IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni (pagina 8)

Recensioni

SIMONE CICCONI Cosa potrebbe mai andare storto?

simone cicconi
Recensione stringata: melodicamente molto bene, testi così così, arrangiamenti ok. "Cosa potrebbe mai andare storto?" è . A livello lirico Simone Cicconi è un narratore di sentimenti disturbati, di storie d'amore che hanno spesso riflessi ambigui. Un immaginario obliquo all'interno del quale il nostro ci sguazza con disinvoltura, ma sovente i testi presentano più ombre che luci, pagano una scrittura non eccellente. In generale, ciò che funziona, funziona molto bene…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Recensione stringata: melodicamente molto bene, testi così così, arrangiamenti ok. “Cosa potrebbe mai andare storto?” è un buon disco di pop-rock italiano con generose concessioni all’elettronica e un ampio ventaglio...

Leggi Articolo »

NORTHWAY The Hovering

northway
E' una bellissima notizia che in Italia ci sia ancora qualcuno che fa del post-rock, gente che non si è piegata al rap, alla trap o all'indie. Ecco che dunque i bergamaschi Northway vanno visti un po' come i Panda: una specie a forte rischio di estinzione. Tolta la premessa (doverosa) veniamo alla recensione. "The Hovering" è un disco suonato ottimamente, con una buonissima tecnica, al quale però manca qualcosa, un azzardo, un cambio di registro. Nel senso che i Nostri riproducono alla grande le fascinazioni internazionali del genere sia nei giri di chitarra che di basso, ma tendono…

Score

QUALITA' - 62%

62%

62

E’ una bellissima notizia che in Italia ci sia ancora qualcuno che fa del post-rock, gente che non si è piegata al rap, alla trap o all’indie. Ecco che dunque...

Leggi Articolo »

ANNALISA Nuda

annalisa nuda
"Nuda" è un disco di eccellente pop italiano. E sarebbe ingiusto, ormai, definire Annalisa soltanto come una bella voce oppure un prodotto dei Talent: per carità, entrambe le cose sono parte del suo bagaglio artistico, ma sinceramente la sua arte è molto altro e il suo percorso è quello giusto, anche se in un business come quello musicale dove gli eccessi valgono più delle belle canzoni, il suo apparire come una "ragazza di provincia" senza flirt e fidanzati da copertina rappresenta più un limite (sulla strada della popolarità) piuttosto che una virtù da coltivare. Un limite che vale come…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

“Nuda” è un disco di eccellente pop italiano. E sarebbe ingiusto, ormai, definire Annalisa soltanto come una bella voce oppure un prodotto dei Talent: per carità, entrambe le cose sono...

Leggi Articolo »

ROBBÈ Vecchie cicatrici

robbe
Ha una bella penna, Robbè. Nel senso che ha proprietà di linguaggio, ma il suo "Vecchie cicatrici" paga a caro prezzo - nel giudizio - la presenza di arrangiamenti tali da renderlo un lavoro molto, molto derivativo, finanche... vecchio, una riproposizione senza guizzi delle lezioni (musicali) dei Maestri, con Guccini in testa. Ecco che quindi l'ascolto delle 12 canzoni in scaletta si fa subito pesante, e impossibile da replicare a stretto giro. Noi - per la cronaca - l'abbiamo ascoltato quattro volte, e alla fine abbiamo sempre avuto l'impressione di un disco troppo ancorato al passato, quasi un omaggio…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

Ha una bella penna, Robbè. Nel senso che ha proprietà di linguaggio, ma il suo “Vecchie cicatrici” paga a caro prezzo – nel giudizio – la presenza di arrangiamenti tali...

Leggi Articolo »

SETTORE OUT Fantasmi

settore out
Doveva uscire sul finire degli Anni Novanta come seguito di quell'enorme "Il rumore delle idee", ma "fANTASMI" è arrivato a vedere la luce soltanto nel 2020 dopo aver trascorso parecchio tempo nel cassetto. Il nuovo disco dei Settore Out condensa (in 43 minuti) undici canzoni che riportano alla luce l’esperienza di uno dei più importanti gruppi italiani degli Anni Novanta. In una curatissima confezione cartonata con un libretto di 16 pagine a colori, l'album è un’esplosione di trame chitarristiche, cose che oggi sono completamente evaporate nel panorama rock italiano sotto il peso di un'elettronica che spesso è usata per…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

Doveva uscire sul finire degli Anni Novanta come seguito di quell’enorme “Il rumore delle idee”, ma “fANTASMI” è arrivato a vedere la luce soltanto nel 2020 dopo aver trascorso parecchio...

