IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni

Recensioni

SABINA SCIUBBA Force Majeure

sabina sciubba
E' veramente difficile incastrare in una definizione o in una categoria la musica di Sabina Sciubba. . "Force Majeure" è il nuovo album, progetto musicale e teatrale della cantante, attrice e compositrice italo-tedesca: 12 pezzi sofisticati, nei quali l’elettronica si fonde con la musica barocca e il romantic-punk abbraccia il jazz. Tra le dita di questa artista una Spinetta (un piccolo clavicembalo del 700 in legno) accompagna un drum-pad elettronico, un pianoforte a coda si mescola a una tromba, il violoncello sfida una batteria.…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

E’ veramente difficile incastrare in una definizione o in una categoria la musica di Sabina Sciubba. Perché va oltre le solite coordinate e abbraccia anche la sperimentazione, la world music,...

Leggi Articolo »

HURTS Faith

hurts faith
Il panorama del pop-rock elettronico contemporaneo è pieno zeppo di furbacchioni e possiamo tranquillamente dire che gli Hurts sono svegli, si presentano all'esame preparatissimi e - per restare in tema - sono dei furbacchioni certificati. Non è una critica, ma più un modo per riconoscere al duo una indiscutibile capacità di mescolare idee e melodie che in un modo o nell'altro si sono già affermate, e nel farlo si guardano bene dal coprire le tracce. Ecco che quindi un pezzo fortissimo come l'iniziale "Voices" rimanda a "Days Are Forgotten" dei Kasabian; "Somebody" alla super hit "Believer" degli Imagine Dragons.…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Il panorama del pop-rock elettronico contemporaneo è pieno zeppo di furbacchioni e possiamo tranquillamente dire che gli Hurts sono svegli, si presentano all’esame preparatissimi e – per restare in tema...

Leggi Articolo »

MALARIMA In equilibrio

malarima
Malarima è un progetto che è nato nel 2016 grazie alla riunione di Alberto Agnelli, Max Rossi e Riccardo Scianca, tre quarti dei Vidia, rock band fiorentina sulla scena nella prima metà degli Anni 90 in cui militava alla voce e chitarra Enrico Greppi (Erriquez/Bandabardò). "In equilibrio" è un disco dove le parole mettono spesso in castigo la parte musicale: . Risultato: quasi tutti i pezzi si somigliano e…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

Malarima è un progetto che è nato nel 2016 grazie alla riunione di Alberto Agnelli, Max Rossi e Riccardo Scianca, tre quarti dei Vidia, rock band fiorentina sulla scena nella...

Leggi Articolo »

ASAF AVIDAN Anagnorisis

asaf avidan
Quanti riescono a maneggiare il pop, oggi, con queste capacità vocali, questa varietà negli arrangiamenti, questo folle equilibrio attorno a generi diversi? Asaf Avidan continua a confermarsi un artista unico nel vasto panorama della musica contemporanea, e non solo per la voce androgina ma per tutto ciò che riesce a comunicare all'ascoltatore con la sua arte. "Anagnorisis" è un disco che ha dentro un sacco di cose: , un po' di Amy Winehouse in "900 Days", un po' di David Bowie in "Earth Odyssey". E tutto attorno arrangiamenti mai banali e un'intensità emotiva che…

Score

QUALITA' - 81%

81%

81

Quanti riescono a maneggiare il pop, oggi, con queste capacità vocali, questa varietà negli arrangiamenti, questo folle equilibrio attorno a generi diversi? Asaf Avidan continua a confermarsi un artista unico...

Leggi Articolo »

TONNO Quando ero satanista

tonno
I Tonno riescono nell'esperimento di mettere assieme i primissimi Radiohead con il Grignani degli esordi. : i testi della band, infatti, sono scritti bene, con proprietà di linguaggio e raramente le rime sono chiuse in maniera poco efficace. "Quando ero satanista" ha uno stile preciso, in scaletta ci sono dieci pezzi per una durata che supera di un soffio i 30 minuti e almeno 3 o 4 brani sono dei potenziali singoli: "Sovrappensiero", "Credevo di averti vista", "Ragazza bonsai",…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

I Tonno riescono nell’esperimento di mettere assieme i primissimi Radiohead con il Grignani degli esordi. Il risultato è un rock cantautorale non originalissimo dal punto di vista musicale, ma estremamente...

