IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni

Recensioni

QUADROSONAR Fuga sul Pianeta Rosso

quadrosonar fuga pianeta rosso
"Fuga sul Pianeta Rosso" è un ottimo esordio. Sulla produzione delle tracce si può ancora lavorare per dare al suono della band toscana maturità e convinzione, ma diciamo che la base di partenza fa ben sperare per il futuro. Quello dei QuadroSonar è un disco di pop elettronico che porta in dote una manciata di singoli radiofonici: da "Cosa resta di me" a "Zero (Scegli me)", passando per "L'apatia sociale", per la ballatona "Un istante su Marte" e per "Nella mia città". La scrittura del gruppo non è banale e prova a inquadrare nell'obiettivo frazioni di una quotidianità in cui…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

“Fuga sul Pianeta Rosso” è un ottimo esordio. Sulla produzione delle tracce si può ancora lavorare per dare al suono della band toscana maturità e convinzione, ma diciamo che la...

Leggi Articolo »

MOTTA Vivere o morire

motta vivere morire
"Vivere o morire" non ci convince del tutto. L'abbiamo ascoltato parecchio prima di arrivare a farci un'opinione definitiva, perché la primissima impressione era stata pessima, col tempo però l'idea si è leggermente modificata, anche se molti dubbi sul secondo lavoro di Motta ci sono rimasti. E molti di questi dubbi girano attorno alla portata delle canzoni, che al netto di una produzione eccellente, non siamo per nulla convinti siano così ispirate, così nuove, così diverse dall'ordinario. Noiose? Esatto. In scaletta 9 brani. Alcuni ritornelli sono carini, certe narrazioni idem (vedi la title track), il singolo radiofonico c'è ("La nostra…

Score

QUALITA' - 52%

52%

52

“Vivere o morire” non ci convince del tutto. L’abbiamo ascoltato parecchio prima di arrivare a farci un’opinione definitiva, perché la primissima impressione era stata pessima, col tempo però l’idea si...

Leggi Articolo »

GIORGIO CICCARELLI Bandiere

giorgio ciccarelli bandiere
Ciccarelli resta tutt'oggi un chitarrista favoloso, però è sempre un piacere vedere che un artista, anche dopo anni di palchi e dischi, sa evolversi. Il Giorgio Ciccarelli del 2018 si avvicina con passo deciso verso i territori del cantautorato. . Non è soltanto un lavoro rock, ha contenuto poetico. E' un buon album? Sì, perché è solido,…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Ciccarelli resta tutt’oggi un chitarrista favoloso, però è sempre un piacere vedere che un artista, anche dopo anni di palchi e dischi, sa evolversi. Il Giorgio Ciccarelli del 2018 si...

Leggi Articolo »

BARBERINI Barberini

barberini
Barberini è lo pseudonimo della cantautrice romana Barbara Bigi. Il suo disco omonimo guarda alla canzone d'autore degli Anni Settanta, quindi atmosfere leggere, quasi impalpabili, con il pop che si vede in controluce e la bella voce dell'artista che ricama i contorni dei nove brani in scaletta. . Forse sulle linee…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

Barberini è lo pseudonimo della cantautrice romana Barbara Bigi. Il suo disco omonimo guarda alla canzone d’autore degli Anni Settanta, quindi atmosfere leggere, quasi impalpabili, con il pop che si...

Leggi Articolo »

TITA Andare oltre

tita andare oltre
E' un esordio, quindi è normale che non tutto sia a fuoco, però la strada imboccata è quella giusta. "Andare oltre" è l'album di debutto della cantautrice bergamasca Tita. Tutto ruota al concetto di canzone d'autore, però con un taglio moderno che si sintetizza alla perfezione nella cover "Ho in mente te", qui stravolta e personalizzata con il piglio di chi sa che tipo di suono vuole proporre all'ascoltatore. In scaletta 8 brani per poco meno di 28 minuti di musica. Le ritmiche sono seducenti, molto vicine a certe produzioni francesi. Il pop è l'invitato dell'ultimo momento, i ritornelli sono…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

E’ un esordio, quindi è normale che non tutto sia a fuoco, però la strada imboccata è quella giusta. “Andare oltre” è l’album di debutto della cantautrice bergamasca Tita. Tutto ruota...

