interessante dal punto di vista lirico (le storie hanno profondità e personalità), accettabile sotto il piano sonoro, anche se ci sono più ombre che luci, soprattutto nell'arrangiamento e nelle chitarre troppo simili in troppi pezzi. Insomma, per essere il disco di una band che ha attraversato indenne gli Anni Novanta, niente male. Il meglio è alle spalle, ma…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Toh, un altro disco dei Massimo Volume. E’ più o meno questo, quello che abbiamo pensato appena messo su “Il Nuotatore“: entusiasmo poco, curiosità poca, pregiudizi tanti. E invece il...

Leggi Articolo »

ALICE TAMBOURINE LOVER Down Below

alice tambourine lover
Chiunque scriverà male di questo album - sappiatelo - dimostrerà automaticamente tre cose: uno spiccato cattivo gusto, un'incapacità (altrettanto spiccata) di riconoscere il bello e una evidente (o spiccata, per restare in tema) malafede. Questo per dire che "Down Below" è un disco oggettivamente interessante, bello, scritto e prodotto bene, al quale forse manca un singolo forte, cioè capace di andare oltre il circuito indipendente. Per carità, il compact ha pezzi come "Follow" e "Train" che sono estremamente validi, ma per andare oltre certi recinti ci vogliono - ahinoi - pezzi più ruffiani. In scaletta 8 episodi per circa…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Chiunque scriverà male di questo album – sappiatelo – dimostrerà automaticamente tre cose: uno spiccato cattivo gusto, un’incapacità (altrettanto spiccata) di riconoscere il bello e una evidente (o spiccata, per...

Leggi Articolo »

LIBERATO Liberato

liberato
E alla fine il disco l'ha tirato fuori. Lo ha fatto mettendo sul tavolo altri cinque pezzi, accompagnati da altrettanti video di Francesco Lettieri a comporre un piccolo film con una storia autoconclusiva. Insomma, abbiamo finalmente il disco di Liberato, disco che negli ultimi anni si è andato a comporre un po' alla volta e - all'apparenza - senza un programma preciso: pezzi centellinati, qualche live, video bellissimi e mistero sparso a piene mani, con l'ombra di Livio Cori (noi non crediamo sia lui, Liberato) ad allungarsi sul progetto. Al netto però di tutto quello che negli ultimi anni…

Score

QUALITA' - 90%

90%

90

E alla fine il disco l’ha tirato fuori. Lo ha fatto mettendo sul tavolo altri cinque pezzi, accompagnati da altrettanti video di Francesco Lettieri a comporre un piccolo film con...

Leggi Articolo »

SARAH STRIDE Prima Che Gli Assassini

sarah stride
"Prima Che Gli Assassini" ci dice diverse cose. Ci dice che Sarah Stride sta ancora cercando una sua strada e attualmente ondeggia tra passato e futuro, tra un cantautorato rivisitato e il coraggio di abbracciare sonorità moderne, inzuppate di un'elettronica carina ed elegante. Ci dice anche che Sarah Stride è molto gradevole quando libera la voce ("Le catene corte"), mentre quando si fa intima perde qualcosina, forse penalizzata (vedi "Madre", ad esempio) da arrangiamenti non proprio azzeccati. Insomma, "Prima Che Gli Assassini" è un disco che saltella sopra le buche e a volte ci finisce dentro. Sinceramente avremmo tolto…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

“Prima Che Gli Assassini” ci dice diverse cose. Ci dice che Sarah Stride sta ancora cercando una sua strada e attualmente ondeggia tra passato e futuro, tra un cantautorato rivisitato...

Leggi Articolo »

PAOLA RUSSO Non è colpa mia

paola russo
“Non è colpa mia” è il disco d’esordio della cantautrice e musicista siciliana Paola Russo, prodotto, registrato e mixato presso l’Indigo Studio di Palermo da Donato Di Trapani e Fabio Rizzo e masterizzato da Giovanni Versari. Scaletta rapida: 9 pezzi per 30 minuti di musica. Il lavoro è caratterizzato da idee che girano tutte attorno alle coordinate del pop-elettronico, con ampie concessioni alla tradizione cantautoriale italiana. Il disco è estremamente accessibile già al primo ascolto, forte di ritornelli semplici, aperti, diretti, e arrangiamenti che rimandano alla generosa stagione degli Anni Ottanta. Insomma, nulla di originale, ma la proposta riesce fin…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

“Non è colpa mia” è il disco d’esordio della cantautrice e musicista siciliana Paola Russo, prodotto, registrato e mixato presso l’Indigo Studio di Palermo da Donato Di Trapani e Fabio Rizzo...

