IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Autoproduzione (pagina 4)

Autoproduzione

RANDOM CLOCKWORK Wires

random clockwork
"Wires" è l'album d'esordio (autoprodotto) dei Random clockwork, che qui dimostrano di avere le idee chiare sul tipo di suono e proposta che vogliono veicolare, ovvero un'elettronica di impatto e di stampo internazionale, che cavalca l'orecchiabilità senza sbracare. In scaletta 10 pezzi per 38 minuti di musica. . Se proprio vogliamo trovare un difetto, manca un singolone veramente forte, capace di travalicare i confini della scena indipendente, perché tutte le…

Score

QUALITA' - 76%

76%

76

“Wires” è l’album d’esordio (autoprodotto) dei Random clockwork, che qui dimostrano di avere le idee chiare sul tipo di suono e proposta che vogliono veicolare, ovvero un’elettronica di impatto e...

Leggi Articolo »

DEUT A Running Start

deut
"A Running Start" è l’EP di esordio di Deut, progetto solista di Giuseppe Vitale. L’EP è composto da 5 brani caratterizzati da un folk dove la melodia cerca di puntellare i contorni, nel tentativo di creare un ponte tra fascinazioni straniere "già sentite" e la sensibilità tipica degli italiani di lavorare l'orecchiabilità in maniera speciale, unica, particolare. L'alchimia funziona a fasi alterne, . Insomma, in futuro…

Score

QUALITA' - 58%

58%

58

“A Running Start” è l’EP di esordio di Deut, progetto solista di Giuseppe Vitale. L’EP è composto da 5 brani caratterizzati da un folk dove la melodia cerca di puntellare i...

Leggi Articolo »

HIGHSNOB Yin

highsnob yin
L'accoppiata è vincente: Highsnob e le sonorità di Andry the Hitmaker. Rap, suoni attuali e un gusto per la melodia che rappresenta un bel valore aggiunto. "Yin" è un EP di 6 pezzi e dice che Highsnob sta facendo un percorso giusto: . Il risultato sono canzoni che si possono ascoltatore con la testa spenta oppure seguire con attenzione, perché a livello lirico c'è qualità. Highsnob sa essere intimo con "Poison Ivy" e sfacciato in "Attacco di panico". In entrambe le occasioni…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

L’accoppiata è vincente: Highsnob e le sonorità di Andry the Hitmaker. Rap, suoni attuali e un gusto per la melodia che rappresenta un bel valore aggiunto. “Yin” è un EP...

Leggi Articolo »

THE SOFTONE Golden Youth

thesoftone
“Golden Youth” è il quarto disco di The Softone, ovvero Giovanni Vicinanza, autore e produttore in toto di questo album che ha una matrice abbastanza chiara (il folk) ma diverse facce che poi si traducono in stati d'animo che contagiano l'ascoltatore. . I pezzi migliori? "Still Believe" senza dubbio (un potenziale singolo), poi anche "Psycho Visions" e le due intro/outro. In generale quando…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

“Golden Youth” è il quarto disco di The Softone, ovvero Giovanni Vicinanza, autore e produttore in toto di questo album che ha una matrice abbastanza chiara (il folk) ma diverse...

Leggi Articolo »

GRAN TORINO Secondo Tempo

gran torino
Con i bolognesi Gran Torino siamo nel campo del rock elettronico con generose aperture alla melodia. Anzi, per essere più precisi, il duo flirta con il rock e moderatamente con l'elettronica. Il risultato è un album che ha un suono non originalissimo ma gradevole, con delle costruzioni melodiche accattivanti, quello che però... manca a "Secondo Tempo" sono i testi, che non ricamano mai immagini capaci di definire un immaginario preciso. Tradotto per rendere meglio il concetto: . In scaletta 9 episodi per 28 minuti di musica. Le canzoni mescolano rabbia e luce, pop moderno…

Score

QUALITA' - 56%

56%

56

Con i bolognesi Gran Torino siamo nel campo del rock elettronico con generose aperture alla melodia. Anzi, per essere più precisi, il duo flirta con il rock e moderatamente con...

