IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Strumentale (pagina 4)

Strumentale

FORM FOLLOWS Morfosi

form follows morfosi
Form Follows è un giovane duo nato a Livorno nell'inverno 2016, creato dalle menti di Filippo Conti e Fabio Saggese. "Morfosi" è un disco di elettronica varia e variegata, ci sono così tante influenze da rendere l'ascolto non fluido, macchinoso, ostico. Prese singolarmente le 9 tracce in scaletta riescono a intrattenere, ma quando si tratta di dare un valore all'opera nel suo insieme l'azione si fa più difficile perché fra accenti trip hop e jazz è un attimo smarrirsi. E forse anche i Nostri si sono un po' persi per strada in fase di lavorazione... "Morfosi" è un buon disco,…

Score

QUALITA' - 55%

55%

55

Form Follows è un giovane duo nato a Livorno nell’inverno 2016, creato dalle menti di Filippo Conti e Fabio Saggese. “Morfosi” è un disco di elettronica varia e variegata, ci sono...

Leggi Articolo »

CLARK Death Peak

clark death peak
A farci scoprire Clark è stata Tying Tiffany, che un paio di anni fa, compilando le sue "five songs", ci mise dentro "Black Stone" (tratto da "Iradelphic"), un brano particolare con un video che non puoi dimenticare dopo averlo visto. "Death Peak" è il nuovo disco di Clark ed è fatto di un'elettronica fuori dagli schemi. Le capacità del producer britannico sono qui tese verso due obiettivi: creare un suono corposo, solido, di chiara matrice mitteleruropea, e nel contempo fornire un'anima, qualcosa di vivo, alle sue tracce. Il risultato è un album che soddisfa entrambe le intenzioni di partenza. Il suono…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

A farci scoprire Clark è stata Tying Tiffany, che un paio di anni fa, compilando le sue “five songs“, ci mise dentro “Black Stone” (tratto da “Iradelphic”), un brano particolare...

Leggi Articolo »

PIER BERNARDI Re-Birth

PIER BERNARDI re birth
Un consiglio: ascoltate "Re-Birth" a volume alto. Anzi, partite a volume normale e poi dopo un paio di pezzi alzate. Noterete la differenza di resa e resterete sorpresi. Perché il disco di Pier Bernardi ha un tessuto sonoro così ricco di sfumature che solo "sparando" il volume il beneficio risulta reale. Bel lavoro, non c'è che dire, e questo al di là degli ospiti di prestigio. Le 10 tracce in scaletta (tutte strumentali) raccontano molto dell'immaginario sonoro del bassista e compositore emiliano, qui al suo primo compact solista. E soprattutto hanno personalità, non hanno paura di girare attorno ai territori del rock…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Un consiglio: ascoltate “Re-Birth” a volume alto. Anzi, partite a volume normale e poi dopo un paio di pezzi alzate. Noterete la differenza di resa e resterete sorpresi. Perché il...

Leggi Articolo »

FILIPPO LANDI Upside Down

filippo landi upside down
«Tutte le composizioni sono nate come semplici improvvisazioni, momenti intimi di sfogo con il mio strumento. Con l’aiuto del compositore Roberto Cacciapaglia ho successivamente limato e raffinato la forma. "Upside Down" racchiude piccole storie della mia vita, sensazioni profonde che, complice la mia timidezza, ho saputo tirare fuori solo grazie alla musica». Veramente tanta roba. "Upside Down" è un disco bellissimo ed è curioso che su internet non ci siano grosse recensioni su questo lavoro che ti fa subito venire in mente Ludovico Einaudi. E attenzione: fare il verso a Ludovico Einaudi è un attimo, finanche un gioco da ragazzi,…

Score

QUALITA' - 80%

80%

80

«Tutte le composizioni sono nate come semplici improvvisazioni, momenti intimi di sfogo con il mio strumento. Con l’aiuto del compositore Roberto Cacciapaglia ho successivamente limato e raffinato la forma. “Upside...

Leggi Articolo »

NITRITONO Panta Rei

nitritono panta rei
E' sempre un gran casino recensire questi lavori dove noise, rock e metal giocano a incastrarsi brano dopo brano. Perché non sai mai quale metro di giudizio usare. Se prendi l'estero, allora è facile uscirne con le ossa rotte, perché su certe cose sono avanti 10 anni rispetto a noi. Forse può aver senso prendere come riferimento il mercato italiano e basta, o forse può aver senso valutare solo la capacità della band di suonare e intrattenere. Insomma, come la giri, la valutazione è sempre parziale. Luca Lavernicocca (batteria) e Siro Giri (chitarra e voce) sono due teste dure…

Score

QUALITA' - 61%

61%

61

E’ sempre un gran casino recensire questi lavori dove noise, rock e metal giocano a incastrarsi brano dopo brano. Perché non sai mai quale metro di giudizio usare. Se prendi...

