IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Autoproduzione

Autoproduzione

GRAMMO DI SOMA No

grammo di soma no
"No" è il terzo disco di Grammo di Soma, che ormai ci ha preso gusto a bazzicare i territori del rumore e della sperimentazione, con un'indole - talvolta - più da outsider che da veterano della discografia. Questo lavoro, infatti, ha un tratto istintivo e mette assieme 6 episodi che possono tranquillamente essere "letti" come una traccia unica, dove rumori, batteria, sintetizzatori, basso e voci creano un magma sonoro che ci mette un po' a svelarsi. Questo per dire che il primo ascolto non è un granché e risulta persino spiazzante, ma le cose vanno a migliorare con gli…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

“No” è il terzo disco di Grammo di Soma, che ormai ci ha preso gusto a bazzicare i territori del rumore e della sperimentazione, con un’indole – talvolta – più...

Leggi Articolo »

D.IN.GE.CC.O Linear Burns

dingecco
D.In.Ge.Cc.O è un progetto creato dal compositore e artista Gianluca D’Ingecco. "Linear Burns" è un album dove l'elettronica intrattiene e mescola assieme varie fascinazioni. E' un'elettronica ricca di rimandi al jazz, al rap, alla dance, in un continuo andare & tornare fra decadi diverse. E' un album coraggioso, perché nell'epoca del mordi & fuggi, 12 pezzi e oltre 60 minuti di ascolto sono un bel banco di prova anche per l'ascoltatore più paziente, ma il disco piace e funziona perché ha il grande pregio di accompagnare l'utente lungo un viaggio che è sempre piacevole e privo di scossoni, fra…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

D.In.Ge.Cc.O è un progetto creato dal compositore e artista Gianluca D’Ingecco. “Linear Burns” è un album dove l’elettronica intrattiene e mescola assieme varie fascinazioni. E’ un’elettronica ricca di rimandi al...

Leggi Articolo »

TUGO Giorni

tugo
Non è facile recensire "Giorni", perché solitamente siamo molto generosi nel valutare i debutti, ma questa volta gli appigli sono pochi. Perché questo EP composto da 4 tracce è acerbo sotto tutti i punti di vista: a livello sonoro non c'è un'idea che dia struttura alla proposta, per quanto concerne le liriche è tutto molto elementare e un pezzo come "Nessuno vuole bene al bassista" ne è la prova. . C'è da lavorare sodo su tutti gli aspetti della proposta.

Score

QUALITA' - 42%

42%

42

Non è facile recensire “Giorni“, perché solitamente siamo molto generosi nel valutare i debutti, ma questa volta gli appigli sono pochi. Perché questo EP composto da 4 tracce è acerbo...

Leggi Articolo »

AGA Dream On

aga
Il musicista e producer AGA (Alessandro “Gomma” Antolini) torna qui sulle scene con un nuovo album dal titolo "Dream On". Sette tracce coraggiose, non facilissime da approcciare, perché l'orecchiabilità va e viene, tutto è finalizzato a creare un'atmosfera, una scelta che a livello stilistico può pure essere compresa e avere un senso, ma poi alla fine dei conti, in questa bulimia di pubblicazioni, sei anche obbligato a concedere qualcosa alla sostanza, limitando l'estetica. AGA ha invece scelto con la sua autoproduzione di marciare dritto per la sua strada, forte di un'elettronica con vari riferimenti agli Anni Ottanta e liriche (in…

Score

QUALITA' - 58%

58%

58

Il musicista e producer AGA (Alessandro “Gomma” Antolini) torna qui sulle scene con un nuovo album dal titolo “Dream On“. Sette tracce coraggiose, non facilissime da approcciare, perché l’orecchiabilità va e...

Leggi Articolo »

MALARIMA In equilibrio

malarima
Malarima è un progetto che è nato nel 2016 grazie alla riunione di Alberto Agnelli, Max Rossi e Riccardo Scianca, tre quarti dei Vidia, rock band fiorentina sulla scena nella prima metà degli Anni 90 in cui militava alla voce e chitarra Enrico Greppi (Erriquez/Bandabardò). "In equilibrio" è un disco dove le parole mettono spesso in castigo la parte musicale: . Risultato: quasi tutti i pezzi si somigliano e…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

Malarima è un progetto che è nato nel 2016 grazie alla riunione di Alberto Agnelli, Max Rossi e Riccardo Scianca, tre quarti dei Vidia, rock band fiorentina sulla scena nella...

