IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Canzone d'autore > LANA DEL REY

LANA DEL REY Blue Banisters

In controtendenza con tutte le leggi del marketing, Lana Del Rey continua a sfornare dischi con una cadenza che è quasi stagionale più che annuale. Una scelta curiosa che da un lato spiazza, ma che rimarca probabilmente anche l'urgenza artistica della bella Lana, che continua a mantenere altissima l'asticella, soprattutto a livello lirico: il suo cantautorato si sta facendo sempre più confidenziale e l'allontana dagli stereotipi della sua epoca. "Blue Banisters" è un disco arrangiato senza particolari guizzi, ma in maniera raffinata. Le musiche devono vestire le parole e quindi possono farsi essenziali nella maggior parte dei casi -…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

lana del rey blue banisters

In controtendenza con tutte le leggi del marketing, Lana Del Rey continua a sfornare dischi con una cadenza che è quasi stagionale più che annuale. Una scelta curiosa che da un lato spiazza, ma che rimarca probabilmente anche l’urgenza artistica della bella Lana, che continua a mantenere altissima l’asticella, soprattutto a livello lirico: il suo cantautorato si sta facendo sempre più confidenziale e l’allontana dagli stereotipi della sua epoca.

Blue Banisters” è un disco arrangiato senza particolari guizzi, ma in maniera raffinata. Le musiche devono vestire le parole e quindi possono farsi essenziali nella maggior parte dei casi – in quest’ottica la title track dà la perfetta cifra stilistica del disco, ma anche “Black Bathing Suit”, con una ultima parte acidissima, ha molto da dire. E stesso discorso vale per “If You Lie Down With Me”. Il brano migliore? Noi puntiamo su “Dealer”, che vede la partecipazione vocale di Miles Kane e che spariglia le carte rispetto all’intero mood del compact.

Se dovessimo relazionare questo lavoro rispetto ai precedenti, probabilmente non lo inseriremo in una ipotetica top3, ma solo perché lo troviamo meno sfrontato rispetto alle cose del passato, ma è un giudizio del tutto soggettivo. Perché dunque finisce nella nostra “top list 2021”? Perché il livello qualitativo è comunque discreto, e perché nella discografia di Lana Del Rey questo “Blue Banisters” non rovina nulla. E poi quanti artisti conoscete che dopo svariati cd stanno sempre così in alto?

Tag