Leggi Articolo »

BRUNO BELISSIMO Ghetto Falsetto

bruno belissimo ghetto falsetto
«Questo disco, proprio come il precedente, è stato scritto di getto. Nel gennaio dell'anno scorso ho subito il furto del computer che conteneva alcuni provini ai quali stavo lavorando. Ho perso tutto, ma quando finalmente ho potuto ritornare in studio con un laptop nuovo, in meno di un mese avevo già scritto dieci pezzi, le stesse tracce che ora compongono il disco! Probabilmente per la frustrazione accumulata... Sono molto soddisfatto di questo lavoro, credo e spero che questi pezzi trasudino tutto il divertimento che ho provato scrivendoli e producendoli». E' verissimo. "Ghetto Falsetto" è un album divertente. Com'era divertente…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

«Questo disco, proprio come il precedente, è stato scritto di getto. Nel gennaio dell’anno scorso ho subito il furto del computer che conteneva alcuni provini ai quali stavo lavorando. Ho...

Leggi Articolo »

SPREAD Vivi per miracolo

spread vivi miracolo
Quanti stati d'animo porta con sé "Vivi per miracolo"? Il terzo album in studio per gli Spread è un viaggio isterico attorno al rock, un continuo accelerare e decelerare per fuggire da quello che si sente, oggi, in ambito indipendente. Perché . Il rock qui è maneggiato con coraggio da leone ed è stato registrato e mixato da Alberto Ferrari dei Verdena, che senza dubbio ha indirizzato il percorso. Il risultato finale convince a tratti, nel senso che in più di un…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Quanti stati d’animo porta con sé “Vivi per miracolo“? Il terzo album in studio per gli Spread è un viaggio isterico attorno al rock, un continuo accelerare e decelerare per fuggire da...

Leggi Articolo »

MANITOBA Divorami

manitoba divorami
"Divorami" è il titolo del primo album scritto da Filippo Santini e Giorgia Rossi Monti, che dal 2014 si esibiscono sui palchi di tutto lo Stivale sotto il moniker Manitoba. Questo disco è nato con ogni probabilità da una scintilla accesa quasi 15 anni fa in riva al mare di Baratti, vicino Piombino, quando i due protagonisti di questa storia s’incontrarono per la prima volta e, ancora senza saperlo, si legarono indissolubilmente per gli anni a venire in un sodalizio artistico e di vita. E così come fu naturale giocare su quel bagnasciuga, estate dopo estate, nella fase della vita in cui tutto è più…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

“Divorami” è il titolo del primo album scritto da Filippo Santini e Giorgia Rossi Monti, che dal 2014 si esibiscono sui palchi di tutto lo Stivale sotto il moniker Manitoba. Questo disco è nato con ogni...

Leggi Articolo »

OZZO #pastislost

ozzo pastislost
Sei tracce di rock elettronico a presa rapida, l'elogio dell'essenzialità applicato alla musica. "#pastislost" è un EP che si rifa alla lezione dei Depeche Mode, quindi epicità, melodie non sfacciate ma intriganti e costruzioni sonore che non concedono nulla al superfluo - . Il deejay e art director milanese, oZZo, si gioca il pezzo migliore subito: "As fast as you can" è un perfetto biglietto da visita e ricalca alla perfezione quanto detto in precedenza circa gli obiettivi del progetto. Anche "Change" fa una…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Sei tracce di rock elettronico a presa rapida, l’elogio dell’essenzialità applicato alla musica. “#pastislost” è un EP che si rifa alla lezione dei Depeche Mode, quindi epicità, melodie non sfacciate...

Leggi Articolo »

A PERFECT CIRCLE Eat the Elephant

perfect circle eat elephant
"Eat the Elephant" è un album bellissimo. Quindi potete tranquillamente fermarvi qui, evitare di continuare a leggere la recensione e godervi le 12 tracce in scaletta. Non è necessario dilungarsi troppo quando i fatti hanno un'evidenza tale che ogni possibile commento rischia di risultare superfluo. Quindi "buon ascolto" a chi si fermerà qui. Per tutti gli altri, iniziamo con il dire che ci sono voluti quasi tre lustri per mettere attorno a un tavolo (con idee chiare sull'indirizzo del progetto) Maynard James Keenan e Billy Howerdel. Ma crediamo che sia stato soprattutto il primo a prendersela con calma, visto l'andazzo…

Score

QUALITA' - 89%

89%

89

“Eat the Elephant” è un album bellissimo. Quindi potete tranquillamente fermarvi qui, evitare di continuare a leggere la recensione e godervi le 12 tracce in scaletta. Non è necessario dilungarsi...

Leggi Articolo »