Leggi Articolo »

SIVERAL The future is analog

siveral
Qualcosa degli U2, qualcosa dei Tool, poi rock, pop, elettronica, arrangiamenti efficaci. Insomma, dentro "The future is analog" c'è un mondo gravido di rimandi a un immaginario musicale che sta a cavallo fra più decadi. L'album è stato interamente composto da Antonio Magrini, che ne ha curato anche la produzione artistica con l'ex Deasonika, Max Zanotti, . La band lombarda infila 10 pezzi che Magrini canta con un trasporto emotivo che coinvolge l'ascoltatore fin dalle prime battute e che a…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Qualcosa degli U2, qualcosa dei Tool, poi rock, pop, elettronica, arrangiamenti efficaci. Insomma, dentro “The future is analog” c’è un mondo gravido di rimandi a un immaginario musicale che sta...

Leggi Articolo »

THE SPELL OF DUCKS Soup

spell ducks soup
Senza infamia e senza lode, senza picchi né cadute rovinose. "Soup" è un EP che si lascia ascoltare e che nel contempo ci lascia qualche perplessità sulla proposta dei torinesi The Spell of Ducks, che usano il folk in maniera piuttosto ordinaria, andando a personalizzare poco suono e arrangiamenti. Morale: i sei brani in scaletta non annoiano e flirtano spesso con il pop, . Il brano migliore è "So High".

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

Senza infamia e senza lode, senza picchi né cadute rovinose. “Soup” è un EP che si lascia ascoltare e che nel contempo ci lascia qualche perplessità sulla proposta dei torinesi...

Leggi Articolo »

PAOLA RUSSO Non è colpa mia

paola russo
“Non è colpa mia” è il disco d’esordio della cantautrice e musicista siciliana Paola Russo, prodotto, registrato e mixato presso l’Indigo Studio di Palermo da Donato Di Trapani e Fabio Rizzo e masterizzato da Giovanni Versari. Scaletta rapida: 9 pezzi per 30 minuti di musica. Il lavoro è caratterizzato da idee che girano tutte attorno alle coordinate del pop-elettronico, con ampie concessioni alla tradizione cantautoriale italiana. Il disco è estremamente accessibile già al primo ascolto, forte di ritornelli semplici, aperti, diretti, e arrangiamenti che rimandano alla generosa stagione degli Anni Ottanta. Insomma, nulla di originale, ma la proposta riesce fin…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

“Non è colpa mia” è il disco d’esordio della cantautrice e musicista siciliana Paola Russo, prodotto, registrato e mixato presso l’Indigo Studio di Palermo da Donato Di Trapani e Fabio Rizzo...

Leggi Articolo »

LISTREA Placide Ninfe

listrea placide ninfe
Nati la scorsa estate a Brescia, per i Listrea il percorso è ancora tutto in salita. Non ci vogliamo dilungare troppo nel recensire il loro "Placide Ninfe" perché finiremmo per essere soltanto duri senza essere costruttivi, preferiamo quindi proporre dei consigli per migliorare una proposta che allo stato attuale è molto lacunosa sotto tutti i punti di vista - forse influenzata troppo dagli ascolti giovanili e dalla voglia di strafare. Partiamo dai testi, non sono banali, ma spesso c'è troppa roba, troppa pomposità, come se si volesse legittimare una proprietà di linguaggio che invece dovrebbe cedere il passo alla…

Score

QUALITA' - 40%

40%

40

Nati la scorsa estate a Brescia, per i Listrea il percorso è ancora tutto in salita. Non ci vogliamo dilungare troppo nel recensire il loro “Placide Ninfe” perché finiremmo per...

Leggi Articolo »

ROBERTO TAX FARANO & PAOLO SPACCAMONTI Young Till I Die

farano spaccamonti young till i die
"Young Till I Die" è un progetto discografico di Roberto Tax Farano (dei Negazione) e del chitarrista e compositore Paolo Spaccamonti: un tributo a Marco Mathieu (giornalista, e anni prima bassista dei Negazione), che dal luglio 2017 si trova in stato vegetativo in seguito ad un incidente stradale. Veramente difficile, in questi casi, scindere la cronaca dalla musica, perché nelle due tracce che compongono l'EP c'è tutta la dolcezza riversata dai due artisti addosso allo sfortunato Marco che, lo diciamo a uso e consumo di chi non ha avuto il piacere di incrociarlo, è sempre stato un uomo dal…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

“Young Till I Die” è un progetto discografico di Roberto Tax Farano (dei Negazione) e del chitarrista e compositore Paolo Spaccamonti: un tributo a Marco Mathieu (giornalista, e anni prima...

Leggi Articolo »