Leggi Articolo »

LUMI May the goddess unearth me

lumi
"May the goddess unearth me" è un disco (strumentale) di musica classica... elettronica. E' un album cinematografico. Anzi, ascoltandolo si resta persino un pochino spiazzati dal non poterci abbinare delle immagini o comunque un immaginario visivo di riferimento. Certo, si può ascoltare più e più volte per coglierne la qualità delle trame sonore, ma alla fine i sensi restano insoddisfatti. Quello dei siciliani Lumi è un viaggio introspettivo che incuriosisce per la contaminazione tra classica, minimalismo ed elettronica. "May the goddess unearth me" si snoda attraverso sei composizioni che raccontano una storia suddivisa in quattro momenti cardine: Incontro, Dono,…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

“May the goddess unearth me” è un disco (strumentale) di musica classica… elettronica. E’ un album cinematografico. Anzi, ascoltandolo si resta persino un pochino spiazzati dal non poterci abbinare delle...

Leggi Articolo »

MEGANOIDI Mescla

meganoidi mescla
Fra una ventina di anni, quando si saranno fermati (se si fermeranno...), il fenomeno Meganoidi andrà studiato perché ha rappresentato un caso particolare della discografia italiana, oltre a incarnare anime diverse dalla fondazione sino a questo "Mescla". Fedeli a un rock che negli anni ha visto varie declinazioni, il nuovo lavoro della band genovese questa volta flirta con il funk e si avvicina sempre più alle coordinate della moderna canzone d'autore. Insomma, della spensieratezza degli esordi, oggi è rimasto poco ed è del tutto normale crescendo. Questi Meganoidi del 2020 sono attenti osservatori di quello che si muove attorno…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Fra una ventina di anni, quando si saranno fermati (se si fermeranno…), il fenomeno Meganoidi andrà studiato perché ha rappresentato un caso particolare della discografia italiana, oltre a incarnare anime...

Leggi Articolo »

ARIANNA POLI Grovigli

arianna poli
"Grovigli" è il secondo EP di Arianna Poli e ripercorre - in tre episodi - il tour della giovane artista terminato lo scorso dicembre. I pezzi girano tutti attorno a un pop non scontato, che intrattiene e sbanda, che ben impressiona e lascia qualche dubbio. Entrando nel merito: "Finché esisto" è veramente un buon colpo (lo abbiamo inserito nella nostra playlist 2020), "Ryanair" è un brano un po' troppo adolescenziale, mentre "Quando tornerai dall'estero" è una via di mezzo. L'ombra lunga di Giorgieness e de Le luci della centrale elettrica - quest'ultimo soprattutto nella traccia conclusiva - si allunga…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

“Grovigli” è il secondo EP di Arianna Poli e ripercorre – in tre episodi – il tour della giovane artista terminato lo scorso dicembre. I pezzi girano tutti attorno a...

Leggi Articolo »

UBBA BOND Mangiasabbia

ubba bond
Un po' Massimo Volume in "Bob", un po' Vasco Rossi in "Girasoli olandesi", un po' De André in "Sale", un po' spiazzanti per quel nome - Ubba Bond - che in tempo di "Corona Bond" concessi e negati, suona come l'ennesima proposta da supercazzola della politica. E invece ecco che "Mangiasabbia" (pure questo un titolo spiazzante) arriva a confortare e a rigenerare. Perché questa autoproduzione così anarchica e indefinibile dal punto di vista stilistico risulta aria fresca nel panorama indipendente italiano e contribuisce a battere un colpo dove di colpi ad effetto - ahinoi - se ne vedono sempre…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

Un po’ Massimo Volume in “Bob”, un po’ Vasco Rossi in “Girasoli olandesi”, un po’ De André in “Sale”, un po’ spiazzanti per quel nome – Ubba Bond – che...

Leggi Articolo »

GIEI Panic

giei
"Panic" è il disco d'esordio (autoprodotto) del ligure Giei. Come tutti i debutti si porta dietro le classiche sbavature di chi prova a mettere dentro un po' di tutto senza badare troppo alla compattezza, all'omogeneità. Il risultato è un album che saltella fra più generi: dal rock al punk al country, passando per il pop. Non è facile mettere a fuoco lo stile dell'artista, più facile invece notare i punti di forza del compact: intrattiene piuttosto bene e le linee melodiche sono quasi sempre azzeccate. In scaletta 11 pezzi per 40 minuti. La parte musicale - per quanto derivativa…

Score

QUALITA' - 62%

62%

62

“Panic” è il disco d’esordio (autoprodotto) del ligure Giei. Come tutti i debutti si porta dietro le classiche sbavature di chi prova a mettere dentro un po’ di tutto senza...

Leggi Articolo »