Leggi Articolo »

FRANCESCO ZIELLO Nine Hundred Fifty Seven

francesco ziello
Ostico e coraggioso. "Nine Hundred Fifty Seven" è l'album d'esordio del musicista polistrumentista e compositore elettroacustico romano Francesco Ziello, ed è un disco di non facile ascolto, perché le mani tese verso l'utente sono poche e sovente la sensazione è quella di essere lo "spettatore" ad un saggio. Anzi, l'invitato sgradito, quello che deve farsene una ragione oppure accomodarsi fuori. In scaletta 14 stazioni per 43 minuti di musica sperimentale, contemporanea, strumentale ed elettronica che si concentra sullo sviluppo di un mondo immaginario interiore. Un'idea coraggiosa, che però è qui processata con troppi alti e bassi, finanche con un…

Score

QUALITA' - 57%

57%

57

Ostico e coraggioso. “Nine Hundred Fifty Seven” è l’album d’esordio del musicista polistrumentista e compositore elettroacustico romano Francesco Ziello, ed è un disco di non facile ascolto, perché le mani...

Leggi Articolo »

SABINA SCIUBBA Force Majeure

sabina sciubba
E' veramente difficile incastrare in una definizione o in una categoria la musica di Sabina Sciubba. . "Force Majeure" è il nuovo album, progetto musicale e teatrale della cantante, attrice e compositrice italo-tedesca: 12 pezzi sofisticati, nei quali l’elettronica si fonde con la musica barocca e il romantic-punk abbraccia il jazz. Tra le dita di questa artista una Spinetta (un piccolo clavicembalo del 700 in legno) accompagna un drum-pad elettronico, un pianoforte a coda si mescola a una tromba, il violoncello sfida una batteria.…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

E’ veramente difficile incastrare in una definizione o in una categoria la musica di Sabina Sciubba. Perché va oltre le solite coordinate e abbraccia anche la sperimentazione, la world music,...

Leggi Articolo »

HURTS Faith

hurts faith
Il panorama del pop-rock elettronico contemporaneo è pieno zeppo di furbacchioni e possiamo tranquillamente dire che gli Hurts sono svegli, si presentano all'esame preparatissimi e - per restare in tema - sono dei furbacchioni certificati. Non è una critica, ma più un modo per riconoscere al duo una indiscutibile capacità di mescolare idee e melodie che in un modo o nell'altro si sono già affermate, e nel farlo si guardano bene dal coprire le tracce. Ecco che quindi un pezzo fortissimo come l'iniziale "Voices" rimanda a "Days Are Forgotten" dei Kasabian; "Somebody" alla super hit "Believer" degli Imagine Dragons.…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Il panorama del pop-rock elettronico contemporaneo è pieno zeppo di furbacchioni e possiamo tranquillamente dire che gli Hurts sono svegli, si presentano all’esame preparatissimi e – per restare in tema...

Leggi Articolo »

MALARIMA In equilibrio

malarima
Malarima è un progetto che è nato nel 2016 grazie alla riunione di Alberto Agnelli, Max Rossi e Riccardo Scianca, tre quarti dei Vidia, rock band fiorentina sulla scena nella prima metà degli Anni 90 in cui militava alla voce e chitarra Enrico Greppi (Erriquez/Bandabardò). "In equilibrio" è un disco dove le parole mettono spesso in castigo la parte musicale: . Risultato: quasi tutti i pezzi si somigliano e…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

Malarima è un progetto che è nato nel 2016 grazie alla riunione di Alberto Agnelli, Max Rossi e Riccardo Scianca, tre quarti dei Vidia, rock band fiorentina sulla scena nella...

Leggi Articolo »

ASAF AVIDAN Anagnorisis

asaf avidan
Quanti riescono a maneggiare il pop, oggi, con queste capacità vocali, questa varietà negli arrangiamenti, questo folle equilibrio attorno a generi diversi? Asaf Avidan continua a confermarsi un artista unico nel vasto panorama della musica contemporanea, e non solo per la voce androgina ma per tutto ciò che riesce a comunicare all'ascoltatore con la sua arte. "Anagnorisis" è un disco che ha dentro un sacco di cose: , un po' di Amy Winehouse in "900 Days", un po' di David Bowie in "Earth Odyssey". E tutto attorno arrangiamenti mai banali e un'intensità emotiva che…

Score

QUALITA' - 81%

81%

81

Quanti riescono a maneggiare il pop, oggi, con queste capacità vocali, questa varietà negli arrangiamenti, questo folle equilibrio attorno a generi diversi? Asaf Avidan continua a confermarsi un artista unico...

Leggi Articolo »