IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni

Recensioni

EDDA Illusion

edda illusion
La produzione di Gianni Maroccolo si sente tutta in questo "Illusion": tutti i brani in scaletta hanno un'idea, un arrangiamento, un suono che colpiscono e danno un... colore prelibato all'arte di Edda. Ma alla fine dell'ascolto, la provocazione ci resta in canna: c'era bisogno di questa produzione così raffinata? . Insomma, vale davvero la pena produrre una musica così istintiva, a…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

La produzione di Gianni Maroccolo si sente tutta in questo “Illusion“: tutti i brani in scaletta hanno un’idea, un arrangiamento, un suono che colpiscono e danno un… colore prelibato all’arte...

Leggi Articolo »

DANCE FLOOR CLOSED Top 10

dance floor closed top 10
Esce così tanta roba ogni mese che se vi facessimo vedere quanti cd accatastiamo in redazione  settimanalmente restereste a bocca aperta. Non deve dunque sorprendere se ogni tanto arriviamo tardi su un'uscita, come nel caso dei Dance Floor Closed, progetto italiano nato dalla collaborazione tra Gianni Mini e Simone Serotti, qui impegnati a dare vita ad un album dalle sonorità dance Anni Ottanta, ma l'idea di musica alla base di questo "Top 10" è moderna, perché mette in vetrina arrangiamenti attuali, un bel suono "grasso" ma non pacchiano e una fruibilità pop ai massimi livelli. Il risultato sono 10…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

Esce così tanta roba ogni mese che se vi facessimo vedere quanti cd accatastiamo in redazione  settimanalmente restereste a bocca aperta. Non deve dunque sorprendere se ogni tanto arriviamo tardi...

Leggi Articolo »

I BARBARI Supernove che fanno Bang!

i barbari
"Supernove che fanno Bang!" fa subito venire in mente i Soundgarden e ciò è piacevole perché i Soundgarden sono stati una grandissima band, ma questo rapido parallelismo è anche il limite grosso di un disco che non riesce quasi mai a cambiare marcia, risultando troppo concentrato sul suono, anzi, sul proporre un muro sonoro compatto, solido, tra rock e blues. Ed è un peccato, perché I Barbari suonano bene, cantano bene, hanno delle chitarre espressive, ma il disco parte in un modo e si conclude allo stesso modo. Fa venire voglia di andare a riascoltare certi picchi del mai…

Score

QUALITA' - 54%

54%

54

“Supernove che fanno Bang!” fa subito venire in mente i Soundgarden e ciò è piacevole perché i Soundgarden sono stati una grandissima band, ma questo rapido parallelismo è anche il...

Leggi Articolo »

NUOVONORMALE NuovoNormale

nuovonormale
I NuovoNormale sono nati alla Spezia nel 2020, dando seguito a precedenti esperienze in gruppi indie-rock ed electro-pop della scena locale. Il loro album omonimo è un concentrato di orecchiabilità che cerca però appigli (pop) non sempre facili e scontati, e ciò - al netto del risultato finale - lo rende un progetto interessante, per almeno due motivi: il primo, lungo la scaletta si possono trovare le acrobazie del primo Battiato e la lezione dei cantautori italiani Anni 70 e 80 più coraggiosi; la seconda, quando maneggiano la melodia sono bravini: non sempre l'azzardo si traduce in un colpo…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

I NuovoNormale sono nati alla Spezia nel 2020, dando seguito a precedenti esperienze in gruppi indie-rock ed electro-pop della scena locale. Il loro album omonimo è un concentrato di orecchiabilità...

Leggi Articolo »

ROUGH ENOUGH Che la testa ti sia lieve

rough enough
I Rough Enough vengono da Catania e “Che la testa ti sia lieve” è il loro nuovo lavoro discografico, pubblicato da Mackie Records con la produzione artistica di Franz Valente, uno che i territori del rock li conosce come le sue tasche. La formula qui proposta dal duo (chitarra e batteria) strizza l’occhio alla vecchia scuola alternative rock, post-rock e garage-punk con testi disillusi che però non riescono a trovare l'attenzione dell'ascoltatore e che spesso scivolano nella retorica. Anche a livello musicale il progetto paga un dazio altissimo al "già sentito": a livello stilistico c'è tanta derivazione e per…

Score

QUALITA' - 57%

57%

57

I Rough Enough vengono da Catania e “Che la testa ti sia lieve” è il loro nuovo lavoro discografico, pubblicato da Mackie Records con la produzione artistica di Franz Valente,...