Leggi Articolo »

BAMBOO Props

BAMBOO props
I Bamboo sono in grado di far suonare tutto: bidoni, pentole, plastica, folletti, spazzolini elettrici e pistole giocattolo. Le canzoni contenute in "Props" sembrano delle ninnananne elettroniche, hanno una fruibilità pop notevole e l'ascolto è così fluido che arrivi alla fine del disco senza neppure accorgertene. .

Score

QUALITA' - 65%

65%

65

I Bamboo sono in grado di far suonare tutto: bidoni, pentole, plastica, folletti, spazzolini elettrici e pistole giocattolo. Le canzoni contenute in “Props” sembrano delle ninnananne elettroniche, hanno una fruibilità...

Leggi Articolo »

MUTO Independent

MUTO independent
Un paio di cose prima della recensione: "Independent" funziona soprattutto se sparato bello alto nello stereo o nelle cuffie, a volume normale perde qualcosa, inoltre è un disco di elettronica che vi farà tornare indietro nel tempo, perché le concessioni alla scena Anni Novanta sono numerose, frequenti e mai nascoste fra le pieghe. «Ogni brano è un porto, una transizione, un nuovo pensiero, uno stato d’animo, un racconto. Un mezzo per descrivere senza parole le diverse emozioni che attraversano l’animo umano e che ci rendono vivi ed indipendenti, in quanto unici». Fra techno, drum'n'bass e atmosfere che si dilatano…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Un paio di cose prima della recensione: “Independent” funziona soprattutto se sparato bello alto nello stereo o nelle cuffie, a volume normale perde qualcosa, inoltre è un disco di elettronica...

Leggi Articolo »

KHOMPA The Shape of Drums to Come

KHOMPA shape drums come
Partiamo sempre un po' prevenuti davanti a questi progetti strumentali perché spesso hanno poco da dire, specialmente quando sono fatti in Italia. Insomma, sono tanti quelli che si improvvisano artisti del suono. Se però vi parliamo di "The Shape of Drums to Come" è perché è un lavoro veramente completo, pieno di sorprese. Khompa è Davide Compagnoni, e le coordinate del suo progetto ruotano attorno a batteria e inserti elettronici. In scaletta 8 episodi e due ospiti. Nel dettaglio: Taigen Kawabe dei Bo Ningen su "Upside-Down World", mentre per "Wrong Time Wrong Place" (un pezzo meraviglioso, molto Nine Inch Nails) ha collaborato alla…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Partiamo sempre un po’ prevenuti davanti a questi progetti strumentali perché spesso hanno poco da dire, specialmente quando sono fatti in Italia. Insomma, sono tanti quelli che si improvvisano artisti...

Leggi Articolo »

ERALDO BERNOCCHI – PRAKASH SONTAKKE Invisible Strings

invisible strings
Vogliamo essere sinceri, a noi certi suoni... indiani dopo un po' danno a noia, ci sembrano un po' tutti uguali. "Invisible Strings" è però la prova che tu puoi prendere una cosa, mescolarla con un'altra e creare un suono che non è più somma di addendi, ma prodotto omogeneo. Qui da un lato c'è l'indiano con le sue chitarre, cioè Prakash Sontakke, dal lato opposto c'è Eraldo Bernocchi con il suo armamentario di invenzioni elettroniche (e chitarre, ovviamente). Alla fine il risultato va ben al di là di ogni attesa, perché le 9 tracce in scaletta (strumentali) parlano una "lingua"…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Vogliamo essere sinceri, a noi certi suoni… indiani dopo un po’ danno a noia, ci sembrano un po’ tutti uguali. “Invisible Strings” è però la prova che tu puoi prendere...

Leggi Articolo »

IN BETWEEN In Between

in between
Partiamo col dire che Luca Maria Baldini, titolare del progetto In Between, ha azzeccato il singolo: "Love And Don't Forget" è un pezzo con un'atmosfera bellissima, sospesa fra malinconia e dolcezza. Un eccellente biglietto da visita, un'ottima scelta, così com'è stata intelligente la collocazione, cioè in apertura del compact. Il resto dell'album convince a fasi alterne: l'elettronica proposta ha sì un'anima, ma a volte perde lungo la strada la carta di identità. I rimandi al rock e all'ambient sono frequenti, e il pezzo iniziale non è l'eccezione che conferma la regola, ma episodi come "Abyss" e "Da Tanino" dicono che Baldini…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

Partiamo col dire che Luca Maria Baldini, titolare del progetto In Between, ha azzeccato il singolo: “Love And Don’t Forget” è un pezzo con un’atmosfera bellissima, sospesa fra malinconia e dolcezza. Un...

Leggi Articolo »