Leggi Articolo »

GIULIO CASALE bootleg #3

giulio casale bootleg 3
"bootleg #3" è l'album dal vivo di Giulio Casale, il primo della carriera solista per l’ex voce degli Estra. Nel disco vivono tre anime diverse abilmente amalgamate: l’ultimo album di inediti “Inexorable”, uscito l’anno scorso in cd e vinile, lo spettacolo “Le notti bianche” da cui è estratta la rivisitazione di “Cosa sono le nuvole” di Modugno/Pasolini, e lo spettacolo “Frammenti di un discorso poetico”, una suite jazzata di musiche e parole insieme a Nicola Alesini. Da quest’ultimo spettacolo, andato in scena una sola unica volta, sono estratti i brani “The Golden Way” (di David Sylvian), “Incubo numero zero” (di Claudio Lolli)…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

“bootleg #3” è l’album dal vivo di Giulio Casale, il primo della carriera solista per l’ex voce degli Estra. Nel disco vivono tre anime diverse abilmente amalgamate: l’ultimo album di inediti...

Leggi Articolo »

CLAUDIA FOFI Teoria degli affetti

claudia fofi
Fare del buon cantautorato è - sulla carta - abbastanza facile: testi non banali, arrangiamenti efficaci e un lavoro sull'orecchiabilità per premiare l'ascoltatore senza ingolosirlo troppo. Insomma, basta poco. Tuttavia questo... poco ha un peso enorme, perché a conti fatti è frutto di un'alchimia oscura, non a caso il cantautorato italiano moderno è spesso una rielaborazione mediocre di cose già sentite, un fare musica negli Anni Duemila con lo sguardo rivolto agli Anni Sessanta. Ecco che quindi un disco come "Teoria degli affetti" arriva a rinfrescare l'aria, perché si muove bene e in maniera leggera lungo una strada impervia,…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

Fare del buon cantautorato è – sulla carta – abbastanza facile: testi non banali, arrangiamenti efficaci e un lavoro sull’orecchiabilità per premiare l’ascoltatore senza ingolosirlo troppo. Insomma, basta poco. Tuttavia...

Leggi Articolo »

LADY GAGA Chromatica

lady gaga chromatica
Quando, nonostante tutti i mezzi a disposizione, finisci per fare un disco così vuoto, allora l'aria che tira è brutta. . I singoli sono modesti (leggi "Stupid Love"), la produzione non va oltre una serie di suoni tutti uguali e la scaletta è così fredda che l'abbiamo usata al posto del condizionatore in queste giornate di caldo estivo... In conclusione: difficile da ascoltare, difficile…

Score

QUALITA' - 41%

41%

41

Quando, nonostante tutti i mezzi a disposizione, finisci per fare un disco così vuoto, allora l’aria che tira è brutta. “Chromatica” è puro mestiere, non ha contenuti. Non è neppure...

Leggi Articolo »

MORENO DELSIGNORE FEAT. LUCA SASSI Chamber Rock

moreno delsignore
Ascoltare un disco di cover è piacevolissimo, recensirlo è un tormento. Per due motivi: il peso delle versioni originali è spesso ingombrante (anche se provi a sgombrare la testa), inoltre partiamo sempre un po' benevoli perché in Italia si è persa l'abitudine del fare album di cover, e quindi ci sentiamo in dovere di sostenere (a prescindere) certi progetti. "Chamber Rock" vede Moreno Delsignore, insieme al chitarrista Luca Sassi, realizzare un “omaggio” in versione acustica, riarrangiando grandi classici del rock contemporaneo: da "Black Hole Sun" (Soundgarden) a "Life on Mars" (David Bowie), passando per "Enjoy the silence" dei Depeche Mode. Il risultato…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Ascoltare un disco di cover è piacevolissimo, recensirlo è un tormento. Per due motivi: il peso delle versioni originali è spesso ingombrante (anche se provi a sgombrare la testa), inoltre...

Leggi Articolo »

CRISTIANO GODANO Mi ero perso il cuore

cristiano godano
Inatteso. Non sapremmo come definire in altro modo questo "Mi ero perso il cuore". Inatteso e spiazzante. Perché non ci aspettavamo che Cristiano Godano riuscisse a mettersi così a nudo dopo una così lunga carriera. Non per incapacità del leader dei Marlene Kuntz - indubbiamente la miglior penna della sua generazione - ma perché la maturità spesso coincide con un inevitabile declino compositivo e con la necessità (per sopravvivenza) di guardare oltre sé alla ricerca di una forma di ispirazione che alimenti la fiamma. E invece Godano è sceso giù giù sino al centro, mettendo in mostra una fragilità…

Score

QUALITA' - 79%

79%

79

Inatteso. Non sapremmo come definire in altro modo questo “Mi ero perso il cuore“. Inatteso e spiazzante. Perché non ci aspettavamo che Cristiano Godano riuscisse a mettersi così a nudo...

Leggi Articolo »