Leggi Articolo »

CASSANDRA RAFFAELE Camera Oslo

cassandra raffaele
Non conoscevamo Cassandra Raffaele, che ha già un suo percorso alle spalle prima di questo "Camera Oslo", che è un album ambizioso: si snoda come una serie Netflix; ogni brano un episodio, tra cinematica, atmosfere pulp e noir, orchestrazioni che rimandano agli Anni 70 del cantautorato italiano. La cantautrice e polistrumentista ha una voce particolare, perfetta per le sue atmosfere retrò che hanno bisogno di sangue e interpretazioni, di amore e dolore, di passione e disillusioni. L'album ci mette un po' a carburare, ma al terzo brano arriva il colpo buono: "La mia anarchia ama te" è un pezzo…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Non conoscevamo Cassandra Raffaele, che ha già un suo percorso alle spalle prima di questo “Camera Oslo“, che è un album ambizioso: si snoda come una serie Netflix; ogni brano...

Leggi Articolo »

ALESSANDRO BARIS Sintesi

alessandro baris
Si potrebbe definirlo un EP... museale, quello di Alessandro Baris, polistrumentista, compositore e produttore di musica elettronica italoamericano di stanza a Bologna. Museale perché ha molto di quelle colonne sonore (?) che oggi è facile ascoltare in certe installazione di arte contemporanea: atmosfere piene di elettronica minimale che cercano il flirt con la melodia. In “Sintesi”, Alessandro ha suonato, registrato e prodotto tutte le tracce, utilizzando una strumentazione prevalentemente elettronica. Il risultato? Un disco introspettivo, fatto di ambienti sonori, dettagliati e suggestivi, di trame ritmiche che a volte inciampano e che in altre riescono a correre libere, come accade…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Si potrebbe definirlo un EP… museale, quello di Alessandro Baris, polistrumentista, compositore e produttore di musica elettronica italoamericano di stanza a Bologna. Museale perché ha molto di quelle colonne sonore...

Leggi Articolo »

DITONELLAPIAGA Camouflage

ditonellapiaga
​Nulla di particolarmente nuovo. Poche idee ammantate da arrangiamenti fuori dall'ordinario (per l'Italia) e linee melodiche ruffiane per andare ad intercettare un pubblico trasversale. Per carità, Ditonellapiaga - nome d’arte di Margherita Carducci - canta bene, ma il suo stile è un crocevia di cose già sentite, . I testi sono buoni per ragazzini da fare rientrare a casa entro le 23, proprio massimo le 24. Insomma, un lavoro che non scuote.

Score

QUALITA' - 49%

49%

49

​Nulla di particolarmente nuovo. Poche idee ammantate da arrangiamenti fuori dall’ordinario (per l’Italia) e linee melodiche ruffiane per andare ad intercettare un pubblico trasversale. Per carità, Ditonellapiaga – nome d’arte...

Leggi Articolo »

RÖYKSOPP Profound Mysteries

royksopp profound mysteries
La prima parte è un continuo assalto al cuore di ogni amante di una certa elettronica Anni Duemila: : sia chi cerca la pista da ballo, sia chi dai divanetti dei locali non si schioderebbe neppure con le cannonate. Insomma, i primi 20/25 minuti sono davvero tanta roba. Poi "Profound Mysteries" si smarrisce. Non diventa brutto o mediocre, ma non riesce più a trovare quel linguaggio immaginifico che nella prima parte accompagna…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

La prima parte è un continuo assalto al cuore di ogni amante di una certa elettronica Anni Duemila: ritmi favolosi, parti vocali evocative e pezzi come “Impossible” con Alison Goldfrapp...

Leggi Articolo »

‘A67 Jastemma

a67 jastemma
Li avevamo incrociati all'inizio della loro carriera e l'impressione era stata buona. Nel mezzo - del loro lungo percorso - non sappiamo cos'abbiano combinato avendoli persi di vista, ma "Jastemma" è indubbiamente un album maturo, molto maturo, il lavoro di una band che prima di tutto ha un proprio stile distinguibile e un'idea musicale moderna che - ovviamente - guarda con rispetto alla storia cantautorale italiana e della loro terra - perché diciamolo senza retorica, Italia e Napoli a livello musicale sono entità diverse per chi ha nel dialetto il suo habitat artistico naturale. "Jastemma" è un disco infarcito…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

Li avevamo incrociati all’inizio della loro carriera e l’impressione era stata buona. Nel mezzo – del loro lungo percorso – non sappiamo cos’abbiano combinato avendoli persi di vista, ma “Jastemma”...

Leggi Articolo »