Leggi Articolo »

MARCH DIVISION Rain Empire

march division
La proposta non è originalissima - perché già battuta a livello sonoro a ogni latitudine - ma il pop elettronico dei March Division è ugualmente una bella botta, sia perché dura uno sproposito (quasi 60 minuti) sia perché quasi tutte le canzoni hanno ritornelli così validi che sinceramente selezionare un brano piuttosto che un altro da mettere nella propria playlist è una prova ardua. "Rain Empire" va oltre i suoi limiti (una certa ripetitività negli arrangiamenti) e si fa ben volere al primo ascolto, per due ragioni chiare: è un album generoso di potenziali singoli e piace sia quando…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

La proposta non è originalissima – perché già battuta a livello sonoro a ogni latitudine – ma il pop elettronico dei March Division è ugualmente una bella botta, sia perché...

Leggi Articolo »

DISTORSONIC Twisted Playgrounds

distorsonic
I Distorsonic sono un progetto di Maurizio Iorio nato a metà Anni Novanta. Un progetto che in "Twisted Playgrounds" vede l'autore (con Stefano Falcone ai tamburi) spaziare fra sonorità differenti: psichedelia, jazz, sperimentazione, noise, rock. Tutto è sospeso lungo la scaletta, gli appigli all'orecchiabilità sono pochi e le 9 tracce sono in prevalenza strumentali. Nonostante il taglio "alternativo", l'album ha una buonissima fruibilità e si arriva alla fine dell'ascolto senza particolare fatica. Ogni brano porta in dote una tensione emotiva che resta tale nel suo sviluppo e raramente esplode, e anche la tecnica non prende mai il sopravvento rispetto…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

I Distorsonic sono un progetto di Maurizio Iorio nato a metà Anni Novanta. Un progetto che in “Twisted Playgrounds” vede l’autore (con Stefano Falcone ai tamburi) spaziare fra sonorità differenti:...

Leggi Articolo »

/HANDLOGIC Nobodypanic

handlogic
Che dire di "Nobodypanic"? E' suonato benissimo, il suono è pulito, molto europeo, è un disco con atmosfere che rimandano a un grandissimo gruppo di qualche anno fa, gli Stateless - soprattutto per la volontà dei Nostri di far dialogare il pop con sonorità moderne, con l'elettronica, con la black music. Quindi perché un voto sotto la sufficienza? Perché il disco degli  ⁄handlogic ci sembra un meraviglioso esercizio di stile, cioè un insieme di canzoni perfettine, che si guardano bene dall'osare, e che si appoggiano troppo sugli arrangiamenti (molto interessanti) perdendo di vista la necessità di dare una identità…

Score

QUALITA' - 56%

56%

56

Che dire di “Nobodypanic“? E’ suonato benissimo, il suono è pulito, molto europeo, è un disco con atmosfere che rimandano a un grandissimo gruppo di qualche anno fa, gli Stateless...

Leggi Articolo »

FRIGO Non Importa

frigo
I Frigo possono ambire al premio "immagine di copertina più brutta dell'anno", ma anche vantare un ottimo debutto. Sì, la cover è veramente bruttina e non rende merito al contenuto dell'album. "Non Importa" è un esordio che mescola pop ed elettronica. Tutti i pezzi hanno un cliché: partono piano e crescono, iniziano da posizioni cantautorali e poi liberano l'anima pop (Anni Ottanta) che i Nostri portano in dote all'ascoltatore. Diciamolo: la proposta non è originalissima, segue un po' le mode del momento, ma è fatta con qualità e nei nove episodi in scaletta non c'è un ritornello sbagliato -…

Score

QUALITA' - 77%

77%

77

I Frigo possono ambire al premio “immagine di copertina più brutta dell’anno”, ma anche vantare un ottimo debutto. Sì, la cover è veramente bruttina e non rende merito al contenuto...

Leggi Articolo »

DELLACASA MALDIVE Amore italiano

dellacasa maldive
Dellacasa Maldive è un progetto che pesca a piene mani dal sempre generoso immaginario pop degli Anni Ottanta. Tuttavia "Amore italiano" è un debutto che non spicca per originalità (sonora) e neppure i testi sono granché. In scaletta 12 brani: sono democraticamente tutti anonimi e gli arrangiamenti sono più o meno tutti uguali, ma è sulle liriche che bisogna lavorare sodo per migliorare la proposta: hanno pessime chiusure delle rime, sono storie prive di una qualunque efficacia e se l'intento era/è quello di spingere l'ascoltatore a ballare pensando all'estate, allora l'obiettivo - nel nostro caso - è fallito, perché…

Score

QUALITA' - 40%

40%

40

Dellacasa Maldive è un progetto che pesca a piene mani dal sempre generoso immaginario pop degli Anni Ottanta. Tuttavia “Amore italiano” è un debutto che non spicca per originalità (sonora)...

Leggi Articolo »