IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Electro > PVRIS

PVRIS Use Me

Irresistibili. "Use Me" rende irresistibili i Pvris e li porta a un livello superiore rispetto ai pur buoni dischi precedenti. . La scaletta vede 11 pezzi all'attivo: un paio sono carini ma nulla più, il resto è tanta roba, a partire dalle iniziali "Gimme a Minute" e "Dead Weight": un biglietto da visita fortissimo; "Hallucinations" è un…

Score

QUALITA' - 79%

79%

79

pvris use meIrresistibili. “Use Me” rende irresistibili i Pvris e li porta a un livello superiore rispetto ai pur buoni dischi precedenti.

A sorprendere non è soltanto la rinnovata propensione alla melodia, ma la produzione: curatissima, con un suono attuale, moderno, che in cuffia dice molto del potenziale della band americana, che ha in Lynn Gunn qualcosa in più di una leader dalla voce versatile.

La scaletta vede 11 pezzi all’attivo: un paio sono carini ma nulla più, il resto è tanta roba, a partire dalle iniziali “Gimme a Minute” e “Dead Weight”: un biglietto da visita fortissimo; “Hallucinations” è un singolo perfetto per conquistare classifiche pop commerciali e indipendenti, stesso discorso per “Death of Me”. Le ballate? Non sempre a fuoco. Forse soltanto “Old Wounds” tiene il livello altissimo, il resto è luci e ombre. Il finale è buono con la title track e “Wish You Well”.

In conclusione: un disco maturo, destinato a restare attuale negli anni.

Tag